3 October, 2022
HomePosts Tagged "Malika Ayane"

[bing_translator]

Sfilata di celebrità per le inaugurazioni dei ristoranti della “Nuova Costa Smeralda”. Al Bano Carrisi, Malika Ayane, Mario Biondi e Diletta Leotta: sono loro gli ospiti della tre giorni per lanciare la “Nuova Costa Smeralda”. Più giovane, piena di novità e che punta, soprattutto, sulle esperienze. “The new Costa Smeralda experience” è un contenitore di appuntamenti, lanciato da Marriott Costa Smeralda che gestisce gli alberghi per conto di Qatar Holding, iniziato venerdì 22 giugno e conclusasi ieri, domenica 24 giugno. Ad arricchire la scena, dunque, ospiti di eccezione come i cantanti Al Bano, Biondi e Ayane e la giornalista di Sky, Diletta Leotta. Proprio Mario Biondi, cantautore di fama internazionale, è stato protagonista all’esordio con il taglio del nastro per l’apertura del ristorante peruviano Caffè Sole by Nuna, con la cucina dello chef Rafael Rodriguez. «Il nostro slogan è Sardegna da amare – ha sottolineato Franco Mulas, Area manager Marriott Costa Smeralda –. Vogliamo rafforzare l’isola e la Costa Smeralda come destinazione”. Un concetto ribadito da, direttore Sales&Marketing Marriott Costa Smeralda: «Nuna, la prima delle nuove grandi aperture della Costa Smeralda, arricchisce la nostra destinazione con una offerta culinaria di grande livello, mettendo i nuovi outlet al centro di un’esperienza che valorizza l’anima di una Sardegna da amare». L’incontro di sapori e il connubio di emozioni tra l’isola e il Perù rappresenta il cuore del nuovo ristorante Nuna. «La Sardegna è un luogo meraviglioso, ideale per capire un concetto di cucina come quella peruviana, naturale, che si affida a prodotti di grande varietà – spiega Rafael Rodriguez, chef del Caffé Sole by Nuna e premiato come miglior interprete di cucina peruviana in Italia -. Colori e sapori unici che si sposano benissimo con la tradizione dell’isola».

Venerdì è stata inaugurata la nuova Spa dell’hotel Romazzino. Un gioiello su due piani, incastonato in uno degli alberghi del gruppo Marriott International, la prima Spa del gruppo che arricchisce l’offerta in Costa Smeralda. Si tratta di una partnership col gruppo Clarins, che utilizzerà il prestigioso marchio “My blend by Clarins”, l’ottava al mondo e brand selezionato solo negli alberghi più esclusivi del mondo. «Siamo in grado di eseguire più di seimila combinazioni nei trattamenti per il viso – spiega Loretta Varani, responsabile Clarins -. Un approccio personalizzato che nasce dall’utilizzo di Skin Diag, una apparecchiatura all’avanguardia capace di fotografare, quasi scannerizzare il viso, registrando tutte le caratteristiche e le componenti della pelle».

 

[bing_translator]

Tripudio di numeri quello che l’altra notte ha decretato il Capodanno a Cagliari come il più ricco di persone di tutte le età, che abbiano mai aspettato insieme il nuovo anno. Organizzato dal’Amministrazione comunale, aveva come intento l’incontro di giovani e meno giovani animati dallo stesso desiderio: divertirsi in buona compagnia, evitando grandi spese, dato il momento di crisi che imperversa in particolar modo sulla nostra isola.

Sul palco di Largo Carlo Felice, la bella e brava Malika Ayane ha allietato i presenti cominciando ad esibirsi poco dopo la mezzanotte, scelta che ha un po’ acceso le polemiche. Al di là di questo, è stata una splendida festa, sotto un cielo illuminato da una luna piena, regina indiscussa, nella notte a cavallo tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018. Un centro storico elegantemente addobbato da luminarie argentate, all’insegna della sicurezza, che è rimasto animato sino alle prime ore del mattino.

Il concerto di Malika Ayane ha tenuto tutti intorno al palco sino alla fine, con la cantautrice milanese avvolta in uno splendido abito di paillettes argentate, completato da un soprabito bianco, che ha prodigato sorrisi e coinvolto il pubblico con le sue belle canzoni.

Un brindisi all’insegna della musica che, durante la sua carriera, ha portato la star del Capodanno cagliaritano a vincere numerosi riconoscimenti, che le hanno fatto raggiungere quel grande prestigio che ieri le è stato decretato da un pubblico che non si è risparmiato negli applausi.

I suoi successi, da “Senza fare sul serio”a “Come foglie”, da “E se poi” a “Tempesta”sino ad “Adesso è qui”, passando per tante altre canzoni hanno fatto sognare e dimenticare per un attimo tutti i problemi quotidiani, con la speranza rivolta interamente al nuovo anno, il 2018, che ci si augura possa essere prospero e redditizio, e proprio come canta Malika in un suo famoso pezzo, per molti un “Ricomincio da qui”.

Nadia Pische

 

           

[bing_translator]

È Luca Gemma il vincitore del “Premio Giorgio Lo Cascio” 2017, che torna dopo qualche anno di pausa. Si tratta di un riconoscimento nato nel 2005 a Sant’Andrea Apostolo dello Jonio (Catanzaro) e assegnato a cantautori di valore fuori dai circuiti mainstream. Intende ricordare Giorgio Lo Cascio, storico cantautore romano scomparso nel 2001. Con lui Francesco De Gregori all’inizio della carriera aveva formato il duo “Francesco e Giorgio” e successivamente, anche con Antonello Venditti e Ernesto Bassignano, “I giovani del Folk” (i “quattro ragazzi con la chitarra e un pianoforte sulle spalle” di “Notte prima degli esami” di Venditti).

La premiazione si terrà nei prossimi mesi a Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, in occasione di un concerto di Gemma. La data verrà annunciata prossimamente.

Luca Gemma è nato ad Ivrea. Nel 1990 ha fondato, insieme a Pacifico, i Rossomaltese, nota band folk rock della scena indipendente, con cui ha realizzato due album, “Santantonio” e “Mosche Libere”, con 350 concerti in Italia e Francia.

Dal 2004 al 2012 ha pubblicato quattro dischi: “Saluti da Venus” (2004), “Tecniche di illuminazione” (2007), “Folkadelic” (2010) e “Supernaturale” (2012). Nel 2015 è la volta di “Blue Songs”, primo album in inglese che lo ha portato in tour in Australia, Italia e Francia con alcune date in Inghilterra e Lussemburgo. Nel settembre del 2017 esce in vinile e cd il suo sesto lavoro in studio “La felicità di tutti”.

Prodotto ed arrangiato da Paolo Iafelice e dallo stesso Gemma, “La felicità di tutti” contiene nove inediti scritti dal cantautore più “Cajuina”, celebre brano di Caetano Veloso, rivisitato con un testo in lingua italiana di Gemma e la voce di Ricardo Fischmann, cantante brasiliano dei Selton. Fra gli ospiti del disco anche Lele Battista al pianoforte e ai sintetizzatori. L’album si caratterizza per una sonorità che rivela un naturale mix di generi fra canzone d’autore, folk, rock, soul e R&B.

Gemma è anche autore di brani per altri cantanti, sia pop che indipendenti (Fiorella Mannoia, Malika Ayane, Bobo Rondelli, Patrizia Laquidara, Cesare Malfatti, Marian Trapassi, Paola Donzella), per la tv (Fabio Volo per La7 e Mtv, Edmondo Berselli per Rai2), per la radio (Istituto Barlumen per Radio3Rai e Radio 24), per il cinema (Roberta Torre, Sud Side Stori) e per il teatro.

Il Premio Lo Cascio è organizzato dall’Associazione Primavera Andreolese con il patrocinio della Regione Calabria e dell’amministrazione comunale di Sant’Andrea Apostolo dello Jonio. La direzione artistica è di Enrico Deregibus, autore fra l’altro della biografia di Francesco De Gregori “Mi puoi leggere fino a tardi”.

Negli anni precedenti il riconoscimento era andato a Max Manfredi (2005), Pino Marino (2006), Rudy Marra (2007), Sulutumana (2008), Carlo Fava (2009), Susanna Parigi (2010), Marco Ongaro (2011).

Il Premio è stato assegnato da una ampia e prestigiosa giuria coordinata da Deregibus.

 

<Essere Ambassador è un privilegio e un onore: significa poter comunicare un evento così importante a un gran numero di persone, cercando di diffondere il messaggio più positivo che Expo Milano 2015 può dare».

Con queste parole la nota cantante e Ambassador Malika Ayane ha iniziato la sua visita odierna all’Esposizione Universale. Accolta dal Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015, Giuseppe Sala, Malika ha fatto tappa al Padiglione Zero, visitando successivamente le strutture del Marocco, dell’Austria, Palazzo Italia e l’Albero della Vita, prima di concedersi una lunga intervista a Casa Corriere.

«Mi aspetto che i visitatori e tutte le persone coinvolte in questa grande manifestazione – ha aggiunto Malika Ayane – possano farsi portavoce, nel tempo e nello spazio, del messaggio e dell’atteggiamento di coesione tra tutti i popoli che Expo Milano 2015 propone. Quindi non solo per un semestre all’interno di un evento internazionale come l’Esposizione Universale, ma nella vita di tutti i giorni.»

Giuseppe Sala e Malika Ayane