5 July, 2022
HomePosts Tagged "Maria Fannì Pittau"

Ospedale Santa BarbaraCTO Iglesias copia

Alcune migliaia di persone sono scese in piazza questa mattina a Iglesias, per difendere gli ospedali cittadini e, nello specifico, per contrastare l’accorpamento dei reparti di ostetricia e chirurgia al Sirai di Carbonia, inserito nel piano di riorganizzazione deciso dall’Azienda sanitaria locale n° 7. La mobilitazione popolare è stata massiccia fin dalla partenza, poco prima delle 10.00, davanti al Centro Traumatologico. Il corteo, con tanti giovani, grazie anche a condizioni meteo finalmente favorevoli, si è sviluppato ordinatamente per le strade del centro con bandiere e striscioni.

Alla manifestazione, con i rappresentanti di numerose associazioni ed esponenti locali di diverse forze politiche, hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Iglesias, Emilio Gariazzo, il parlamentare di Unidos Mauro Pili, il consigliere regionale dell’UDC Gianluigi Rubiu, il leader locale dei Riformatori sardi Roberto Frongia.

Il segnale inviato alla nuova dirigenza della Asl 7 è stato indubbiamente forte, ora sarà interessante verificare come lo accoglierà il commissario straordinario Antonio Onnis, con i suoi più stretti collaboratori, il direttore amministrativo Maria Fannì Pittau e il direttore sanitario Silvio Maggetti.

Daniele Reginali 6 copia

Nel dibattito sulla sanità sviluppatori dopo la nomina della niova terna di amministratori (il direttore generale Antonio Onnis, il direttore amministrativo Maria Fannì Pittau e il direttore sanitario Silvio Maggetti), interviene oggi la segreteria del Partito Democratico di Carbonia Iglesias, con una breve nota che riportiamo integralmente.

La discussione di queste settimane sulla questione sanitaria del Sulcis Iglesiente merita un’attenta e accurata riflessione libera da dietrologie e preconcetti. Lo scenario che ci riguarda è ben distante da quello che ha caratterizzato il Sulcis Iglesiente degli ultimi cinquant’anni. E’ mutato il panorama lavorativo, le esigenze degli abitanti e anche il mondo sanitario. Questo non significa che tutto vada demolito o distrutto, semplicemente devono essere rivisti alcuni aspetti in un’ottica più generale e territoriale e non individuale. Proprio partendo da questo aspetto che diventa principio, si deve provare a rivedere l’intero sistema sanitario fatto di servizi alle persone e non altro. Perché, è bene ribadirlo, quando si parla di sanità si parla di persone, sofferenze, disagi, angosce e costi. Quindi, da qui si deve ripartire, valorizzando e facendo funzionare al meglio i servizi considerando che il bacino d’utenza non è quello condominiale ma quello di un territorio che ha 130mila abitanti e che unisce Teulada a Siliqua.

Attualmente sono in corso una serie di opere finalizzate a trasformare le attuali strutture ospedaliere di Iglesias in futuri centri d’eccellenza, non a caso sono state ultimate 4 sale operatorie, una endoscopica e una ginecologica. Allo stesso tempo si susseguono le voci e le prese di posizione su chiusure di reparti, trasferimenti e ipotetiche serrate generali. Siamo convinti che la riorganizzazione del sistema sanitario dell’intero Sulcis Iglesiente sia necessaria, e siamo altrettanto convinti che qualsiasi decisione che riguardi trasferimento, soppressione o rimodulazione dei servizi, debba avvenire dopo una discussione e concertazione con le comunità locali.

Le decisioni che saranno assunte dovranno partire da un principio: si devono garantire servizi ai pazienti e non aggravare le loro difficoltà. Quindi sarà necessario e inevitabile avviare una fase di discussione propedeutica proprio all’elaborazione di un programma di riorganizzazione. Siamo convinti sia necessario ridurre gli sprechi e destinare quelle risorse al servizio che deve essere il migliore possibile. In questo contesto non potrà certo esserci spazio per polemiche di campanile che davanti alla necessità di garantire adeguati servizi sanitari a chi ha problemi di salute si trasformano in inutili e irrispettose perdite di tempo. Il Partito Democratico della Provincia di Carbonia Iglesias ha convocato per venerdì la direzione per discutere proprio della questione sanità.

La Segreteria 

PD Carbonia Iglesias

Antonio Onnis 6 copia

Il direttore generale Antonio Onnis, ha nominato con delibere nn. 160/C e 161/C del 2 febbraio 2015, i nuovi direttori amministrativo e sanitario della Asl 7 di Carbonia: sono rispettivamente Maria Fannì Pittau e Silvio Maggetti.

Maria Fannì Pittau, 52 anni, nata a San Gavino Monreale e residente a Sardara, è laureata in giurisprudenza con diploma di specializzazione biennale in professioni legali. Dal 1 settembre 2008 è dirigente amministrativo della Asl n° 6 di Sanluri e dal 20 maggio 2006 al 31 agosto 2008 è stata direttore amministrativo della Usl n° 5 di Oristano. Ha alle spalle anche esperienze professionali alla Asl n° 7 di Carbonia, dove è stata collaboratore amministrativo coordinatore VIII qualifica funzionale dal 2 marzo 1998 al 31 ottobre 1998 e dirigente amministrativo dal 1 novembre 1998 al 31 dicembre 2000.

Silvio Maggetti, 62 anni, nato a Genova e residente a Cagliari, è laureato in medicina e chirurgia. Dal 1° dicembre 2009 è dirigente medico responsabile dell’Unità Operativa NP/A della Asl n° 7 di Carbonia. Dal 1° ottobre 2005 al 20 agosto 2008 è stato direttore sanitario della Asl n° 5 di Oristano e dal 21 agosto 2008 al 30 novembre 2009 direttore sanitario della Asl n° 4 di Lanusei. Tra gli altri incarichi, dal gennaio 2002 al dicembre 2005 ha ricoperto quello di giudice onorario presso il Tribunale per i minorenni di Cagliari, nominato dal Consiglio Superiore della Magistratura il 14 novembre 2001.

Maria Fannì Pittau e Silvio Maggetti hanno preso possesso dei nuovi incarichi nella giornata di mercoledì 4 febbraio 2015.