18 April, 2021
HomePosts Tagged "Francesca Corrias" (Page 5)

[bing_translator]

Si terrà domenica 26 luglio, alle ore 22.00, all’Anfiteatro di Monte Sirai, il terzo appuntamento del più ampio programma del XXXIII Festival “La Notte dei Poeti”, organizzato dal CeDAC e dedicato ai Grandi Maestri d’arte e di vita, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Carbonia.

In scena andrà Roundella, nuova formazione musicale dall’anima swing. Roundella è un’idea che nasce nella primavera del 2012 quando Francesca Corrias, Filippo Mundula e Gianrico Manca, sulla base del precedente quartetto “Around Ella” (tributo ad Ella Fitzgerald), danno vita ad un progetto totalmente originale avvalendosi della chitarra di Mauro Laconi.

Roundella attinge consapevolmente dal jazz per spingersi in territori più sperimentali, vicini all’hip hop più underground e mette l’accento sull’intreccio di poliritmie ben radicate nella grande vicenda della black music.

Roundella è una continua ricerca ritmica e sonora in cui le influenze si intrecciano senza creare barriere e le differenti personalità dei quattro musicisti trovano una unità completa nel groove e nel beat.

Nell’estate 2014 esce l’Ep Biography, in esclusiva per il portale nazionale Rockit, prodotto da S’ard Music e il videoclip del singolo Biography viene lanciato su youtube.

Lo stile e le atmosfere della band seducono e convincono pubblico e critica… e il nuovo album (sotto l’egida di S’Ardmusic/Jazz in Sardegna/Egea – producer Michele Palmas) è già online su YouTube: dieci tracce che riassumono la cifra musicale eclettica e decisamente contemporanea di Roundella.

ROUNDELLA

Monte Sirai 1 copia

Si terrà domenica 5 luglio il primo dei tre appuntamenti, ospitati dall’affascinante cornice dell’anfiteatro di Monte Sirai, del più ampio programma del XXXIII Festival “La Notte dei Poeti”, organizzato dal CeDAC e dedicato ai Grandi Maestri d’arte e di vita. Gli appuntamenti che si terranno a Carbonia sono organizzati in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

A dare il via al suggestivo trittico sonoro – domenica 5 luglio, alle 22.00 – sarà il concerto di “The Choir of Gonville and Caius College” (il Coro del Gonville & Caius College) di Cambridge – uno dei più conosciuti  e apprezzati ensemble vocali e strumentali giovanili inglesi, nell’ambito della tradizione dei cori universitari. Il coro, diretto dal maestro Geoffrey Webber, sfoglierà pagine importanti della letteratura musicale, sacra ma anche profana, antica e contemporanea: dalla ricca produzione nata nella Chiesa Anglicana alle partiture commissionate a celebri compositori, con particolare attenzione alla musica celtica (VII e XIV secolo).

Sarà poi la volta – sabato 11 luglio sempre alle 22.00 – di “# KOI – cantando danzavamo”, di e con Chiara Murru e Frantziscu Medda -Arrogalla. Un progetto ispirato alla scrittura di Sergio Atzeni, in particolare al romanzo “Passavamo sulla terra leggeri” e all’enigma delle maschere dei Mamuthones scolpite dal mamojadino Franco Sale. Sonorità contemporanee, voci ed echi della natura ed elaborazioni elettroniche, per un viaggio tra antichi e nuovi riti del Mediterraneo, interpretati da un gruppo di giovani danzatori e performers in un coinvolgente spettacolo che nasce e si trasforma di volta in volta insieme al paesaggio.

Chiuderà il programma dell’anfiteatro di Monte Sirai – domenica 26 luglio, alle 22.00 – il concerto di Roundella, nuova formazione musicale dall’anima swing, con  la cantante Francesca Corrias (voce e effetti), Mauro Laconi alla chitarra elettrica, Filippo Mundula al contrabbasso e Gianrico Manca alla batteria. Un affiatato quartetto di eccellenti musicisti per un viaggio sulle vie del jazz, con incursioni nell’hip hop e nei territori della black music. L’ensemble porta avanti una continua ricerca ritmica e sonora in cui le influenze si intrecciano senza creare barriere e le differenti personalità dei quattro musicisti trovano unità completa nel groove e nel beat.

L’anfiteatro di Monte Sirai, tra il 5 e il 26 luglio, nell’ambito del XXXIII Festival La Notte dei Poeti organizzato dal CeDAC e dedicato ai Grandi Maestri d’arte e di vita, ospiterà tre appuntamenti nel segno della musica e della danza.

A dare il la al suggestivo trittico sonoro – domenica 5 luglio alle 22.00 – sarà il concerto di The Choir of Gonville and Caius College (il Coro del Gonville & Caius College) di Cambridge – uno dei più conosciuti e apprezzati ensemble vocali e strumentali giovanili inglesi, in seno alla tradizione dei cori universitari. Il coro, diretto dal maestro Geoffrey Webber, sfoglierà pagine importanti della ricca letteratura musicale, sacra ma anche profana, antica e contemporanea: dalla ricca produzione fiorita in seno alla Chiesa Anglicana alle partiture commissionate a celebri compositori, con particolare attenzione alla musica celtica tra VII e XIV secolo.

Sarà poi la volta – sabato 11 luglio sempre alle 22.00 –  di # KOI – cantando danzavamo di e con Chiara Murru e Frantziscu Medda-Arrogalla: un progetto ispirato alla scrittura di Sergio Atzeni – in particolare il romanzo “Passavamo sulla terra leggeri” e all’enigma delle maschere dei Mamuthones scolpite dal mamojadino Franco Sale. Sonorità contemporanee, voci ed echi della natura ed elaborazioni elettroniche per un viaggio tra antichi e nuovi riti del Mediterraneo, interpretati da un gruppo di giovani danzatori e performers in un coinvolgente spettacolo che nasce e si trasforma di volta in volta insieme al paesaggio.

Suggellerà il programma dell’anfiteatro di Monte Sirai – domenica 26 luglio, alle 22.00 – il concerto di Roundella – nuova formazione musicale dall’anima swing che schiera  la cantante Francesca Corrias (voce e effetti) insieme a Mauro Laconi alla chitarra elettrica, Filippo Mundula al contrabbasso e Gianrico Manca alla batteria. Un affiatato quartetto di eccellenti musicisti per un viaggio sulle vie del jazz, con incursioni nell’hip hop e nei territori della black music: l’ensemble porta avanti una continua ricerca ritmica e sonora in cui le influenze si intrecciano senza creare barriere e le differenti personalità dei quattro musicisti trovano una unità completa nel groove e nel beat.

Francesca Corrias Choir of Gonville

Cagliari 7

Entrano nel vivo a Cagliari le celebrazioni per il 70° anniversario della liberazione dal nazifascismo, promosse dal Comitato 25 Aprile. Al tradizionale corteo del 25 aprile (che sabato si snoderà per le vie cittadine, da piazza Garibaldi a piazza del Carmine) si aggiungeranno mostre, concerti e dibattiti, in un cartellone di iniziative che proseguirà poi per tutto il mese.

Tre gli appuntamenti in programma venerdì 24. A Quartu Sant’Elena l’associazione Chenàbura e l’Associazione Autonoma Partigiani Sardi organizzano l’incontro su “Emilio Lussu e le leggi razziali”. Appuntamento alle ore 9.30 nella sala del Consiglio comunale. Dopo il saluto del presidente del Consiglio comunale, del sindaco e dell’assessore alla cultura, interverranno Mario Carboni (presidente dell’associazione Chenàbura), Alessandro Matta (direttore dell’associazione Memoriale Sardo della Shoah) e il presidente dell’Uaps Franco Boi. Sono previste letture a cura di Carlo Antonio Angioni, coordina l’iniziativa Tore Amos Pirino.

A Cagliari, alle ore 18.00, si inaugura nel centro d’arte “Il Ghetto” (in via Santa Croce 18) la mostra “Vittore Bocchetta. Vita e Arte di un antifascista”, una personale dedicata ad uno straordinario testimone del Novecento. Nato a Sassari nel 1918 ma cresciuto a Cagliari, trasferitosi a Verona dove diviene a membro del CLN cittadino, incarcerato in Italia, viene deportato nei lager nazisti di Flossenburg ed Hersbruck. Alla fine della guerra, tornato in Italia, intraprende la carriera di artista prima in America Latina, poi di accademico negli Stati Uniti (ha insegnato spagnolo e letteratura comparata in diverse università). Bocchetta ha raccontato le sue vicende in numerosi libri, mostrando così anche il suo talento letterario.

La mostra “Vittore Bocchetta. Vita e Arte di un antifascista” (curata da Emanuela Falqui) è divisa in due sezioni; la prima parte è dedicata all’attività sulla memoria storica e riprende le fila dell’opera letteraria, “Prima e dopo ‘quadri’ 1918-1949”, un’autobiografia accompagnata da una serie di disegni, collage che ritraggono diversi episodi della resistenza a Verona, il carcere, la tortura, gli interrogatori, il lager e la liberazione; la seconda parte riguarda il periodo statunitense, durante il quale ha lavorato intensamente sperimentando forme e materiali diversi nel suo atelier di Chicago. In America è stato invitato ad esporre in diverse città; definito dalla critica “Uomo del Rinascimento”, ha realizzato diversi monumenti pubblici. Nel 1989 è considerato tra gli artisti più amati per la scultura “Mother Earth” presso il Chicago Public Library Cultural Center. Oggi alcune sue opere sono catalogate e tutelate tra i monumenti della Smithsonian Institution.

Grazie al prezioso archivio conservato dal nipote cagliaritano di Vittore, Alberto Bocchetta, saranno inoltre visibili una serie di documenti, lettere, articoli, fotografie che raccontano alcuni momenti salienti dalla vita dell’artista.

Nel corso dell’inaugurazione verrà proiettato il documentario del 2007 su Vittore Bocchetta “Wider das Vergessen / Non dimenticare” di Claus Dobberke e Stefan Mehlhorn.

Bocchetta non sarà presente il giorno dell’inaugurazione ma sarà invece protagonista di un incontro sabato 2 maggio, al Ghetto, a partire dalle ore 17.30.

La mostra “Vittore Bocchetta. Vita e Arte di un antifascista” resterà aperta fino al 17 maggio (dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 20.00; lunedì riposo), ed è promossa dal Comitato 25 Aprile, dal Comitato provinciale dell’Anpi di Cagliari, dall’Uaps, dall’Anppia e dall’associazione Asibiri, con il patrocinio del Comune di Cagliari e l’organizzazione di Emanuela Falqui, Andrea Mameli e Alberto Bocchetta.

Il terzo appuntamento di venerdì sarà ancora a Cagliari dove alle ore 19, nella sala della Cineteca Sarda in viale Trieste 126, è in programma “Un caffè con contorno di jazz”, con gli interventi di Paolo Zucca, Giorgio Ariu, Clara Murtas, Luciano Uras e Basilio Sulis. A seguire “Gramsci in concert”, con la voce recitante di Clara Murtas, il trombone di Giancarlo Schiaffini e il contrabbasso di Adriano Orrù che accompagneranno le immagini di un documentario su Gramsci firmato da Giorgio Baratta.

Sabato 25 aprile, giorno in cui si celebra la festa nazionale della Liberazione, a Cagliari si terrà il tradizionale corteo organizzato dal Comitato 25 Aprile, con la partecipazione di gruppi, associazioni, sindacati e rappresentanti delle istituzioni. Il ritrovo sarà alle 9.30 in piazza Garibaldi. Il corteo si fermerà al Parco delle Rimembranze di via Sonnino dove verrà deposta una corona in memoria dei caduti e dove i rappresentanti delle istituzioni terranno i loro interventi. Il corteo proseguirà poi fino a piazza del Carmine dove, coordinati dai giornalisti Alessandra Addari e Vito Biolchini, sono previsti interventi e letture da parte di giovani e studenti e un intervento di un rappresentante del Comitato 25 Aprile.

Nella mattina di sabato 25 aprile è prevista una iniziativa commemorativa a San Nicolò Gerrei. Nel pomeriggio invece le commemorazioni si spostano a Quartu (piazza Sant’Elena) e a Monserrato, dove alle ore 18 presso la chiesa di Sant’Ambrogio verrà celebrata una Messa in suffragio. Seguirà la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti e la posa di una targa commemorativa presso la facciata della casa dove nacque e visse l’antifascista Giuseppe Zuddas.

A Cagliari la festa della Liberazione continuerà nel pomeriggio sotto il segno del teatro e della musica.

Alle ore 18, al Teatro “La Vetreria” di Pirri, l’attore Maurizio Mezzorani, accompagnato da un gruppo di musicisti capitanato da Mauro Palmas, porta in scena “Partigiani fratelli maggiori”, ispirato ad un testo di Gianfranco Macciotta.

A partire dalle 17.30 in piazza del Carmine prenderà il via una maratona musicale che per tre ore vedrà protagoniste diverse band giovanili. La serata si concluderà nel segno del jazz con il concerto, a partire dalle 20.30, della cantante Francesca Corrias, accompagnata dal suo quartetto.

La #Cantina Sardus Pater ha ospitato domenica sera la seconda tappa del “#Carignano Music Experience 2014″, la rassegna promossa dall’#Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, con la direzione artistica del maestro Fabio Furia, che presenta artisti di richiamo internazionale per celebrare il rosso Carignano, vino“ambasciatore” del Sulcis Iglesiente.

Dopo l’esordio di due settimane fa a Calasetta con lo spettacolo “Danze sul mare 2.0″, a Sant’Antioco è andato in scena lo spettacolo “Francesca Corrias & Sunflower Quartet”Il quartetto è stato costituito nell’estate del 2005, quasi per caso. A Sant’Antioco, in uno dei regni del Carignano del Sulcis, dopo i brevi interventi del sindaco Mario Corongiu e del presidente della Cantina Sardus Pater Raffaele De Matteis, intervistati da Paolo Serra, ha presentato un repertorio fatto di brani inediti in italiano, inglese e portoghese, scritti e cantati dalla straordinaria voce di Francesca Corrias (voce e flauto) ed arrangiati con i musicisti Sandro Mura (piano), Filippo Mundula (contrabbasso) e Pierpaolo Frailis (batteria).

Al termine del concerto, durato poco più di un’ora, la consueta degustazione di un piatto preparato dal noto chef Achille Pinna, accompagnato dai vini della #Cantina Sardus Pater.
Il terzo appuntamento di “Carignano Music Experience 2014”, domenica 24 agosto, si terrà alla Cantina Santadi, con Fabio Concato.

IMG_2013IMG_1988 IMG_1991 IMG_1998 IMG_2005 IMG_2012   IMG_9898 IMG_9897IMG_9903IMG_9900  IMG_9914 IMG_9919 IMG_9927 Francesca Corrias 1 Francesca Corrias 2 Francesca Corrias 3

Lo spettacolo della giornata inaugurale del 3 agosto a Calasetta.

Lo spettacolo della giornata inaugurale del 3 agosto a Calasetta.

La #Cantina Sardus Pater ospita domenica sera la seconda tappa del “#Carignano Music Experience 2014”, rassegna promossa dall’#Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, con la direzione artistica del maestro Fabio Furia.

Il festival musicale, animato dalla presentazione di artisti di richiamo internazionale, celebra il rosso Carignano, vino “ambasciatore” del Sulcis Iglesiente, con cinque appuntamenti.
Dopo l’esordio di due settimane fa a Calasetta con lo spettacolo “Danze sul mare 2.0”, domenica 17, a Sant’Antioco, andrà in scena lo spettacolo “Francesca Corrias & Sunflower Quartet”, con degustazione di un piatto preparato dal noto chef Achille Pinna, accompagnato dai vini della #Cantina Sardus Pater. Il costo del biglietto d’ingresso, inclusa la degustazione, è di 15 euro. L’inizio è previsto alle 21.00.
Il terzo appuntamento, domenica 24 agosto, si terrà alla Cantina Santadi, con Fabio Concato.

E’ iniziata domenica sera, a Calasetta, con la produzione “Danze dal Mare 2.0″, l’edizione 2014 di #Carignano Music Experience, il festival musicale animato dalla presenza di artisti di richiamo internazionale, voluto per celebrare il rosso Carignano, vino “ambasciatore” del Sulcis Iglesiente, promosso dall’#Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, sotto la direzione artistica del Maestro Fabio Furia.

Paolo Serra ha presentato il festival con il presidente dell’Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, Marinella Grosso, il sindaco di Calasetta, Antonio Vigo, il presidente della Cantina di Calasetta e lo chef Achille Pinna. Domenica sera, al debutto, era assente il direttore artistico Fabio Furia, per concomitanti impegni professionali.

Raccontare il sapore ed i profumi intensi dei pregiati vini Carignano DOC attraverso le note avvolgenti e travolgenti della musica più appassionata e toccante. Questo lo spirito con il quale #Carignano Music Experience anima le caldi notti estive del Sulcis Iglesiente.

Dal 3 agosto al 7 settembre 2014, nelle cantine aderenti all’Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, in antichi borghi, siti minerari e rinomate piazze, andranno in scena spettacoli musicali accompagnati dall’intenso sapore dei migliori vini Carignano prodotti dalle cantine del territorio, offerti in accompagnamento ad una portata della tradizione culinaria locale, preparata dallo chef Achille Pinna. La rassegna propone un intenso programma di swing, jazz, e sonorità tra il classico ed il contemporaneo che ne esalteranno l’animo nascosto.

Il mare, crocevia di storie, popoli, culture e sogni, ispira questa nuova opera del regista e coreografo Mvula Sungani e del compositore Mauro Palmas. “Danze dal Mare 2.0″ ha in sé una forte matrice antropologica, infatti, è un percorso che unisce idealmente l’Italia, dal nord al sud, dall’est all’ovest, raccontando i colori, gli usi, i costumi, gli odori ed i sapori tipici della nostra terra.

L’ingrediente principale dell’opera è la contaminazione tra arti, epoche e stili, dove artisti di estrazione diversa si uniscono per raccontare con voce armoniosa e univoca, la cultura del nostro Paese, dove da sempre il passato si unisce al futuro. La poetica coreografica ispirata alla tradizione popolare italiana, viene stilizzata, da Mvula Sungani, mediante le nuove tendenze contemporanee e fusa con la Physical Dance. Il ritmo e le melodie restituiscono ai movimenti, dapprima sincopati e poi rituali, la forza evocativa delle terre di origine. Le composizioni originali di Mauro Palmas, ispirate alle musiche popolari e trasfigurate dalla sua personalissima scrittura, si uniscono e si fondono alle trascrizioni delle danze di origine classica e popolare, creando un rarefatto moto emotivo per tutto lo spettacolo.

Fondata nel 1932, l’azienda seleziona e lavora le uve migliori provenienti dal vitigno autoctono Carignano, sfruttando l’antica esperienza enologica. Grazie al terreno sabbioso, produce un vino dalle caratteristiche uniche ed inconfondibili nel suo genere, che viene imbottigliato dalla cantina con etichetta “Piede Franco”, perché si coltiva ad alberello senza il porto-innesto.

Il prossimo appuntamento è in programma il 17 agosto, alle ore 21.00, quando alla #Cantina Sardus Pater di Sant’Antioco andrà in scena “Francesca Corrias & Sunflower Quartet”, con degustazione dei vini della Cantina Sardus Pater.

 IMG_1373IMG_1388 IMG_1382 IMG_1376  IMG_1366IMG_1389 IMG_1364 IMG_1363 IMG_1358 IMG_1356 IMG_1345 IMG_1342 IMG_1327 IMG_1323 IMG_1320 IMG_1319 IMG_1317 IMG_1316 IMG_1315 IMG_1313 IMG_1312 IMG_1306 IMG_1305 IMG_1301 IMG_1298 IMG_1297 IMG_1286 IMG_1284 IMG_1283 IMG_1282 IMG_1281 IMG_1278 IMG_1277 IMG_1269 IMG_1236 IMG_1235 IMG_1234 IMG_1232 IMG_1231 IMG_1230 IMG_1221 IMG_1217 IMG_1216 IMG_1215 IMG_1214 IMG_1213 IMG_1191 IMG_1190 IMG_1187 IMG_1185 IMG_1182 IMG_1179 IMG_1168 IMG_1165 IMG_1160 IMG_1157 IMG_1151 IMG_1145 IMG_1139

Il pubblico entusiasta per l'esibizione di Massimo Lopez.

Dal 3 agosto al 7 settembre ritornano gli appuntamenti del #Carignano Music Experience, #Sapori e note del Sulcis Iglesiente.

Un festival musicale, animato dalla presenza di artisti di richiamo internazionale, voluto per celebrare il rosso Carignano, vino “ambasciatore” del Sulcis Iglesiente. Sono cinque gli appuntamenti previsti in occasione della manifestazione.

Raccontare il sapore ed i profumi intensi dei pregiati vini Carignano DOC attraverso le note avvolgenti e travolgenti della musica più appassionata e toccante.

Questo lo spirito con il quale #Carignano Music Experience si appresta ad animare le caldi notti estive del Sulcis Iglesiente e presenta il ricco calendario di appuntamenti, concerti e degustazioni.

Deciso e dal bouquet intenso, che avvolge ed incendia i sensi, il vino Carignano sarà il fil rouge della manifestazione organizzata proprio in onore del Re dei rossi sardi e promossa dall’#Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, con la direzione artistica del Maestro Fabio Furia.

Dal 3 agosto al 7 settembre 2014, nelle cantine aderenti all’Associazione Strada del Vino Carignano del Sulcis, in antichi borghi, siti minerari e rinomate piazze, andranno in scena spettacoli musicali accompagnati dall’intenso sapore dei migliori vini Carignano prodotti dalle cantine del territorio, offerti in accompagnamento ad una portata della tradizione culinaria locale. La rassegna propone un intenso programma di swing, jazz, e sonorità tra il classico ed il contemporaneo che ne esalteranno l’animo nascosto.

Di seguito il calendario completo degli eventi.

3 agosto 2014 ore 21.00:

va in scena ‘Danze dal Mare 2.0’ (Cantina Calasetta)

Il mare, crocevia di storie, popoli, culture e sogni, ispira questa nuova opera del regista e coreografo Mvula Sungani e del compositore Mauro Palmas. Danze dalMare ha in sé una forte matrice antropologica, infatti è un percorso che unisce idealmente l’Italia, dal nord al sud, dall’est all’ovest, raccontando i colori, gli usi, i costumi, gli odori e i sapori tipici della nostra terra.

L’ingrediente principale dell’opera è la contaminazione tra arti, epoche e stili, dove artisti di estrazione diversa si uniscono per raccontare con voce armoniosa e univoca, la cultura del nostro Paese, dove da sempre il passato si unisce al futuro. La poetica coreografica ispirata alla tradizione popolare italiana, viene stilizzata, da Mvula Sungani, mediante le nuove tendenze contemporanee e fusa con la Physical Dance. Il ritmo e le melodie restituiscono ai movimenti, dapprima sincopati e poi rituali, la forza evocativa delle terre di origine. Le composizioni originali di Mauro Palmas, ispirate alle musiche popolari e trasfigurate dalla sua personalissima scrittura, si uniscono e si fondono alle trascrizioni delle danze di origine classica e popolare, creando un rarefatto moto emotivo per tutto lo spettacolo.

Costo del biglietto, inclusa la degustazione: euro 15,00.

Degustazione dei vini della Cantina Calasetta di Calasetta

Fondata nel 1932, l’azienda seleziona e lavora le uve migliori provenienti dal vitigno autoctono Carignano, sfruttando l’antica esperienza enologica. Grazie al terreno sabbioso, produce un vino dalle caratteristiche uniche ed inconfondibili nel suo genere, che viene imbottigliato dalla cantina con etichetta “Piede Franco”, perché si coltiva ad alberello senza il porto-innesto.

17 agosto 2014 ore 21.00:

va in scena ‘Francesca Corrias & Sunflower Quartet’ (Cantina Sardus Pater)

Degustazione dei vini della Cantina Sardus Pater.

Costo del biglietto, inclusa la degustazione: euro 15,00.

24 agosto 2014 ore 21.00:

va in scena ‘Fabio Concato’ (Cantina Santadi)

Degustazione dei vini della Cantina Santadi.

Costo del biglietto, inclusa la degustazione: euro 15,00.

30 agosto 2014 ore 21.00:

va in scena ‘Rossana Casale’ (Borgo medievale di Tratalias)

Degustazione dei vini della Cantina Mesa.

Costo del biglietto, inclusa la degustazione: euro 15,00.

7 settembre 2014 ore 21.00:

va in scena ‘Tango Symphony’ (Grande Miniera di Serbariu a Carbonia)

Degustazione vini delle Cantine Calasetta, Santadi, Sardus Pater, Mesa.

Costo del biglietto, inclusa la degustazione: euro 20,00.

Pula - Piazza del Popolo.

Pula – Piazza del Popolo.

Nora.

Nora.

Pula - Piazza Chiesa.

Nora.

Pula - Casa Frau.

Pula – Casa Frau.

Pula rinnova l’appuntamento con il jazz, per il quinto anno consecutivo, con il Nora Jazz Festival 2013 in programma sabato 28 e domenica 29 settembre 2013, organizzato dal Cocis Sardegna, del Comune di Pula e dalla Regione SardegnaNelle due serate gli artisti si esibiranno al Teatro Romano di Nora e in tre piazze del paese, Piazza del Municipio, Piazza della Chiesa e Piazza del Popolo, con il coinvolgimento di tutta la comunità di Pula in questo evento tanto atteso.

Presso Casa Frau verranno organizzati anche dei laboratori curati dal trombettista francese Jean Luc Cappozzo con la collaborazione della banda musicale di Pula.

Il programma prevede:

sabato alle 20.30, in Piazza Chiesa, il concerto di Elva Lutza; alle 21.30, in Piazza Municipio, “Soundscape”, Stefano D’Anna quartet; alle 22.45, in Piazza del Popolo, Armeria dei Briganti; dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00, a Casa Frau, laboratorio a cura del trombettista Jean Luc Cappozzo, con la banda musicale di Pula;

domenica, alle 19.00, al Tetro romano di Nora, Jean Luc Cappozzo, con la banda musicale di Pula; alle 20.30, in Piazza Chiesa, Massimo e Bebo Ferra duo; alle 21.30 in Piazza Municipio, Roundella, con Francesca Corrias; alle 22.45, in Piazza del Popolo, Paolo Carrus “New ensemble”; dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00, a Casa Frau, laboratorio a cura del trombettista Jean Luc Cappozzo, con la banda musicale di Pula.