20 July, 2024
HomePosts Tagged "Matteo Dore"

[bing_translator]

La Muay thai l’ha fatta da padrona alla quarta edizione del Fight club championship, disputato nei giorni scorsi al Tarantini Fight Club di via Venezia (Sassari). Il team allenato dai maestri Angelo Tarantini e Vincenzo Casu si aggiudico tre match, due nella categoria Young cadet ed uno in quella Old cadet. L’evento è stato una vera e propria occasione di promozione e scambio delle conoscenze sulla Muay thai giovanile.

La serie positiva degli incontri per il team sassarese l’ha aperta Elisabetta Scanu (Tarantini) che, opposta a una coriacea Aurora Meloni (Koros Kombat club Ossi), si è imposta sull’avversaria ai punti. Sul gradino più alto del podio anche Giada Pulina che ha conquistato una vittoria ai punti contro una brava Sara Buccolieri (Shinga team Grosseto). E proprio quest’ultima, dopo la premiazione, ha strappato gli applausi del pubblico con una dedica alla pluricampionessa del mondo e “regina” della Muay thai, la sassarese Sara Donghi, che per la giovane atleta toscana è stata fonte di ispirazione. Molto buona la prestazione di Federico Casu che, nella categoria Old cadet, si è imposto ai punti su un bravo Nathan Sechi.

Da segnalare poi le vittorie ai punti nella disciplina Kick boxing di Mattia Pillittu (Edgcombat) su Stefano Allocca (Tarantini), di Andrea Salis (Edgcombat) su Nicolò Solinas (Tarantini).

Nella disciplina Muay thai vincono anche Francesco Sai (Koros Kombat club Ossi) su Samuel Ortu (Tarantini) e di Melissa Oggiano (Koros Kombat club Ossi) su Erica Deiana (Tarantini).

Due gli incontri finiti in parità, entrambi nella disciplina Kick boxing: forze equivalenti quelle mostrate sul ring da Andrea Loi (Edgcombat) che ha incontrato Alessandro Zedda (Tarantini), quindi da Andrea Pes (Edgcombat) e Matteo Dore (Tarantini).

Nel pomeriggio, inoltre, tanto spazio anche per i Baby atleti del Tarantini Fight Club che si sono esibiti sul ring sotto la direzione attenta del maestro Vincenzo Casu.

[bing_translator]

Si sono svolti ad Anagni i campionati Italiani assoluti di Muay Thai, i primi con tutte con le compagini Italiane riunite sotto la stessa sigla la Fikbms. Il Tarantini Fight Club del maestro Angelo Tarantini, con soli 8 atleti in gara, ha riportato nell’isola 4 ori, 2 argenti, e due bronzi, classificandosi al quarto posto nella classifica a squadre e portando la Sardegna ai piedi del podio nazionale.
Il primo risultato di rilievo è arrivato con Jessica Meloni che ha vinto la finale nei 51 Kg contro Michela Trosini e ha conquistato il titolo di campionessa italiana seconda serie. Ottima la prestazione di Michela Demontis nei 48 Kg prima serie. La giovane atleta sassarese si è imposta con autorevolezza negli incontri che l’hanno vista opposta prima alla altoaltesina Magdalena Pircher e poi alla romana Rachele Tidei. Un performance che le ha permesso di ottenere la convocazione ai collegiali dell’8 e 9 giugno per entrare nella Nazionale italiana di Muay Thai che ad agosto volerà a Bangkok per i mondiali  Ifma.
Nei Cadetti spicca la vittoria di Federico Casu nella categoria -57 con tre vittorie, e l’oro di Elisabetta Scanu, quindi argento per Irene Manos e Matteo Chessa nei 57 kg, e per finire bronzo per Matteo Dore nei -63 e Giada Pulina nei -35 kg.
Sabato 8 giugno, in casa, gli atleti sassaresi saranno nuovamente impegnati questa volta nella quarta edizione del Fight club championship.

[bing_translator]

I cadetti sassaresi del team Tarantini nei giorni scorsi si sono messi ancora una volta in mostra per le loro doti atletiche. I nak su” del settore giovanile del Tarantini Fight Club, guidato dal tecnico Vincenzo Casu, hanno portato a casa delle importanti vittorie, conquistate sul ring del Muay thai Gallura.

La manifestazione, che si è svolta nella palestra comunale polivalente di Padru sotto l’egida della Fikbms, ha visto le vittorie di Erika Deiana nei 42 kg, Giada Pulina nei 37, Matteo Chessa 57, Federico Casu 57 kg e Matteo Dore dei 63. Gli atleti così hanno aggiunto nuove vittorie al loro già ricco palmares.

Si tratta di ragazzi cresciuti nel Tarantini Fight Club, che da quasi vent’anni si dedica alla crescita sportiva dei ragazzi.

«Promuoviamo le arti marziali e la Muay thai anche per i più piccini – aggiunge Angelo Tarantini, patron della scuola che è anche centro Sportivo Coni per l’orientamento e l’avviamento allo sport dei giovani – ed accogliamo i bimbi già dai 3 anni, prima con la pre-motoria per poi accompagnarli in un percorso marziale fino alla maggiore età.» 

