18 June, 2024
HomePosts Tagged "Caterina Loi"

[bing_translator]

Duro attacco dei consiglieri regionali Daniela Forma (PD) ed Emilio Usula (Rossomori) sulla nomina del Commissario del Consorzio Universitario per la Promozione degli studi nella Sardegna Centrale, avvenuta questa mattina, con la quale è stata sostituita la dimissionaria Caterina Loi.

«Il sindaco del comune di Nuoro che a parole sbandiera la volontà di cambiare passo rispetto ai modi di fare della vecchia politica mantiene “riservata” la notizia che sono state accolte le dimissioni del precedente Commissario e con la più “sfrontata determinazione” porta sul tavolo dell’Assemblea del Consorzio un solo nominativo, a lui gradito e dal sapore più clientelare che di indiscusso spessore e autorevolezza – attaccano Daniela Forma ed Emilio Usula -. Naturalmente il neo sindaco – proseguono Usula e Forma – non contempla nel suo moderno, meritocratico e inclusivo ragionamento politico la necessità di allargare il confronto politico ed istituzionale essendo il Consorzio Universitario al centro delle aspettative di sviluppo culturali ed economiche della Sardegna Centrale ma tira dritto come se si trattasse di questioni di “casa sua” o meglio di “cosa sua”. E tutto questo con l’avvallo della Presidenza della Regione la quale consente che l’operazione vada in porto senza la minima concertazione con i rappresentanti regionali del territorio.»

«Rappresentanti del territorio – ricordano Daniela Forma ed Emilio Usula – che in sede di Finanziaria Regionale hanno fortemente voluto, unanimemente, un incremento dell’impegno finanziario della Regione per l’Università della Sardegna Centrale poiché fortemente consapevoli del ruolo e della valenza della suddetta istituzione. Ruolo e valenza che, dispiace dirlo, vengono oggi sviliti da una nomina clientelare di residuale profilo. Se questo è il cambio di passo annunciato dal neo Sindaco di Nuoro, riteniamo – concludono Daniela Forma ed Emilio Usula – che stiamo proprio partendo con il piede sbagliato, a Nuoro come a Cagliari.»

Palazzo del Consiglio regionale 3 copia