17 May, 2022
HomeTurismoMareRiaprono le spiagge dopo il lock down. Le speranze degli operatori balneari per l’estate 2020

Riaprono le spiagge dopo il lock down. Le speranze degli operatori balneari per l’estate 2020

[bing_translator]

Dopo il lungo periodo di lockdown, ci siamo ritrovati direttamente con l’estate alle porte. La stagione balneare rappresenta un punto focale dell’economia della Sardegna, irrinunciabile per gli operatori del settore. Quest’anno, però, la stagione appare più problematica, con i protocolli che stentano a diventare definitivi e la confusione riguardo le regole da seguire, per potersi spostare da regione a regione.
«L’estate è la stagione della nostra vita esordisce Luciano La Mantia, di Carbonia, gestore di uno stabilimento balneare nella spiaggia di Porto Pino -, perché dura appena tre mesi e, una volta terminati, dobbiamo aspettare l’anno venturo. Nonostante la particolarità di questa stagione 2020, dovuta alle restrizioni per il Covid, le richieste di prenotazione arrivano ugualmente. Le persone chiedono, vogliono venire – prosegue Luciano La Mantia -. Noi ci crediamo, ci scommettiamo, siamo fiduciosi e infatti siamo qui e stiamo già montando. Speriamo sia un’estate il più normale possibile.»
Non tutti i gestori di stabilimenti se la sentono ancora di approntare per la nuova stagione, nonostante le regolamentazioni, riguardo le distanze tra gli ombrelloni e i lettini, si siano ulteriormente modificate negli ultimi giorni.
«La situazione è appena cambiata, per fortunaspiega Giordano La Mantia, co-gestore dello stabilimento di Porto Pino -. La distanza tra un ombrellone e l’altro dovrebbe essere, ora, di 3,50 metri mentre prima si parlava di 5 metri. La cosa ci preoccupava. Ora, invece, secondo noi, ci sono i presupposti per lavorare abbastanza bene.»
Ovviamente, il discorso delle distanze diminuite aiuta ma è dovere dei fruitori stare attenti. Non sarà, comunque, un’estate all’insegna delle feste in spiaggia.

«Purtroppo, per ora, l’intrattenimento danzante, musicale, viene esclusoprosegue Giordano La Mantia -. Speriamo si trovi una soluzione anche per questo.»
Il tutto all’insegna del mantenimento della salute e della sicurezza delle persone.
«Per quanto riguarda la sanificazione, sarà fatta per ogni clienteprosegue Giordano La Mantia, che termina con una promessa -: ci vorrà un po’ più di impegno ma noi siamo pronti a prendercelo. Purché sia una bella stagione, siamo pronti a qualsiasi sforzo.»
Una parte della spiaggia di Porto Pino è, da ormai dieci anni, destinata ad area cani. Una spiaggia unica in Italia, precursore delle simili arrivate in seguito. Un esempio di accoglienza per i turisti provenienti da tutto il mondo, che viaggiano con i loro animali d’affezione. Questa sarà un’estate differente anche per loro.
«Questa stagione la prevediamo molto in salitaafferma Lucia Matta, che, come socia della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, gestisce l’area cani -. Generalmente, in questo periodo, spaliamo per preparare la stagione. Quest’anno è tutto fermo, tutto immobile. Non sappiamo niente e non la prevediamo bene.»
Federica Selis

Il presidente del Co
Lunedì ripartono mo

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT