3 August, 2021
HomePosts Tagged "Peppino Impastato"

[bing_translator]

Oggi, 21 marzo 2020, è una data importante, perché è oggi che vengono ricordate tutte le vittime di mafia.
Una data importante che serve ancora una volta a scuotere le coscienze di tutti, per far sì che i delitti perpetrati dalla mafia non vadano nel dimenticatoio ma restino sempre impresse nella memoria.
Se dovessimo citare tutte le persone che sono state uccise dalla mafia, l’elenco sarebbe lunghissimo e tutti meriterebbero di essere citate e che si racconti la loro storia, come sono vissuti e, soprattutto, tenere presente il loro sacrificio e che, immolatisi per la difesa della Patria e delle Istituzioni, sono per noi un esempio di legalità.
Oggi voglio ricordare Peppino Impastato, ucciso nella notte tra l’8 e il 9 maggio 1978.
La data ci fa pensare, anche una strana casualità, all’uccisione di Aldo Moro, perpetrato dalle Brigate Rosse, il cui corpo venne fatto ritrovare in via Caetani, a Roma, il 9 maggio 1978.
Sì, forse una coincidenza, strade e storie che si intersecano per motivi diversi ma che hanno in comune sempre la Libertà, le Istituzioni, il vivere civile, valori che non possono essere messi in secondo piano, sempre freschi, trasparenti.
Oggi, a distanza di tanti anni, tutti lo ricordano e non a caso viene considerato alla stregua dei martiri. Peppino Impastato sapeva bene cosa fosse la mafia, certamente non quella delle coppole o delle lupare, bensì la mafia come potere, sistema, connubio e, soprattutto, prevaricazione dei diritti dei lavoratori e dei diritti dei cittadini. In questo caso, la memoria va all’eccidio di Portella della Ginestra, dove in quell’occasione gli agricoltori manifestavano il loro dissenso per un diritto che veniva loro disconosciuto.
Sapere cos’è la mafia è veramente il primo passo per contrastarla. Ecco questa era la mafia contro cui si batteva Peppino Impastato.
Molti si sono posti la domanda perché la sua voce sia rimasta inascoltata e solo oggi, a distanza di tanti anni, emerge forte il rammarico per aver perso l’occasione di ergere al suo fianco il dissenso di una comunità sorda e distante da un vivere becero ed inconcludente, invece di creare un argine di solidarietà, spargendo al suo fianco un nuovo profumo di libertà e democrazia.
Questo è quello che certamente avrebbe voluto Peppino Impastato, un grandissimo desiderio che alla fine si sarebbe arrivati a spezzare quel filo sinuoso e sottile nei confronti della mafia. Ma, a tutt’oggi, la strada della legalità è ancora lunga da percorrere e la lotta contro la mafia è irta di difficoltà ma, possiamo starne certi, si arriverà alla disintegrazione della stessa e questo potrà avvenire solo con il dissenso totale e la fermezza, il tutto coniugato con Democrazia, Libertà e Difesa delle Istituzioni.
Un pensiero va rivolto a tutte quelle persone che sono morte per valori così nobili e bellissimi: Legalità, Trasparenza e Democrazia.
A loro vada sempre e a perenne ricordo il nostro ringraziamento.
Armando Cusa

[bing_translator]

Domani, sabato 12 ottobre, a Carbonia si svolgerà l’iniziativa ecologica “Puliamo il Mondo”, alla quale parteciperanno oltre 550 volontari – tra cui studenti, membri di associazioni, esponenti dei Comitati di quartiere – che saranno impegnati in interventi di pulizia e decoro urbano.

Di seguito pubblichiamo gli orari e i punti di incontro per le varie zone interessate:

• Piazza Peppino Impastato: ore 9.00, raduno degli studenti della scuola primaria di Is Meis dell’Istituto comprensivo Satta;

• Zona di accesso a Monte Leone, a cura del Comitato di quartiere Carbonia Nord e dell’ASD Team Spakkaruote, ore 9.00 fronte parcheggi Monte Leone;

• Centro intermodale, a cura degli studenti dell’Istituto di istruzione superiore Gramsci-Amaldi: ore 9.00 nei pressi dei parcheggi della stazione;

• Pista ciclabile presso rotonda passante ovest e poi pista ciclabile direzione via Lubiana, raduno ore 9.00 da parte degli studenti della scuola primaria di via Mazzini e della scuola secondaria di primo grado di via della Vittoria “Sebastiano Satta”;

• Aree limitrofe al cimitero di Serbariu, a cura dell’associazione di volontariato “Senso Comune” e della scuola primaria di Serbariu: ore 9.00 parcheggi fronte Cimitero;

• Cortoghiana, a cura del Comitato di quartiere e dell’associazione “Giovani della Terza Età”: ore 9.00 raduno a fianco dell’Ex Circoscrizione;

• Bacu Abis: a cura del Coordinamento delle associazioni di volontariato di Bacu Abis e del Comitato di quartiere, raduno alle ore 9.00 presso la rotonda Pozzo Castoldi;

• Is Gannaus-Su Rei:, a cura dell’associazione “Marevivo”, raduno alle ore 9.00 nei parcheggi del campo da calcio di Is Gannaus;

• Barbusi: a cura di un gruppo di cittadini e del Comitato di quartiere, raduno alle ore 9.00, in piazza Santa Maria delle Grazie.

L’assessorato all’Ambiente del comune di Carbonia raccomanda di limitare la raccolta ai soli rifiuti non pericolosi (plastica, carta, vetro) su superfici aperte (tralasciando i cespugli) e di segnalare la presenza di rifiuti pericolosi (siringhe in particolare).

[bing_translator]

Si sono chiuse le iscrizioni all’iniziativa “Puliamo il Mondo“, che quest’anno ha fatto registrare un numero di adesioni da record, superiore alle già positive scorse edizioni. Sabato 12 ottobre, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, saranno oltre 550 i volontari – tra cui studenti, membri di associazioni, esponenti dei Comitati di Quartiere – che eseguiranno interventi di pulizia e decoro urbano nelle seguenti zone situate all’interno del territorio comunale:

• Piazza Peppino Impastato, a cura degli studenti della sede di Is Meis dell’Istituto Comprensivo Satta;
• Parco Rosmarino;
• Zona di accesso a Monte Leone, a cura del Comitato di Quartiere Carbonia Nord e dell’ASD Team Spakkaruote;
• Pista ciclabile nel tratto tra il Centro Intermodale e via Nazionale, a cura degli studenti delle scuole cittadine;
• Aree limitrofe al cimitero di Serbariu, a cura dell’associazione di volontariato “Senso Comune”;
• Cortoghiana: pineta AIAS e aree verdi presso Largo Montessori, via Nepero e l’ex Circoscrizione, a cura del Comitato di Quartiere di Cortoghiana e dell’associazione “Giovani della Terza Età”;
• Bacu Abis: dalla rotonda Pozzo Castoldi fino all’ex Circoscrizione, a cura del Coordinamento delle associazioni di volontariato di Bacu Abis e del Comitato di Quartiere;
• Is Gannaus-Su Rei: aree lungo il Rio Santu Milanu, a cura dell’associazione “Marevivo”;
• Barbusi: località “Su Strintu de s’Axina”, a cura di un gruppo di cittadini e del Comitato di Quartiere.

[bing_translator]

E’ stato indetto il primo Concorso Nazionale ‘Il fumetto dice no alla mafia‘, Premio Attilio Manca – Associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli.

L’associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli Milano e l’Istituto Comprensivo “Monte Amiata” di Rozzano (MI), in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), invitano tutte le studentesse e gli studenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e tutte le comunità di aggregazione giovanile, a riflettere sull’importanza della memoria storica del nostro Paese che da tempo è impegnato in una lotta durissima contro la mafia, un Paese che ha pagato un prezzo altissimo in termini di vite umane tra servitori dello Stato e semplici cittadini. Si invita alla riflessione affinché non venga reso vano il lascito profuso dal loro impegno e dal loro sacrificio nella lotta contro le organizzazioni mafiose.
Il Concorso è aperto a tutte le Scuole di ogni ordine e grado, comprese le materne, Istituti d’arte, Università, Scuole del Fumetto ed alle Comunità di aggregazioni dei giovani, del territorio Nazionale.

È data facoltà ad ogni Istituto scolastico ed alle Comunità di giovani, nell’ambito del medesimo livello scolastico, di presentare fino ad un massimo di 5 elaborati inediti di classe e/o di gruppo e/o individuali, che abbiano l’intento di rappresentare sentimenti, immagini, emozioni, collegati al tema del Concorso, ispirandosi alla vita ed al contesto della Persona, o gruppo di persone, individuata quale risultato delle riflessioni realizzate in classe con i docenti e tutor. Gli elaborati così selezionati dovranno avere le seguenti caratteristiche in relazione al livello scolastico:

  • Per le scuole materne un fumetto breve di minimo 1 tavola in A4/A3 a tema libero con max. 6 vignette.
  • Per le scuole primarie  un fumetto breve di minimo 2 tavole in A3 a tema libero con max. 6 vignette per pagina.
  • Per le secondarie di primo grado un fumetto breve di minimo 3 tavole in A3 a tema libero con max. 8 vignette per pagina.
  • Per le secondarie di secondo grado un fumetto breve di minimo 5 tavole in A3 con max. 8 vignette per pagina che racconta la storia di Attilio Manca.
  • Per gli istituti d’arte, le scuole di fumetto e le università un fumetto breve di minimo 10 tavole in A3 con max. 8 vignette per pagina che racconta la storia di Attilio Manca.

Dal sito sarà possibile scaricare un apposito Kit informativo/didattico di supporto per la realizzazione degli elaborati in concorso.

Le scuole e le comunità che scelgono di aderire al concorso devono fare pervenire la Scheda di Adesione in formato elettronico entro il 30 novembre 2019 e seguire i successivi passaggi indicati nel regolamento.

Il 31 marzo 2020 tutti gli elaborati presentati al concorso saranno pubblicati in un apposito spazio del sito e potranno essere votati da tutti i visitatori fino alle ore 23.59 di sabato 11 aprile. Per ogni visitatore è consentita la possibilità di esprimere 1 solo voto. L’insieme dei visitatori che esprimeranno il proprio voto costituirà di fatto la “Giuria Popolare”.

[bing_translator]

Foto

E’ stato indetto il primo Concorso Nazionale ‘Il fumetto dice no alla mafia’, Premio Attilio Manca – Associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli.

L’Associazione Peppino Impastato e Adriana Castelli Milano e l’Istituto Comprensivo “Monte Amiata” di Rozzano (MI), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), invitano tutte le studentesse e gli studenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e tutte le comunità di aggregazione giovanile, a riflettere sull’importanza della memoria storica del nostro Paese che da tempo è impegnato in una lotta durissima contro la mafia, un Paese che ha pagato un prezzo altissimo in termini di vite umane tra servitori dello Stato e semplici cittadini. Si invita alla riflessione affinché non venga reso vano il lascito profuso dal loro impegno e dal loro sacrificio nella lotta contro le organizzazioni mafiose.
Il Concorso è aperto a tutte le Scuole di ogni ordine e grado, comprese le materne, Istituti d’arte, Università, Scuole del Fumetto ed alle Comunità di aggregazioni dei giovani, del territorio Nazionale.

È data facoltà ad ogni Istituto scolastico ed alle Comunità di giovani, nell’ambito del medesimo livello scolastico, di presentare fino ad un massimo di 5 elaborati inediti di classe e/o di gruppo e/o individuali, che abbiano l’intento di rappresentare sentimenti, immagini, emozioni, collegati al tema del Concorso, ispirandosi alla vita ed al contesto della persona, o gruppo di persone, individuata quale risultato delle riflessioni realizzate in classe con i docenti e tutor. Gli elaborati così selezionati dovranno avere le seguenti caratteristiche in relazione al livello scolastico:

  • Per le scuole materne un fumetto breve di minimo 1 tavola in A4/A3 a tema libero con max. 6 vignette.
  • Per le scuole primarie  un fumetto breve di minimo 2 tavole in A3 a tema libero con max. 6 vignette per pagina.
  •  Per le secondarie di primo grado un fumetto breve di minimo 3 tavole in A3 a tema libero con max. 8 vignette per pagina.
  • Per le secondarie di secondo grado un fumetto breve di minimo 5 tavole in A3 con max. 8 vignette per pagina che racconta la storia di Attilio Manca.
  • Per gli istituti d’arte, le scuole di fumetto e le università   un fumetto breve di minimo 10 tavole in A3 con max. 8 vignette per pagina che racconta la storia di Attilio Manca.

Dal sito sarà possibile scaricare un apposito Kit informativo/didattico di supporto per la realizzazione degli elaborati in concorso.

Le scuole e le comunità che scelgono di aderire al concorso devono fare pervenire la Scheda di Adesione in formato elettronico  entro il 30 novembre 2019 e seguire i successivi passaggi indicati nel regolamento.

Il 31 marzo 2010 tutti gli elaborati presentati al concorso saranno pubblicati in un apposito spazio del sito e potranno essere votati da tutti i visitatori fino alle ore 23.59 di sabato 11 aprile. Per ogni visitatore è consentita la possibilità di esprimere 1 solo voto. L’insieme dei visitatori che esprimeranno il proprio voto costituirà di fatto la “Giuria Popolare”.

[bing_translator]

Il Circolo Soci Euralcoop presenta, nei locali di Piazza Marmilla, a Carbonia, venerdì 23 novembre, alle 21.00 “Facciamo finta che….” chistu è Pippinu, un omaggio a Peppino Impastato, il giovane attivista siciliano assassinato a Cinisi il 9 maggio 1978.

Dalla irriverente, sarcastica e geniale scelta di un brano “normalizzante e rassicurante” (che cantava Ombretta Colli) come sigla di Onda Pazza dalle frequenze antimafiose (o antimafiopoli) di Radio Aut, inizia un percorso intorno ai temi e alla figura di Peppino Impastato a 40 anni dal suo massacro che prende spunto dal libro “Peppino Impastato, un giullare contro la mafia” (edizioni Becco giallo), di cui vengono proiettate alcune tavole a fumetti e che si evolve con un percorso musicale declinato da Gerardo Ferrara (voce e percussioni) e dal maestro Tonino Macis (chitarra e mandoloncello) in cui si incrociano sonorità e canti “innestati” in una sorta di “ragionamento” sulle condizioni avverse e antidemocratiche che stiamo vivendo, oggi, nel nostro paese. 

“Facciamo finta che tutto va ben….”, perché la mafia è una stato d’animo, è uno stato dell’essere, è vivere in uno Stato comafioso.

Il lavoro è impreziosito da una testimonianza video su Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato di Cinisi, realizzata da Salvatore Bandinu dell’Ass. Antimafia Peppino Impastato di Cagliari.

“Facciamo finta che….” È una produzione Street Books e Circolo dei lettori Mieleamaro di Cagliari e di Radio Brada.

Il pubblico avrà inoltre la possibilità di visitare la Mostra fotografica “In Bianco e Colore” del fotografo Alessandro Spiga che sarà esposta nei locali del Circolo fino a sabato 1° dicembre.

