7 December, 2022
HomeSocialeSolidarietàLa solidarietà è intrepida. Lettera aperta alla dottoressa Giuliana Campus, Direttrice Generale della ASL Sulcis – di Giorgio Madeddu

La solidarietà è intrepida. Lettera aperta alla dottoressa Giuliana Campus, Direttrice Generale della ASL Sulcis – di Giorgio Madeddu

Lettera aperta alla dottoressa Giuliana Campus, Direttrice Generale della ASL Sulcis.

Gentilissima Dottoressa Campus,
Il 2022 sanitario sulcitano si inaugura con la sua nomina alla direzione del nostro territorio, è preceduta dal suo percorso professionale, indubbiamente ammirevole. Lei arriva in un territorio martoriato da 15 anni di malgoverno sanitario (bipartisan), giunge al “Balla coi Lupi” sanitario ma, a differenza di Kevin Kostner che fu precettato, Lei sceglie di accettare l’incarico e raccogliere la sfida. Il Sulcis registrava al suo arrivo (oggi aumentata) angosciosa mobilità passiva verso altre aziende sanitarie, privato, e convenzionato; record olimpionico di specialisti in fuga verso altri lidi e pensionamenti anticipati di medici e infermieri mai registrati prima, in sintesi Fuga dal Sulcis (come Alcatraz). Medicina territoriale inesistente (l’ultimo ECG effettuato a domicilio per un mio Paziente risale a oltre 10 anni addietro perché manca una cardiolina del costo di 800/1.000 euro ma possiamo vantare le sale operatorie milionarie del CTO quasi inutilizzate); un territorio che invecchia con tanti invalidi e allettati ma la geriatra a disposizione è di sole 6 ore alla settimana per il Distretto di Iglesias con 45.000 Pazienti. Accertamenti diagnostici in loco: fantascienza. Parola d’ordine? Arrangiarsi. Devo riconoscerle coraggio, ma aveva le giuste coordinate dei bisogni del territorio e dei reali poteri che la regione Le concedeva? Se così non fosse: scelta incosciente.
Al sesto mese del suo mandato (1 luglio) rilascia un’intervista alla stampa regionale: «…posso garantire che a breve partirà un piano atto al rilancio del sistema sanitario territoriale.»  Ottime intenzioni e ancora: «…credo nel rilancio della Asl Sulcis, di quanta voglia abbia di migliorare le condizioni di una popolazione che, per motivi legati alla disoccupazione rimane penalizzata rispetto ad altre.»

La disoccupazione c’entra poco con la chiusura dei servizi semmai è in parte una conseguenza della carestia sanitaria, apprezzabile comunque la sua combattività ideale e la dichiarazione di solidarietà. Così conclude: «In questi 6 mesi ho conosciuto il territorio e me ne sono innamorata. Difenderò il diritto alla salute dei suoi abitanti».

Dottoressa, la stessa grinta con cui i suoi predecessori si sono presentati dal 2006 ad oggi, francamente spero di sbagliare ma le sue scelte recenti, probabilmente non per sua responsabilità diretta, feriscono con il bisturi il diritto alla salute della mia Comunità. Le propongo tre riflessioni su tre aspetti della medicina territoriale che a mio parere aspettavano risposte alternative a quelle da Lei operate.
1) Laboratorio Analisi della ASL: da tempo la comunità sperimentava difficoltà per accedere come un tempo al laboratorio ASL per esterni, quando Lei ha raggiunto “Balla coi Lupi” il laboratorio aveva già qualche problema, si licenziavano le richieste urgenti più 50 programmate. Il 25 luglio lei rimodula l’attività del laboratorio analisi per esterni alla sola urgenza e per i due ospedali (SIRAI e CTO) alle sole ore diurne, dopo le venti dai reparti ospedalieri e dai due Pronto Soccorso per gli accertamenti di laboratorio si parte per Cagliari, incredibile! Suppongo abbia valutato le conseguenze della scelta che sicuramente a malincuore ha dovuto effettuare ma soprattutto chi è stato penalizzato?
Conseguenze: aumento vertiginoso delle richieste “urgenti” orfane di diagnosi sostenibili, riduzione dei controlli periodici dei Pazienti cronici, mobilità passiva verso altre ASL, disagi e spese ingiuste sopportate da pazienti disabili e/o beneficiari di esenzioni dalle spese sanitarie. Siamo sicuri che non si potevano trovare alternative? Mi rendo conto, si è trovata tra incudine e martello ma si poteva agire in altro modo senza penalizzare i cittadini del Sulcis che garantiscono il mio e suo stipendio? Quelli che entrambi riteniamo speciali, i più fragili che da questa scelta sono stati indubbiamente i più esclusi.
Riflettiamo insieme:
A) la carenza dei tecnici di laboratorio è responsabilità della inadeguata programmazione di chi ha amministrato la sanità locale e regionale quindi anche di chi le ha conferito l’incarico, a loro va presentato il conto, non alla Comunità che subisce continuamente le conseguenze di tanto disinteresse e dilettantismo.
B) Nelle more delle assunzioni dei tecnici di laboratorio Lei poteva rivendicare con la regione l’adeguamento del budget dei laboratori convenzionati affinché i miei e suoi Pazienti non subissero spese ingiustificate. In alternativa poi poteva chiede alla regione colpevole del disagio i rimborsi delle spese sostenute dalle famiglie, proposta quest’ultima avanzata qualche mese addietro anche ai sindaci regionali e locali (Iglesias promise interesse non ancora pervenuto) ma l’audiometria ha confermato: ipoacusia grave.
C) Assunzione dei tecnici di laboratorio indispensabili reclutabili immediatamente dalla graduatoria pubblica del Policlinico di Monserrato, se l’ARES è matrigna si ribelli!
D) Ho incontrato il mese scorso dopo di Lei i tecnici di laboratorio recentemente pensionati, hanno dato la loro disponibilità, aspettavano una proposta: non pervenuta! coinvolgerli conoscendo la loro professionalità ed esperienza sarebbe stato supporto importantissimo.
Dottoressa Campus, in questa storia Lei ha fatto la fotografa di una criticità che pagano i più Fragili!
2) Medicina Generale: tutta la Sardegna, come noi del resto, registra la carenza di Medici di Famiglia attori importanti della sanità territoriale, condizione che ha prodotto disorientamento e sfiducia nel servizio sanitario da parte di migliaia di cittadini (Calasetta e Carbonia in particolare ma non solo). Anche in questa storia le responsabilità dell’indolenza regionale e territoriale la sconta la Comunità.
Secondo l’Accordo Collettivo Nazionale della Medicina Generale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 114 del 17 maggio 2022 si legge: art. 32 il rapporto ottimale dei M.G. è di 1 a mille abitanti residenti (rapporto ottimale confermato da oltre trent’anni). Art. 38 il medico di famiglia può acquisire un massimo di scelte pari a 1.500 unità. Eventuali deroghe possono essere autorizzate in relazione a particolari situazioni locali. La nostra ASL secondo i dati ISTAT del 2020 registra 120.000 Abitanti, se escludiamo i ragazzi in età pediatrica il rispetto del Rapporto Ottimale prevedeva 110 Accoglienze di Medici di Famiglia, al suo arrivo ne mancavano 30, chiaramente non per sua responsabilità. Dal Suo arrivo sono andati in pensione o hanno lasciato l’incarico una decina di Medici pertanto tutti i Colleghi di Medicina generale si sono trovati con il massimale superato. Le conseguenze? Sgomento per tanti Pazienti, senza i consueti riferimenti, transumanze per rinnovare ricettazioni e ottenere consulenze, accessi impropri ai due Pronto Soccorso.
Soluzione individuata?
Aumentare il massimale a 1.800 pazienti, è stata una scelta che personalmente rifiuto e mi preoccupa, mortifica la qualità dell’assistenza sanitaria territoriale, riduce i tempi di ascolto, visita e trattamento al singolo Paziente, un sovraccarico al Collega che forse per generosità tenta di tamponare responsabilità di quanti l’hanno preceduta e di una regione indolente, pantofolaia, distante.

Dottoressa Campus, innanzitutto, se si fosse accorta del “peccato originale”: rapporto ottimale disatteso e dell’art. 37 dell’ACN “Incarichi Provvisori”: «Qualora si determini una carenza di assistenza dovuta a mancanza di medici… L’Azienda può conferire un incarico provvisorio che…cessa con l’inserimento del medico titolare.» Probabilmente avrebbe operato diversamente, Le ricordo che esiste una graduatoria regionale per la medicina generale rinnovata annualmente con scadenza al 31 dicembre, potrebbe attingervi ancora. Il Distretto di Iglesias resiste ancora: 30 Medici di Famiglia (il rapporto ottimale ne prevede 42) viaggiano.

3) Covid-19: sarò franco, ho avvertito la sua assenza! Il primo quadrimestre del 2022 ha mostrato un lieve miglioramento tra i contagi ma da maggio ad oggi la tendenza si è invertita. Per tutto il 2022 ho, soffrendo, redatto certificazioni di quarantena, tanti di questi avevano purtroppo come protagonisti Operatori Sanitari, conseguentemente reparti ospedalieri e ambulatori sperimentavano criticità e riducevano la già precaria offerta alla comunità. Il 13 luglio registravo 68 Pazienti positivi ufficiali e gli stessi giorni a Iglesias e altri centri del Sulcis si organizzavano eventi che prevedevano pericolosi affollamenti sprezzanti del probabile contagio e successiva proiezione verso i Pazienti più fragili del territorio e gli ospedali. Probabilmente le sfuggiva che con l’avanzare della primavera e l’accantonamento di mascherine lievitavano le quarantene tra i dipendenti ASL
fino al 25 giugno quando 4 specialisti di Medicina Urgenza del Sirai incrociano il Covid-19, come conseguenza: chiusura del P.S. d’Iglesias. Le criticità comuni a tutte le realtà italiane tanto che Paolo Ficco, portavoce del Sindacato Medici Urgenza Emergenza, chiede al governo: «Ripristinare l’obbligo delle mascherine Ffp2 nei luoghi di assembramento».

In quelle stesse settimane, senza alcun intervento della ASL, si saltava, ballava e cantava rigorosamente assembrati senza alcuna protezione né distanziamento mentre continuava l’apprezzato impegno del centro Vaccinale. Non si ricordano suoi interventi ne preoccupazioni fino al 25 luglio quando causa Covid-19 si ufficializza la decapitazione del Laboratorio. Riconoscerà che si potesse offrire al territorio qualche suggerimento alla prudenza (la prevenzione onora la medicina) evitando che si moltiplicassero gli accessi ai servizi sanitari di Covid-19. Anche agosto non è trascorso senza contraccolpi virali, ha suscitato scalpore la contemporanea assenza di 6 anestesisti, ebbene Dottoressa Campus 3 in quarantena Covid-19. La nota del 30 settembre a firma del Direttore Sanitario riconosce oggi (in differita) un incremento dei contagi da Covid-19 e proroga l’obbligo di indossare i “dispositivi di protezione” in tutte le strutture sanitarie. Lei con il suo Staff avevate una responsabilità: ai primi incrementi epidemiologici potevate allertare il territorio e motivarlo alla prevenzione, rimandando qualsiasi iniziativa che prevedesse assembramenti, magari si poteva evitare qualche quarantena di medici, infermieri e ricoveri ospedalieri, magari avremmo fatto il nostro mestiere.
Quando riceviamo un incarico importante, se non esordiamo con richiesta di autonomia gestionale, applicata secondo scienza e coscienza, rischiamo di eseguire le indicazioni del manovratore, gli incarichi in sanità non possono che esercitarsi nell’interesse dei Cittadini, Malati e Disabili e, quando necessario, rispettosi della legge, vibrare qualche pugno sulla scrivania. La Solidarietà non si proclama, si Testimonia quotidianamente e quando serve è Intrepida.

Cordialmente,

Iglesias, 3 ottobre 2022

Giorgio Madeddu

Medico di Famiglia Iglesias

Gian Luca Lai (M5S):
Enel assume Diplomat

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT