23 July, 2024
HomeLavoroLavori pubbliciLa Giunta regionale ha rimodulato alcuni interventi infrastrutturali su viabilità e portualità previsti nel Piano Sulcis.

La Giunta regionale ha rimodulato alcuni interventi infrastrutturali su viabilità e portualità previsti nel Piano Sulcis.

[bing_translator]

Nella riunione di mercoledì 6 luglio, la Giunta regionale ha rimodulato alcuni interventi infrastrutturali su viabilità e portualità previsti nel Piano Sulcis, di competenza dell’assessorato regionale dei Lavori pubblici.

Il nuovo programma di interventi, approvato dalla Giunta, prevede l’impegno di 16 milioni di euro (risorse FSC-CIPE 93/23012 – 31/2015, per la S.S. 195 “Sulcitana”, per adeguamento e strada di collegamento San Giovanni Suergiu-Giba dal km 91+100 al km 94+600 e per la messa in sicurezza della S.S. 293 “di Giba” Giba-Nuxis dal km 60+100 al km 63+700 e dal km 64+200 al km 65+500; 57 milioni e mezzo (fondi per 2.000.000 CIPE 84/2000, 45.500.000 FSC – CIPE 93/2012 – 31/2015 e 10.000.000 mutuo RAS delibera Giunta regionale n. 22/1 del 7 maggio 2015). Entrambi gli interventi verranno realizzati dall’Anas.

Ancora, 1.000.000 di euro per la messa in sicurezza della SP 73 dal km. 0+000 al km 9+000 (fondi FSC – CIPE 93/2012 – 31/2015), intervento che verrà realizzato dal comune di Sant’Anna Arresi; 3.000.000 di euro per l’adeguamento della strada provinciale 77 alla categoria C1 (fondi CIPE 84/2000) intervento che verrà realizzato dalla provincia del Sud Sardegna; 1.500.000 euro per studi e progettazione definitiva degli interventi di portualità del Sulcis (Sant’Antioco, Carloforte e Calasetta) (fondi FSC – CIPE 93/2012 – 31/2015), intervento che verrà realizzati dall’assessorato regionale dei Lavori pubblici; e, infine, 22.000.000 di euro per interventi sulla portualità di Sant’Antioco, Carloforte e Calasetta (fondi FSC 2014/2020), intervento che verrà realizzato dall’assessorato regionale dei Lavori pubblici.

Il costo totale degli interventi ammonta a 101 milioni di euro.

Sulla base di tale rimodulazione degli interventi, si procederà ad aggiornare i documenti programmatici e di finanziamento delle opere.

Relativamente, in particolare, all’intervento sulla S.S.126 dir relativo al nuovo collegamento terrestre dell’istmo con l’isola di Sant’Antioco e alla circonvallazione di Sant’Antioco, in considerazione dell’importanza che l’opera riveste sotto il profilo architettonico, paesaggistico ed ambientale, il presidente Francesco Pigliaru e l’assessore dei Lavori pubblici Paolo Maninchedda, nel far presente anche la rilevanza sotto l’aspetto identitario che il nuovo ponte potrà assumere per le popolazioni servite, hanno sottolineato di ritenere opportuno che, nello svolgimento della gara d’appalto, vengano tenute in massima considerazione le proposte progettuali finalizzate a migliorare gli aspetti paesaggistici e architettonici dell’opera d’arte. Per raggiungere tali risultati, occorre che nella formazione della commissione giudicatrice, da parte della stazione appaltante, sia prestata particolare attenzione ad assicurare la presenza di adeguate professionalità, anche provenienti dal mondo accademico, in grado di apprezzare le migliori soluzioni progettuali che saranno presentate dai concorrenti.

Paolo Maninchedda 35 copia

Dal 13 al 16 luglio,
La rimodulazione dei

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT