23 January, 2022
Home2016Marzo (Page 5)

[bing_translator]

Le donne che non hanno avuto figli raccontate attraverso testimonianze, riflessioni, motivazioni e monologhi impossibili racchiusi in un grande progetto multimediale e ipertestuale. Lunàdigas è il titolo di questo lavoro, termine che in lingua sarda i pastori utilizzano per indicare le pecore che non figliano, e che le registe e autrici Marilisa Piga e Nicoletta Nesler hanno preso in prestito per individuare le protagoniste di un web doc unico in Italia.

Il progetto, pubblicato in rete da un anno, ma oggi arricchito da numerosi importanti contenuti grazie al fondamentale contributo della Fondazione di Sardegna, sarà protagonista, venerdì 1 aprile di una serata-evento in programma a Cagliari, negli spazi della Mediateca del Mediterraneo.

L’intera iniziativa sarà illustrata nella conferenza stampa in programma mercoledì 30 marzo, alle 11.30, negli spazi della Mem, in via Mameli 164, a Cagliari.

All’incontro con i giornalisti saranno presenti la direttrice della Mediateca del Mediterraneo, Dolores Melis, la direttrice artistica dell’associazione culturale Carovana S.M.I, Ornella DAgostino, e la regista e autrice Marilisa Piga.

LUNàDIGAS locandina

[bing_translator]

L’assessorato dell’Igiene, sanità e dell’assistenza sociale ha autorizzato la liquidazione e il pagamento della somma di euro 488.831,98 a favore dei comuni della Sardegna per la realizzazione dei progetti personalizzati “Ritornare a casa”.

Il programma “Ritornare a casa” è finalizzato a:
– favorire il rientro o la permanenza in famiglia, nella comunità di appartenenza o comunque in un ambiente di vita di tipo familiare, di persone attualmente inserite in strutture residenziali a carattere sociale e/o sanitario o a rischio di inserimento in tali strutture, che necessitano di un livello assistenziale molto elevato;
– migliorare il grado di autonomia e la qualità della vita delle persone con autosufficienza compromessa;
– aiutare le famiglie delle persone non autosufficienti attraverso l’organizzazione di una rete di servizi e il sostegno al familiare di riferimento.

[bing_translator]

Si è svolto a Carbonia, intorno a mezzogiorno, in piazza Roma, l’ultimo rito della Settimana Santa, l’incontro tra il Cristo risorto e la Madonna. Le due statue, accompagnate dalla musica della Banda Vincenzo Bellini di Carbonia diretta dalla maestra Caterina Casula, si sono avvicinate e, appena la Vergine ha riconosciuto il figlio risorto, ha svestito il mantello nero del lutto e ha lasciato vedere un abito bianco finemente ricamato.

Le campane hanno suonato a festa e, il pubblico accorso a vedere il commovente incontro, ha battuto le mani in segno di festa. Al termine il parroco, Don Amilcare Gambella, ha preso la parola e ha benedetto i presenti che sempre al suono della musica della Banda hanno accompagnato le statue in chiesa. Per tutti è stata occasione d’incontro per scambiarsi gli auguri per una Pasqua serena ed il tutto è stato reso più bello dal sole che ha inondato la piazza di caldi raggi primaverili.

Martedì, nel corso del telegiornale de “La Provincia del Sulcis Iglesiente TV”, visibile sul canale Youtube di Giampaolo Cirronis, nel sito www.laprovinciadelsulcisiglesiente.com , nel profilo facebook di Giampaolo Cirronis, nelle due pagine facebook La Provincia Sulcis Iglesiente e Giampaolo Cirronis Editore e nei due profili twitter @provinciasulcis e @gpcirronis , trasmetteremo le immagini più significative della processione e dell’Incontro.

Nadia Pische

IMG_8759

IMG_8735 IMG_8734 IMG_8733 IMG_8732 IMG_8731 IMG_8730 IMG_8729 IMG_8728 IMG_8727

IMG_8747IMG_8746IMG_8745IMG_8744IMG_8743IMG_8742IMG_8741IMG_8740IMG_8739IMG_8738IMG_8737IMG_8736 IMG_8726 IMG_8725 IMG_8724

IMG_8796IMG_8799 IMG_8794 IMG_8793 IMG_8797IMG_8795IMG_8792IMG_8798IMG_8801 IMG_8800IMG_8802IMG_8803IMG_8791 IMG_8790 IMG_8789 IMG_8788 IMG_8787 IMG_8786  IMG_8804IMG_8785 IMG_8784 IMG_8783 IMG_8782 IMG_8781 IMG_8780 IMG_8779 IMG_8778 IMG_8777 IMG_8776 IMG_8775 IMG_8774 IMG_8773 IMG_8772 IMG_8771 IMG_8770 IMG_8769 IMG_8768 IMG_8767 IMG_8766 IMG_8765 IMG_8764 IMG_8763 IMG_8762 IMG_8761 IMG_8760 IMG_8759 IMG_8758 IMG_8757 IMG_8756 IMG_8755 IMG_8754 IMG_8753 IMG_8752 IMG_8751 IMG_8750 IMG_8749 IMG_8748 IMG_8827IMG_8826

[bing_translator]

Layout 1

Anche quest’anno, come ormai accade da ben cinque anni, si sono disputati i “Giochi matematici del Mediterraneo”.

Ai giochi hanno partecipato le classi terze, quarte e quinte della scuola primaria e le prime, le seconde e le terze della secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Satta di Carbonia, sotto la dirigenza di Romina Lai. La gara ha visto le classi partecipanti impegnate in tre prove: la prima di classe, la seconda d’istituto e la terza regionale.

Il 4 marzo si è svolta, a Selargius, la terza prova, quella regionale, che ha fornito la possibilità ai primi classificati di ogni classe, di accedere alla gara nazionale che si svolgerà a Palermo.

Ma leggiamo le impressioni dei partecipanti più piccoli, che si sono emozionati nel prender parte ad un evento che li ha coinvolti non poco.

Luca Colasanto, alunno della terza A tempo pieno di via Mazzini, insegnante Nicoletta Leone, ha ricevuto la medaglia di bronzo per essersi classificato al terzo posto.

«Dopo la prova ci hanno riunito tutti in una stanza, per aspettare i risultati… io avevo molta paura, il cuore mi batteva forte forte… quando poi hanno letto il mio nome, il cuore mi batteva ancora di più… ma per la contentezza!»

Lorenzo Pinna, classe quarta C tempo normale, insegnante Carla Pinna, andrà a Palermo perché si è classificato al primo posto ed ha ritirato con gioia la medaglia d’oro.

«All’inizio ero calmo, poi però ogni cinque minuti chiedevo quanto mancava… mi sono persino colpito l’occhio col foglio! Poi ho iniziato a sudare… mancava poco tempo e avevo ancora quattro prove… stavo morendo dal caldo… la maestra non pensava che ce l’avrei fatta! Ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuto: Alex, Daniele, Francesco e tanti altri compagni.»

Paolo Mammarella, classe quarta B tempo normale, insegnante Carla Pinna, si è classificato al terzo posto, medaglia di bronzo.

«Anche l’anno scorso ho partecipato ai Giochi del Mediterraneo, però quest’anno mi è piaciuto di più perché c’era anche qualche mio compagno di classe. Mi sarebbe piaciuto che tutta la classe si fosse classificata per andare tutti insieme a Palermo, perché io adoro i giochi di squadra. Per me le prove sono state divertenti e facili, anche se non sono arrivato primo ma terzo. Ho dato, comunque, una soddisfazione alle maestre, soprattutto a maestra Carla, insegnante di matematica, e ai miei compagni di classe.»

Alessio Billai, classe quinta B tempo normale, insegnante Isa Pani, si è classificato al terzo posto, medaglia di bronzo…

«Quando sono arrivato a Selargius ero teso. Alla fine della prova ero tranquillo e quando mi hanno premiato tra i primi tre avevo ansia. Sono arrivato terzo e dopo aver ritirato la medaglia e l’attestato sono rientrato a casa felice e contento.»

Leggere le emozioni dei bambini ti dà come un senso di pace, “di cose vere”, loro si raccontano senza timori, parlano delle loro paure, delle loro aspettative…

Il segreto, da parte degli adulti, sta nel non caricarli di troppe aspettative, di fargli vivere le esperienze serenamente, in modo che possano diventare bagaglio da “tirar fuori” quando “la vita lo chiede!”

Nadia Pische

[bing_translator]

Nelle uova di Pasqua le sorprese di Moby non finiscono mai: dopo le tariffe speciali dedicate al week end pasquale è ora la volta di una nuova offerta acquistabile solo il giorno di Pasqua su tutte le linee per Sardegna, Corsica ed Elba.

I genitori che il 27 marzo 2016 acquisteranno un biglietto per qualsiasi destinazione Moby, usufruiranno di uno sconto del 100% sul prezzo del passaggio ponte, al netto di tasse diritti e competenze, per i propri figli (fino a un massimo di 2 bambini) di età compresa tra i 4 e gli 11 anni.

Per usufruire dell’iniziativa, cumulabile con tutte le offerte speciali Moby e valida sino ad esaurimento dei posti ad essa destinati, è necessario che nella prenotazione e nel viaggio sia compreso almeno un genitore.

Lo sconto è attivabile su www.moby.it<http://www.moby.it>, inserendo il codice promozione “PASQUA2016”.

Fino a 5.600 partenze per la Sardegna (fino a 28 al giorno) e una capacità massima di oltre 62mila passeggeri giornalieri nel 2016. Tirrenia e Moby offrono il più grande network di collegamenti e una vasta scelta di orari e porti di partenza, con la possibilità in alta stagione di viaggiare sia in notturna che in diurna grazie al potenziamento delle corse verso l’Isola. A bordo delle navi gli ospiti possono usufruire di tanti servizi: ristoranti à la carte, pizzerie, le aree bambini più grandi del Mediterraneo, la zona shopping, le sale giochi,  le piscine con solarium esterno. Un ambiente piacevole e cordiale per assicurare ai clienti il massimo comfort durante il viaggio.

Moby 0 copia

[bing_translator]

Il dilemma tra amore e filosofia ne “Le intellettuali” di Molière: la penultima commedia del grande artista francese, in tournée nell’Isola sotto le insegne del CeDAC per la stagione de La Grande Prosa (nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna) mette a confronto due opposte visioni del mondo, e differenti punti di vista sul ruolo e la condizione femminile, in un affascinante affresco della società.

La pièce – nel bell’allestimento firmato Elsinor / Teatro Stabile d’Innovazione con adattamento e regia di Monica Conti (la traduzione è quella classica ed efficace di Cesare Garboli) – debutterà in prima regionale mercoledì 30 marzo, alle 21.00, al Cine/Teatro Montiggia di Palau, per approdare giovedì 31 marzo, alle 21.00, al Teatro del Carmine di Tempio Pausania, venerdì 1 aprile, alle 21.00, al Teatro Comunale di San Gavino Monreale e, infine, sabato 2 aprile, alle 20.45, al Teatro Centrale di Carbonia.

Sotto i riflettori l’affiatato ensemble formato da Maria Ariis, Stefano Braschi, Marco Cacciola, la stessa Monica Conti, Federica Fabiani, Gaia Insenga, Miro Landoni, Stefania Medri e Alessandro Tedeschi; la scenografia, quasi una trasfigurazione simbolica dei giochi di potere in seno alla famiglia e alla società, e i costumi che evocano la temperie e il gusto di un’epoca sono di Domenico Franchi, il disegno luci di Antonio Zappalà e le musiche di Giancarlo Facchinetti.

Le intellettuali - small Le intellettuali - small MonicaCandele Le intellettuali - small 8-1 Le intellettuali - small 6-1 Le intellettuali - small 5-1 Le intellettuali - small 3

[bing_translator]

Amara sconfitta per la Dinamo Banco di Sardegna, dopo un supplementare, al PalaTrento, contro la Dolomiti Energia Trentino: 93 a 81 (primo tempo 44 a 32, al 40′ 76 a 76). La squadra di Federico Pasquini ha sofferto nei primi due quarti, nei quali ha ceduto 12 punti alla squadra di casa, 6 per quarto), reagendo alla grande nel terzo quarto che l’ha vista dominare la scena, trascinata da Joe Alexander e Rok Stipcevic, e riprendere in mano la partita (parziale di 26 a 15 e 59 a 58 all’ultimo intervallo breve), per prendere poi il largo fino al + 9 in un esaltante avvio di quarto set, con due “bombe” a testa di Joe Alexander e Rok Stipcevic, in quei minuti praticamente infallibili dalla lunghissima distanza. Trento, trascinata a sua volta da un eccezionale Davide Pascolo (con 19 punti il miglior realizzatore dell’incontro, al gigante Dominique Sutton e a Giuseppe Poeta (gli ultimi due i migliori per valutazione, rispettivamente con 23 e 24, al parti del gigante della Dinamo Jarvis Varnado, finalmente brillante, con 24 – frutto di 14 punti e 12 rimbalzi), ha reagito ed ha ripreso la Dinamo nel finale, fallendo anche l’opportunità di chiudere l’incontro entro i 40′.