[bing_translator]

Entrano nel vivo le attività culturali a Lo Teatrì, lo spazio teatrale nato ad Alghero all’interno di un box dall’intuizione di Ignazio Chessa, un’idea rivoluzionaria che ha fatto parlare di sé in tutta la Sardegna e nella Penisola. Mercoledì 9 e giovedì 10 maggio sono in programma due importanti iniziative, lo spettacolo “Caro Peppino…” e la cantante Franca Masu in prove aperte.

“Caro Peppino” è un omaggio teatrale per giovani e adulti dedicato alla memoria di Peppino Impastato, vittima di mafia che l’attore Ignazio Chessa e il musicista Claudio Gabriel Sanna vogliono ricordare nel quarantesimo anniversario della tragica morte avvenuta a Cinisi il 9 maggio 1978. Anche la città di Alghero quindi grazie all’associazione organizzatrice “il filo del discorso” parteciperà alle iniziative in memoria di Peppino Impastato che si svolgeranno in contemporanea in tutto il territorio nazionale. Lo spettacolo andrà in scena con ben tre repliche nella medesima giornata: ore 18.00, 19.30 e 21.00. Il giorno successivo sarà Franca Masu ospite del fascinoso spazio teatrale di via Manzoni. In vista del suo prossimo concerto la celebre cantante algherese ha scelto di omaggiare Lo Teatrí con una sessione di prove aperte al pubblico. Con lei, sul palco, il suo nuovo collaboratore, il giovane chitarrista ligure Luca Falomi insieme allo storico Salvatore Maltana al contrabbasso. Due ore di musica rigorosamente in acustico durante le quali il pubblico potrà assistere alle dinamiche creative e preparatorie del trio, che ha in animo di dare una veste e quindi una nuova vita anche ad alcuni brani inediti. Poter offrire la possibilità di assistere così da vicino a come nasce uno spettacolo, in questo caso un concerto, osservare con quale pazienza vengono studiati ogni passaggio, ogni soluzione armonica, scegliendo con attenzione i brani, la sua logica consequenzialità e le tonalità, è davvero un gesto di grande affetto e professionalità da parte della cantante e dei suoi musicisti.

[bing_translator]

Sabato 25 marzo, dalle ore 16,30, nella sala polifunzionale di piazza Roma, l’Unione degli Studenti (Uds) di Carbonia presenterà il libro di Salvo Vitale “Era di passaggio – Cronache, curiosità, articoli su Peppino Impastato”.

L’introduzione sarà curata dall’UdS Carbonia, con la partecipazione di Faro di Maggio e Salvo Vitale, amici e compagni di Peppino Impastato a Radio Aut e nella lotta contro la mafia.

«L’iniziativa – si legge nella presentazione – ha l’obiettivo di far conoscere a giovani e meno giovani la storia di Peppino Impastato, un uomo profondamente coraggioso e altruista che, guidato dal sogno di un mondo migliore, ha dedicato la propria vita alla lotta contro la mafia e le ingiustizie. Si parlerà anche della forza e del coraggio di una madre e di tanti suoi compagni che, dopo la morte di Peppino, non si sono arresi, continuando a battersi affinché rimanesse viva l’eredità della lotta di Peppino e affinché venissero puniti i suoi assassini. La storia di Peppino Impastato ci ricorda l’importanza di riconoscere le ingiustizie e contrastarle, di riscoprire il valore della lotta per la libertà e l’uguaglianza.»

La storia di Peppino Impastato non è finita sulle rotaie di Cinisi, la notte del 9 maggio 1978. Non finisce per lui, perché dal suo sangue sono nate tante realtà che lottano contro la cultura mafiosa e che guardano alla conoscenza come arma contro la criminalità organizzata e all’ironia come strumento per destrutturare il potere mafioso. Non finisce nemmeno per i suoi cari e gli amici che gli sono stati accanto nelle lotte e a Radio Aut e che si sono trovati a raccogliere i cocci di una storia e a lottare per preservare integra la figura di Peppino.»

L’iniziativa è patrocinata dall’assessorato della Cultura, Spettacolo e Turismo del comune di Carbonia.