25 May, 2024
HomeLavoroLavori pubbliciLa Giunta regionale ha riprogrammato le risorse per la messa in sicurezza della diga di Medau Zirimilis, nel comune di Siliqua

La Giunta regionale ha riprogrammato le risorse per la messa in sicurezza della diga di Medau Zirimilis, nel comune di Siliqua

La Giunta regionale su proposta dell’assessore dei Lavori pubblici, Aldo Salaris, ha approvato la rimodulazione del programma degli interventi del settore idrico per garantire la messa in sicurezza della diga di Medau Zirimilis, nel comune di Siliqua. La nuova programmazione consente di liberare risorse per 16.090.500, di cui 5.669.000 nell’annualità 2022 e 10.421.500 nel 2023.

«Siamo intervenuti per garantire la copertura finanziaria alla realizzazione di un importantissimo intervento strategico del settore idrico, ovvero la messa in sicurezza della diga di Medau Zirimilis – spiega l’assessore Aldo Salaris -. Tecnicamente, lo faremo a invaso vuoto mediante la realizzazione di un intervento di ripristino del paramento di monte della diga principale e della diga secondaria, l’integrazione dello schermo di tenuta e, infine, il riefficientamento dello scarico di fondo, interventi che consentiranno di sfruttare la diga alla sua massima capacità.»

L’intervento, suddiviso in due lotti funzionali, si trova in uno stato di progettazione avanzata, per cui si prevede di giungere alla pubblicazione della gara d’appalto entro l’anno. L’intero piano di lavori, sollecitato dall’Ufficio Tecnico per le Dighe di Cagliari del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, che svolge l’attività di controllo e vigilanza degli sbarramenti di competenza nazionale come quello della diga in questione, è cofinanziato con i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per 8.000.000 e con Fondi di Sviluppo e Coesione 2014-2020 per 1.200.000, risorse oggi insufficienti a realizzare l’intervento nel suo complesso. Con 25 milioni di euro circa, si porta quindi a compimento l’intero intervento.

Per l’esecuzione dei lavori sulla diga di Medau Zirimilis si renderà necessario ricorrere ad alimentazioni idriche alternative per soddisfare le utenze servite.

«L’obiettivo è ripristinare in tempi rapidi la capacità di accumulo dell’invasoha concluso l’assessore Aldo Salaris -. In questo scenario potrà svolgere un ruolo di supporto fondamentale l’impianto di sollevamento Uta-Nord, che necessitando di nuove opere idrauliche ed elettromeccaniche per renderlo completamente funzionante, sarà destinatario di un finanziamento di 2 milioni di euro” (risorse stanziate in favore del Consorzio di Bonifica della Sardegna Meridionale).»

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Gli assessori region
Sono 469 i nuovi pos

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT