8 February, 2023
HomePosts Tagged "Emanuele Bazzoni"

[bing_translator]

Il Santuario di San Gemiliano di Villanova Truschedu.

Il Santuario di San Gemiliano di Villanova Truschedu.

Una grande kermesse per mettere in vetrina le eccellenze agroalimentari del territorio. A Villanova Truschedu, piccolo Comune di 324 abitanti della provincia di Oristano, si scaldano i motori per la “Sagra degli asparagi”, in programma domenica nel centro del Barigadu. Un evento che, sotto l’egida dell’Amministrazione comunale e della pro loco con il patrocinio della Regione Sardegna, è giunto alla sesta edizione. Degustazioni, show coking, animazione per le strade del paese e una fiera delle produzioni tipiche: grandi protagonisti gli asparagi, tra le prelibatezze della tavola della Sardegna e uno dei simboli dell’economia di Villanova Truschedu, con coltivazioni che si estendono nelle campagne attorno al paese.

Non solo cibo, comunque. Perché nel corso del weekend l’intero paese si aprirà a turisti e semplici curiosi, per una giornata all’insegna delle tradizioni locali. Saranno infatti possibili, grazie all’impegno delle associazioni culturali, le visite guidate ai tesori del territorio: a partire dalle 9.30 i visitatori potranno usufruire di un servizio con guide turistiche in un percorso unico che si allunga dal nuraghe Santa Barbara al novenario di San Gemiliano sino al punto panoramico di S’Urachi. Storia e saperi che si fonderanno poi con sapori e colori del Barigadu. Non mancheranno – a partire dalle 12.30 – le degustazioni di piatti a base di asparagi accompagnati dai vini locali. Nel corso del pomeriggio, lungo le strade del centro storico si alterneranno degli stand con le produzioni di alta qualità e le creazioni dell’artigianato isolano, con il contorno dei costumi locali della tradizione contadina. Alle 17.00, un intermezzo musicale con balli in piazza con il gruppo “A ballare” di Roberto Fadda ed Emanuele Bazzoni. Nel centro sociale del paese, inoltre, aprirà i battenti una mostra della flora e della fauna della Sardegna, promossa dall’Agenzia Forestas, e si ripercorreranno le fasi dell’estrazione di oli essenziali per distillazione con l’esperto Raimondo Usai.

Il sindaco Claudio Palmas mette l’accento sulle finalità della manifestazione. «La Sagra degli asparagi – dice il primo cittadino – è diventata un appuntamento irrinunciabile per il nostro paese, ma anche per tutto il Barigadu, rappresentando una straordinaria occasione per promuovere e valorizzare le nostre tipicità. Gli asparagi si propongono come uno dei fattori trainanti della nostra economia agricola, vera spina dorsale per il rilancio del territorio.»

Specialità enogastronomiche ma anche cultura e tradizioni che si snoderanno a Villanova Truschedu: «Proprio così – conclude Claudio Palmas – si configura come uno degli eventi più importanti per il Barigadu, visto che proporremo a turisti e semplici curiosi i nostri tesori.»

PROGRAMMA DELLA SAGRA

Ore 9.30 – Visita guidata in navetta al nuraghe Santa Barbara, al Novenario di San Gemiliano e al punto panoramico di S’Urachi

Dalle 12.30 alle 14.30 – Degustazione di piatti a base di asparagi

Dalle 17.00 – Degustazione di piatti a base di asparagi e di seguito musica e balli in piazza con il gruppo “A ballare” di Roberto Fadda e Emanuele Bazzoni

Durante la giornata, presso il Centro Sociale, sarà possibile visitare la mostra della flora e della fauna della Sardegna (a cura dell’Agenzia Forestas) e conoscere le erbe aromatiche, mangerecce e officinali e le diverse preparazioni.

Dimostrazione dell’estrazione di oli essenziali per distillazione (a cura di Raimondo Usai)

Per informazioni: Cell. 388 3666200 Mail: proloco.villanovatruschedu@gmail.com

[bing_translator]

Battute finali, a Neoneli, per la sesta edizione de “Sa festa de sa fregula istuvada e de sa cassola – Licanìas de Barigadu”. La manifestazione promossa dal Comune sfoglia le sue ultime pagine con una lunga giornata di eventi, dalla mattina a tarda sera, tra presentazioni editoriali, spettacoli, musica, cinema e le degustazioni dei due piatti tipici della cucina neonolese: sa fregula istuvada, cucinata con strutto e pecorino, e sa cassola, a base di carne di pecora.

La mattina, dalle 10.00, nelle case e strade del centro storico tornano le esposizioni dei prodotti gastronomici e di artigianato, mentre a Sa ‘omo ‘e Bona ci si può cimentare in un laboratorio (gratuito) per la preparazione manuale della fregula.

Alle 11.00, a Casa Cherchi, viene presentato per la prima volta al pubblico il libro fotografico “Neoneli – Uno sguardo contemporaneo”, a cura di Salvatore Ligios, fresco di stampa per la Soter Editrice. In 516 pagine e 440 immagini, raccoglie testi di Salvatore Cau, Salvatore Ligios, Sonia Borsato, Salvatore Tola e gli scatti di trentuno fotografi: una corposa selezione di immagini prodotte nei seminari organizzati dal comune di Neoneli dal 2010 allo scorso anno sotto la guida di Salvatore Ligios, per esplorare nel tempo differenti aspetti della comunità: il centro storico, il territorio, i ritratti, le tradizioni popolari e i mestieri.

Altre pagine al centro del successivo incontro in programma a mezzogiorno: Eliano Cau dialoga con Vanessa Roggeri, autrice del romanzo “Fiore di fulmine“, seconda uscita per Garzanti della scrittrice cagliaritana.

Nel pomeriggio, si ritorna nel centro storico per un concerto del Coro Polifonico e Cuncordu Stella Maris di Magomadas (alle 16.00), una degustazione di vini locali con Dario Cappelloni (alla stessa ora nel largo Margherita; assaggi al bicchiere al costo di un euro, oppure in un calice con la sacchetta a 5 euro), e per lo spettacolo “Prof. Pietrosky e il coniglio nel cappello”, dell’attore e giocoliere Pietro Olla (alle 18.00).

In piazza Barigadu, sempre alle 18, il gran finale gastronomico con la degustazione (al costo di 7 euro) dei due piatti della tradizione culinaria neonelese, la fregula istuvada e la cassola, l’esibizione dei gruppi folk Città Di Assemini e Pro Loco di Samugheo, e del trio musicale formato da Roberto Fadda (all’organetto), Emanuele Bazzoni (chitarra e voce) e Andrea Fadda (percussioni).

Alle 21.00 in piazza Italia, infine, racconti di Lalla Careddu a precedere la proiezione di “Neoneli e la settimana santa – rinascita di una tradizione“: un cortometraggio di Vincenzo Ligios e Giampiero Bazzu che documenta il recupero, avvenuto la scorsa Primavera, dopo una settantina d’anni di oblio nel paese del Barigadu, dell’antico rito pasquale de S’iscravamentu, la deposizione del Cristo dalla Croce e i riti della settimana santa ad essa collegati. La visione del film è introdotta da Alessandro Cossu e seguita da un dibattito con l’intervento dei due autori.

La sesta edizione de “Sa festa de sa fregula istuvada e de sa cassola – Licanìas de Barigadu” è organizzata dal comune di Neoneli con il contributo e la collaborazione di Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio), Unione dei comuni del Barigadu, Centro Commerciale Naturale di Neoneli, Consulta Giovani di Neoneli, Federazione Italiana Cuochi, la Città del Vino, associazione Borghi Autentici, Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino (ONAV), associazione culturale Su Palatu, Sistema bibliotecario del Barigadu, C.E.A.S. Guilcier – Barigadu (Centro di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità), Smeralda Consulting, Il Menù di Elia Saba.

 Neoneli Fregula (s)Neoneli (2)