Associazionismo

Nasce il Comitato delle associazioni sarde del settore della mobilità internazionale.

Ogni anno migliaia di giovani sardi partecipano all’estero a importanti attività di formazione, studio e volontariato. Altrettanti ne giungono in Sardegna da ogni parte del mondo contribuendo a spezzare l’isolamento dell’isola. Ciò è reso possibile lavoro delle associazioni sarde del settore della mobilità internazionale che progettano e realizzano iniziative nell’ambito di programmi comunitari e internazionali.

Per favorire il riconoscimento di un settore che consente a tanti giovani di vivere importanti esperienze per il proprio futuro e al territorio di beneficiare dei finanziamenti europei, si è costituito ufficialmente a Cagliari il Comitato delle Associazioni Sarde del Settore della Mobilità Internazionale.

Il Comitato intende rapportarsi con Istituzioni e parti sociali nell’ottica di un dialogo finalizzato alla crescita della comunità. Nel programma di lavoro del comitato vi sono anche la promozione dell’educazione non formale e della trasmissione delle competenze trasversali. Vale da dire quelle competenze che, a prescindere da titolo studio o qualifica, rappresentano la base del vivere come cittadini attivi e partecipi.

Al comitato, che ha eletto come suo portavoce Luca Frongia, hanno aderito fino ad ora: Acli della Provincia di Cagliari, AEGEE Cagliari, Associazione ABìCì, Associazione Culturale Malik, Associazione Interculturale NUR, Associazione Studenti per la Città, ESN Cagliari, IPSIA Sardegna, Mine Vaganti NGO, MV International, Sulcis Youth, TDM 2000 International, TDM 2000, YouSardinia.

Tra le prossime attività del Comitato vi sarà un ciclo di incontri in vari centri dell’Isola per la  sensibilizzazioni di giovani, famiglie, educatori e rappresentanti istituzionali sull’importanza della mobilità internazionale e dell’educazione non formale.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply