7 October, 2022
HomePosts Tagged "Oscar Crepas"

[bing_translator]

Da domani, giovedì 17 ottobre, nelle sale di ingresso del Conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari sarà possibile visitare “Ottant’anni e oltre…” mostra che raccoglie foto, manoscritti, programmi di concerti, e non solo, pensata in occasione degli ottant’anni dall’istituzione dell’Istituto cagliaritano.

L’esposizione, i cui materiali provengono dalla Biblioteca del Conservatorio, integrati da alcuni documenti dell’archivio storico sardo della Mediateca del Mediterraneo, si snoda attraverso un percorso storico-cronologicoche parte dalle origini delle scuole musicali cagliaritane con la “Cappella e la Banda Civica” e per l’occasione saranno esposti i preziosi manoscritti del fondo della Cappella Civica come alcuni inni, tra i quali: l’”Hymnu Sardu Nazionale” di Giovanni Gonella, l’Inno a Carlo Alberto di Antonio Porcile e l’”Inno delle donne italiane”. Preziose e rare pagine autografe di questo fondo arricchiscono l’itinerario espositivo, come lo “Stabat Mater” e la prima “Messa solenne” di Nicolò Oneto, l’”Antiquario” di Giovanni Battista Dessy. Accanto alle rare pagine musicali, saranno esposti diversi documenti dell’Archivio Storico Comunale che ripercorrono le tappe più importanti di queste istituzioni, tra i quali: il “Regolamento per la Cappella Civica del 1838″, il “Concorso per il corpo musicale del Municipio di Cagliari del 1889″.

L’itinerario espositivo prosegue con la storia della fondazione della Scuola municipale di musica (1922), poi Istituto musicale “Mario De Candia” (1923), la nascita del Liceo musicale (1926), il pareggiamento ai Conservatori di Stato (1931) e l’istituzione del Regio Conservatorio di Musica nel 1939. Diverse bacheche ripercorrono questi momenti attraverso l’esposizione dei programmi dei concerti legati all’Istituzione, ove è possibile notare la presenza dei più grandi concertisti dell’epoca accanto ai docenti e agli allievi dell’Istituto e diverse foto e immagini dell’epoca.

Una parte della mostra è dedicata ai preziosi autografi della biblioteca fondata con il Liceo musicale nel 1926 e l’esposizione delle composizioni di Ennio Porrino (“Nuraghi e Hutalabì”), Mario Castelnuovo Tedesco (“Goccius”), Renzo Bossi (“Canzone popolare sarda”), Riccardo Zandonai (“Due canti popolari di Sardegna”), Ildebrando Pizzetti (“Muttos nuoresi”) e rari documenti sui prestigiosi docenti dell’Istituto: Oscar Crepas, Piero Rattalino, Marcello Abbado, Renato Fasano, Gavino Gabriel, ecc.

L’esposizione è resa possibile grazie al supporto logistico della Biblioteca regionale della Sardegna.

Ottant’anni e oltre… resterà aperta sino al 27 novembre, dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 19.00, ed il sabato dalle 8.00 alle 17..ì00. L’ingresso è gratuito.

Questa sera, alle 18,30, l’aula magna del Conservatorio di Cagliari ospita “La viola d’amore”, lezione concerto di Dimitri Mattu, docente di Viola nel “G.P. Da Palestrina”. L’incontro, aperto al pubblico e rivolto in particolare agli studenti e ai professionisti di violino e di viola, ha lo scopo di raccontare, far vedere e sentire uno strumento dalle caratteristiche uniche, di cui tutti conoscono il nome, ma pochissimi il suono. La viola d’amore del Conservatorio, risalente al 1903, e donata nel Dopoguerra dall’indimenticato Oscar Crepas, figura di spicco per l’istituzione musicale in quegli anni, è stata restaurata di recente dal maestro Roberto Regazzi, e nell’ultima parte dell’incontro sarà a disposizione dei violinisti e violisti, studenti e non, che potranno provarla e avere così un contatto diretto con le sue peculiarità tecniche. L’ingresso all’appuntamento è libero.

[bing_translator]

Venerdì 4 ottobre ,alle 18,30, l’aula magna del Conservatorio di Cagliari, ospita “La viola d’amore”, lezione concerto di Dimitri Mattu, docente di Viola nel “G.P. Da Palestrina”. L’incontro, aperto al pubblico e rivolto in particolare agli studenti e ai professionisti di violino e di viola, ha lo scopo di raccontare, far vedere e sentire uno strumento dalle caratteristiche uniche, di cui tutti conoscono il nome, ma pochissimi il suono.

La viola d’amore del Conservatorio, risalente al 190, e donata nel Dopoguerra dall’indimenticato Oscar Crepas, figura di spicco per l’istituzione musicale in quegli anni, è stata restaurata di recente dal maestro Roberto Regazzi, e nell’ultima parte dell’incontro sarà a disposizione dei violinisti e violisti, studenti e non, che potranno provarla e avere così un contatto diretto con le sue peculiarità tecniche.

L’ingresso all’appuntamento è libero.

 

[bing_translator]

Dopo il concerto del 6 maggio, dedicato alla figura di Renato Fasano, gli appuntamenti concertistici del IX Festival pianistico del Conservatorio che quest’anno ha per sottotitolo “…80 ma non li dimostra…”, proseguono lunedì 13 maggio. Alle 20,30, ancora una volta nell’auditorium del “Da Palestrina”, è in programma un omaggio a un’altra figura di spicco nella storia dell’istituzione musicale: Oscar Crepas. Per l’occasione si esibirà il Quartetto Andala (formato dai violinisti Giorgio Oppo e Corrado Masoni, dal violista Luigi Moccia, dal violoncellista Andrea Pettinau) che proporrà i Quartetti n. 8 op. 110 di Dmitri Shostakovich e in fa maggiore di Maurice Ravel.

Si prosegue lunedì 20 maggio, sempre alle 20,30, con una serata dedicata al maestro Ennio Porrino, incentrata su alcune delle sue più interessanti composizioni cameristiche. Protagonisti saranno i pianisti c, il soprano Paola Spissu, l’organista Benedetta Porcedda il violinista Marco Ligas e il violoncellista Oscar Piastrelloni.

Lunedì 27 maggio, alle 18.00, secondo appuntamento con “Invito al Concerto”, curato dal presidente del Conservatorio Gianluca Floris: saranno ricordate le figure artistiche dei Maestri Arrigo Pola, Roberto Pellegrini e Nino Bonavolontà. Lo stesso giorno, ma alle 20,30 l’Auditorium ospiterà “Gran Galà” lirico in memoria di Arrigo Pola. Protagonisti saranno i soprani Ilaria Vanacore, Maria Grazia Piccardi e Vittoria Lai, i mezzosoprani Laura Spano e Lara Rotili, i tenori Francesco Scalas, Michelangelo Romero, Marco Puggioni e Mauro Secci, il baritono Gabriele Barria ed il basso Francesco Leone accompagnati al pianoforte da Riccardo Leone.

Il concerto di lunedì 3 giugno sarà dedicato al ricordo di Roberto Pellegrini, docente di Percussioni al “Da Palestrina” e musicista di grande sensibilità, scomparso nel 2014. Sul palcoscenico dell’auditorium si esibiranno in “Workers Union” di Louis Andriessen i “Percussionisti del Conservatorio”, ensemble formato da Gianluca Cossu, Silvia Cossu, Daniele Landis, Marta Dessì, Gianluca Marroccu, Paolo Susnik, Cinzia Curridori, Noemi Steri, Davide Collu, Enrico Locci, Andrea Peddis, Mattia Fozzi Roberto Migoni e Francesco Ciminiello, ed il “Massimo Ferra Trio” formato da Massimo Ferra alla chitarra, Massimo Tore al contrabbasso e Roberto Migoni alla batteria.

Sarà dedicato al Maestro Nino Bonavolontà l’ultimo concerto della programmazione primaverile del Festival, il 6 giugno: alle 18.00, si esibiranno le compagini orchestrali e corali del “Pierluigi da Palestrina” guidate da Alberto Pollesel e Pompeo Vernile in un programma interamente beethoveniano.

Il festival tornerà in autunno e proporrà oltre ad una conferenza e due incontri di “Invito al concerto” altre sei serate musicali nel corso delle quali verranno ricordate le personalità artistiche di altri due grandi direttori del “Pierluigi da Palestrina”: i Tito Aprea e Franco Margola. Saranno ricordate anche alcune grandi figure di docenti come la pianista Anna Paolone Zedda, il musicologo Ernesto Paolone, la pianista Arlette Giangrandi Eggmann, il violinista Renato Giangrandi, la pianista Angela Pintor Artizzu, il violoncellista Salvatore Pintor ed il compositore Franco Oppo.

Ideato dal pianista e docente del “Da Palestrina” Stefano Figliola, il Festival quest’anno è dedicato agli 80 anni dell’istituzione musicale. «Per questa IX edizione – sottolinea Stefano Figliola – il Festival ha dovuto necessariamente cambiare pelle per trasformarsi in un vero e proprio grande festival musicale, e questo per consentire di poter adeguatamente ricordare alcune tra quelle personalità artistiche che a vario titolo ne hanno segnato la storia in questi 80 anni».

Per tutti i Concerti del Festival è previsto un biglietto d’ingresso di 5 euro. Prevendita un’ora prima del Concerto

[bing_translator]

Dopo la conferenza della musicologa Aurora Cogliandro sulle figure dei maestri Renato Fasano, Oscar Crepas ed Ennio Porrino, il IX Festival pianistico del Conservatorio, che quest’anno omaggia gli ottant’anni dell’istituzione musicale, entra nel vivo con il primo dei suoi concerti.

Lunedì 6 maggio, alle 20,30, nell’Auditorium del “Da Palestrina”,è in programma una serata dedicata alla memoria di Renato Fasano, direttore negli anni Venti dell’Istituto musicale cagliaritano (l’odierno Conservatorio di Cagliari).

Protagonisti del concerto saranno la pianista Angela Oliviero, solista nel Concerto in re minore BVW 1052 per pianoforte ed archi di Johann Sebastian Bach ed il violinista Attilio Motzo, alla guida dell’Ensemble Palestrina, composta dai violinisti Corrado Lepore e Marco Ligas, dal violista Dimitri Mattu, dal violoncellista Oscar Piastrelloni, dal contrabbassista Alessio Povolo e dal clavicembalista Michele Nurchis, in veste di solista e direttore nelle “Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi.

Nato da un’idea di Stefano Figliola, pianista e docente al “Da Palestrina”, il festival quest’anno ha per sottotitolo “…80 ma non li dimostra…”. Dopo quello di lunedì, il prossimo appuntamento sarà il 13 maggio, sempre alle 20,30, nell’Auditorium, col concerto in ricordo del maestro Oscar Crepas.

 

[bing_translator]

Dopo le due conferenze introduttive dei musicologi Felice Todde ed Antonio Trudu, il IX Festival pianistico del Conservatorio, quest’anno dedicato agli 80 anni del “Da Palestrina”, si prepara a entrare nel vivo. Venerdì 3 maggio, alle 18.00, nell’aula magna dell’istituzione musicale (in piazza Porrino) la musicologa e pianista Aurora Cogliandro introdurrà al concerto in programma lunedì 6 maggio grazie a un incontro dal titolo “Invito al Concerto”. Sarà l’occasione per tracciare un ricordo dei maestri Renato Fasano, Oscar Crepas ed Ennio Porrino, figure di spicco nella storia del Conservatorio.

Proprio a Renato Fasano è dedicato, il 6 maggio, il concerto in programma alle 20,30, negli spazi dell’Auditorium.