Il supplementare non ha avuto storia, come emerge chiaramente dal parziale di 17 a 5.

La Dinamo a tratti ha giocato una grande partita, puntando moltissimo sul tiro dalla lunga distanza (15 centri su ben 44 tentativi effettuati, 34,1%) ma ha pagato nel tiro da 2, con un 16 su 33 che l’ha tenuta sotto il 50%); Trento ha risposto con un gioco più semplice, superando il 60% nel tiro da 2 (29 su 48) e fermandosi al 31,3% dai 6.75, con 5 centri su soli 16 tentativi, ma facendo la differenza dlala lunetta (20 su 24, 83,3%, contro il 4 su 8 della Dinamo, 50%).

Sul piano individuale, oltre ai già menzionati Alexander e Stipcevic, bene a tratti David Logan (12 punti in 37′ giocati), e Josh Akognon (11 punti) e prezioso l’apporto di Matteo Formenti, autore di due triple nelle fasi decisive dell’incontro; nella formazione di Maurizio Buscaglia, oltre ai già citati Poeta, Pascolo e Sutton, in evidenza Trent Lockett (18 punti, 7 su 11 da 2 punti e 8 rimbalzi), Julian Wright (13 punti) e Diego Flaccadori (9 punti).

Questa battuta d’arresto frena la rincorsa della Dinamo verso i play off ma niente è perduto e la squadra pensa già alla prossima partita, in programma il 3 aprile al PalaSerradimigni contro la Pasta Reggia Caserta.

Jarvis Varnado 77

[bing_translator]

Sono 278 in Sardegna le imprese di trasporto persone che effettuano il servizio mediante NCC, il “noleggio di autovettura con conducente”, e che danno lavoro a più di 500 addetti. L’80% di queste (ben 225 aziende), sono artigiane. Un settore in pieno sviluppo, quello degli NCC isolani, che tra il 2014 e 2015 ha registrato una crescita delle imprese artigiane del +3,7%, passando da  214 a 225 unità.

Il territorio con più imprese del settore è quello del nord Sardegna (Sassari e Olbia) con 95 imprese, segue Cagliari con 87, Nuoro con 29 e Oristano con 14.

Gli NCC, tecnicamente “trasporto privato non di linea”, è un servizio di prenotazione e noleggio di minivan e auto con autista, che parte da una rimessa privata, si utilizza solitamente per tratte extraurbane, aeroportuali, con disposizioni orarie e servizi di rappresentanza. La tariffa viene concordata al momento della prenotazione, che nel servizio del noleggio con conducente è obbligatoria e viene effettuata telefonicamente o con una mail.

Insieme ai taxi, con i loro mezzi, in Sardegna, ogni giorno dell’anno, con ogni condizione climatica, a ogni ora, garantiscono i collegamenti da e verso qualunque punto; città, paesi, porti, aeroporti, stazioni, ospedali, scuole o abitazioni private.

Ma il comparto ribolle di problematiche, soprattutto a causa delle numerose forme consoliate di elusione delle normative di settore, che stanno seriamente mettendo a rischio la permanenza sul mercato delle imprese in regola.

In ogni parte dell’isola, stazionano migliaia di veicoli di proprietà di varie società di noleggio senza conducente che, soprattutto nel periodo estivo, vengono utilizzati non solo per questa attività, ma anche impropriamente come noleggio con conducente, incrementando la concorrenza sleale.

Le forme elusive sono legate all’esercizio abusivo della professione da parte di soggetti non in possesso di requisiti adeguati allo svolgimento dell’attività, totalmente in nero od operanti attraverso l’utilizzo di forme di esercizio dell’attività che, di fatto, costituiscono una concorrenza sleale e irregolare; utilizzo di veicoli non idonei, personale non qualificato e non iscritto all’albo, mancato rispetto delle norme contrattuali, sulla sicurezza sul lavoro e non sottoposto ai controlli relativi alla sorveglianza  sanitaria necessaria per la conduzione di veicoli adibiti al trasporto in conto terzi

«Come sappiamo, il noleggio con conducente e il taxi sono servizi pubblico di qualità indispensabile alla mobilità della Sardegna – sottolinea Giovanni Antonio Mellino, vice presidente Nazionale di Confartigianato Trasporti – perché il trasporto delle persone nell’Isola è da sempre una delle questioni più complesse, con forti ricadute sulla vita e sull’economia isolana.»

«Però, più si va avanti, più gli operatori regolari si trovano a combattere, senza adeguati armi, una sleale concorrenza contro gli abusivi e gli irregolari – aggiunge Mellino – e si trovano a vivere un pesante inasprimento anche delle contrapposizioni personali, in particolare nei momenti di incontro al carico e scarico della clientela, che più volte hanno rischiato di sfociare in situazioni di particolare tensione e in comportamenti che potrebbero compromettere l’ordine pubblico. Anche per questo c’è necessità che la categoria viaggi unita per fare fronte comune contro crisi e abusivismo.»

Di tutto questo si discuterà mercoledì 30 a Olbia, con inizio alle ore 17.00, presso la sala convegni della Camera di Commercio, durante un seminario pubblico regionale organizzato da Confartigianato Sardegna dal titolo “Noleggio con conducente, ruolo ed evoluzione del trasporto persone: dalle problematiche del settore alle proposte di intervento nazionale e regionale”.

Mellino Giovanni--Pres.Reg.Confartigianato TRASPORTI Sardegna

[bing_translator]

Le donne che non hanno avuto figli raccontate attraverso testimonianze, riflessioni, motivazioni e monologhi impossibili racchiusi in un grande progetto multimediale e ipertestuale.

Lunàdigas è il titolo di questo lavoro, termine che in lingua sarda i pastori utilizzano per indicare le pecore che non figliano, e che le registe e autrici Marilisa Piga e Nicoletta Nesler hanno preso in prestito per individuare le protagoniste di un web doc unico in Italia.

Il web documentario, arricchito da numerosi altri contenuti, sarà protagonista, venerdì 1 aprile di una serata-evento in programma a Cagliari, negli spazi della Mediateca del Mediterraneo.

L’intera iniziativa sarà illustrata nella conferenza stampa in programma mercoledì 30 marzo, alle 11.30, negli spazi della Mem, in via Mameli 164, a Cagliari.

All’incontro con i giornalisti saranno presenti la direttrice della Mediateca del Mediterraneo, Dolores Melis, la direttrice artistica dell’associazione culturale Carovana S.M.I, Ornella D’Agostino, e la regista e autrice Marilisa Piga.

[bing_translator]

IMG_0272

«Nonostante gli interventi degli esponenti politici, tra i quali il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau, le rassicurazioni, le riunioni e gli accordi formali sottoscritti in merito al servizio Adi di terzo livello del Sulcis, la Asl 7 continua dritta nella sua strada, incurante degli impegni presi.»

Lo scrive in una nota Ignazio Locci, consigliere regionale del gruppo Forza Italia Sardegna.

«Il 10 marzo scorso – aggiunge il consigliere regionale di Sant’Antioco – è stato siglato un accordo tra l’assessore regionale della Sanità Luigi Arru, il commissario straordinario della ASL 7 Antonio Onnis, i responsabili e i coordinatori infermieristici dei reparti di anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero di Carbonia e Iglesias e l’assessore delle Politiche sociali del comune di Carbonia. Un accordo che avrebbe dovuto introdurre importanti novità nella gestione del servizio, riallacciandolo al reparto di Rianimazione dell’ospedale Sirai di Carbonia su base volontaria, così come sollecitato a più riprese dai familiari dei pazienti. Ma, a oggi, non è stato concretizzato nulla e la dirigenza Asl fa melina burocratico-sindacale. Ma non solo: siamo all’assurdo visto che l’azienda sta inviando ai pazienti una comunicazione con la quale chiede la “dichiarazione scritta del rifiuto all’assistenza sanitaria offerta dagli operatori dell’U.O Terapia del dolore, cure palliative e Hospice”.»

«Nel frattempo aumentano i ricoveri (ma questa non è propriamente una novità). E stupisce il comportamento dell’Assessore Arru, che ha messo in campo la sua autorevolezza. Le comunicazioni ai pazienti sono un oltraggio agli impegni presi e all’intelligenza delle persone. Auspico l’intervento (questa volta risoluto) di Luigi Arru – conclude Ignazio Locci – affinché la Asl 7 la smetta di tergiversare e dia seguito agli impegni assunti a suo tempo.»