11 May, 2021
HomeSportIl Carbonia è la più bella sorpresa del girone G del campionato di serie D

Il Carbonia è la più bella sorpresa del girone G del campionato di serie D

[bing_translator]

5° posto in classifica con 23 punti in 13 partite giocate, con 6 vittorie: 3 in casa con Torres, Latte Dolce e Muravera e 3 in trasferta, a Cassino, Giugliano e sul campo dell’Afragolese; 5 pareggi, tutti per 1 a 1: a Lanusei, sul campo del Team Nuova Florida e ad Arzachena, in casa con Gladiator e Nola; 2 sole sconfitte: 2 a 0 in casa con il Savoia e 2 a 1 sul campo della Nocerina; secondo miglior attacco con 22 reti realizzate, distribuite tra 7 calciatori: Roberto Cappai 5; Cristian Stivaletta 4: Riccardo Cestaro 4; Ador Gjuci 2; Yuri Salvaterra 2; Marco Piredda 2; Emmanuel Odianose 2; Moussa Soumare 1. Settima miglior difesa con 13 reti subite. Il tutto, con la squadra più giovane del girone G del campionato di serie D, costruita con uno dei budget più contenuti, se non il più contenuto.
Complimenti a tutti i protagonisti in campo, ma dietro questi risultati c’è un grande lavoro della società, portato avanti tra mille difficoltà, prima dietro la scrivania, poi sui vari campi della Provincia e… quello di due dei tanti nuovi volti del Carbonia Calcio di questa stagione 2020/2021, quella del ritorno del calcio minerario sulla platea nazionale dopo 30 anni: il giovane direttore sportivo Andrea Colombino e l’esperto tecnico Marco Mariotti. Credo che nessuno, neppure il più appassionato dei tifosi, neppure Andrea Colombino e Marco Mariotti, quando il 9 luglio scorso hanno messo piede per la prima volta a Carbonia, in piena pandemia da Coronavirus, avrebbero osato solo sognare che, a distanza di 216 giorni, avrebbero visto il Carbonia posizionato al quinto posto in classifica, dietro quattro “corazzate” come Monterosi, Latina, Vis Artena e Savoia, sulla stessa linea di un’altra grande, la Nocerina, candidata alla promozione in Lega Pro, davanti a tante squadre dal potenziale e dalle ambizioni iniziali indubbiamente superiori.
Oggi nessuno può prevedere cosa riserverà il futuro ma non ci si può esimere dal riconoscere il valore di quanto fin qui realizzato.
CHAPEAU!!!
Giampaolo Cirronis
Sono 167 i nuovi cas
Dopo circa 24 anni,

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT