6 July, 2022
HomeSpettacoloMusicaIl fisarmonicista francese Richard Galliano è il protagonista del sesto concerto di JazzAlguer, venerdì 12 aprile nella Chiesa di San Michele, ad Alghero.

Il fisarmonicista francese Richard Galliano è il protagonista del sesto concerto di JazzAlguer, venerdì 12 aprile nella Chiesa di San Michele, ad Alghero.

[bing_translator]

È uno degli ospiti più attesi della seconda edizione di JazzAlguer, la rassegna organizzata ad Alghero dall’associazione Bayou Club-Events con la direzione artistica di Paolo Fresu: il fisarmonicista francese Richard Galliano è il protagonista del sesto concerto in cartellone, venerdì 12 aprile nella Chiesa di San Michele. La serata, con inizio alle 21.00, è ad ingresso libero, ma in previsione di una folta presenza di pubblico, e data la limitata capienza dello spazio, gli spettatori sono invitati a dotarsi degli appositi biglietti gratuiti che si potranno ritirare questo sabato (6 aprile), a Lo Quarter, in Largo San Francesco, dalle ore 18.00 alle 19.00. I biglietti possono essere anche prenotati inviando una mail, sempre a partire dalle 18.00 di sabato, all’indirizzo ticket@jazzalguer.it.
Virtuoso della fisarmonica e del bandoneon, Richard Galliano spazia su tutto il fronte della musica, dalla classica al jazz. Classe 1950, unico fisarmonicista a registrare per la prestigiosa etichetta Deutsche Grammophon, questo francese di origini italiane conta più di cinquanta album a suo nome e cn tanti artisti di fama. Lungo e variegato l’elenco dei musicisti con cui ha avuto modo di lavorare: tra i tanti, Chet Baker, Ron Carter, Wynton Marsalis, Charlie Haden, Gary Burton, Paolo Fresu, Charles Aznavour, Serge Gainsbourg, Claude Nougaro. Tanti anche gli allori raccolti negli anni da Richard Galliano, un artista che è stato capace di rinnovare l’immagine di uno strumento come la fisarmonica, considerato sorpassato e destinato solo alle sale da ballo del sabato sera, spaziando tra molteplici stili musicali, flirtando con la salsa, fondendosi con il tango, senza però mai perdere la sua anima, profondamente ancorata alle sue radici italo-francesi.

Domani, 4 aprile 201
Ignazio Locci: «Aug

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT