13 June, 2021
HomeSanitàClaudia Zuncheddu (Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica): «Riprogrammare il sistema sanitario pubblico è la priorità»

Claudia Zuncheddu (Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica): «Riprogrammare il sistema sanitario pubblico è la priorità»

[bing_translator]

La Rete Sarda in questi mesi ha abbassato i toni sulla crisi sanitaria auspicando che la Politica rispondesse con scelte adeguate a tutte le emergenze, ma così non è stato. Se non si ripristina il sistema sanitario pubblico, riorganizzando i grandi ospedali di Cagliari, restituendo ospedali efficienti ai territori disagiati, potenziando la sanità territoriale e assumendo medici e infermieri, non si arresta la catastrofe accelerata dal Covid-19.
I medici di base, ultima trincea della sanità pubblica, sono insufficienti, abbandonati e con pochi dispositivi di sicurezza. La Medicina di base paga gli effetti di anni di tagli. Su di essa ora si vorrebbe scaricare persino l’esecuzione dei tamponi rapidi, con rischi per pazienti, medici e ambulatori destinati a divenire anch’essi focolai di infezione.
Il tempo per organizzare e prevenire l’ondata di Covid c’era, ma non è partito nessun piano di emergenza e ancor meno un piano per il potenziamento della sanità territoriale e dei medici di base. Riqualificare la sanità pubblica, dopo anni di smantellamento, implica scelte finanziarie e un rigoroso sistema di controllo della spesa. Alla fine della prima ondata Covid, dopo il lockdown, è mancato il piano per prevenire la recrudescenza virale, intanto si ignora la strage per le altre malattie. Per il peso dei numeri, i centri preposti per il monitoraggio sono in affanno. Non si risponde più neanche ai telefoni. Le comunicazioni con i medici di base si sono interrotte. Per il ritardo degli esiti dei tamponi nei pazienti in quarantena, l’incertezza diagnostica è un altro problema per i medici di base, impossibilitati ad emettere i certificati di malattia.
Gli ospedali da luoghi di cura divengono spesso fonti di contagio, come è avvenuto di recente al Sirai di Carbonia, dove per testare il funzionamento delle apparecchiature per processare i tamponi a due volontari è stato fatto il prelievo con tamponi usati. Una grave disattenzione che non può chiudersi solo con la sostituzione dei responsabili. Abbiamo bisogno di personale competente e del ripristino dei laboratori chiusi a Iglesias come in altri centri della Sardegna.
Non si muore solo di Covid. La situazione dei malati non Covid seppur drammatica cade nell’oblio. L’accesso alle cure, a partire da quelle tumorali è difficile o impossibile. Per i tagli alla prevenzione si arriva spesso in ritardo alle diagnosi e alle terapie. Lo scenario inquietante impone come priorità la riprogrammazione del Sistema sanitario pubblico e l’assunzione di personale.
Delle macerie della Sanità sarda è responsabile tutta la classe politica in modo trasversale, ma non è tempo né di accuse né di assoluzioni. Bisogna ricostruire insieme e subito.
Claudia Zuncheddu – portavoce Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
COVID: Carbonia nel
Sono 167 i nuovi cas

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT