26 May, 2022
HomeCulturaIl culto dei santi guaritori Cosma e Damiano fra Mamoiada e Riposto (Sicilia).

Il culto dei santi guaritori Cosma e Damiano fra Mamoiada e Riposto (Sicilia).

[bing_translator]

I due gemelli santi Cosma e Damiano sono i patroni dei medici, dei chirurghi e dei farmacisti. Curavano gratis i malati e per questo furono martirizzati sotto Diocleziano. Sono conosciuti come i Santi Medici. Il loro culto è diffuso, in Italia, soprattutto al Centro Sud e nelle isole, Sardegna e Sicilia.                                                          

Nel settembre dell’anno scorso molti sardi emigrati soci dei Circoli F.A.S.I., già in vacanza nell’isola o arrivati in risposta all’invito rivolto dalla Pro Loco, si sono ritrovati a Mamoiada per un molto produttivo interscambio di idee sul futuro della Sardegna fra il mondo dell’emigrazione organizzata e alcune delle personalità “residenti” più attente al dialogo con i “figli di Sardegna” stabilitisi fuori dell’isola. Si veda in questo sito:            https://www.laprovinciadelsulcisiglesiente.com/2017/09/grande-successo-a-mamoiada-dellincontro-della-federazione-delle-associazioni-sarde-in-italia-con-alcuni-autorevoli-esponenti-della-cultura-sarda/ 

I partecipanti hanno potuto così conoscere il santuario campestre dedicato ai santi Cosma e Damiano circondato dalle numerose cumbessias (o muristenes, piccoli alloggi per i pellegrini) abitate dalle famiglie dei fedeli (l’assegnazione viene regolata dall’estrazione a sorte tra i richiedenti) durante gli annuali lunghi festeggiamenti settembrini in onore dei due santi guaritori. “Già chi tenides tanta manu supra d’ogni infermidade, / sos nostros males sanade, Santu Cosomo e Damianu”.

Questo il senso dei versi dei gosos (canti devozionali) in lode dei due santi. Ascoltiamone alcuni collegandoci a questo link: http://curvetube.com/MAMOIADA-SOS_GOSOS_DE_SANTU_COSOMO_E_DAMIANU/27L4yCkYnZk.video     

Anche in Sicilia, precisamente a Riposto, sotto un’edicola votiva con le raffigurazioni tradizionali dei due santi incassata nella facciata di un’abitazione della strada litoranea, una lapide invoca (diciamo pure: perentoriamente..): “Oh santi Coscimu e Mianu, / veri medici suprani, / nui firemu e vui sanati / ppi la santa Trinitati”. (Oh santi Cosma e Damiano, veri medici sovrani, noi feriamo e voi guarite, per la santa Trinità).

Paolo Pulina

FOLLOW US ON:
Ad Arbatax è tutto
Lettera aperta dell'

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT