27 November, 2021
HomePosts Tagged "Clemente Santonastaso"

[bing_translator]

Dopo Cassino, Giugliano ed Afragolese, anche il Gladiator ha alzato bandiera bianca contro la “Banda Mariotti” che al “Mario Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere, che l’ha sovrastata con quattro goal (a due), frutto di una dimostrazione di forza che va ben al di là dello stesso 4 a 2 finale. Il Carbonia ha così migliorato ulteriormente il bilancio della “campagna laziale-campana” che ha prodotto fin qui ben 4 vittorie (13 goal all’attivo e solo 4 al passivo – 4 a 0 con il Cassino, 3 a 2 con il Giugliano, 2 a 0 con l’Afragolese 4 a 2 oggi con il Gladiator), 1 pareggio per 1 a 1 d Ardea con il Team Nuova Florida (prossimo avversario al campo Is Collus di Santadi), e 2 sole sconfitte per 2 a 1, sul campo della Nocerina, e 2 a 0 sul campo della Vis Artena.

Oggi il Carbonia è arrivato a Santa Maria Capua Vetere carico per la vittoria di quattro giorni fa sul Lanusei, con una lista di convocati ancora priva degli infortunati Werther Carboni, Marco Russu, Fabio Mastino e Niccolò Agostinelli e di Moussa Soumare e Joseph Tetteh non convocati.

E le sue intenzioni le ha sbattute in faccia subito alla squadra campana, sbloccando il risultato dopo soli 5′, con un’azione martellante culminata con una deviazione del difensore Maurizio Maraucci (l’autore del goal del pari nella partita di andata, dopo il grandissimo goal di Cristian Stivaletta); e raddoppiando all’11’ con un calcio di rigore di Roberto Cappai (al 9° centro stagionale), che lo stesso centravanti si era procurato nel confronto con il diretto avversario Maurizio Maraucci.

Per un’altra dozzina di minuti, la squadra biancoblù è stata assoluta padrona del campo, controllando il centrocampo con un superbo Marco Piredda e Cristiano Palombi, non lasciando praticamente nessuna possibilità di incidere agli attaccanti del Gladiator.

Al 26′, improvvisamente, il Gladiator ha riaperto i giochi, con un goal di Alessandro Fusco che ha beffato Marco Manis, fin lì assolutamente indisturbato, su assist di Fausto Coppola. Il goal ha rianimato la squadra di Alessio Martino (alla terza partita in panchina in 8 giorni, dopo aver rilevato l’esonerato Clemente Santonastaso, terza sconfitta, dopo lo 0 a 6 interno con la capolista Latina e lo 0 a 2 sul campo dell’Aragolese) che al 35′ va ancora in goal, riacciuffando il pareggio sul 2 a 2: calcio d’angolo di Andrea Di Pietro per Antonio Del Sorbo, assist per Fausto Coppola che trova il varco giusto tra le maglie della difesa biancoblù.

Il Carbonia impiega poco a regnare ed al 38′ coglie una traversa con una conclusione del giovane Lorenzo Isaia. Più niente fino al riposo, con le squadre sul 2 a 2.

L’avvio di ripresa vede un Gladiator vivo, smanioso di tornare alla vittoria dopo quattordici giornate (in 13 giornate ha messo insieme solo 5 punti, frutto di altrettanti pareggi e ben 8 sconfitte), ed al3′ c’è voluto un grande Riccardo Cestaro per opporsi con il corpo ad una conclusione a botta sicura di Fausto Coppola  da centro area. La partita è filata via per una dozzina di minuti sul filo dell’equilibrio, senza grandi emozioni ed al 15′ Marco Mariotti ha effettuato tre cambi, due dei quali si sono poi rivelati decisivi: Emmanuel Odianose per Matteo Bagaglini, Cristian Stivaletta per Roberto Cappai e Gabriele Piras per Lorenzo Isaia. Dall’inizio della ripresa Matteo Moro aveva rilevato Nicola Serra.

I cambi danno nuova vivacità alla manovra del Carbonia che a metà tempo, in tre minuti, ha piazzato l’uno-due decisivo, un’autentica mazzata per il Gladiator. Al 23′ Cristiano Palombi ha trovato il corridoio giusto per lo scatto di Emmanuel Odianose che velocissimo si è presentato da solo davanti ad Antonino Fusco (subentrato di ripresa a Gioacchino Maione), superandolo con un diagonale imparabile alla sua destra. Il Carbonia ha capito che il momento sarebbe potuto essere decisivo per chiudere i  conti e prima ha sfiorato la quaterna con Cristian Stivaletta, poi l’ha centrata con lo stesso nuovo entrato che ha così fatto il bis dell’eurogoal della partita di andata, su assist di uno scatenato Emmanuel Odianose.

Il risultato, sul 4 a 2, a una ventina di minuti dalla fine, è apparso ormai segnato, il Gladiator ha tentato un’ultima reazione con Antonio Del Sorbo, sulla cui conclusione Marco Manis si è opposto con uno balzo felino alla sua sinistra. Nel finale più niente e Carbonia in porto con la preziosa meritatissima vittoria che vale il quarto posto in classifica, alla vigilia della partita casalinga con il Team Nuova Florida (Covid-19 permettendo, considerato che oggi la squadra laziale non ha giocato la partita interna con il Muravera per la presenza di contagi).

Sugli altri campi, il Latte Dolce è stato battuto in casa 3 a 2, in rimonta, dal Monterosi; la Torres ha perso in casa 2 a 1 con la Nocerina; l’Arzachena ha perso 1 a 0 sul campo del Nola; il Lanusei ha superato 1 a 0 l’Insieme Formia. Il Latina ha vinto 3 a 0 sul campo del Giugliano, fanalino di coda della classifica ma con ben cinque partite da recuperare; Savoia e Vis Artena hanno pareggiato 0 a 0. Cassino-Afragolese, come Team Nuova Florida-Muravera è stata rinviata per problemi legati ai contagi di Coronavirus.

Gladiator: Maione (dal 1′ s.t. Fusco), Di Finizio, Esposito, Vitiello, Maraucci, Siciliano, Falco (39′ p.t. Arrivoli), Di Monte (13′ s.t. Strianese), Del Sorbo, Di Pietro (5′ s.t. Marzano), Coppola. A disposizione: Oliva, De Carlo, Fazi, Altomare, Doto. All. Alessio Martino.

Carbonia: Manis, Fredrich, Serra (dal 1′ s.t. Moro, 42′ s.t. Berman), Cestaro, Bagaglini (15′ s.t. Odianose), Gjuci, Piredda, Palombi, Cappai (15′ s.t. Stivaletta), Salvaterra, Isaia (15′ s.t. Piras). A disposizione: Bigotti, Pischedda, Costa, Cannas. All. Marco Mariotti.

Arbitro: Simone Di Renzo di Bolzano.

Assistenti di linea: Francesco Tragni di Matera e Giuseppe Chiarillo di Moliterno.

Marcatori: al 5′ p.t. Maurizio Maraucci (aut.), 11′ p.t. Roberto Cappai (su calcio di rigore), 25′ p.t. Alessandro Falco, 35′ p.t. Fausto Coppola, 23′ s.t. Emmanuel Odianose, 26′ s.t. Cristian Stivaletta.

Ammoniti: Di Monte, Di Pietro, Vitiello, Piredda, Isaia.

[bing_translator]

A distanza di quattro giorni dal vittorioso derby con il Lanusei, il Carbonia torna in campo questo pomeriggio allo stadio “Mario Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere contro il Gladiator (fischio d’inizio ore 14.30, dirige Simone Di Renzo di Bolzano, assistenti di linea Francesco Tragni di Matera e Giuseppe Chiarillo di Moliterno). All’andata, alComunale di Villamassargia, la partita terminò 1 a 1, con un eurogoal di Cristian Stivaletta e pari immediato di Maurizio Maraucci per i campani, allora allenati da Clemente Santonastaso, poi esonerato e sostituito prima da Nello Di Costanzo, poi, a seguito di un accordo saltato quando sembrava fatto, da Alessio Martino.

Il Gladiator, terz’ultimo con 14 punti, è la squadra più in difficoltà del girone. Dopo la vittoria sulla Nocerina della sesta giornata, quando era al settimo posto con 9 punti, alla pari con Carbonia, Muravera e Latte Dolce, la squadra campana ha inanellato una serie di risultati negativi lunghissima, con 5 pareggi e 8 sconfitte in 13 giornate, che l’hanno fatta precipitare in coda alla classifica.

Il Carbonia in queste 13 giornate ha fatto un percorso ben diverso, con 21 punti che l’hanno fatto salire sino al quinto posto, ma Marco Mariotti, giustamente, non si fida e chiede ai suoi la massima concentrazione per continuare il brillante percorso tenuto fin qui. Oggi recupera Nicola Serra che ha scontato una giornata di squalifica, e Daniele Cannas, che ha smaltito un leggero infortunio. Sono ancora indisponibili Werther Carboni, Marco Russu, Fabio Mastino e Niccolò Agostinelli e non sono stati convocati Moussa Soumare e Joseph Tetteh.

Le formazioni annunciate dai due tecnici.

Gladiator: Maione, Di Finizio, Esposito, Vitiello, Maraucci, Siciliano, Falco, Di Monte, Del Sorbo, Di Pietro, Coppola. A disposizione: Fusco, Oliva, De Carlo, Strainese, Fazi, Marzano, Arrivoli, Altomare, Doto. All. Alessio Martino.

Carbonia: Manis, Salvaterra, Fredrich, Serra, Cestaro, Bagaglini, Isaia, Palombi, Cappai, Piredda, Gjuci. A disposizione: Bigotti, Moro, Stivaletta, Berman, Odianose, Pischedda, Costa, Cannas, Piras. All. Marco Mariotti.

Sugli altri campi, il Latte Dolce ospita a Sennori il Monterosi, la Torres attende la visita della Nocerina, il Lanusei quella dell’Insieme Formia. L’Arzachena gioca sul campo del Nola. Fermo ai box il Muravera, per il rinvio della partita di Ardea con il Team Nuova Florida (prossimo avversario del Carbonia) che è alle prese con casi di contagio da Coronavirus. Non si gioca per gli stessi motivi Cassino-Afragolese. Completano il programma della quarta giornata del girone di ritorno, le partite Savoia-Vis Artena e Giugliano-Latina.

Giampaolo Cirronis

 

[bing_translator]

Il Gladiator ha espugnato il campo dell’Insieme Formia nel recupero della 5ª giornata del campionato di serie D: 2 a 1. La squadra laziale, finora imbattuta e potenzialmente capolista (3 vittorie e 1 pareggio nelle prime quattro partite disputate), è passata in vantaggio dopo solo 1′ con l’argentino Victor Gomez, il Gladiator ha pareggiato subito con Luca Ferraro (confermando il grande spirito di reazione mostrato nel recupero di domenica scorsa con il Carbonia, a Villamassargia) e ha realizzato il goal della vittoria in pieno recupero al 46′ del secondo tempo, con Alessandro Falco, quando l’Insieme Formia era in 10 (dal 10′ del secondo tempo) per l’espulsione del difensore Nicola Pirolozzi. Nel proseguo del recupero, l’Insieme Formia ha perso anche un secondo uomo per espulsione, l’attaccante Victor Gomez.

La squadra di Clemente Santonastaso con i 3 punti, frutto della prima vittoria, dopo 3 pareggi e 1 sconfitta, sale a quota 6 punti in classifica e raggiunge il Carbonia, mentre l’Insieme Formia resta fermo a quota 10, al quarto posto. Entrambe le squadre devono ancora recuperare una partita.

Domenica 22 novembre si dovrebbero giocare i recuperi Cassino-Muravera e Nola-Monterosi, sono state ancora rinviate le partite Giugliano-Carbonia, Latte Dolce-Afragolese e Torres-Vis Artena e potrebbe essere rinviata anche la partita Lanusei-Latina, tutte partite che si sarebbero dovute giocare domenica 8 novembre, per la sesta giornata del girone d’andata.

 

[bing_translator]

Il Carbonia c’è! Tornata in campo dopo tre settimane, priva di quattro titolari (il capitano Matteo Bagaglini; il centravanti Roberto Cappai, assente dall’inizio della stagione; Cristiano Palombi e Fabio Fredrich) e del tecnico Marco Mariotti appiedato per un turno dal giudice sportivo dopo l’espulsione rimediata nel match casalingo con il Savoia, dopo due settimane travagliate per le vicende extratecniche che hanno determinato l’“esilio” forzato a Villamassargia, la squadra biancoblù ha disputato un’eccellente partita con il Gladiator, conquistando un prezioso pareggio ed un punto che pesa tanto per la classifica.

Carbonia-Gladiator è stata una bella partita che il Carbonia avrebbe potuto vincere ma anche perdere, perché la squadra campana, finora rimasta quasi nascosta per i numerosi rinvii determinati dall’emergenza Coronavirus, s’è rivelata una buona squadra, equilibrata in tutti i reparti e capace di esprimere un buon calcio. Dopo un avvio equilibrato, con occasioni da una parte e dall’altra (conclusione di Lorenzo Di Finizio respinta con un piede da Werther Carboni; risposta di Cristian Stivaletta deviata in angolo da Antonino Fusco), il Carbonia è riuscito a sbloccare il risultato, al 35′, con uno strepitoso goal di Cristian Stivaletta che al termine di una bella combinazione, ha sfoderato un destro sensazionale da oltre 30 metri, potentissimo, che ha spedito il pallone all’incrocio dei pali alle spalle dell’incolpevole giovane portiere campano Antonino Fusco (classe 2000).

Neppure il tempo di festeggiare e di organizzarsi per la gestione del risultato, che il Gladiator ha pareggiato: calcio di punizione sulla destra della trequarti campo del Carbonia, sbracciate in area prima del calcio, poi la battuta sulla quale il difensore Maurizio Maraucci è saltato molto in alto, deviando di testa alle spalle di Werther Carboni. 1 a 1, tutto da rifare.

La partita non ha cambiato volto, con le squadre impegnate a superarsi. E nel finale del tempo, al 43′, la palla buona, su assist di Ador Gjuci, l’ha avuta Marco Piredda che ha calciato a botta sicura da favorevolissima posizione, trovando sulla sua strada una superba risposta del portiere.

Nella ripresa l’equilibrio non s’è spezzato. Un’occasione per parte, poi è iniziata la girandola dei cambi, con le squadre ancora decise a cercare la vittoria. Gianni Maricca ha inserito Moussa Soumarè al posto di Emmanuel Odianose e poi ha arretrato Marco Piredda, avanzando Cristian Stivaletta che ha avuto la palla buona per il goal partita. Nel finale il Carbonia ci ha provato con maggior convinzione, ma il risultato non è cambiato e il pareggio, in fondo, accontenta entrambe le squadre.

Il Carbonia sale a quota 6, in 5 partita giocate; il Gladiator, al terzo pareggio in 4 partite, sale a 3 punti. La squadra di Clemente Santonastaso mercoledì 18 novembre recupererà la partita della quinta giornata sul campo del Team Nuova Florida, a Formia, mentre il Carbonia ora si ferma almeno fino a domenica 29 novembre, quando salvo nuovi rinvii ripartirà il calendario, che prevede la partita casalinga con il Nola. L’auspicio è che in questo lasso di tempo si possa giungere ad un accordo tra comune di Carbonia di Carbonia e Carbonia Calcio e che la partita si possa giocare al Comunale “Carlo Zoboli”.