25 September, 2021
HomeLavoroAttività produttiveFrancesco Agus (Progressisti): «L’assessore Gianni Chessa sconfessa il presidente Christian Solinas sulla DMO Sardegna. Qual’è l’idea della Giunta?»

Francesco Agus (Progressisti): «L’assessore Gianni Chessa sconfessa il presidente Christian Solinas sulla DMO Sardegna. Qual’è l’idea della Giunta?»

[bing_translator]

«Sono spiacevolmente stupito dalle parole pronunciate dall’assessore regionale del Turismo Gianni Chessa, ospite della commissione Attività produttive del comune di Cagliari, riguardo la volontà di bloccare la DMO Sardegna e quindi di non dare piena attuazione alla L.R. 16/2017 in materia di turismo.»

Lo scrive, in una nota, Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti in Consiglio regionale.

«Lo stupore è legato al fatto che la norma che ha istituito il nuovo organismo di gestione unitaria della destinazione Sardegna nacque nella scorsa legislatura come sintesi di quattordici proposte di legge diverse presentate dai vari schieramenti politici e approvata grazie a un voto pressoché unanime del Consiglio regionale. Il partito di riferimento dell’attuale assessore del Turismo, rappresentato allora in aula dal presidente Christian Solinas, votò convintamente a favore del testo sia in Commissione che in Aula – aggiunge Francesco Agus -. Su un tema, in particolare, tutti i partiti di maggioranza e opposizione furono d’accordo: la necessità di uno strumento di governance unitario del turismo regionale per superare la logica dei compartimenti stagni e mettere a sistema i diversi attori strategici, pubblici e privati, dello sviluppo turistico: Regione, enti locali, camere di commercio, società di gestione degli aeroporti.»

«Oggi, invece, un assessore della Giunta regionale propone, informalmente e senza aver presentato nessuna proposta alternativa, un ritorno al passato sconfessando quando già approvato dal Consiglio regionale e dall’attuale presidente Christian Solinas, suggerendo, di nuovo, l’idea di una Regione che fa tutto: che ha tutte le idee in tasca e non ha bisogno di confronto, che organizza, che coordina, ma sopratutto, che gestisce in solitudine – conclude Francesco Agus -. Cambiare idea è lecito, ci mancherebbe. Su un tema come questo però, dove le differenze tra scelte giuste o sbagliate si misurano anche in termini di posti di lavoro creati o persi, credo sia necessario un ragionamento approfondito e organico adeguato alla complessità e alle peculiarità che si riscontrano nelle diverse realtà dell’isola.»

Da Tosca ad Enzo Gra
Franco Verrascina (p

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT