26 May, 2022
HomePoliticaNon si placano le polemiche dopo quanto è accaduto in occasione dell’ultima riunione del Consiglio comunale di Carbonia.

Non si placano le polemiche dopo quanto è accaduto in occasione dell’ultima riunione del Consiglio comunale di Carbonia.

[bing_translator]

Non si placano le polemiche dopo quanto è accaduto in occasione dell’ultima riunione del Consiglio comunale di Carbonia, con l’abbandono dell’Aula da parte di tutti i consiglieri del gruppo di maggioranza del Movimento 5 Stelle mentre il vicesindaco Gian Luca Lai esponeva l’ultimo punto dell’ordine del giorno e le successive dimissioni dell’assessore dei Lavori pubblici Riccardo Cireddu.

«Quello che è accaduto nella riunione del Consiglio comunale di Carbonia nella seduta di martedì 31 gennaio è chiaro e non può essere derubricato come un insignificante incidente di percorso – attacca Roberto Gibillini, coordinatore circolo riformatori sardi di Carbonia -. Se il vicesindaco illustra il punto all’ordine del giorno e la sua maggioranza abbandona l’aula significa soltanto una cosa. Rispetto quindi per la scelta dell’ex assessore Riccardo Cireddu che ha immediatamente presentato le dimissioni. Ma è chiaro che la maggioranza cinque stelle con quel gesto ha sfiduciato in modo clamoroso e fragoroso l’intera Giunta e il Sindaco in primo luogo.»

«A questo punto – conclude Roberto Gibillini – le dimissioni del Sindaco insieme a tutta la Giunta sarebbero doverose: avrebbero comunque 20 giorni per spiegare alla città e a se stessi se sono in grado di cominciare ad amministrare Carbonia o se almeno sono in grado di fare un passo indietro e restituire la parola ai cittadini.»

Firmato il protocoll
La Protezione Civile

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT