25 May, 2022
HomePosts Tagged "Marco Mariotti"

Lo stadio Peppino Sau di Usini ospita questo pomeriggio, alle 15.00, il derby tra Latte Dolce e Carbonia, recupero della prima giornata di ritorno del girone G del campionato di serie D (dirige Valerio Bocchini di Roma 1, assistenti di linea Salvatore Barbanera di Palermo ed Alessandro Gennuso di Caltanissetta). All’andata, a Villamassargia, la partita terminò 1 a 1, con goal iniziale dell’ex Daniele Cannas dopo soli 2’ per il Latte Dolce e pareggio di Ador Gjuci per il Carbonia al 15’ della ripresa.

Le due squadre sono state fin qui protagoniste di un campionato irto di difficoltà e sono impegnate nella zona bassa della classifica. Il Latte Dolce di Pierluigi Scotto, il tecnico che lo scorso anno fu sul punto di guidare il Carbonia dopo le dimissioni di Marco Mariotti, prima dell’arrivo di David Suazo, è terz’ultimo con 16 punti, il Carbonia un gradino più sotto con 14 punti. La posta in palio, conseguentemente, è importantissima.

Ricordiamo che la formula del campionato prevede due retrocessioni dirette e i play out per quattro squadre classificate tra il 13° ed il 16° posto, ragion per cui, considerato che il 12° posto che assicura la salvezza diretta, occupato dal Cassino, è molto lontano a quota 25, per entrambe le squadre protagoniste di questo derby, l’obiettivo primario è rientrare quantomeno in area play-out per poi sperare nella salvezza nella seconda fase del campionato.

Lo stadio Comunale “Carlo Zoboli” riapre le porte ai tifosi dopo 482 giorni. Il 26 ottobre 2020, il Carbonia di Marco Mariotti giocò e perse 2 a 0 con il Savoia, doppietta di Giovanni Kyeremateng. Nessuno, nonostante la pandemia da Coronavirus, avrebbe potuto prevedere che lo stadio sarebbe rimasto chiuso completamente per 468 giorni e ne sarebbero stati necessari 482 per tornare ad ospitare i tifosi sulla tribuna. 

Il derby Carbonia-Atletico Uri in programma domenica 20 febbraio (fischio d’inizio ore 14.30, dirigerà Matteo Campagni di Firenze) per la quarta giornata di ritorno del girone G del campionato di serie D, si giocherà a porte aperte, biglietto d’ingresso unico al costo di 10 euro. La decisione è arrivata dopo la realizzazione dell’intervento richiesto per rendere agibile la tribuna. Per accedere allo stadio è necessario essere in possesso del green pass e della mascherina FFP2.

Il ritorno dei tifosi arriva in un momento particolarmente delicato per la squadra di David Suazo, ultima in classifica e, proprio per questo, ancora più bisognoso di vicinanza ed affetto per cercare di iniziare quella che si presenta come una rincorsa complicata ma ancora percorribile verso la salvezza. L’avversario non è sicuramente agevole, la matricola Atletico Uri, che arriva da una pesante sconfitta interna, 5 a 0 con la Vis Artena. In classifica occupa la 13ª posizione con 22 punti. Il Carbonia vi arriva reduce da due sconfitte in quattro giorni in terra laziale, 3 a 1 nel recupero di Artena e 2 a 1 a Formia. La posta in palio è importantissima.

All’andata, ad Uri, la squadra di Massimiliano Paba si impose 3 a 1, rimontando lo svantaggio iniziale firmato al 60′ da un goal di Alessandro Murtas (poi passato al Sona, squadra del girone B e convocato nella Nazionale di categoria allenata da Giuliano Giannichedda), con i goal di Luigi Scanu, Simone Calaresu ed Alessio Fadda.

Carbonia ed Atletico Uri furono protagoniste della stagione di Eccellenza 2019/2020, con il Carbonia, promosso in serie D, che si impose in campionato con l’identico punteggio di 3 a 1 sia in casa sia in trasferta (il 1° marzo, in quella che fu l’ultima partita di quel campionato, alla 23ª giornata, perché la pandemia impose la sospensione che poi diventò definitiva). Le due squadre si affrontarono anche nella finale di Coppa Italia, l’8 febbraio, e anche in quell’occasione si impose il Carbonia di Andrea Marongiu con un goal di Giuseppe Meloni. L’Atletico Uri ha conquistato meritatamente la promozione lo scorso anno.

Giampaolo Cirronis

 

Marco Mariotti torna alla guida dell’Arezzo, nel girone G del campionato di serie D. Dopo la sconfitta subita sul campo del Trestina, la società toscana ha esonerato Andrea Sussi ed ha richiamato l’ex tecnico del Carbonia che era stato sollevato dall’incarico lo scorso 22 novembre, dopo il pari interno per 2 a 2 con la capolista San Donato. 

La gestione di Andrea Sussi è durata sette partite, nel corso delle quali l’Arezzo ha collezionato 3 vittorie, 2 pareggi, 2 sconfitte, 11 gol segnati e 12 subìti, media punti 1,57 a partita, un bilancio inferiore a quello della gestione di Marco Mariotti nella prima parte della stagione: 5 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte in 10 giornate, con 20 gol all’attivo, 15 al passivo ed una media punti di 1,80.

Marco Mariotti trova una squadra cambiata radicalmente negli uomini al mercato di riparazione. Ricordiamo che nell’Arezzo gioca l’ex difensore del Carbonia Fabio Mastino. La squadra occupa la quinta posizione, con 28 punti ed una partita da recuperare.

Carbonia, ora piove sul bagnato. Al termine delle indagini condotte dalla Procura Federale a seguito della vertenza aperta dall’ex tecnico Marco Mariotti, è stata comminata la sanzione dell’inibizione di 3 mesi al presidente Stefano Canu e di 1 punto di penalizzazione in classifica alla squadra.

Il Carbonia, ultimo in classifica, perde così uno degli 8 punti conquistati sul campo e scende a quota 7, in una situazione sempre più complicata a tre giornate dalla conclusione del girone d’andata.

Di seguito il testo integrale del comunicato ufficiale n° 125/AA pubblicato questo pomeriggio dal segretario generale della FIGC Marco Brunelli e dal presidente Gabriele Gravina.

  • Vista la comunicazione della Procura Federale relativa al provvedimento di conclusione delle indagini di cui al procedimento n. 157 pf 21/22 adottato nei confronti del Sig. Stefano CANU e della società ASD CARBONIA CALCIO, avente ad oggetto la seguente condotta:
  • STEFANO CANU, all’epoca dei fatti presidente dotato di poteri di rappresentanza della Società A.S.D. Carbonia Calcio, in violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, ovvero dei principi di lealtà, correttezza e probità, in relazione all’art 94 ter, comma 13, delle NOIF, nonché dell’art. 31, comma 6, del Codice di Giustizia Sportiva, per non avere lo stesso, quale presidente della società soccombente nei confronti del tecnico Marco Mariotti – UEFA PRO, eseguito il pagamento delle somme accertate dal Collegio Arbitrale della L.N.D. con lodo n. 130.01 del 15/07/2021, pubblicato con C.U. n. 4/2021 (trasmesso alla predetta società A.S.D. Carbonia Calcio tramite messaggio di posta elettronica certificata in data 21/07/2021), nel termine di trenta giorni dalla notifica dello stesso; ASD CARBONIA CALCIO, per responsabilità diretta, ai sensi dell’art. 6, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva;
  • vista la richiesta di applicazione della sanzione ex art. 126 del Codice di Giustizia Sportiva, formulata dal Sig. Stefano CANU in proprio, e in qualità di legale rappresentante, per conto della società ASD CARBONIA CALCIO;
  • vista l’informazione trasmessa alla Procura Generale dello Sport;
  • vista la prestazione del consenso da parte della Procura Federale;
  • rilevato che il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’accordo raggiunto dalle parti relativo all’applicazione della sanzione di 3 (tre) mesi di inibizione per il sig. Stefano CANU, e di € 300,00 (trecento/00) di ammenda e 1 (uno) punto di penalizzazione in classifica per la società ASD CARBONIA CALCIO.

Gianni Maricca è il nuovo allenatore della Fermassenti, subentra a Fabrizio Caria, sollevato dall’incarico dal presidente Antonio Massenti, dopo la pesante sconfitta interna (0 a 3, tripletta di Andrea Renzo Iesu) subita nel recupero del derby con il Cortoghiana. Per Gianni Maricca, nelle ultime due stagioni allenatore in seconda al Carbonia, prima con Andrea Marongiu nella trionfale stagione in Eccellenza, culminata con la promozione in serie D e la conquista della Coppa Italia di categoria, poi in serie D con Marco Mariotti, fino alle sue dimissioni arrivate a 6 giornate dalla conclusione del campionato, a salvezza ormai acquisita, si tratta di un ritorno alla guida della squadra sangiovannese. Alla Fermassenti trova una squadra in 12ª posizione, in un girone a 14 squadre, con 10 punti, frutto di 3 vittorie, 1 pareggio e 6 sconfitte, con una partita da recuperare (rinviata a causa del maltempo domenica scorsa, con l’Andromeda). L’obiettivo è la salvezza.

Domani la Fermassenti gioca sul campo del La Palma Monte Urpinu, non è ancora certa la presenza di Gianni Maricca in panchina perché il presidente Antonio Massenti sta cercando di ottenere il via libera dalla FIGC proprio in queste ore.

L’Arezzo ha esonerato il tecnico Marco Mariotti. L’ex tecnico del Carbonia è stato sollevato dall’incarico dopo il pareggio casalingo per 2 a 2 maturato ieri con la capolista San Donato Tavarnelle, con rimonta della squadra ospite nella parte finale dell’incontro, dopo il 2 a 0 maturato nella prima mezz’ora di gara.

L’esonero arriva con la squadra terza in classifica nel girone E del campionato di serie D, con 18 punti, a 5 punti dalla capolista San Donato e a 1 dal Follonica. La posizione del tecnico era in discussione da diverse settimane. Al suo posto, al momento, è stato chiamato l’allenatore della formazione juniores Andrea Sussi.

Il Carbonia si rinforza con Andrea Mastino e Mohamed Camara, il primo fa il suo esordio nell’undici iniziale oggi a Genzano, nel confronto con il Cynthialbalonga. La società biancoblu sta cercando di completare l’organico a disposizione di David Suazo, rivelatosi “debole” in questo primo scorcio di stagione per affrontare il campionato con concrete possibilità di salvezza.

Andrea Mastino, esterno difensivo, fratello maggiore (classe 1999) di Fabio (classe 2001), trasferitosi la scorsa estate all’Arezzo (girone E della serie D) con Marco Mariotti, arriva a vestire la maglia della squadra della sua città, Carbonia, dopo essere cresciuto nel settore giovanile del Cagliari ed aver giocato 33 partite con il Real Forte Querceta e 32 con il Gavorrano in serie D, 17 partite con l’Olbia in Lega Pro e 19 con il Prato in serie D. Arriva al Carbonia da svincolato.

Mohamed Camara, centrocampista fuoriquota classe 2001, è originario della Guinea. Arrivato in Sardegna in cerca di fortuna tre anni fa, è approdato al Cagliari nella stagione 2018/2019, con la maglia rossoblù ha giocato nel campionato Primavera e ha vestito la maglia della sua Nazionale nella Coppa d’Africa Under 23. Ha poi vestito la maglia della Primavera dell’Ascoli, rimanendo a lungo fermo per un grave infortunio. Una volta ristabilitosi pienamente sul piano fisico, ha avuto un’esperienza nella massima divisione della Georgia con l’FC Telavi ed il Chikhura Sachkhere. Ancora in ritardo di condizione, non è stato convocato da David Suazo per la partita odierna con il Cynthialbalonga.

Oltre all’esordio di Andrea Mastino, nella formazione iniziale oggi ci saranno tra i pali Valerio Bigotti ed in attacco Niccolò Agostinelli in coppia con Ador Gjuci. Inizialmente in panchina Samuele Curreli e Joaquin Suhs.

La formazione annunciata da David Suazo: Bigotti, Bellu, Russu, Mastino, Dellacasa, Serra, Porcheddu, Murgia, Gjuci, Dore, Agostinelli. A disposizione: Atzeni, Adamo, Ganzerli, Suhs, Berman, Basciu, Murtas, Sariang, Curreli.

Il Cynthialbalonga alla vigilia del campionato era accreditata tra le candidate alla promozione ma ha iniziato male la stagione e quattro sconfitte ed un pareggio nelle prime cinque giornate sono costate la panchina al tecnico Raffaele Scudieri (lo scorso anno al Latina), sostituito con Luca Tiozzo, 40enne veneto già allenatore di Mestre, Matelica e Dolomiti Bellunesi.

Con il nuovo tecnico, il Cynthialbalonga ha ottenuto una vittoria interna per 2 a 1 con il Team Nuova Florida ed una netta sconfitta per 4 a 1 sul campo della Vis Artena.

Cynthialbalonga-Carbonia sarà diretta da Raffaele Gallo di Castellammare di Stabia.

A volte ritornano! Nell’undici iniziale che alle 15.00 affronta il Lanusei nel derby della sesta giornata di andata del girone G del campionato di serie D, c’è Samuele Curreli. Tesserato in settimana, la società ha annunciato il suo ritorno con la maglia del Carbonia, soltanto pochi minuti fa, al momento della consegna della distinta all’arbitro.

Samuele Curreli, 32 anni (è nato il 24 novembre 1988), torna al Carbonia a distanza di 22 mesi dalla traumatica conclusione della sua prima esperienza, iniziata trionfalmente nell’estate 2019, nel campionato di Eccellenza regionale.

Sotto la guida di Andrea Marongiu, che lo aveva allenato pochi mesi prima nella Monteponi (realizzò 19 goal in 17 partite, trascinando la squadra dalla coda della classifica fino al quarto posto nel girone A del campionato di Promozione), mise a segno 10 reti nelle prime 4 partite di Coppa Italia (5 sia nel doppio confronto con la San Marco Assemini ’80 sia in quello con la Ferrini), e 2 nel vittorioso esordio di campionato con la Nuorese, al Comunale “Carlo Zoboli”. La sua presenza nel Carbonia, assoluto protagonista sia in Coppa Italia sia in campionato, sembrava determinante ed indiscutibile, ma presto le cose cambiarono, lui iniziò a risentire le sirene del mercato e, alla fine, fu la società a decidere di porre fine al rapporto, concludendo la trattativa per il tesseramento di un altro grande bomber, Giuseppe Meloni (51 goal nella stagione precedente con la maglia del Muravera, in Eccellenza, tra il campionato vinto e la Coppa Italia) e, di fatto, liberò Samuele Curreli, che accettò la nuova corte del presidente della Monteponi, Giorgio Ciccu. Samuele Curreli lasciò il Carbonia con un bilancio di 10 goal in 6 partite giocate in Coppa Italia (alla fine capocannoniere nel Carbonia che la Coppa Italia l’ha poi vinta, superando in finale l’Atletico Uri con un goal del suo successore, Giuseppe Meloni) e 5 in 11 giornate di campionato, nel quale ha saltato 3 partite per squalifica e ad Ossi ha lasciato il campo, espulso, dopo circa mezz’ora di gioco.

Alla Monteponi non ha tardato ad assurgere nuovamente al ruolo di protagonista sotto la guida di Fabio Piras, realizzando ben 9 goal prima dell’interruzione e della conclusione anticipata del campionato, per l’emergenza Coronavirus, dopo la larga vittoria di Buddusò con sua tripletta. 9 goal in 7 partite. A fine stagione, una volta tanto, non ha cambiato squadra ed ha iniziato il nuovo campionato con la Monteponi, sotto la guida tecnica di Alessandro Cuccu. Ma la nuova luna di miele è durata poco. Avvio scoppiettante, in goal nell’amichevole estiva con il Carbonia di Marco Mariotti, poi doppietta all’esordio in campionato ad Arborea, nella partita vinta dalla Monteponi per 3 a 1; poi ancora in goal alla prima uscita casalinga, vinta 2 a 1 con la Sigma Cagliari. Poi tra la Monteponi e Samuele Curreli è calato il gelo e dopo la lunga interruzione del campionato provocata dalla pandemia, in Primavera ha preso la strada di Guspini, in Eccellenza, dove lo ha voluto Giampaolo Murru. La musica, purtroppo, non è cambiata: avvio col botto, con un eurogoal a Bosa, poi il divorzio.

La scorsa estate a tentare il suo rilancio è stato il Villamassargia di Titti Podda, senza fortuna, perché qualche giorno fa, è maturato il clamoroso ritorno al Carbonia, dove sia la società sia David Suazo, sperano possa finalmente far prevalere le straordinarie doti tecniche sui limiti extratecnici. Il Carbonia “baby” di David Suazo ha bisogno di un uomo capace di capitalizzare con i goal la mole di gioco creata e l’auspicio è che quest’uomo possa tornare ad essere Samuele Curreli che oggi fa il suo esordio a Ilbono, contro il Lanusei, squadra che conosce molto bene, avendo vestito quella maglia per cinque mesi, nel 2016, prima di passare al Barisardo.

A quasi 33 anni, Samuele Curreli ha una nuova chance, l’ennesima, in serie D. Come si è avuto occasione più volte di rimarcare, con le sue qualità tecniche, assolutamente sopra la media, potrebbe togliersi ancora grandi soddisfazioni e regalarne altrettante al Carbonia e ai suoi tifosi. Dipende solo da lui, perché se riuscisse ad evitare di ripetere gli errori che hanno fin qui limitato la sua carriera, che con quel potenziale avrebbe potuto raggiungere vette ben più importanti di quelle conosciute, anche in serie D potrebbe fare la differenza.

Giampaolo Cirronis

Altri due tasselli nel mosaico del nuovo Carbonia: il difensore Juan Dellacasa ed il centravanti Ador Gjuci.

Juan Dellacasa, 24 anni, difensore centrale, cresciuto a Caracas e convocato nelle giovanili della nazionale venezuelana, è giunto in città nei giorni scorsi ed è già a disposizione di David Suazo.

Ador Gjuci, protagonista dello scorso campionato di serie D sotto la guida prima di Marco Mariotti, poi di David Suazo, ha accettato la sfida con il nuovo Carbonia, nel quale punterà a guadagnarsi la maglia di centravanti titolare. La sua presenza promette di dare un grande contributo al reparto offensivo, nel quale sono stati inseriti numerosi giovani.

Ador Gjuci, seppur ancora giovane, classe 1998, vanta già diverse esperienze in serie D, maturate con Monterosi, Fano e Torres, prima del suo arrivo al Carbonia. Lo scorso anno ha collezionato 28 presenze e realizzato 4 goal.

La società, intanto, sta definendo i quadri tecnici del settore giovanile. Ieri ha annunciato gli accordi con; Simone Sotgiu, 47 anni, nuovo responsabile della categoria Under 15 regionale; Roberto Montano, 44 anni, confermato alla guida degli Under 17 regionali, originario di Verbania da quasi 2 lustri vive a Carbonia; e, infine, Manuel Contu, 45 anni, nel recente passato tecnico dell’Under 19 e vice di Andrea Marongiu in Promozione ed Eccellenza.

Un altro giovane fuoriquota arriva ad integrare la rosa del Carbonia di David Suazo, l’attaccante Francesco Pio Quarta, classe 2001.

Originario di San Pietro Vernotico, cittadina della provincia di Brindisi, Francesco Pio Quarta è cresciuto nelle giovanili del Lecce, dove è arrivato fino alla prima squadra. Arrivò a Carbonia nell’estate 2020, ma dopo alcuni allenamenti non si integrò nella squadra di Marco Mariotti e preferì scegliere un’altra destinazione, al Sestri Levante, sempre in serie D, nel girone A. A fine anno cambiò squadra, passando alla Polisportiva Olympia Agnonese, nel girone F della serie D.
Nonostante la sua non permanenza, un anno fa lasciò le porte aperte al Carbonia, dove ora torna con entusiasmo, per restare.
Già oggi sarà disposizione del tecnico David Suazo, al Comunale di Siliqua, per l’inizio della preparazione precampionato.

.