24 April, 2024
HomePosts Tagged "Vincenzo Cossu"

[bing_translator] 

Si è conclusa ieri con successo la seconda edizione del Festival delle Bellezze dell’Insieme Vocale Nova Euphonia. A fare da scenografia all’evento conclusivo, sono stati il suggestivo Nuraghe Santu Antine e, più tardi, le sale del Cinema Caffè di Torralba. Il Nuraghe Santu Antine ha accolto ieri per la prima volta il polistrumentista Gavino Murgia, che ha fatto vibrare le pietre della reggia nuragica attraverso le risonanze arcane della sua voce da basso e il sax, incantando il pubblico del Festival. L’apice dell’emozione si è raggiunto quando la Corale Studentesca Città di Sassari ha intonato “Sos ojos de sa jana” e “Badde Lontana” e un repertorio che ha toccato alcuni dei brani più celebri del repertorio in limba. Più tardi la conclusione delle cinque giornate al Cinema Caffè di Torralba, con l’intervista della giornalista Luciana Satta a Pina Monne, autrice di oltre quattrocento murales illustrati anche attraverso un racconto per immagini ed il Cine-Concerto del Nova Euphonia del maestro Vincenzo Cossu, direttore artistico del Festival. L’unica corale specializzata in musica da cinema della Sardegna ha portato in scena lo spettacolo multimediale di musica, cinema e poesia ideato da Vincenzo Cossu e realizzato dal film maker Carlo Enrico Cossu.

Sui palchi naturali si sono alternati alcuni dei più importanti artisti della Sardegna in cinque giornate, tutte condotte dalla giornalista Luciana Satta nella Necropoli di Museddu, a Cheremule, nel Chiostro della Chiesa di Santa Maria di Betlem, a Sassari, a Su Campusantu ʼEzzu, a Cargeghe, nel sito prenuragico di Monte Baranta, a Olmedo, nel nuraghe Santu Antine e, infine, al Caffè-Cinema di Torralba. Dalla trombettista Jasmin Ghera alla pianista Anna Giulia Alvandi, dai musicisti Denise Gueye e Alain Pattinoni, alla cantante Rita Casiddu, dall’attore Matteo Gazzolo al sassofonista Francesco Scognamillo. E ancora, la cantante Franca Masu e Fausto Beccalossi, gli allievi della Scuola Civica Meilogu, il gruppo di danza Chentulhadas, il polistrumentista Gavino Murgia, la muralista Pina Monne, il fotografo Nicola Castangia, l’archeologo Giorgio Murru, l’orafo Pierandrea Carta, l’attrice Daniela Deidda e le corali del maestro Cossu, che si sono alternate nel corso di tutto il Festival.

Luoghi che non sono stati solo “cornici” per eventi suggestivi, ma i veri protagonisti del Festival delle Bellezze. Tante le Onlus che hanno fatto sentire la loro presenza, alternandosi in tutte le giornate per testimoniare al pubblico del Festival il proprio contributo nell’Isola, dall’ARMR (Fondazione Aiuto alla Ricerca Malattie Rare) alla Comunità La Crucca, da Amnesty International a Emergency e infine Mondo X Sardegna di Padre Morittu.

Si conclude così la seconda edizione del Festival delle Bellezze. La sfida organizzativa di una giovane associazione Culturale-Musicale, l’Insieme Vocale Nova Euphonia. Un’occasione per offrire alla musica e all’arte di qualità contesti straordinari. Un tentativo di fare rete fra le realtà più dinamiche del panorama culturale isolano: la Soprintendenza delle province di Sassari e Nuoro; i comuni di Cheremule Sassari, Cargeghe, Olmedo e Torralba; la Scuola Civica di Musica Meilogu; la FERSACO; la cooperativa La Pintadera; il Cinema caffè di Torralba e la Pro Loco di Torralba.

  

[bing_translator]

Dopo l’appuntamento di oggi nel parco dei Petroglifi di Cheremule, detto anche necropoli di Museddu, il Festival delle Bellezze dell’Insieme Vocale Nova Euphonia, per la direzione artistica del maestro Vincenzo Cossu, farà tappa domani a Sassari, nel Chiostro di Santa Maria di Betlem per la seconda giornata. Primo protagonista della serata sarà il Nova Euphonia del maestro Vincenzo Cossu, unico gruppo vocale della Sardegna specializzato in musiche da cinema. Composto da 30 elementi, per lo più giovani del territorio, ha nel suo repertorio temi e canzoni per il cinema di autori come Morricone, Piovani, Williams, Zimmer, Vangelis e tanti altri. A seguire la bellezza della danza immaginale del gruppo Chentuladas. Spazio poi al concerto della cantante Rita Casiddu. Accompagnata dai musicisti Peppino Anfossi, al violino, ed Andrea Fanciulli, alla chitarra, presenterà un repertorio dalla forte impronta spirituale, con brani di cantautori italiani e non solo. A condurre la serata sarà, come tutte le giornate del Festival, la giornalista Luciana Satta.

Il giorno successivo, venerdì 19 luglio, l’appuntamento sarà nel Teatro Su Campusantu ‘Ezzu di Cargeghe, con la pittrice Isa Falconi, che presenterà una selezione delle sue opere più suggestive, l’attore Matteo Gazzolo, in “Vaghe stelle – letture dei classici della letteratura e della poesia nel teatro sonoro”, accompagnato dal sassofonista Francesco Scognamillo e, in chiusura, il concerto della corale studentesca Città di Sassari, diretta dal maestro Vincenzo Cossu.

[bing_translator]

Dopo la seconda giornata (sabato 21 luglio) alla Butterfly House e al sito di Monte Baranta, a Olmedo, che hanno accolto le esibizioni della Corale studentesca Città di Sassari e del Coro polifonico Turritano, si è conclusa ieri con la tappa finale a Torralba la prima edizione del Festival delle Bellezze.

A partire dalle 18.00 a fare da scenografia all’evento ieri, domenica 22 luglio, è stato il tramonto sul Nuraghe Santu Antine e in serata, alle 21.00, le sale del Cinema Caffè di Torralba.

La serata al Nuraghe Santu Antine si è aperta con l’esibizione del Coro Femminile di Padria, che ha eseguito “Deus ti salve Maria” sotto la direzione del maestro Antonella Senes, docente di canto e musica corale a Giave, a Bonorva e a Padria.

Nel corso della serata testi di Grazia Deledda, Marcello Fois e Sergio Atzeni hanno scandito diversi momenti suggestivi fra i canti del Coro sardo Città di Ozieri, Direttore Mario Coloru, e del Concordu Planu de Murtas di Pozzomaggiore del maestro Piergiorgio Masia: Procurade e moderare, S’Anzonedda, Sabore e Sardigna, Saldigna mia, Duru  Duru…

La presenza dei cori è stata possibile grazie a Antonio Deiara, musicologo e compositore di fama nazionale.

Dopo Emergency, protagonista della prima giornata al Centro Restauro di Li Punti, Ponti non muri, presente alla seconda giornata nella Butterfly House, è stata la volta ieri di Amnesty International. Da diversi anni quest’ultima associazione collabora con il direttore artistico dell’evento, il maestro del Nova Euphonia Vincenzo Cossu. In tutti i concerti, sin da aprile 2017, il Nova indossa il braccialetto giallo Verità per Giulio Regeni. Prima del passaggio dal Nuraghe Santu Antine al Cinema caffè di Torralba, dove si è svolta la seconda parte della serata, il pubblico ha partecipato al rinfresco, denominato simbolicamente dal maestro Vincenzo Cossu “Agape” in memoria dell’antico rito paleocristiano che univa convivialità e condivisione caritatevole. Il ricavato del rinfresco, infatti, sarà devoluto in parte proprio ad Amnesty.

La serata è proseguita al Cinema Caffè di Torralba, palco del Cine-concerto dei giovani del Nova Euphonia. Presenti all’evento il sindaco di Torralba, Vincenzo Dore, la segretaria generale del comune di Torralba, Tomasina Manconi, la presidentessa della FERSACO, Maria Maddalena Simile, il direttore della Scuola civica di Musica Meilogu, Bruno Camera, la referente per la Soprintendenza del Nuraghe Santu Antine, Nadia Canu, direttore del centro di Restauro di Li Punti, Alba Canu, che ha portato i saluti del sindaco di Sassari, Nicola Sanna.

Si conclude così la prima edizione del Festival delle Bellezze. La sfida organizzativa di una giovane associazione Culturale-Musicale, l’Insieme Vocale Nova Euphonia. Un’occasione per offrire alla musica di qualità contesti straordinari. Un tentativo di fare rete fra le realtà più dinamiche del panorama culturale isolano: la Soprintendenza delle province di Sassari e Nuoro; i comuni di Sassari, Olmedo e Torralba; la Scuola Civica di Musica Meilogu; la FERSACO; la cooperativa La Pintadera; il Cinema caffè di Torralba, Amnesty International; Emergency; Ponti non Muri. L’evento ha registrato la presenza di circa un migliaio di visitatori nelle tre giornate del Festival delle Bellezze.

Luciana Satta

[bing_translator]

Un fine settimana ricco di appuntamenti quello organizzato a Stintino dal priore della Confraternita della Beata Vergine della Difesa, Agostino Maddau, in occasione della festa patronale.

Sabato 9 settembre la mattina sarà tutta dedicata ai giochi per i ragazzi. Alle 10.00, al porto Minori, tutti in gara per l’albero della cuccagna a mare. Alle 16.00, invece, saranno protagonisti i bambini con giochi e intrattenimento tutti dedicati a loro. Alle 22.00 l’artista stintinese Beppe Dettori, già voce leader dei Tazenda dal 2006 al 2012, si esibirà in piazza dei 45.

Domenica 10 settembre, alle 11,30, sarà ancora sport con il palio remiero, una vera e propria tradizione per gli stintinesi, in programma nella rada del porto Mannu. Alle 21,30, nella chiesa parrocchiale dell’Immacolata Concezione è in programma il concerto della corale studentesca “Città di Sassari”. Nata nell’autunno del 2014 la corale è diretta da Vincenzo Cossu con il maestro accompagnatore Irene Dore. La corale “Città di Sassari” si caratterizza come il primo coro interscolastico delle scuole superiori della Sardegna.

Attualmente la corale comprende studenti provenienti da otto istituti superiori del territorio: il liceo scientifico “Spano” ed il Liceo scientifico “Marconi” di Sassari, il liceo Canopoleno sempre di Sassari, l’Iti “Angioy”, l’istituto “Dessì-La Marmora e Devilla” di Sassari, il liceo artistico “Figari” di Sassari, il liceo “Castelvì” di Sassari e l’istituto “Paglietti” di Porto Torres.

Durante il concerto, saranno proposte Adiemus di Karl Jenkins, lo spiritual Steal Away, Badde lontana di Antonio Costa, un tradizionale canto africano Hamba Nathi, Stand by me di Ben E. King, Nanneddu Meu, il Medley dal Signore degli Anelli di Howard Shore, poi ancora Hallelujah di Leonard Cohen, Be Like Him di Kirk Franklin e Deus Ti Salvet Maria.

I prossimi appuntamenti sono per sabato 16 settembre, alle ore 19.00, in piazza dei 45, con la sagra del pesce, quindi domenica 17 settembre con la cerimonia dello scambio della bandiera tra uscente e nuovo priore.

[bing_translator]

Inizieranno giovedì 7 settembre i festeggiamenti in onore della Beata Vergine della Difesa, la patrona di Stintino. Sei giorni di festa, dal 7 al 10 settembre e poi il 16 e il 17 settembre, che prevedono appuntamenti religiosi, la processione a mare, sport, spettacoli, sagra del pesce, fuochi d’artificio e lo scambio della bandiera tra il nuovo priore e quello uscente.

È ricco il cartellone degli eventi organizzato dal priore uscente Agostino Maddau. Gli appuntamenti prenderanno il via giovedì 7 settembre, alle ore 16.00, con la corsa con i sacchi per i bambini in largo Cala d’Oliva. Alle 18.00, nella chiesa dell’Immacolata, i vespri e la messa in suffragio dei defunti della Confraternita della Beata Vergine della Difesa. Alle 22.00, in piazza dei 45, lo spettacolo di Benito Urgu e dei Tenorenis.

Venerdì 8 settembre, giornata della natività della Beata Vergine Maria, gli appuntamenti inizieranno la mattina a partire dalle 8,30, con la prima messa. Quindi alle 10 la messa con la partecipazione al completo della Confraternita. In piazza Cala d’Oliva, dalle 16.00 alle 20.00, si svolgerà la manifestazione filatelica in onore della Beata Vergine della Difesa.

Alle 16,30 sarà deposta una corona di fiori alla lapide dei caduti in guerra e, alle 17.00, si svolgerà la messa quindi, a seguire, la caratteristica processione a mare, durante la quale il sindaco di Stintino lancerà una corona di fiori in mare in onore dei caduti.

Quando i fedeli saranno rientrati dalla processione, e il simulacro della Vergine riportato in chiesa dai Confratelli, il priore accoglierà cittadini e turisti nella casa della Confraternita per un rinfresco e la distribuzione dei biscotti tipici stintinesi.

Alle 21,30, sul lungomare Cristoforo Colombo tutti con il naso all’insù per assistere allo spettacolo dei fuochi d’artificio. Alle 22.00, in piazza dei 45, il concerto di Ivana Spagna.

Sabato 9 settembre la mattina sarà tutta dedicata ai giochi per i ragazzi. Alle 10.00, al porto Minori, tutti in gara per l’albero della cuccagna a mare. Alle 16.00, invece, saranno protagonisti i bambini con giochi e intrattenimento tutti dedicati a loro. Alle 22.00, l’artista stintinese Beppe Dettori si esibirà in piazza dei 45.

Domenica 10 settembre, alle 11,30, sarà ancora sport con il palio remiero, una vera e propria tradizione per gli stintinesi. Alle 21,30, nella chiesa parrocchiale dell’Immacolata Concezione è in programma il concerto del coro Nova Euphonia diretto dal maestro Vincenzo Cossu.

Sabato 16 settembre a richiamare il pubblico sarà l’immancabile appuntamento con la Sagra del pesce. Priore e confratelli, con i volontari, saranno in piazza dei 45 dalle 19.00, per arrostire e distribuire portate di pesce accompagnate da un bicchiere di vino bianco. Alle 20.00 l’estrazione della lotteria, alle 21.00 le premiazioni delle gare e in chiusura, alle 22.00, una serata di liscio.

Domenica 17 settembre, dalle 14.00 i confratelli si riuniranno nella sede di via Sassari per l’elezione del nuovo priore. Alle 18.00, nella chiesa parrocchiale, la messa e, a segurie, la processione del simulacro della Madonna, al termine della quale, una volta ritornati in chiesa, si svolgerà lo scambio della bandiera tra priore uscente e quello nuovo. Il priore uscente, quindi, accoglierà i concittadini e i turisti nella sede della Confraternita per un rinfresco.

 

 

Sabato mattina il complesso di Sahta Chiara, Aula VII dei Bastioni Pigafetta, ad Alghero, ospiterà il dibattito pubblico “il DADU è tratto?”, organizzato da INU Sardegna, sul futuro del Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica (DADU) dell’Università di Sassari.

L’Istituto Nazionale di Urbanistica ha lo scopo di promuovere e coordinare gli studi di urbanistica e di edilizia, diffonderne e valorizzarne i principi e favorirne l’applicazione. Per questi motivi preoccupa la notizia che il Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica (DADU) dell’Università di Sassari potrebbe avviarsi a concludere la sua felice esperienza, che per la Sardegna possa venir meno un presidio di cultura territoriale, che possa scomparire la qualità dell’architettura e del paesaggio in Sardegna come presupposto per uno sviluppo sostenibile.

Per onorare i propri scopi fondativi, oltre che sostenere con forza il progetto di futuro che Architettura ad Alghero rappresenta, INU Sardegna ha scelto di associare il Dipartimento in forma pubblica, in un momento di dibattito sul futuro dell’urbanistica, dell’architettura, del territorio e del paesaggio in Sardegna.

All’incontro parteciperanno le federazioni e gli Ordini professionali, i sindaci di Sassari, Alghero, Villanova Monteleone, Olmedo, Castelsardo, i rappresentanti di dell’INU, dell’Università di Cagliari, di ANCI Sardegna, dell’Amministrazione provinciale gallurese, del Comune e della Stazione dell’Arte di Ulassai, delle Amministrazioni comunali di Cagliari, Uri, Ittiri, Bosa, dei lavoratori della miniera di Olmedo. Al pomeriggio la solidarietà al territorio si estenderà infatti alla miniera di Olmedo, i cui lavoratori sono stati licenziati tutti dalla multinazionale che l’ha acquisita.

Questo il programma completo della giornata:

9.30 Saluti di apertura: Mario Bruno, Sindaco di Alghero; Nicola Sechi, decano del Dipartimento; Roberta Porcu, presidente INU Sardegna

10.00 Seminario: Quale territorio senza cultura? coordinano Alessandra Casu, DADU e Vincenzo Cossu, INU Sardegna

Non ho imparato a leggere i manuali, Alessio Bellu e Fausto Cuboni, INU Sardegna

L’acqua, un elefante senza giungla, Fausto Pani, INU Sardegna e Sergio Vacca, DADU

L’industria non ha i cassonetti della differenziata, Chiara Rosnati, UniSS

Ci siamo inventati le regole mentre giocavamo a Monopoli, Gianni Mura, INU Sardegna

Cosa succede in città?, Francesco Indovina, DADU

12.00 Prèsidi e presidi di cultura del territorio, Arnaldo Cecchini, direttore DADU e Antonello Sanna, direttore DICAAR (UniCA)

12.30 Interventi a sostegno del Dipartimento da parte di Sindaci, Ordini professionali, altre Istituzioni.

In contemporanea: DADU impara a leggere e scrivere, DADU insegna a leggere e scrivere, videostoria a cura di studenti, docenti, dottorandi, assegnisti, collaboratori e personale DADU

13.00 Cerimonia di iscrizione onoraria del DADU a INU Sardegna

13.15 Prima presentazione pubblica del premio “Legarsi al territorio – Maria Lai”, Roberto Barracu, INU Sardegna ed Enrica Caire, Ordine APPC Nuoro e Ogliastra

13.30 Chiusura dei lavori.

Alghero 3 copia

Palazzo della Regione 2 copia
La Giunta regionale ha approvato le nuove direttive regionali per l’assicurazione agricola agevolata. L’aiuto per il pagamento dei premi assicurativi, a garanzia delle produzioni agricole contro il rischio di calamità naturali e di avversità atmosferiche eccezionali, ammonta a 4 milioni e 430 mila euro. L’assessore dell’Agricoltura, Elisabetta Falchi, ha sottolineato che si tratta di risorse importanti per uno strumento che garantisce la sostenibilità, la competitività e lo sviluppo delle zone rurali.
Sempre su proposta dell’assessore dell’Agricoltura, Giampiero Deiana è stato confermato commissario straordinario del Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale. È stato inoltre approvato il bilancio di previsione per l’esercizio finanziario anno 2015 e pluriennale 2015-2017 dell’agenzia agricola Agris. E’ stato dato il via libera, infine, alla delibera del contributo per la copertura del personale avventizio nei consorzi di bonifica.
Su proposta dell’assessore della Sanità, Luigi Arru, la Giunta ha rimodulato la ripartizione della compartecipazione finanziaria della Regione all’acquisto del vaccino veterinario per la prevenzione della Blue tongue. Un milione e 767mila euro sarà a carico della Regione, mentre la Asl dovrà versare poco meno di 4 milioni e mezzo. In Sardegna per il 2014 sono stati acquistati 6 milioni di dosi di vaccini spento contro il sierotipo 1 è un milione e 300mila dosi contro i sierotipo 2 e 4 per un costo complessivo di 6 milioni e 250mila euro. La rimodulazione si è resa necessaria dopo la riduzione delle risorse disponibili nell’UPB. L’esecutivo ha inoltre deciso di accogliere la richiesta della Asl 7 di Carbonia di rimodulazione di un finanziamento di 100mila euro: inizialmente l’importo era destinato all’acquisto di un upgrade Tac, per il quale però la Asl ha adoperato fondi propri. I 100mila euro, dunque, saranno ora utilizzati per acquisire un mammografo. Approvato, infine, il censimento del patrimonio immobiliare della Asl 1 di Sassari.
La Giunta ha definitivamente approvato, su proposta dell’assessore del Turismo Francesco Morandi, il bando da un milione di euro con interventi a favore di artigianato, turismo, commercio per le imprese sarde che vorranno aggregarsi (sotto forma di ATI, Associazione temporanea d’impresa, o Consorzi) e puntare all’internazionalizzazione in vista di Expo 2015. Le imprese ad associarsi devono essere minimo 5, il 75% del finanziamento è a fondo perduto. L’obiettivo oltre Expo – ha spiegato l’assessore Morandi – è quello di utilizzare la nuova programmazione unitaria dei fondi per accompagnare le piccole e medie imprese sarde nel percorso di internazionalizzazione.
Su proposta dell’assessore degli Enti Locali e dell’Urbanistica, Cristiano Erriu, è stato sostituito uno dei componenti del Comitato Tecnico regionale per l’Urbanistica, rappresentante dell’Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Territorio. Si tratta di Vincenzo Cossu, in servizio al Centro regionale di programmazione, che va a sostituire Franco Sardi, attuale commissario della Provincia del Sud Sardegna.
La Giunta ha prorogato l’incarico degli attuali membri dell’Ufficio del controllo interno di gestione in attesa dell’assunzione a tempo determinato di tre esperti: alla scadenza della data per la presentazione delle domande, il 29 ottobre 2014, erano arrivate 50 candidature. Per la valutazione, il direttore generale del personale ha nominato una Commissione tecnica che, lo scorso 27 febbraio, ha concluso l’esame di tutte le istanze trasmesse dopo la selezione preliminare dichiarando 10 candidati in possesso dei requisiti. L’iter per la nomina prevede un passaggio nella commissione consiliare competente che deve esprimersi entro 30 giorni. La proroga si è resa necessaria per garantire la continuità delle funzioni svolte dall’Ufficio.