19 May, 2024
HomePosts Tagged "Mario Tiddia"

[bing_translator]

L’Iglesias ha vinto il 1° Memorial Marco Congiu, disputato ieri allo stadio Comunale “Carlo Zoboli”, con Carbonia e Quartu. Una quarantina di ex calciatori delle tre squadre nelle quali ha giocato l’indimenticabile centrocampista si sono dati appuntamento per ricordarlo, in tre mini partite che hanno riportato il Comunale indietro di almeno 35 anni, ai tempi in cui Marco Congiu era protagonista con il Carbonia e fu tra i principali artefici della promozione in serie C2.

In questi casi, si sa, la cosa meno importante è il risultato ma per dovere di cronaca segnaliamo che l’Iglesias ha superato il Carbonia ai calci di rigore nella prima partita, sulla distanza di due tempi di 15′ ciascuno, terminati sullo 0 a 0. Il Carbonia ha poi superato il Quartu per 2 a 0, con goal di Maurizio Sabiu e Alessandro Leone, mentre la terza partita, tra Quartu (rinforzata con alcuni giocatori del Carbonia per l’organico limitato a disposizione)  è terminata in parità, 2 a 2, con doppietta di Maurizio Sabiu per il Quartu e goal di Bruno Corda e Maurizio Giannoni per l’Iglesias. La vittoria finale e la Coppa sono state assegnate all’Iglesias, per aver disputato entrambe le partite senza alcun inserimento di “rinforzi”.

Al termine della partita, quasi tutti i protagonisti del Memorial si sono ritrovati a cena e prima dell’inizio sono state effettuate le premiazioni e sono stati consegnati alcuni ricordi alla figlia di Marco Congiu, presente anche il presidente del Carbonia dei primi anni ’80, Elbio Verniani.

Marco Congiu, nato a Carbonia nel 1952, è stato un grande protagonista di alcune delle stagioni più belle del calcio rossoblù dell’Iglesias negli anni ‘70 e biancoblu del Carbonia a cavallo tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80. Cresciuto nelle Giovanili del Cagliari, è arrivato in prima squadra, senza avere mai la soddisfazione dell’esordio in campionato. Dal Cagliari è stato ceduto al Sant’Elena nella stagione 1973/74 e da Quartu ha iniziato una lunga esperienza nel Sulcis Iglesiente, prima all’Iglesias, poi al Carbonia. In maglia rossoblù ha disputato 4 campionati, con una sola interruzione (la stagione 1975/76 che lo ha visto protagonista con la maglia del Benevento), collezionando da titolare inamovibile del centrocampo, 123 presenze e 24 reti. Nell’estate 1979 è approdato al Carbonia, squadra che, al suo secondo anno in serie D, stava iniziando un ciclo vincente, culminato nella Primavera 1982 con la promozione in C2. E’ stato grande protagonista di quegli anni, con 88 presenze in 3 campionati di IV serie, due di serie D e uno di Interregionale, vinto, realizzando complessivamente 13 reti, giocando anche 9 partite in C2, con 2 reti, prima di lasciare Carbonia. Ha concluso la carriera disputando alcuni campionati minori in squadre del Cagliaritano.

Centrocampista di grande dinamismo, Marco Congiu era dotato di discreta tecnica e fiuto del goal. A fine carriera, ha intrapreso la carriera di allenatore, senza molta fortuna, guidando anche l’Iglesias, nel campionato di Eccellenza 1996/97, reduce da un’esperienza alla guida del Pula. Ha pagato i risultati negativi, determinati dall’inesperienza di molti elementi dell’organico, con l’esonero (al suo posto è stato chiamato Mario Tiddia che, con un buon finale, ha portato la squadra rossoblù al 5° posto). Ha allenato anche il Dolianova, il San Sperate e il Capoterra, la città nella quale ha fissato la sua residenza.

IMG_9018 2IMG_8129 IMG_9025 IMG_9021 IMG_8056 IMG_9010 2 IMG_9007 IMG_9002

IMG_8420 IMG_8419 IMG_8418 IMG_8417 IMG_8416 IMG_8415 IMG_8412 IMG_8411 IMG_8410 IMG_8409 IMG_8408 IMG_8407 IMG_8406 IMG_8405 IMG_8404 IMG_8403 IMG_8402 IMG_8401 IMG_8400 IMG_8399 IMG_8398 IMG_8397 IMG_8385 IMG_8380 IMG_8379 IMG_8378 IMG_8377 IMG_8376 IMG_8375 IMG_8370 IMG_8369 IMG_8368 IMG_8367 IMG_8348 IMG_8347 IMG_8346 IMG_8345 IMG_8340 IMG_8325 IMG_8324 IMG_8323 IMG_8322 IMG_8321 IMG_8320 IMG_8319 IMG_8318 IMG_8317 IMG_8316 IMG_8315 IMG_8304 IMG_8303 IMG_8301 IMG_9045 IMG_9044 IMG_9043 IMG_9042 IMG_9041 IMG_8287 IMG_8286 IMG_8285 IMG_8275 IMG_8270 IMG_8269 IMG_8265 IMG_8264 IMG_8263 IMG_8262 IMG_8261 IMG_8260 IMG_8257 IMG_8256 IMG_8255 IMG_8244 IMG_8243 IMG_8235 IMG_8225 IMG_8213 IMG_8210 IMG_8203 IMG_8202 IMG_8201 IMG_8200 IMG_8199 IMG_8198 IMG_8197 IMG_8196 IMG_8193 IMG_8192 IMG_8191 IMG_8190 IMG_8189 IMG_8187 IMG_8186 IMG_8185 IMG_8181 IMG_8180 IMG_8179 IMG_8178 IMG_8177 IMG_8176 IMG_8175 IMG_8174 IMG_8173 IMG_8172 IMG_8169 IMG_8165 IMG_8162 IMG_8161 IMG_8159 IMG_8158 IMG_8157 IMG_8156 IMG_8155 IMG_8154 IMG_8153 IMG_8152 IMG_8151 IMG_8150 IMG_8149 IMG_8145 IMG_9033 IMG_8141 IMG_8131 IMG_8125 IMG_8124 IMG_8123 IMG_8122 IMG_8121 IMG_8120 IMG_8119 IMG_8118 IMG_8117 IMG_9030 IMG_9029 IMG_9028 IMG_9027 IMG_8107 IMG_8104 IMG_8102 IMG_8099 IMG_8098 IMG_8097 IMG_8096 IMG_8095 IMG_8094 IMG_8091 IMG_8090 IMG_8088 IMG_8085 IMG_8081 IMG_8078 IMG_8071 IMG_8070 IMG_8065 IMG_8063 IMG_8061 IMG_8059 IMG_3106 IMG_3105 IMG_3104 IMG_3103 IMG_3102 IMG_3101 IMG_3100 IMG_3099 IMG_3098 IMG_3097 IMG_3096 IMG_3095 IMG_3093 IMG_3092 IMG_3091 IMG_3089 IMG_3088 IMG_3087 IMG_3086 IMG_3085 IMG_3084 IMG_3083 IMG_3082 IMG_3081 IMG_3080 IMG_3079 IMG_3078 IMG_3077 IMG_3076 IMG_3075 IMG_3074 IMG_3073 IMG_3069 IMG_3068 IMG_3067 IMG_3066 IMG_3065 IMG_3064 IMG_3063 IMG_3062  IMG_3057 IMG_3056 IMG_3055 IMG_3054 IMG_3052 IMG_3051   IMG_3046 IMG_3045 IMG_3044 IMG_3043 IMG_3042 IMG_3041 IMG_3036 IMG_3035 IMG_3034 IMG_3033 IMG_3032 IMG_3031 IMG_3030 IMG_3029 IMG_3028 IMG_3027 IMG_3026 IMG_3025 IMG_3024 IMG_3023 IMG_3022 IMG_3021 IMG_3020 IMG_3019 IMG_3018   IMG_3012  IMG_3007 IMG_3006 IMG_3005 IMG_3004 IMG_3003 IMG_3002 IMG_3001 IMG_3000 IMG_2999 IMG_2998 IMG_2997 IMG_2995 IMG_2994 IMG_2992 IMG_2991 IMG_2990 IMG_2989 IMG_2988 IMG_2987 IMG_2986 IMG_2985 IMG_2984 IMG_2983 IMG_2982 IMG_2980 IMG_2979 IMG_2978  IMG_2975 IMG_2974 IMG_2973 IMG_2972 IMG_2971 IMG_2970 IMG_2969 IMG_2967 IMG_2966 IMG_2965 IMG_2964 IMG_2963 IMG_2962 IMG_2960 IMG_2959 IMG_2958 IMG_2957 IMG_2956 IMG_2955 IMG_2954 IMG_2950 IMG_2949 IMG_2948 IMG_2947 IMG_2946 IMG_2945 IMG_2944 IMG_2943 IMG_2942 IMG_2941 IMG_2940 IMG_2939 IMG_2938 IMG_2935 IMG_2934 IMG_2933 IMG_2932 IMG_2931 IMG_2930 IMG_2929 IMG_2928  IMG_2923 IMG_2922 IMG_2921 IMG_2920 IMG_2919 IMG_2916 IMG_2915 IMG_2913 IMG_2912 IMG_2911 IMG_2910 IMG_2909 IMG_2908 IMG_2907 IMG_2906 IMG_2905 IMG_2904 IMG_2903 IMG_2902 IMG_2901 IMG_2900 IMG_2899 IMG_2898 IMG_2897 IMG_2896 IMG_2891 IMG_2890 IMG_2889 IMG_2888 IMG_2887 IMG_2886 IMG_2885 IMG_2884 IMG_2883 IMG_2882 IMG_2881 IMG_2880 IMG_2879 IMG_2878 IMG_2875 IMG_2874 IMG_2873 IMG_2871 IMG_2870 IMG_2865 IMG_2864 IMG_2863 IMG_2862 IMG_2860 IMG_2859 IMG_2858 IMG_2857 IMG_2856 IMG_2855 IMG_2854 IMG_2853 IMG_2852 IMG_2851 IMG_2850 IMG_2849 IMG_2848 IMG_2847 IMG_2846 IMG_2845 IMG_2842 IMG_2841 IMG_2839 IMG_2838 IMG_2837 IMG_2834 IMG_2832 IMG_2831 IMG_2828 IMG_2827 IMG_2825 IMG_2824 IMG_2822 IMG_2820 IMG_2819 IMG_2818 IMG_2817 IMG_9086 IMG_9083 IMG_9082 IMG_9077 IMG_9073 IMG_9072 IMG_9068 IMG_9062 IMG_9058 IMG_9053 IMG_9052 IMG_9051 IMG_9047 IMG_8278 IMG_9038 IMG_9031IMG_9048

[bing_translator]

Marco Congiu sulla panchina dell'Iglesias, al suo fianco il presidente Ignazio Badalamenti.

Marco Congiu sulla panchina dell’Iglesias, al suo fianco il presidente Ignazio Badalamenti.

 

Marco Congiu 2 copiaMarco CongiuCarbonia 1980-81 2Manifesto x Marco CongiuMarco Congiu 20x30 1 copia

Vecchie glorie di Carbonia, Iglesias e Quartu ricordano questo pomeriggio Marco Congiu, scomparso 15 mesi fa all’età di 63 anni. A partire dalle 16.30, si affronteranno in un triangolare allo stadio Comunale “Carlo Zoboli” di Carbonia. Carbonia, Iglesias e Quartu sono le tre principali squadre nelle quali Marco Congiu ha sviluppato la sua carriera di calciatore semiprofessionista.

Marco Congiu, nato a Carbonia nel 1952, è stato un grande protagonista di alcune delle stagioni più belle del calcio rossoblù dell’Iglesias negli anni ‘70 e biancoblu del Carbonia a cavallo tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80. Cresciuto nelle Giovanili del Cagliari, è arrivato in prima squadra, senza avere mai la soddisfazione dell’esordio in campionato. Dal Cagliari è stato ceduto al Sant’Elena nella stagione 1973/74 e da Quartu ha iniziato una lunga esperienza nel Sulcis Iglesiente, prima all’Iglesias, poi al Carbonia. In maglia rossoblù ha disputato 4 campionati, con una sola interruzione (la stagione 1975/76 che lo ha visto protagonista con la maglia del Benevento), collezionando da titolare inamovibile del centrocampo, 123 presenze e 24 reti. Nell’estate 1979 è approdato al Carbonia, squadra che, al suo secondo anno in serie D, stava iniziando un ciclo vincente, culminato nella Primavera 1982 con la promozione in C2. E’ stato grande protagonista di quegli anni, con 88 presenze in 3 campionati di IV serie, due di serie D e uno di Interregionale, vinto, realizzando complessivamente 13 reti, giocando anche 9 partite in C2, con 2 reti, prima di lasciare Carbonia. Ha concluso la carriera disputando alcuni campionati minori in squadre del Cagliaritano.

Centrocampista di grande dinamismo, Marco Congiu era dotato di discreta tecnica e fiuto del goal. A fine carriera, ha intrapreso la carriera di allenatore, senza molta fortuna, guidando anche l’Iglesias, nel campionato di Eccellenza 1996/97, reduce da un’esperienza alla guida del Pula. Ha pagato i risultati negativi, determinati dall’inesperienza di molti elementi dell’organico, con l’esonero (al suo posto è stato chiamato Mario Tiddia che, con un buon finale, ha portato la squadra rossoblù al 5° posto). Ha allenato anche il Dolianova, il San Sperate e il Capoterra, la città nella quale ha fissato la sua residenza.

Giampaolo Cirronis

Carbonia 2014-2015Monteponi 2014-2015 2

Una squadra unica dalla fusione tra Carbonia Calcio e Monteponi Iglesias? Il sindaco di Carbonia, Giuseppe Casti (ex calciatore delle giovanili biancoblù a cavallo tra la fine degli anni 70′ e l’inizio degli anni ’80) e l’assessore dello Sport, Fabio Desogus, dicono NO! La notizia pubblicata ieri dal quotidiano L’Unione Sarda, circa un accordo che sarebbe stato raggiunto tra i dirigenti della squadra biancoblù, guidati dal presidente Renato Giganti, e quelli della società rossoblù, guidati dal presidente Sandro Foti, hanno scatenato, com’era prevedibile e inevitabile, un ampio dibattito tra favorevoli, finora pochi, e contrari, tanti.

La fusione nascerebbe dall’esigenza di unire le forze in una fase assai difficile per entrambe le società, a rischio di sopravvivenza con le prime squadre, impegnate nel girone A del campionato di Promozione regionale. La Monteponi, guidata dalla famiglia Foti da due stagioni, ha centrato prima una promozione trionfale dalla Prima categoria, poi un campionato di Promozione caratterizzato da uno splendido girone d’andata, condotto quasi interamente in testa alla classifica, e da un girone di ritorno disastroso, concluso con un’anonima quinta posizione, dopo ben tre cambi della guida tecnica. Il Carbonia si è salvato con qualche affanno, ma anche quest’anno la società ha dedicato i suoi maggiori sforzi al settore giovanile che ormai da diversi anni produce eccellenti risultati, con successi sia nei vari campionati sia nella prestigiosa Coppa Santa Barbara.

Sandro Foti fu sul punto di acquisire la proprietà del Carbonia due anni fa, reduce da un’esperienza poco fortunata a Gonnesa. Dopo una lunga trattativa con la famiglia Giganti, non raggiunse l’accordo e optò per l’acquisizione della Monteponi Iglesias. Nelle scorse settimane sono ripresi i contatti ed è affiorata l’ipotesi di un ingresso nel Carbonia del fratello Carlo, con il mantenimento della gestione della Monteponi (se l’idea fosse stata portata a compimento, si sarebbe giunti ad una sorta di derby in famiglia). Nei giorni scorsi, è circolata anche l’indiscrezione che accreditava la cessione del titolo sportivo della Monteponi ad altre società (tra queste la Gemini Pirri), risultata impercorribile perché le norme federali prevedono la possibilità di fusione solo tra società operanti nella stessa Provincia.

L’esplorazione di varie strade, infine, ha portato all’accordo tra la famiglia Foti e la famiglia Giganti, che porterebbe ad una fusione ed alla nascita di una sola squadra di punta del Sulcis Iglesiente, con i colori bianco-rossoblù! In un colpo solo, con una firma dei due presidenti, nascerebbe la nuova società e verrebbe scritta la parola fine sulla quasi secolare storia sportiva delle due società, caratterizzata da alti e bassi ma, comunque, carica anche di tanta gloria.

Per Iglesias non sarebbe una novità assoluta, perché nell’estate 1997, alla vigilia del campionato di Eccellenza, l’allora presidente Ignazio Badalamenti portò la squadra lontano dalla città, facendo la fusione con il Decimoputzu e scegliendo come sede sociale il comune campidanese. La squadra, guidata da Mario Tiddia, non raggiunse buoni risultati, salvandosi solo nelle ultime giornate con il quint’ultimo posto, collezionando 35 punti in 30 partite (finirono in Promozione il Sant’Antioco con 31 punti, la Gialeto con 28 e la Fermassenti con 24). Ignazio Badalamenti a fine stagione cedette la società ad un gruppo guidato dal neo presidente Roberto Vivarelli che riportò la squadra a Iglesias.

Le reazioni alla notizia della fusione tra Carbonia e Monteponi, come sottolineato all’inizio, sono state contrastanti e promettono di non fermarsi. Nella serata di ieri il sindaco di Carbonia, Giuseppe Casti, e l’assessore dello Sport, Fabio Desogus, hanno diffuso una nota molto netta, assolutamente contraria.

«L’Amministrazione comunale di Carbonia – scrivono Casti e Desogus – apprende con sorpresa, la notizia circa una fusione tra il Carbonia Calcio e la Monteponi Iglesias.»

«Ci dichiariamo nettamente contrari ad un’ipotesi di questo tipo – aggiungono Casti e Desogus -. Il Carbonia Calcio è una società storica e gloriosa che deve appartenere alla Città di Carbonia e ai suoi cittadini. Senza nulla togliere alla Monteponi Iglesias, auspichiamo che la voce circa questa fusione sia infondata. Qualora fosse veritiera – concludono il sindaco Giuseppe Casti e l’assessore Fabio Desogus – l’Amministrazione rivedrà i propri rapporti nei confronti di una società sportiva, che non sarebbe più identitaria e rappresentativa della Città, al fine di tutelare una realtà storica che ha portato gloria a Carbonia e che non merita di finire in questo modo

Marco CongiuCarbonia 1981-82 7 Carbonia 1981-82 2 Carbonia 1980-81 2

A distanza di soli tre giorni dalla prematura scomparsa di Roberto Sequi, è mancato oggi Marco Congiu, altro grande protagonista di alcune delle stagioni più belle del calcio rossoblù dell’Iglesias negli anni ‘7o e biancoblù del Carbonia a cavallo tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80. Originario di Carbonia, dove è nato nel 1952, Marco Congiu è cresciuto nelle Giovanili del Cagliari ed è arrivato in prima squadra, senza avere mai la soddisfazione dell’esordio. Dal Cagliari è stato ceduto al Sant’Elena nella stagione 1973/74 e da Quartu ha iniziato una lunga esperienza nel Sulcis Iglesiente, prima all’Iglesias, poi al Carbonia. In maglia rossoblù ha disputato 4 campionati, con una sola interruzione (la stagione 1975/76 che lo ha visto protagonista con la maglia del Benevento), collezionando da titolare inamovibile del centrocampo, 123 presenze e 24 reti. Nell’estate 1979 è approdato al Carbonia, squadra che, al suo secondo anno in serie D, stava iniziando un ciclo vincente, culminato nella Primavera 1982 con la promozione in C2. E’ stato grande protagonista di quegli anni, con 88 presenze in 3 campionati di IV serie, due di serie D e uno di Interregionale, vinto, realizzando complessivamente 13 reti, giocando anche 9 partite in C2, con 2 reti, prima di lasciare Carbonia. Ha concluso la carriera disputando alcuni campionati minori in squadre del Cagliaritano.

Roberto Sequi e Marco Congiu sono stati compagni di squadra in due campionati con l’Iglesias, 1977/78 e 1978/79 (entrambi in serie D) e poi per 3 campionati con il Carbonia, 1980/81 (serie D), 1981/82 (Interregionale) e 1982/83 (C2). Marco Congiu è arrivato al Carbonia dall’Iglesias un anno prima rispetto a Roberto Sequi.

Centrocampista di grande dinamismo, Marco Congiu era dotato di discreta tecnica e fiuto del goal. A fine carriera, ha intrapreso la carriera di allenatore, senza molta fortuna, guidando anche l’Iglesias, nel campionato di Eccellenza 1996/97, reduce da un’esperienza alla guida del Pula. Ha pagato i risultati negativi, determinati dall’inesperienza di molti elementi dell’organico, con l’esonero (al suo posto è stato chiamato Mario Tiddia che, con un buon finale, ha portato la squadra rossoblù al 5° posto). Ha allenato anche il Dolianova, il San Sperate e il Capoterra, la città nella quale ha fissato la sua residenza.

Ciao Marco.

Giampaolo Cirronis