19 May, 2024
HomePosts Tagged "Carlo Di Bella"

[bing_translator]

Sessantacinque anni dal primo viaggio in Sardegna di Pablo Volta, grande fotoreporter italo-argentino che scelse l’isola come dimora in cui stabilirsi sino alla scomparsa.

Per ricordare la sua figura di artista e la sua straordinaria personalità sabato 28 dicembre, alle 18.00, nel Teatro Massimo di Cagliari (sala M 3) l’associazione culturale Tina Modotti organizza una serata dal titolo Pablo Volta e la Sardegna. Fotografare un mito”.

Attraverso una pluralità di voci e testimonianze di amici e amiche e di suoi collaboratori, l’iniziativa intende rendere omaggio al fotografo che dopo avere realizzato nell’isola, a partire dagli anni Cinquanta, alcuni importanti reportage, decise di trasferirsi a San Sperate (era legato da una forte amicizia con Pinuccio Sciola) dove ha risieduto sino alla morte, avvenuta nel 2011.

Il primo viaggio in Sardegna, compiuto nel dicembre 1954, sarà ripercorso anche alla luce di una nuova e originale ricerca dello studioso Carlo Di Bella, ospite della serata, che analizzerà da un punto di vista storico- culturale alcuni aspetti della fotografia in Sardegna fra gli anni Cinquanta e Sessanta, e i diversi contributi dei fotografi alla rappresentazione collettiva dell’isola negli anni del Piano di Rinascita.

Quel suo primo viaggio in Sardegna Pablo Volta lo decise subito dopo la lettura della Inchiesta su Orgosolo dell’antropologo pugliese Franco Cagnetta, apparsa nei mesi precedenti sulla rivista Nuovi Argomenti (diretta da Alberto Moravia e Alberto Carocci) e subito ritirata per “vilipendio delle forze armate”. Il fotografo aveva in progetto di accompagnare con un reportage fotografico di Orgosolo una successiva pubblicazione illustrata dell’inchiesta.

In occasione dell’evento sarà esposto un pannello fotografico riguardante il reportage realizzato da Volta a Desulo nel 1956, gentilmente prestato dall’Istituto Superiore Regionale Etnografico (cui il fotografo cedette la sua produzione inerente la Sardegna) che nel 2007 ha realizzato la grande esposizione La Sardegna come l’Odissea”, comprendente oltre cento immagini realizzate nell’isola tra il 1954-1957. Saranno esposti, inoltre, alcuni ritratti di Pablo Volta realizzati dai fotografi Max Solinas, Rosi Giua, Anna Marceddu, e dagli amici e amiche Augusto Medda, Michela Mereu, Vittore Nieddu.

Oltre a Carlo di Bella, interverranno alla seratra Alessandra Piras, ideatrice dei progetti culturali dell’associazione Tina Modotti e amica di Pablo Volta, con cui a San Sperate ha collaborato alla realizzazione delle attività del circolo del cinema, ma anche a numerose altre attività culturali come il Campidano Film Festival con la mostra Flash Back, dedicata ai grandi autori e autrici del cinema.

Sono previsti anche interventi dello storico e scrittore Luciano Marrocu, del regista Giovanni Colombu, autore del documentario Ritratto di Pablo Volta che sarà proiettato durante la serata, degli amici di San Sperate Amalia Schirru, Giulio Landis e Nino Landis (quest’ultimo con Pablo Volta ha collaborato a numerose iniziative teatrali con la compagnia Fueddu e Gestu), della critica d’arte Alessandra Menesini e dell’artista Gianni Atzeni.

Saranno presenti inoltre, Massimo Sanna e Carlo Birocchi che nel 2006, in occasione degli ottant’anni di Pablo Volta, hanno organizzato e curato, in collaborazione con l’associazione Tina Modotti, il Marina Cafè noir, Sandro Sulis e Stefania Bellucci (della Galleria Arcivernice), una serie di eventi e una importante mostra fotografica per la Galleria Arcivernice e il Caffè Savoia, a Cagliari. Sono previsti anche interventi degli amici Immacolata Serri e Sandra Senis.

[bing_translator]

La Rete Unitaria Antifascista Sulcis Iglesiente venerdì sera, alle 18.30, presenta il libro “Storia dei campi di lavoro e detenzione in Sardegna nel ventennio fascista”, con esposizione a cura dell’autore Nicola Piras e introduzione a cura di Carlo Di Bella. L’evento si svolgerà venerdì 14 dicembre alle ore 18.30 a Carbonia, presso la sede del Circolo dei Soci Euralcoop, in piazza Marmilla.

Nicola racconterà come l’isola in cui viviamo sia stata utilizzata come terra di confino dal regime fascista e poi di sfruttamento totale dei prigionieri durante la seconda guerra mondiale. I dati e le vicende si basano sulle ricerche che ha svolto per la sua tesi ‘‘Organizatzioni, territòriu e poderi. Campus de internamentu, detentzioni e àreas de presonia in sa Sardìgna cuntemporànea” (Organizzazione, territorio e potere. Campi di internamento, detenzione e aree di prigionia nella Sardegna contemporanea).

Riprendere i fili della memoria per la Rete Unitaria Antifascista Sulcis Iglesiente non è semplice commemorazione del passato. «Tutti i giorni va ricordato che certe derive della società non sono un’esclusiva del passato e il rischio che si ripetano, seppure con un volto diverso, non è mai da scartare». E invita a partecipare con domande, testimonianze, riflessioni e suggerimenti, contribuendo così alla riappropriazione della nostra memoria storica in occasione degli 80 anni della città di Carbonia. Per non dimenticare che anche Carbonia in quell’epoca è stata luogo di detenzione, prigionia, sofferenza e punizione per tante persone.

[bing_translator]

Si parlerà di lingua sarda, della figura di “Giorgio Asproni” e della sua visione di Sardegna, in un convegno che si terrà sabato 16 dicembre, dalle ore 18.30, nella sala della Casa Baronale di Teulada, organizzato dal Coro polifonico Sant’Isidoro di Teulada-Sant’Anna Arresi e dal comune di Teulada, con il contributo dell’assessorato regionale della Pubblica istruzione e la collaborazione dell’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada.

Il convegno rientra in un progetto finanziato dalla Regione Sardegna nell’ambito del calendario annuale di eventi per “Sa Die de sa Sardigna”.

Interverranno Daniele Serra, sindaco di Teulada; Guido Cadoni, docente di lingua sarda, sulle attività svolte nell’ambito del progetto sulla lingua sarda svolto a Teulada nell’anno in corso; Roberto Ibba, sul tema “la Sardegna Sabauda tra contrasti e riforme“; Carlo di Bella, sul tema “Giorgio Asproni: unu politicu sardu e is tempus cosa sua”; e, infine, l’assessore regionale degli Enti locali, Cristiano Erriu.

Il coro polifonico Sant’Isidoro di Teulada-Sant’Anna Arresi, diretto dal maestro Salvatore Tiddia, eseguirà canti del repertorio delle tradizioni della Sardegna, con la partecipazione del suonatore di launeddas Sebastiano Soggiu.

Nell’ambito della manifestazione, saranno curati i seguenti laboratori, presso l’Istituto Comprensivo “Taddeo Cossu” di Teulada:

14 dicembre 2017, a cura di Guido Cadoni, docente di lingua sarda:

ore 11.30-13.30 presso la scuola secondaria di primo grado;

ore 14.30-16.30 presso la scuola primaria.

21 dicembre 2017, dalle 14.30, a cura del coro polifonico Sant’Isidoro di Teulada-Sant’Anna Arresi, diretto dal maestro Salvatore Tiddia, con la partecipazione del suonatore di launeddas Sebastiano Soggiu.

[bing_translator]

Proseguono, nella sede del Liceo Classico di via Brigata Sassari, le attività della Lutec (Libera Università della Terza Età Carbonia), in collaborazione con il comune di Carbonia. Nella programmazione dei mesi di gennaio e febbraio sono state inserite numerose lezioni, a cui si aggiungono, laboratori di musica e teatro, corsi di ginnastica e inglese, viaggi culturali e eventi teatrali.

Gli incontri in programma abbracciano diverse discipline: storia, storia della Sardegna e del territorio, filosofia, storia dell’arte, letteratura, diritto, archeologia e geologia.

Il programma dei prossimi incontri del mese di gennaio e dell’intero mese di febbraio

Gennaio

24 gennaio ore 16.30 – Archeologia – Nicola Dessì            

“La civiltà nuragica:tipologie architettoniche dei nuraghi”                              

27 gennaio ore 16.30 – Storia della Sardegna – Carlo Di Bella

“La Sardegna in età liberale”

31  gennaio ore 16.30 – Letteratura – Francesco Peddoni        

Io non sono qui: il Nobel a Dylan”                                                                            

Febbraio

3 febbraio ore 16.30 – Filosofia – Emanuele D’Urso

“Karl Popper racconta Talete e Parmenide”

7  febbraio ore 16.30 – Geologia – Ruggero Soru    

“Il paesaggio carboniense”

10 febbraio ore 16.30 – Filosofia – Emanuele D’Urso    

“Karl Popper racconta Eraclito e Senofane”

14 febbraio ore 16.30 – Storia dell’arte – Gianni Murtas

Le avanguardie storiche: il Cubismo

17 febbraio ore 16.30 – Storia del territorio – Giuseppe Mura

Il bombardamento di Gonnosfanadiga”

21 febbraio ore 16.30 – Archeologia – Nicola Dessì              

I Culti funerari del popolo nuragico”

24 febbraio ore 16.30 – Storia della Sardegna – Carlo Di Bella

La Sardegna dall’Età Giolittiana al Fascismo

28 febbraio ore 16.30 – Letteratura – Francesco Peddoni              

“Il canadese errante: Leonard Cohen”

Corsi e laboratori

Corso di ginnastica dolce – Martedì e giovedì

1° gruppo dalle ore 9.00 alle ore 10.00

2°gruppo dalle ore 10.15 alle ore 11.15

Tutors Manuela Sedda e Laura Rubiu

Laboratorio musicale da gennaio – giovedì  ore 16.30

Maestra Elena Sibiriu

Laboratorio teatrale giovedì ore 16.00 

Regia Gino Meloni e Mariangela Baldino       

Corso di lingua inglese (British School)

Livello base martedì dalle ore 18.30 alle ore 20.00

Livello intermedio venerdì dalle ore 10.45 alle ore 12.30

Livello avanzato venerdì dalle ore 9.15 alle ore 10.45

Docente Louise Holmes                                                                                                                                         

Viaggi – Gite – Eventi

Domenica 29 gennaio viaggio culturale a Nuoro e Orani

visita guidata al Museo Man (Espressionismo tedesco)

e Museo Nivola.

Teatro lirico

Sabato 4 febbraio  La bella addormentata nel bosco”

Fiaba musicale in tre atti di Ottorino Respighi.

Premiazione Cartoline da Carbonia

Si sono svolte stamane nella sala conferenze del Museo del Carbone all’interno della Grande Miniera di Serbariu, le premiazioni del concorso fotografico “Cartoline da Carbonia”, organizzato dal comune di Carbonia. Alla manifestazione hanno preso parte circa duecento persone, compresi gli alunni delle scuole partecipanti e i singoli autori.

Il concorso è nato come strumento per coinvolgere cittadini, studenti e turisti in un progetto di riscoperta e promozione della nostra città. Alcuni dati danno ragione all’idea: 64 partecipanti, circa 400 fotografie e circa 13.000 accessi nelle pagine facebook di Carbonia Newsletter dedicate al concorso.

Nel corso della manifestazione, molto partecipata, sono state premiate,  con una fornitura di 5 libri su Carbonia, le 10 fotografie vincitrici selezionate dalla giuria. Un attestato di partecipazione e una piccola pubblicazione sono stati consegnati a tutti i concorrenti,  mentre le 4 scuole partecipanti, che hanno ottenuto una Menzione di merito, e i 12 Autori segnalati dalla Giuria hanno ricevuto un piccolo riconoscimento.

Tutte le fotografie, ritenute idonee dalla commissione, saranno pubblicate nella sezione “Cartoline da Carbonia” del sito internet comunale.

«L’Amministrazione comunale – ha detto il sindaco, Giuseppe Casti – è molto soddisfatta dell’esito del concorso, che dimostra, ancora una volta, come la cittadinanza sia pronta a rispondere positivamente alle iniziative finalizzate alla riscoperta della città e alla promozione della sua immagine. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato, in maniera particolare le scuole che hanno coinvolto tanti studenti. Ringrazio la dottoressa Alessandra Pusceddu che ha curato l’organizzazione del concorso, le operatrici dello sportello informazioni e i componenti della commissione giudicatrice.»

Fotografie vincitrici

a) Sergio Carozza, con la foto “Chiesa di Santa Lucia”;

b) Carlo Di Bella, con la foto “Pagu Arruinaus”;

c) Alessia Loddo, dell’Istituto comprensivo Satta, con la foto “Murale nella piazzetta di Serbariu”;

d) Istituto comprensivo Deledda-Pascoli (sede di Cortoghiana), con la foto “E in mezzo … una scala”;

e) Alberto Maccioccu, con la foto “Riflesso di Piazza Roma”;

f) Mattia Massa, dell’Istituto tecnico Giovanni Maria Angioj, con la foto “Ombre alla stazione”;

g) Ornella Marisa Zara, con la foto “Paesaggio”;

h) Massimo Pateri, con la foto “Vista da Monte Leone”;

i) Paolo Vaccargiu, con la foto “Piazza Venezia Chiesa Sacro Cuore”;

l) Giuseppe Angelucci, con la foto “Riflesso sull’acqua”.

Menzioni di merito

– Istituto tecnico Giovanni Maria Angioj, Carbonia;

– Istituto comprensivo Deledda – Pascoli, sede Cortoghiana;

– Istituto comprensivo Deledda – Pascoli via Balilla, sede Carbonia;

– Istituto comprensivo Satta, Carbonia.

“Segnalazioni della Giuria”

– Barbara Bernardini

– Roberto Carboni

– Stefano Casu

– CICC – Museo del carbone di Carbonia

– Pina Corona

– Sandra Devis Lakeman

– Corrado Maccioccu

– Nando Mannai

– Andrea Marotta

– Cinzia Melis

– Luciano Perinu

– Corrado Saba

Deledda Pascoli CortoghianaIstituto Tecnico AngiojIstituto Comprensivo SattaIstituto comprensivo Deledda Pascoli Carbonia

Si svolgeranno giovedì 21 maggio 2015, alle ore 10.30, presso la sala conferenze del Museo del Carbone all’interno della Grande Miniera di Serbariu, le premiazioni del Concorso fotografico “Cartoline da Carbonia”, organizzato dal comune di Carbonia per coinvolgere cittadini, studenti e turisti nella scoperta della nostra Città.

Nel corso della manifestazione le 10 fotografie vincitrici selezionate dalla giuria saranno premiate con una fornitura di 5 libri su Carbonia. Un attestato di partecipazione e una piccola pubblicazione saranno consegnati a tutti i partecipanti,  mentre le 4 menzioni di merito e i 12 autori segnalati dalla giuria riceveranno un piccolo riconoscimento.

Tutte le fotografie, ritenute idonee dalla Commissione, saranno pubblicate nella sezione “Cartoline da Carbonia” del sito internet comunale.

L’Amministrazione comunale, nell’invitare a partecipare alle premiazioni, ringrazia tutti coloro che hanno preso parte al concorso fotografico “Cartoline da Carbonia”, gli autori singoli e le scuole, che hanno aderito all’iniziativa, finalizzata a costruire un percorso condiviso di promozione e diffusione dell’immagine di Carbonia.

Ricordiamo i nomi degli autori delle 10 fotografie vincitrici (selezionate dalla Giuria) del Concorso fotografico “Cartoline da Carbonia”:

a) Sergio Carozza, con la foto “Chiesa di Santa Lucia”;

b) Carlo Di Bella, con la foto “Pagu Arruinaus”;

c) Alessia Loddo, dell’Istituto comprensivo Satta, con la foto “Murale nella piazzetta di Serbariu”;

d) Istituto comprensivo Deledda – Pascoli (sede di Cortoghiana), con la foto “E in mezzo … una scala”;

e) Alberto Maccioccu, con la foto “Riflesso di Piazza Roma”;

f) Mattia Massa, dell’Istituto tecnico Giovanni Maria Angioj, con la foto “Ombre alla stazione”;

g) Ornella Marisa Zara, con la foto “Paesaggio”;

h) Massimo Pateri, con la foto “Vista da Monte Leone”;

i) Paolo Vaccargiu, con la foto “Piazza Venezia Chiesa Sacro Cuore”;

l) Giuseppe Angelucci, con la foto “Riflesso sull’acqua”.

Vista la qualità delle immagini, la fantasia dei partecipanti e la loro curiosità nell’andare a scoprire gli scorci meno conosciuti di Carbonia e del suo paesaggio, la commissione ha scelto di attribuire diverse “Menzioni di merito” e“Segnalazioni della Giuria”.

Le “Menzioni di merito”, per l’impegno e il coinvolgimento degli studenti e gli ottimi risultati raggiunti, sono stati assegnati alle scuole:

– Istituto tecnico Giovanni Maria Angioi, Carbonia

– Istituto comprensivo Deledda – Pascoli, sede Cortoghiana;

– Istituto comprensivo Deledda – Pascoli via Balilla, sede Carbonia;

– Istituto comprensivo Satta, Carbonia.

Le “Segnalazioni della Giuria”, per l’attenzione con cui gli autori hanno colto prospettive e particolari della città, sono state assegnate a:

– Barbara Bernardini

– Roberto Carboni

– Stefano Casu

– CICC – Museo del carbone di Carbonia

– Pina Corona

– Sandra Devis Lakeman

– Corrado Maccioccu

– Nando Mannai

– Andrea Marotta

– Cinzia Melis

– Luciano Perinu

– Corrado Saba

Il totale complessivo dei “Mi piace”, alle ore 13.00 di mercoledì 13 maggio, è stato pari a 2.633, così suddiviso:

– foto “E in mezzo … una scala” dell’Istituto comprensivo Deledda – Pascoli Cortoghiana (1.017 “Mi piace”)

– foto n. 2 “Ombre alla stazione” di Mattia Massa, Istituto tecnico Giovanni Maria Angioj, Carbonia (845 “Mi piace”)

– foto “Riflesso di Piazza Roma” di Alberto Maccioccu (230 “Mi piace”)

– foto “Vista da Monte Leone” di Massimo Pateri (97 “Mi piace”)

– foto “Pagu Arruinaus” di Carlo Di Bella (96 “Mi piace”)

– foto “Riflesso sull’acqua” di Giuseppe Angelucci (93 “Mi piace”)

– foto “Piazza Venezia Chiesa Sacro Cuore” di Paolo Vaccargiu (72 “Mi piace”)

– foto “Chiesa di Santa Lucia” di Sergio Carozza (63 “Mi piace”)

– foto “Murale nella piazzetta di Serbariu” di Alessia Loddo, Istituto comprensivo Satta Carbonia (63 “Mi piace”)

– foto “Paesaggio” di Ornella Marisa Zara (57 “Mi piace”)

La foto “E in mezzo … una scala” dell’Istituto comprensivo Deledda – Pascoli Cortoghiana, che ha ottenuto il più alto numero di “Mi piace” alla scadenza della consultazione, sarà pubblicato nella home page del sito web del comune di Carbonia.

La segreteria organizzativa, visto l’alto numero di “Mi piace”, raccolti dalla foto “Ombre alla stazione” di Mattia Massa dell’Istituto Tecnico Giovanni Maria Angioj, ha deciso di pubblicare anche questo scatto fotografico in home.

Carbonia • Piazza Roma copia

Carbonia • Piazza Roma copia

Conclusa la consultazione anonima su Facebook, il comune di Carbonia presenta i nomi degli autori delle 10 fotografie vincitrici (selezionate dalla Giuria) del Concorso fotografico “Cartoline da Carbonia”:

a) Sergio Carozza, con la foto “Chiesa di Santa Lucia”;

b) Carlo Di Bella, con la foto “Pagu Arruinaus”;

c) Alessia Loddo, dell’Istituto comprensivo Satta, con la foto “Murale nella piazzetta di Serbariu”;

d) Istituto comprensivo Deledda – Pascoli (sede di Cortoghiana), con la foto “E in mezzo … una scala”;

e) Alberto Maccioccu, con la foto “Riflesso di Piazza Roma”;

f) Mattia Massa, dell’Istituto tecnico Giovanni Maria Angioj, con la foto “Ombre alla stazione”;

g) Ornella Marisa Zara, con la foto “Paesaggio”;

h) Massimo Pateri, con la foto “Vista da Monte Leone”;

i) Paolo Vaccargiu, con la foto “Piazza Venezia Chiesa Sacro Cuore”;

l) Giuseppe Angelucci, con la foto “Riflesso sull’acqua”.

Vista la qualità delle immagini, la fantasia dei partecipanti e la loro curiosità nell’andare a scoprire gli scorci meno conosciuti di Carbonia e del suo paesaggio, la commissione ha scelto di attribuire diverse “Menzioni di merito” e “Segnalazioni della Giuria”.

Le “Menzioni di merito”, per l’impegno e il coinvolgimento degli studenti e gli ottimi risultati raggiunti, sono stati assegnati alle scuole:

– Istituto tecnico Giovanni Maria Angioi, Carbonia

– Istituto comprensivo Deledda – Pascoli, sede Cortoghiana;

– Istituto comprensivo Deledda – Pascoli via Balilla, sede Carbonia;

– Istituto comprensivo Satta, Carbonia.

Le “Segnalazioni della Giuria”, per l’attenzione con cui gli autori hanno colto prospettive e particolari della città, sono state assegnate a:

– Barbara Bernardini

– Roberto Carboni

– Stefano Casu

– CICC – Museo del carbone di Carbonia

– Pina Corona

– Sandra Devis Lakeman

– Corrado Maccioccu

– Nando Mannai

– Andrea Marotta

– Cinzia Melis

– Luciano Perinu

– Corrado Saba

Per una maggiore condivisione, le 10 foto vincitrici sono state pubblicate in un apposito Album all’interno della pagina facebook “Carbonia Newsletter”. La consultazione su facebook scadeva alle ore 13 del 13 maggio.

Una consultazione su facebook, attraverso i “Mi piace”, ha sempre diversi limiti, ma nella convinzione che tutti cogliessero il senso della partecipazione e della sana competizione, si è voluto aggiungere questo passaggio sul social network, per far conoscere le foto degli autori vincitori ad un pubblico più vasto. In questa scelta la Segreteria organizzativa del Concorso ha pensato alla gratificazione personale degli stessi autori e alla promozione della nostra Città, le cui foto sono circolate su tantissimi profili ed hanno avuto una diffusione “virale”. Anche per questo, chi vorrà potrà continuare ad esprimere i propri “Mi piace” all’interno dell’Album.

Il totale complessivo dei “Mi piace”, alle ore 13.00 di mercoledì 13 maggio, è stato pari a 2.633, così suddiviso:

– foto “E in mezzo … una scala” dell’Istituto comprensivo Deledda – Pascoli Cortoghiana (1.017 “Mi piace”)

– foto n. 2 “Ombre alla stazione” di Mattia Massa, Istituto tecnico Giovanni Maria Angioj, Carbonia (845 “Mi piace”)

– foto “Riflesso di Piazza Roma” di Alberto Maccioccu (230 “Mi piace”)

– foto “Vista da Monte Leone” di Massimo Pateri (97 “Mi piace”)

– foto “Pagu Arruinaus” di Carlo Di Bella (96 “Mi piace”)

– foto “Riflesso sull’acqua” di Angelucci Giuseppe (93 “Mi piace”)

– foto “Piazza Venezia Chiesa Sacro Cuore” di Paolo Vaccargiu (72 “Mi piace”)

– foto “Chiesa di Santa Lucia” di Carozza Sergio (63 “Mi piace”)

– foto “Murale nella piazzetta di Serbariu” di Alessia Loddo, Istituto comprensivo Satta Carbonia (63 “Mi piace”)

– foto “Paesaggio” di Ornella Marisa Zara (57 “Mi piace”)

La foto “E in mezzo … una scala” dell’Istituto comprensivo Deledda – Pascoli Cortoghiana, che ha ottenuto il più alto numero di “Mi piace” alla scadenza della consultazione, sarà pubblicato nella home page del sito web del comune di Carbonia.

La segreteria organizzativa, visto l’alto numero di “Mi piace”, raccolti dalla foto “Ombre alla stazione” di Mattia Massa dell’Istituto Tecnico Giovanni Maria Angioj, ha deciso di pubblicare anche questo scatto fotografico in home.

Nello spirito del concorso, che intendeva creare un percorso condiviso di riscoperta della città e del suo territorio, visto con gli occhi dei cittadini, studenti e turisti, tutte le fotografie partecipanti, ritenute idonee dalla Giuria, saranno pubblicate, come galleria fotografica, in una sezione del sito www.comune.carbonia.ca.it

L’Amministrazione comunale ringrazia tutti coloro che hanno partecipato al concorso fotografico “Cartoline da Carbonia”, gli autori singoli e le scuole, i visitatori provenienti da vari paesi della Sardegna e da diverse città italiane, dagli Stati Uniti e dalla Germania, che hanno colto il significato dell’iniziativa ed hanno aiutato a promuovere e diffondere l’immagine di Carbonia.