[bing_translator]

Si aprirà domani, 6 aprile, alle ore 20,30, a Sassari, il cancello della gabbia pronta a ospitare i 24 guerrieri del Fight club championship 3, la manifestazione di arti marziali in programma al Tarantini Fight training center di via Venezia.

Quattro le discipline nelle quali daranno spettacolo gli atleti appartenenti alla migliori società sportive della Sardegna. Sicure scintille e tanta adrenalina per le Mma, le arti marziali miste, Muay thai e Kick boxing, tanta tecnica e resistenza nel grappling.

Ad aprire la serie dei combattimenti saranno gli atleti di casa del team Angelo Tarantini, Matteo Chessa e Matteo Dore che affronteranno, rispettivamente, i due atleti della Budokan Jacopo Uras e Simone Spanu.

La Budokan sarà ancora in gabbia con Giovanni Andolfi, Nicola Mura e Michele Spanu che se la vedranno con Antonio Sanna e Italo Dessolis della scuola The strong room quindi Paolo Faggioni della Kombat Group.

Il team sassarese guidato da Angelo Tarantini sarà ancora all’interno dell’ottagono con Federico Casu che combatterà contro Fabio Mazzette della Kombat Group quindi Federica Meloni contro Martina Rindi della Kimura Academy e Jessica Meloni contro Silvana Azara della Thaiboxing Trinità.

Manuele Loiacono della Budokan sarà nella gabbia in un match che lo vedrà opposto a Mattia Agus della Nova Uniao.

Gabriele Pagano del team Tarantini torna a combattere in gabbia contro Alfredo Pellegrini (The strong room), mentre Nicolò Piras Nova Uniao sarà opposto a Ruggero Marras della Mad Dogs.

Attesa, infine, per il match event della serata che vedrà la giovane promessa del team Tarantini Giovanni Mulas combattere contro Diego Deiana della Nuoro Fight academy.

[bing_translator]

La gabbia delle mixed martial arts ha offerto uno spettacolo unico e a garantirlo, sabato sera, sono stati gli atleti della seconda edizione del Fight club championship. Tecnica, concentrazione e tanta bravura: si è visto questo all’interno dell’ottagono allestito al Tarantini Fight training center di via Venezia. Dieci combattimenti, tra Mma, Muay thai, Kick boxing e grappling, che hanno acceso la platea sempre pronta a sostenere i propri beniamini.

Interessanti i match clou di grappling ed Mma. Nelle arti marziali miste Gabriele Pagano (team Tarantini) si è arreso al primo round a Claudio Dettori della Kimura academy e, sempre nelle Mma e sempre al primo round, Mattia Agus della Nova Uniao con una tecnica di strangolamento si è imposto su Ruggero Marras della Mad dogs. Nel grappling, la lotta in cui lo scopo è portare a terra l’avversario e costringerlo alla resa con una tecnica di sottomissione, Claudio Lubrano (Nova Uniao) ha vinto ai punti su un bravo Daniele Luzzu (Kimura academy).

Non sono mancati tecnica, emozioni e spettacolo nel match di grappling che, sulla distanza di 10 minuti in un unico round, ha visto contrapposti Stefano Sanna della Mas di Porto Torres e l’atleta di origine brasiliana Leonardo Lucido della Eda di Cagliari. Ad avere la meglio ai punti l’atleta del team cagliaritano.

Emozioni nel main event di Mma, che ha visto in gabbia Diego Deiana (fight Nuoro academy) e Giovanni Mulas (Tarantini). L’incontro, chiuso ai punti da Deiana, ha mostrato un grande equilibrio tra i due atleti.

Ancora prima in gabbia si sono misurati sempre nel grappling Alessandro Porcu della Fight Nuoro Academy che ha battuto ai punti Daniele Manca della Kimura quindi Nicola Gaspa (Mas) che all’overtime si è arreso a un tenace Alessandro Piras (Nova Uniao)

Scintille tra le uniche due donne in gara, Martina Rindi (Kimura) e Jessica Meloni (Tarantini), che nella gabbia si sono misurate nella specialità della Kick boxing. Sulla distanza dei tre round le atlete hanno mostrato una buona dose di tecnica. Il match che si è chiuso in parità ha visto sul ring, nelle vesti di arbitro federale, la campionessa del mondo e “signora della Muay thai italiana” Sara Donghi.

Infine, l’atteso incontro che avrebbe dovuto vedere nella gabbia la giovane campionessa sassarese Michela Demontis è stato rimandato per una indisponibilità dell’avversaria. L’atleta, comunque, ieri sera ha dispensato consigli ai giovanissimi combattenti del team Tarantini che, per la prima volta, sono entrati nella gabbia per match di Muay thai exibition e Mma safe exibition. I due incontri, finiti entrambi in parità, hanno visto impegnati prima Erica Deiana ed Elisabetta Scanu, categoria 35 kg, e poi Matteo Chessa e Matteo Dore, categoria 60 kg.

La manifestazione si è svolta sotto l’egida della Figmma e dell’Endas.