25 October, 2021
HomeAttualitàServiziMarco Medda (Confesercenti): «Per l’accesso alle spiagge nessun ticket ma c’è un problema da risolvere»

Marco Medda (Confesercenti): «Per l’accesso alle spiagge nessun ticket ma c’è un problema da risolvere»

[bing_translator]

«È di ieri una notizia secondo la quale la Confesercenti insieme al comune di Cagliari, nella persona dell’assessore Alessandro Sorgia, avrebbe proposto un ticket a pagamento per l’accesso alla spiaggia del Poetto, sollevando un polverone sui social, che ha visto il comune di Cagliari e la nostra Associazione come i principali indiziati (accusati) di una proposta che non è fondata.»

Lo scrive, in una nota, Marco Medda, presidente provinciale della Confesercenti di Cagliari.

«Ci teniamo a spegnere immediatamente tutte le polemiche che si stanno alimentando dietro un fraintendimento che nulla ha a che vedere con l’intenzione nostra e, tantomeno, dell’assessore Sorgia, a voler determinare un accesso a ore o (ancora peggio) a pagamento alla spiaggia dei cagliaritani – sottolinea Marco Meddae ci dispiace per tutti coloro che si sono sentiti colpiti da questa informazione. La nostra intenzione è quella di analizzare quanto previsto dal regolamento previsto dall’INAIL, uscito ieri, in base al quale comunque bisogna ripensare, purtroppo, anche la fruizione delle nostre spiagge rispetto all’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Il documento che è circolato (e che non abbiamo fatto in tempo neppure a condividere con l’assessore Sorgia), era una mera proposta che, visto il polverone, verrà ritirata. Stiamo studiando alcune ipotesi, che condivideremo con il comune di Cagliari e con gli operatori. Resta però il problema determinato dalle regole stringenti che l’INAIL ha fatto uscire proprio ieri e con le quali, purtroppo, bisognerà fare i conti. L’emergenza sanitaria sta cambiando forzatamente le nostre abitudini e dovremo ragionare su sistemi che ci aiutino a vivere anche le nostre spiagge in modo differenteconclude Marco Medda -. Non sarà facile, probabilmente ci aiuterà la tecnologia, ma l’importante è che ognuno di noi si senta parte integrante di questo cambiamento forzato.»

Il 20 maggio i collo
Ieri il Corpo forest

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT