21 May, 2022
HomeAmbienteEnergiaFrancesco Desogus (M5S): «Nessun rischio dalla chiusura delle centrali a carbone, Pigliaru conosce bene i piani ma vuole fare solo confusione».

Francesco Desogus (M5S): «Nessun rischio dalla chiusura delle centrali a carbone, Pigliaru conosce bene i piani ma vuole fare solo confusione».

[bing_translator]

«Sentendosi coinvolto in una campagna elettorale che non lo riguarda, sui temi dell’energia e del carbone il presidente Pigliaru continua a fare confusione e a porre domande alle quali è già stata data una risposta.»
Lo dice il candidato alla presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle Francesco Desogus, che ribatte così alle sollecitazioni inviate dal presidente della Regione al Governo Conte e al ministro Di Maio.

«La questione è molto semplice ed è lo stesso Pigliaru ad ammettere nella sua ultima nota l’esistenza del non-problema – aggiunge Francesco Desogus -: nel momento in cui i gruppi a carbone sardi chiuderanno, l’Enel dovrà assicurare alle imprese di Porto Torres e Portovesme una uguale fornitura di energia generata dall’installazione di impianti a gas. Non esiste dunque alcun problema dell’uscita dal carbone in Sardegna perché è la stessa Enel ad avere da tempo fatto chiarezza sulla questione, fornendo ampie rassicurazioni. A questo punto, a poche settimane dalla conclusione ufficiale del suo mandato, il presidente Pigliaru dovrebbe smetterla finalmente di prendere in giro i sardi.»

Secondo Francesco Desogus «con la sua nota, Pigliaru ammette di conoscere la soluzione, ma continua a voler fare confusione nella speranza di mettere in difficoltà il Movimento su di un tema sul quale invece noi abbiamo le idee chiarissime. Il Movimento 5 Stelle non è infatti a priori contro l’uso del gas metano in Sardegna ma è piuttosto a favore di un suo utilizzo intelligente e sostenibile in vista di una transizione verso le rinnovabili che non può più essere rinviata. Il centrosinistra finge invece di dimenticarsi che la data del 2025 come termine ultimo di attività delle centrali a carbone italiane fu posta nel 2017 dall’allora ministro dello Sviluppo economico del Governo Gentiloni, Carlo Calenda. Improvvisamente ora che a Roma non governa più il Pd, l’uscita dal carbone in Sardegna diventa per il centrosinistra sardo una sciagura. Ma dov’erano il presidente Pigliaru e la sua maggioranza quando il loro ministro prendeva impegni che ora vengono contestati?».

«Le imprese sarde e tutto il sistema economico isolano possono stare tranquilli – conclude Francesco Desogus -. Nell’isola arriverà solo la quantità di metano che occorrerà ai sardi, per sostenere un nuovo modello di sviluppo che noi proporremo in occasione delle elezioni del 24 febbraio.»

 

La capolista San Mar
Mercoledì 16 gennai

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT