1 August, 2021
HomePoliticaConsiglio regionale della Sardegnall presidente della #Commissione “Lavoro e Cultura” Gavino Manca sollecita la proroga dei contratti degli operatori Csl e Cesil e Consorzio Due Giare.

ll presidente della #Commissione “Lavoro e Cultura” Gavino Manca sollecita la proroga dei contratti degli operatori Csl e Cesil e Consorzio Due Giare.

Palazzo del Consiglio regionale 3 copia

«Una proroga di almeno un anno dei contratti in scadenza il prossimo 30 settembre, per i circa trecento operatori dei Csl, Cesil e Consorzio delle Due Giare». Facendo proprio l’orientamento unanime della #Commissione “Lavoro e Cultura”, il presidente Gavino Manca ha rivolto un appello agli assessori del Personale, Gianmario Demuro, e del Lavoro, Virginia Mura, per la presentazione di uno specifico disegno di legge.

La Seconda Commissione ha concluso nei giorni scorsi un ciclo di audizioni sulla situazione dei servizi per il lavoro e per l’impiego. Insieme con la proroga della scadenza dei contratti, fissata al 30 settembre 2014 dalla legge regionale n. 40\2013, all’attenzione del parlamentino “Lavoro e Cultura”, anche le procedure per la stabilizzazione dei lavoratori, sulla base della legge n. 38 (approvata lo scorso dicembre in Consiglio regionale, con la quale si è autorizzata l’Agenzia regionale del lavoro ad indire concorsi pubblici).

«Confermo l’obiettivo della stabilizzazione dei lavoratori Csl, Cesil e del consorzio Due Giare – ha dichiarato Gavino Manca – ma, tenuto conto del percorso condiviso in Commissione, ribadisco l’urgenza di procedere con la proroga dei contratti prossimi alla scadenza, in attesa che siano definite le procedure ed espletati i necessari adempimenti amministrativi. Tutto questo – ha concluso il presidente della Commissione “Lavoro e Cultura” – in continuità con il progetto complessivo di riforma e di riordino delle funzioni dei Centri per i servizi e per l’impiego su cui sta lavorando la Giunta regionale.»

Seconda giornata, a
#Riformatori sardi:

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT