7 December, 2022
HomePosts Tagged "Claudia Sedda"

A Villaspeciosa, sabato 3 e domenica 4 settembre, per la giornata inaugurale del Festival organizzato dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo, promosso dall’Unione dei Comuni “I Nuraghi di Monte Idda e Fanaris” che comprende i comuni di Decimoputzu, Siliqua, Vallermosa e Villaspeciosa e sostenuto della Fondazione di Sardegna e della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato alla P.I. BB. CC, si è radunato un discreto pubblico.
«Le giornate del Festival Vivere la Terra – dichiara Claudia Sedda, assessore della Cultura del comune di Villaspeciosa sono andate bene. Come Amministrazione ci auguriamo che questo festival possa crescere, sempre di più, e contribuire ad avvicinare la nostra comunità alla riscoperta della propria terra e delle proprie tradizioni.»
Più che positivo l’apprezzamento del pubblico per il laboratorio didattico che ha appassionato i partecipanti e animato la location del Parco di San Platano. L’evento didattico, realizzato a cura dall’Associazione Terras per conto della Città della Terra Cruda,
è stato il primo appuntamento della due giorni che si è tenuta a Villaspeciosa e che ha contribuito e tramandare alle nuove generazione le arti e i saperi tradizionali del territorio.
Particolarmente apprezzati, inoltre, i momenti artistici con l’inaugurazione del murale realizzato in Piazza Podda, da Davide Pils e dai ragazzi del territorio, l’esibizione musicale di Ronin, Sick Boy Simon e Randagiu Sardu, gli spettacoli degli artisti di strada che
domenica sera hanno animato le strade del paese e la proiezione del Film Arbores di Francesco Bussalai.
«Sabato 3 e domenica 4 settembre sono state due serate ben riuscite conclude Claudia Sedda realizzate grazie alla stretta collaborazione con le associazioni e i produttori locali. I bambini hanno riscoperto la terra cruda e giocato con gli artisti di strada, i ragazzi hanno potuto passare una serata con alcuni dei migliori artisti emergenti sardi, mentre l’intera comunità ha potuto vedere il film- documentario “Arbores” , che ci ha accompagnato ad un riflessione importante sulla nostra terra.»
Discreto apprezzamento hanno riscosso anche l’esposizione dei prodotti enogastronomici ed artigianali del territorio e la degustazione di prodotti e vini locali che in entrambe le giornate ha contribuito a mettere in mostra i sapori e le arti tipiche di Villaspeciosa.
I prossimi appuntamenti in calendario per il Festival della Terra, sono in programma a Siliqua, sabato 10 e domenica 11 settembre.

«Organizzare e Vivere un evento come questo è per il nostro paese un’occasione importantissima per promuovere, al meglio, le tante peculiarità e le tante bellezze e risorse di Villaspeciosa.»

Lo ha detto Claudia Sedda, assessora della Cultura del comune di Villaspeciosa.

L’evento è un’iniziativa promossa dall’Unione dei Comuni “I Nuraghi di Monte Idda e Fanaris” che comprende i Comuni di Decimoputzu, Siliqua, Vallermosa e Villaspeciosa, sostenuto della Fondazione di Sardegna e della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato alla P.I. BB. CC ed è organizzato dall’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo, che nelle intenzioni degli organizzatori dovrà rappresentare un importante vetrina per le comunità.

«Il Festival Vivere la Terra è per Villaspeciosa racconta l’assessora Claudia Sedda il primo evento organizzato in associazione con l’Unione dei Comuni Monte Idda-Fanaris. Per la nostra comunità e per il nostro paese questa è sicuramente una vetrina importante per far conoscere il nostro territorio e le nostre tradizioni, ma vuole anche essere una manifestazione di unione, compartecipazione e condivisione.»

L’appuntamento di Villaspeciosa, sabato 4 dicembre e domenica 5 dicembre, sarà solo il primo di una lunga serie d’iniziative che animeranno il territorio dei quattro comuni.

«La giornata di sabatoaggiunge Claudia Sedda inizierà con le visite guidate all’importante sito archeologico di San Cromazio, un unicum in tutto il territorio isolano grazie al vasto mosaico di epoca romana, e alla chiesa di San Platano. A fine mattinata sarà invece inaugurato il nuovo e ultimo murale a opera dell’artista Federico Crisa, realizzato proprio in questi giorni con la collaborazione di tanti ragazzi del territorio.»

La “terra”, cosi come la bellezza delle tradizioni troveranno invece spazio il pomeriggio, con le strade della cittadina che prenderanno vita con l’esposizione e realizzazione dei prodotti artigianali del territorio, il laboratorio di ricami e di abiti tradizionali sardi, le didattiche dedicate alla preparazione de sa fregua groga e de sa sapa, il laboratorio sulla preparazione del pane, l’intreccio dei cestini. Speriamo davvero di poter ospitare tanti turisti e curiosi e di far conoscere loro la nostra storia, le nostre tradizioni, i nostri costumi, i nostri piatti più antichi, e l’affascinante lavoro manuale dei nostri artigiani”.

La giornata di sabato si concluderà invece con due iniziative dedicate ai tanti gourmet che vivono in Sardegna. Un primo appuntamento con lo chef Cagliaritano Davide Bonu che si esibirà con uno show-cooking ad accesso contingentato dove i protagonisti saranno i sapori e i profumi del buon cibo locale e una degustazione di vini pregiati organizzata da cucina.eat.

La due giorni si concluderà domenica 5 dicembre con il concerto di Canti Sacri che si terrà nei locali della parrocchia della Beata Vergine Assunta alle ore 19:00.