7 May, 2021
HomeCulturaStoriaL’11 maggio 1920 l’eccidio dei minatori. Un sacrificio che ha portato alla conquista dei diritti dei lavoratori

L’11 maggio 1920 l’eccidio dei minatori. Un sacrificio che ha portato alla conquista dei diritti dei lavoratori

[bing_translator]

L’11 maggio 1920 l’eccidio dei minatori. Un sacrificio che non si deve mai dimenticare perché ha portato alla conquista dei diritti dei lavoratori. Da quella tragica data sono passati cento anni, e molte cose sono cambiate. Le condizioni di lavoro, le relazioni sindacali, i tipi di impiego e, talvolta, anche le tutele. In questi anni le centinaia di studenti di Iglesias hanno ricostruito con passione e dedizione quegli avvenimenti, la sofferenza, la disperazione e la rabbia. E’stata una rivolta per un diritto: dignità, condizioni di lavoro e di vita migliori. Un mondo che non c’è più ma che non deve essere dimenticato.
Quest’anno la rappresentazione in piazza non ci sarà, ma la commemorazione, seppure in modi differenti, sarà comunque garantita. La pandemia ha modificato il nostro modo di vivere e le nostre abitudini, ma non ci ha fatto dimenticare il sacrificio dei minatori di cento anni fa. Oggi, più che mai, diventa importante ricordare il gesto di quegli uomini e di quel sacrificio che ha aperto la strada al riconoscimento di tutele per le quali ancora si combatte. Ci sono moltissime categorie di lavoratori che, ancora oggi, devono fare i conti con condizioni non certo ottimali. Pensiamo ai lavoratori delle campagne, in questi giorni si parla nuovamente di caporalato e di riconoscimento dei diritti, ma pensiamo anche ai numerosi precari che operano nei settori più differenti. Figure specializzate e con professionalità consolidate che lavorano con contratti a tempo, o a prestazione occasionale. Rispetto a cento anni fa lo scenario è mutato ma non troppo, perché la platea di chi opera in una condizione di precarietà cronica è abbastanza ampia. Per stare al settore minerario, in un’epoca di globalizzazione, ora più che mai da ripensare,  pensiamo ai minatori che estraggono il coltan in Congo e che a decine muoiono, molti dei quali poco più che bambini.
Per questo motivo riteniamo che l’11 maggio, il sacrificio di quei minatori in piazza per il pane non possa e non debba essere dimenticato. Loro, quei minatori e quella generazione di lavoratori che con il proprio sacrificio hanno dato la possibilità ai figli e nipoti di studiare e crescere, non possono essere dimenticati. E noi quell’insegnamento dobbiamo sempre tenerlo presente. In questo momento di emergenza sanitaria ed economia provocata dal Coronavirus, più che mai.

Emanuele Madeddu

Segretario Generale FILCTEM CGIL Sardegna Sud Occidentale

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Il Corpo forestale d
Il comune di Carboni

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT