25 September, 2021
HomeRegioneSicurezza del cittadino e del territorioMaria Grazia Caligaris: «La Sanità Penitenziaria a Uta non è ancora in grado di dare adeguate risposte ai ristretti».

Maria Grazia Caligaris: «La Sanità Penitenziaria a Uta non è ancora in grado di dare adeguate risposte ai ristretti».

«La Sanità Penitenziaria, a quattro mesi dal trasferimento dei detenuti nel Villaggio di Cagliari-Uta, nell’area industriale di Macchiareddu, non è ancora in grado di dare adeguate risposte ai ristretti». Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente dell’associazione “Socialismo Diritti Riforme”, sottolineando che «l’organizzazione del lavoro e l’assenza di alcune strumentazioni rendono particolarmente difficile assicurare costantemente il diritto alla salute dietro le sbarre».

«Nella nuova Casa Circondariale di Cagliari – osserva Caligaris – si presentano delle condizioni paradossali. Da un lato si sta provvedendo a dotare l’Istituto di una TAC(tomografia assiale computerizzata), dall’altro mancano i telefoni e i computer per poter comunicare direttamente all’esterno e con i Magistrati. Una situazione incredibile che ogni giorno mette a dura prova l’attività dei medici, sprovvisti perfino di carta intestata. L’aspetto più preoccupante tuttavia è l’assenza della strumentazione per gli esami radiologici. I detenuti infatti non vengono sottoposti alle schermografie indispensabili per scongiurare infezioni polmonari incipienti o in atto.»

«Non si può del resto tacere sulle carenze nel Reparto femminile, dove non è stato previsto un centro clinico ma soltanto un’infermeria, e su un’organizzazione dove sono assenti gli operatori socio-sanitari, indispensabili per garantire il supporto ai detenuti ammalati. Ancora assente la figura del Farmacista previsto dalle linee-guida regionali. I detenuti inoltre non possono avere la continuità terapeutica in quanto l’elevato numero di Medici e di Infermieri e il loro continuo alternarsi secondo gli orari di servizio impediscono ai pazienti di avere – sostiene la presidente di SDR – referenti sanitari certi che possano seguire con continuità le problematiche della salute di ciascuno.»

FOLLOW US ON:
Confartigianato Sass
Ignazio Locci (FI):

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT