16 August, 2022
HomeEconomiaZFU, agevolazioni alle micro e piccole imprese.

ZFU, agevolazioni alle micro e piccole imprese.

 

Carbonia.

Carbonia.

Iglesias.

Iglesias.

Francesco Sanna.

Sono state stabilite, con decreto del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze del 10 aprile 2013, in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, le condizioni e i termini di decorrenza delle agevolazioni fiscali e contributive per le micro e piccole imprese relative alle zone franche urbane (ZFU), in attuazione di quanto previsto all’articolo 37 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179.

Le agevolazioni possono essere concesse in favore di micro e piccole imprese localizzate all’interno delle 33 Zone franche urbane delle regioni Calabria, Campania e Sicilia riportate in allegato al decreto, nonché, in via sperimentale, nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia Iglesias, nell’ambito dei programmi di sviluppo e degli interventi compresi nell’accordo di programma “Piano Sulcis”.

La dotazione finanziaria per gli interventi da attuare nell’ambito delle Zone franche urbane , così come individuata nel “Piano Azione Coesione: terza e ultima riprogrammazione”, ammonta a complessivi 303 milioni di euro, integrabile con risorse messe a disposizione dalle Regioni interessate. Per i comuni della provincia di Carbonia-Iglesias le risorse saranno individuate con un successivo decreto interministeriale, a valere sulle somme destinate all’attuazione del “Piano Sulcis”.

Le disposizioni di attuazione dell’intervento saranno contenute nei bandi emanati dal Ministero dello Sviluppo economico.

«Il Decreto – spiega Francesco Sanna, deputato del Partito Democratico – consente ora l’emanazione del bando ministeriale, con gli sgravi fiscali e previdenziali, a favore delle micro e piccole imprese che operano nelle aree delle regioni d’Italia, individuate dalla Legge 221 del 2012. Tra queste è ricompresa la provincia di Carbonia-Iglesias, con i suoi 23 comuni, e le città sarde di Cagliari, Quartu S.E., Selargius, Oristano, Olbia, Sassari e Alghero.

Le risorse per l’attuazione delle agevolazioni sono state individuate di concerto dallo Stato con le Regioni e gli Enti Locali che hanno provveduto a riprogrammare la spesa dei fondi strutturali della UE. Per la Provincia di Carbonia Iglesias si da attuazione al protocollo d’intesa denominato “Piano Sulcis” che movimenta oltre 350 milioni di euro di cui circa 100 sono destinati a finanziare la Zona Urbana di esenzione fiscale.

Forte, invece, è il ritardo della Regione Sardegna nella riprogrammazione dei fondi europei a favore delle altre sette città sarde che potrebbero vedere attuate le ZUEF. Senza questo provvedimento infatti le micro e piccole imprese di quelle città non potranno avvelersi degli sgravi fiscali e previdenziali.

Regioni come la Puglia e la Sicilia, a differenza della Sardegna, sin dal maggio 2013 hanno provveduto alla riprogrammazione dei fondi strutturali e hanno esteso le agevolazioni anche ad altre aree geografiche regionali, di cui all’obiettivo convergenza, che in un primo momento non erano ricomprese tra quelle richiamate dalla “Legge Crescita 2012”.»

 

– See more at: http://www.francescosanna.com/paginasegue.php?id=1145&c=interventi#sthash.jzmObLOa.dpuf

FOLLOW US ON:
Il gruppo Udc del Co
Gli australiani del

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT