19 August, 2022
HomePosts Tagged "Maria Antonietta Vicaro"

Attendati Alcoa 2

Il segretario generale dell’Ugl Metalmeccanici Maria Antonietta Vicaro, e il segretario provinciale dell’Ugl Metalmeccanici Carbonia Iglesias Stefano Laihanno chiesto «un incontro urgente al ministero dello Sviluppo economico per fare il punto sulla vertenza Alcoa, anche perché i tempi sono stretti, e il 31 dicembre, data in cui l’azienda abbandonerà definitivamente l’impianto di Portovesme, è dietro l’angolo.»

Maria Antonietta Vicaro e Stefano Lai hanno aggiunto che «nonostante gli impegni presi nel corso dell’ultimo tavolo, che si è tenuto il 23 luglio scorso, ad oggi ancora non c’è nessuna data per avere aggiornamenti e discutere del futuro dei lavoratori, che sono esasperati dall’assenza di certezze e dal rincorrersi di indiscrezioni che non hanno conferme ufficiali».

«Ci chiediamo quale sia il lavoro che sta effettuando la task force creata ad hoc dal Mise per monitorare gli sviluppi di una trattativa complessa ed estremamente delicata. E’ inoltre fondamentale ricevere aggiornamenti su qual è lo stato delle negoziazioni con Glencore e su quali sono le cause del ritardo nella sottoscrizione definitiva del Memorandum of Understanding. Già nelle scorse settimane abbiamo inviato una richiesta di incontro al Mise e alla regione Sardegna, ma ad oggi non abbiamo ottenuto risposte. Non si può lasciar passare altro tempo prezioso – hanno concluso Maria Antonietta Vicaro e Stefano Lai -, perché per i lavoratori è insostenibile continuare a stare in un clima di attesa, in balia di indiscrezioni e incertezze, fronteggiando il timore della perdita del posto di lavoro.»

Attendati Alcoa 2

Dopo mesi di trattativa per il #Memorandum Understanding e le richieste puntuali fatte per conoscere a che punto si trovano le discussioni in corso con #Gleencore e #Klesch, nel corso dell’incontro svoltosi stamane al #MiSE, sollecitato più volte da tutte le organizzazioni sindacali, preoccupate per il futuro dei circa 450 lavoratori #Alcoa, che dal 1 gennaio 2015 saranno collocati in mobilità, è emerso che, nonostante siano stati fatti importanti passaggi sul costo dell’energia con Enel e sugli impegni regionali per il bando concernente il dragaggio del porto, ad oggi, nessun impegno formale è stato assunto dalla società interessata, che è in attesa di formalizzare un piano industriale che preveda la ripartenza del sito e, soprattutto, il lavoro.

«Sembrerebbe migliore, in questo momento, a detta del MiSE – dice Maria Antonietta Vicaro, Segreteria Nazionale Metalmeccanici UGL – la posizione di #Klesch, che ha già evidenziato formalmente ad oggi, i suoi interessi di acquisizione e che, dopo aver presentato un piano di sostenibilità finanziario adeguato, sta valutando i costi di riavvio e la situazione degli impianti.»

«Chiaramente – aggiunge Maria Antonietta Vicaro – le stesse condizioni su costo energia, interrompibilità da gestire con asta a sei anni e interconnector ordinario previsto con la Francia, verranno offerte ai due competitor nella trattativa in corso, che si prefigura ancora lunga per tutte le variabili che le aziende vogliono avere chiare, prima di assumere un impegno commerciali. Sono stati evidenziati i problemi dell’indotto e della mobilità che a questo punto, dal 2015 appare scontata.»

Entro la fine di ottobre, è prevista una convocazione del tavolo per registrare eventuali ulteriori passi avanti.