19 August, 2022
HomeSanitàIl gruppo Udc ha presentato una proposta di legge per integrare i requisiti necessari per accedere alle Scuole di specializzazione in Medicina.

Il gruppo Udc ha presentato una proposta di legge per integrare i requisiti necessari per accedere alle Scuole di specializzazione in Medicina.

[bing_translator]

Saranno 600 i medici sardi che potranno accedere, a partire dal 2020, alle Scuole di specializzazione dell’Università degli Studi di Cagliari e Sassari, ma anche in altre strutture regionali, extraregionali ed extranazionali.

Con 15.000.000,00 dei fondi P.O. FSE Sardegna 2014/2020 si cercherà di far fronte alla formazione post-laurea dei medici sardi. La spesa servirà per coprire le carenze di medici specializzati nelle strutture sanitarie della Sardegna, previste da qui al 2025.

Sono questi i dati che emergono dalla proposta di legge presentata dal gruppo dell’UDC Sardegna in Consiglio regionale per integrare i requisiti necessari per i candidati che intendono concorrere per i posti finanziati dalla Regione Autonoma della Sardegna a favore delle Scuole di specializzazione in Medicina.

La proposta di legge, nata dall’incontro con l’Associazione Mèigos – Giovani Medici Sardegna accolta in VI Commissione il 19 giugno passato, dà nuove norme, modificando e integrando le precedenti leggi regionali che si sono susseguite negli anni dal 1992 al 2015 per regolare l’accesso alle scuole di specializzazione.

La novità più importante, rispetto al passato, sta nel fatto che non si toccheranno più le risorse del capitolo di bilancio regionale dedicato a coprire i costi della sanità regionale ma si attinge direttamente dai fondi P.O. FSE.

La proposta di legge è urgente, in quanto la situazione di carenze di specialisti presenti nella rete ospedaliera della Sardegna registra numeri preoccupanti.

Attualmente l’età media dei medici dipendenti è di 53 anni, dato che ci consegnerà entro il 2025 l’esodo di oltre 1.154 medici specialisti in Sardegna e tra il 2018 e il 2022 di 522 medici di medicina generale, se poi estendiamo il periodo di osservazione al 2028 il numero di questi medici in pensione sale a 1.207. Allo stesso tempo, secondo le statistiche dell’associazione Mèigos – Giovani Medici Sardegna, è previsto che oltre 600 medici sardi parteciperanno al concorso per l’accesso alle scuole di specializzazione medica nel 2020.

L’auspicio che la proposta di legge venga condivisa anche dagli altri Consiglieri regionali e che l’iter in commissione sanità sia breve, in modo da programmare le risorse, anche per i prossimi anni, nella prima legge di bilancio regionale.

FOLLOW US ON:
L'8 agosto, a Stinti
Il Consiglio regiona

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT