31 January, 2023
HomePosts Tagged "Paola Garau"

[bing_translator]

Mercoledì 30 dicembre, in una cornice completamente diversa da quella usuale, si è svolta la quattordicesima edizione della manifestazione “Il Sulcis Iglesiente espone”, organizzata dal Consorzio Fieristico Sulcitano. La scelta è nata dall’emergenza sanitaria che stringe in una morsa, da ormai un anno, tutto il mondo, facendo vivere una pandemia che non si vedeva da un secolo.

L’evento, infatti, si è svolto al Teatro Centrale di Carbonia in diretta streaming su Sardegna Live, con un elegante e simpatico presentatore, Giuliano Marongiu, che ha condotto in maniera egregia l’evento, nel quale arte e spettacolo si sono fusi per allietare un pubblico che da casa ha potuto vedere le eccellenze di alcuni artisti nonché artigiani della nostra amata isola. Al suo fianco, nella presentazione di alcuni artisti espositori, sono intervenute tre splendide bellezze sarde: Luccia Asole, Francesca Ruiu e Cristiana Solinas che hanno indossato abiti e gioielli creati dalle stiliste e dagli artisti presenti con le loro creazioni… L’Atelier Anthea di Maria Antonietta Sorgia di Carbonia, con i suoi abiti da sposa e da cerimonia; l’Atelier di Marinella Staico, modellista sartoriale di Assemini; sempre da Assemini Doriana Usai, con le sue ceramiche artistiche e tradizionali; Anna D’Arte di Anna Catalano, orafa filigranista da Assemini; Sa Sabattera di Aurora Angius, Antica calzoleria di Isili; la Bottega Antica di Paolo Pittiu di Serdiana; L’Isola Del Ricamo di Paola Garau, Arte del ricamo e del cucito di Decimomannu; La Bottega Dell’Intreccio, cestini artigianali da Bonarcado.

Grande varietà di artisti che sul palco si sono esibiti con diverse performance: la cantante Maria Giovanna Cherchi, con la sua splendida voce, ha interpretato brani della musica popolare sarda; Luca Tilocca che con voce intensa e profonda, accompagnandosi con la chitarra, ha cantato “pezzi di vita vissuta”; Roberto Tangianu, con la magica musica delle sue launeddas; Giuseppe Masia, con la sua travolgente comicità, attenta ai temi socioculturali del momento, non ha trascurato di “cantare” pandemia e coronavirus.

Lo stesso Giuliano Marongiu si è esibito in coinvolgenti duetti con la bravissima Laura Spano che ha anche interpretato dei brani come solista. Insieme, hanno animato il palco con una complicità unica e speciale.

Luci e musica hanno ulteriormente messo in luce gli abiti e gli accessori indossati dalle artiste che hanno particolarmente gradito indossare vista la bellezza e la particolarità dei capolavori artistici.

Sul palco sono poi intervenuti Doriana Usai, una delle artigiane che ha esposto e che per la serata ha curato il coordinamento artistico; il presidente del Consorzio Fieristico Sulcitano Mauro De Sanctis, particolarmente soddisfatto della riuscita dello spettacolo, seguito in diretta streaming da migliaia di spettatori; l’assessora dello spettacolo del comune di Carbonia, Sabrina Sabiu,che si è complimentata per la riuscita della serata.

I saluti finali sono stati dedicati all’auspicio che la prossima edizione prevista per giugno 2021 si possa organizzare in presenza.

L’evento si è svolto nel rispetto di tutte le norme anti covid.

Nadia Pische

                                                                                                                                                  

[bing_translator]

Il Consorzio Cagliari Centro Storico, in collaborazione con Confesercenti Provinciale di Cagliari, organizza “MariNatale 2017”, una proposta integrata di azioni di animazione durante il periodo delle festività natalizie, finanziata dal Comune di Cagliari nell’ambito dei contributi per la promozione, lo sviluppo economico e la valorizzazione turistica del territorio.

MariNatale propone un ricco calendario di manifestazioni ed eventi.

Dal 1 al 23 dicembre sarà aperto uno Showroom al portico di Sant’Antonio, ove esporranno alcune imprese dell’artigianato artistico, esempio di un coerente mix di tradizione, creatività e design, che daranno vita, peraltro, a laboratori attivi:

Novotono (handmade stone design) presenta le collezioni Krateres e Pedras Noas realizzate da Rosarino Campesi. Materiali antichi declinati con sensibilità contemporanea;

il laboratorio di Peppino Mele (oreficeria), dove l’ossidiana viene scheggiata, tagliata e montata in oro e pietre preziose per ottenere monili unici in abbinamento a pietre dure e corallo;

Efisio Spiga (coltelli artigianali), coltellinaio da 18 anni. Ogni procedura è eseguita con perizia, dalla lavorazione delle lame, alla scelta e lavorazione dei manici;

Paola Garau (ricamo). “Ho trasformato la passione per il ricamo in lavoro artigianale”. Ogni pezzo è unico, frutto dello studio di antichi disegni e di una ricerca accurata dei materiali, delle linee e dei colori;

Rosella Three (cosmesi ed arredi) unisce la valorizzazione dei prodotti naturali ed artigianali con la qualità dei suoi servizi;

Silvia Lai (sughero ed argento). Gioielli esclusivi realizzati a mano con materiali selezionati e naturali. Un design innovativo che ha generato il connubio tra argento e sughero in uno stile raffinato;

Massimo Soro (oreficeria) realizza raffinati gioielli femminili ispirati alla tradizione. Esegue inoltre restauri su gioielli antichi.
Si darà vita alla Casa di Babbo Natale (via Barcellona) con un allestimento che coniuga la tradizione sarda e il Natale: lo spazio costituisce un luogo dedicato ai bambini ove verranno organizzati i laboratori “Canzone e Illustrazione su misura” a cura della cantautrice Chiara Figus e della pittrice Veronica Paretta.

Inoltre il quartiere della Marina, le sue stradine e le piazze, diventeranno un palcoscenico in movimento per alcune formazioni musicali, diverse per ogni appuntamento, che faranno un Concerto Itinerante, animando così le passeggiate dei cagliaritani dedicate alle compere natalizie.

8 dicembre: Jogos duo (Chiara Figus e Mattia Pegna), Julie&Johnny (Johnny Crobu e Julie Burke)

15 dicembre: Special Cars (Tony Pirina, Alessio Pirina, Juri Orrù)

16 dicembre: Bad Blues Trio (Eleonora Usala, Federico Valenti, Frank Stara)

22 dicembre: Jurens & Jurens (Rubens Massidda e Juri Orrù), Pirina family light (Tony Pirina e Alessio Pirina)

Infine, il 23 dicembre uno spettacolo itinerante di giocoleria, “Circo Matto”, a cura di Riccardo Tanca e dell’associazione Foglivolanti.

Il Consorzio Cagliari Centro Storico intende valorizzare le realtà produttive e le risorse del quartiere Marina di Cagliari. La manifestazione ha l’obiettivo di produrre un incremento dei flussi, in particolare quelli “esterni”, con ricadute dirette sulle imprese del quartiere. “MariNatale” costituisce inoltre un tassello di una strategia integrata di promozione e comunicazione di medio termine, finalizzata a rendere sempre più riconoscibile l’offerta del quartiere in termini di accoglienza, proposta commerciale e intrattenimento, rivolta ai cittadini di Cagliari, ai visitatori sardi e più in generale ai turisti.

Tutti gli esercizi, le attività commerciali, i ristoratori, gli alberghi e le imprese artigianali, aderenti al Consorzio, sono coinvolti in modo attivo.

“MariNatale 2017” si propone come leva promozionale della “destinazione Cagliari”.

[bing_translator]

Le imprese artigiane di Confartigianato Sud Sardegna da oggi a domenica saranno ospiti dei colleghi di Confartigianato Imprese Bergamo per promuovere e valorizzare la cultura, il turismo e i prodotti tipici dell’isola.

L’organizzazione degli artigiani bergamaschi, con il coinvolgimento del Movimento Giovani Imprenditori e grazie all’intermediazione del Circolo Culturale Sardo Maria Carta di Bergamo, ha infatti stretto un gemellaggio con le imprese del sud dell’isola.

Fino a domenica 20 novembre i coltellinai Simone e Daniele Statzu di Arbus, la Tessitrice Anna Segreto di Villasimius, l’artigiano orafo Pierandrea Carta di Cagliari e la ricamatrice Paola Garau di Decimomannu, daranno vita a una esposizione dei prodotti di eccellenza dell’artigianato sardo, con dimostrazioni pratiche direttamente sul posto.

L’esposizione di artigianato sardo viene ospitata all’interno della rassegna “Arte &’ Artigianato”, giunta alla sua quinta edizione, che nel mese di novembre vedrà esposte le opere di scultura e ceramica degli artisti bergamaschi Cesare Benaglia e di sua figlia Emi Clelia Benaglia Brunelli (Emikeramos). Il titolo della mostra è «A quattro mani», e sarà aperta e visitabile dall’11 al 27 novembre.

Nel “gemellaggio” con gli artigiani sardi si avrà modo di ammirare anche le opere degli artigiani bergamaschi anch’essi presenti nella Sala Agazzi per guidare i visitatori alla scoperta delle loro opere.

La mostra sarà l’occasione per uno scambio di conoscenze e per stringere rapporti di collaborazione tra artigiani bergamaschi e artigiani sardi, in un’ottica di promozione reciproca delle eccellenze dei rispettivi territori e del Made in Italy.

L’inaugurazione dell’esposizione è prevista per le ore 18.00 di oggi alla presenza delle quattro aziende e del presidente di Confartigianato Imprese Bergamo Angelo Carrara, del vicepresidente Giacinto Giambellini, del direttore Stefano Maroni, del presidente del Movimento Giovani Diego Armellini, e del presidente di Confartigianato Imprese Sud Sardegna Luca Murgianu.

Queste le aziende sarde partecipanti:

Coltelleria artigianale Boiccu di Simone e Daniele Statzu (Arbus). I due fratelli sono tra i più giovani artigiani della provincia del Medio Campidano. Producono diversi tipi di coltelli e hanno creato delle rivisitazioni dei coltelli tradizionali, accentuando la curvatura dei manici e delle lame. In occasione della mostra a Bergamo faranno una dimostrazione di incisione sulle lame dei coltelli ed i partecipanti avranno l’opportunità di chiedere incisioni personalizzate sui loro coltelli da collezione.

Anna Segreto Artigianato Tessile Sardo (Villasimius). Il suo laboratorio tessile è il frutto dell’esperienza e passione di un’artigiana educata sin da piccola all’uso del telaio, che con un gusto rinnovato ha deciso di riproporre quei manufatti tessili in lino, lana e cotone, che un tempo erano destinati esclusivamente ad una forma di artigianato domestico.

Gioielleria Carta Francesco & Figlio Eredi, di Carta Pierandrea (Cagliari. Fondata nel 1920 è diventata in poco tempo un punto di riferimento dell’oreficeria sarda. Disegni originali e perfezione nell’esecuzione dei gioielli sono i suoi punti di forza e, con Giovanni (figlio di Francesco), la produzione di filigrana sarda ha preso un aspetto centrale del laboratorio orafo diventando il suo vero “core business”. Durante i tre giorni di mostra, eseguiranno dimostrazioni sulla lavorazione in filigrana: una tecnica artistica consistente nella lavorazione ad intreccio di sottili fili d’oro e d’argento i quali, dopo la ritorcitura, vengono fissati su un supporto, anch’esso di materiale prezioso, in modo da creare un elegante effetto di struttura traforata.

L’isola del Ricamo di Paola Garau (Decimomannu). Si occupa della produzione e confezione di pizzi e trine, arredi e paramenti sacri tutti ricamati a mano, costumi sardi tipici e tradizionali, progetti di oggettistica, idee regalo, corredi per la casa, per la sposa, per il neonato, ricami personalizzati per abbigliamento, stendardi, arredi per la nautica. L’artigiana, oltre a fare delle dimostrazioni di ricamo, metterà a disposizione pezzi di tessuto per dare l’opportunità ai visitatori di provare a ricamare.