27 September, 2022
HomePosts Tagged "Alessandro Ramazzotti" (Page 5)

Logo Abbanoa

Il conguaglio Abbanoa sarà pagato dai sardi a partire da gennaio 2016 e spalmato in 4 anni. Come richiesto da Regione e Abbanoa, per consentire l’operazione l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, infatti, ha anticipato 90 milioni di euro, 70 entro giugno e 20 a dicembre. La Sardegna è l’unica Regione ad aver ottenuto questo risultato, ed è la prima volta che l’Autorità, che opera già un sistema di perequazione nel comparto elettrico, interviene nel settore idrico su precisa richiesta della Sardegna. Il risultato è stato raggiunto grazie a un intenso lavoro che ha visto protagonisti l’Amministrazione regionale, Abbanoa e il sistema degli Enti Locali, con l’obiettivo di rendere più sostenibile socialmente la rateizzazione dei conguagli in un contesto economico e sociale, come quello dell’Isola, già particolarmente colpito dalla crisi economica. E’ stato determinante anche l’intervento del Governo.
«È un risultato di cui siamo particolarmente orgogliosi, perché siamo la prima Regione a ottenerlo e perché è il frutto di un intenso lavoro – dice il presidente della Regione Francesco Pigliaru -. Abbanoa è stata sottoposta a un’istruttoria severa da parte dell’Autorità, che ha studiato la situazione e i profili di rischio e l’ha ritenuta una società affidabile. Abbiamo lavorato per pianificare, programmare e controllare il sistema dopo anni di gestione incerta e carente di programmazione, abbiamo fatto noi una prima capitalizzazione e stiamo lavorando intensamente per mettere ordine nel sistema e garantire un servizio di sempre maggior qualità. Questo è un bell’esempio di come funziona un moderno governo di centrosinistra. Punta all’efficienza, a un servizio sempre migliore ma si fa carico di situazioni pregresse, se ce ne sono, e si occupa con grande attenzione di equità e solidarietà sociale.»
La Sardegna, che ha incassato il risultato grazie anche all’impegno dei suoi parlamentari, farà dunque da apripista a livello nazionale. «È una delibera che farà scuola in Italia, che coniuga severità e solidarietà e che è un importante risultato per la Regione – sottolinea l’assessore Maninchedda -. Abbiamo lavorato duro, il 26 luglio abbiamo avviato il confronto con l’Autorità per ottenere l’anticipazione di gran parte dei 106 milioni di debito maturato dai sardi, c’è stata una costante collaborazione con l’Anci e alla fine Abbanoa ha superato l’ennesimo esame a cui è stata sottoposta ed è stata promossa da un soggetto esterno. Certo il nostro compito non si esaurisce oggi: abbiamo ancora moltissimo da fare, dobbiamo migliorare reti e infrastrutture, e la società dev’essere stimolata a dare il meglio di sé. Con il mutuo infrastrutture saranno effettuati importanti investimenti per rendere più efficiente il sistema idrico regionale».
«La proposta al governo regionale da Anci e Cal nasce nei giorni di Bultei, e precisamente nell’assemblea seguita all’attentato contro il sindaco. In quei giorni di tensione e di allarme – ricorda il presidente dell’Anci Sardegna, Pier Sandro Scano – abbiamo proposto alla Regione di lavorare insieme per dare due segnali forse piccoli ma importanti, conguagli Abbanoa e Tari, sul fronte dell’alleggerimento della pesantissima pressione tributaria. La collaborazione tra Regione, Enti locali, parlamentari sardi ha consentito questo risultato importante per i cittadini perché il pagamento dei conguagli viene differito di un anno e spalmato su quattro. Non sono ancora risolti i problemi tra Abbanoa e gli utenti sardi – conclude Scano -. Noi abbiamo parlato della necessità di una vera e propria opera di pacificazione che Abbanoa deve condurre: c’è ancora della strada da fare ma oggi registriamo un passo positivo.»
«Abbanoa è stata sottoposta a un’attenta analisi da parte dell’Autorità – ha spiegato l’amministratore unico Alessandro Ramazzotti – dimostrando di essere un’azienda sana e indirizzata all’efficientamento del servizio. Per il via libera della Cassa Conguagli sono state determinanti le azioni già intraprese e previste nel Piano di ristrutturazione aziendale: da una forte riorganizzazione del personale, grazie all’introduzione di innovazioni tecnologiche, agli investimenti sulle infrastrutture. Abbanoa, infatti, è il soggetto industriale più importante della Regione e può dare il suo contributo all’economia isolana. Dobbiamo anche tutelare gli 8 sardi su 10 che pagano regolarmente le bollette venendo incontro a chi è realmente in difficoltà, ma senza fare sconti ai veri morosi.»

Un master plan energetico e un job act aziendale sono gli obiettivi già fissati per i prossimi mesi: «Sono due aspetti che viaggiano in parallelo – ha sottolineato il direttore generale di Abbanoa, Sandro Murtas -. Tra i significativi costi di gestione rientrano quelli dell’energia elettrica per la potabilizzazione dell’acqua distribuita verso un territorio di 24 mila kmq con una densità abitativa di 68 abitanti per kmq, 360 impianti di depurazione, 40 potabilizzatori e 13mila km di rete. Altra voce importante riguarda il costo del lavoro: “stiamo approntando un jobs act di Abbanoa, per accompagnare alla pensione circa 100 professionalità mature nel biennio e – ha aggiunto Murtas – aprirci alle forme di occupazione flessibile inserendo nell’organico figure con un’istruzione medio-alta e che si occupano di innovazione».

«La lunga rateizzazione del conguaglio Abbanoa è certamente un’ottima notizia da accogliere con piacere – ha commentato Ignazio Locci, consigliere regionale di Forza Italia -. Ma è soltanto un primo passo: ora bisogna puntare al miglioramento dei servizi per i cittadini mettendo mano alle dimensioni degli ambiti territoriali. Questa è la scommessa in cui credere per fare in modo che gli utenti sardi beneficino di un servizio funzionale ed efficiente basato su un rapporto gestore-utente corretto e affidato a personale capace e cortese. Abbanoa, invece, è percepita come un ente farraginoso distante dalle reali esigenze dei cittadini ma sempre pronto a rivendicare i pagamenti delle fatture.»

 

Abbanoa ha espresso parere negativo sulla possibilità che i 28 Comuni gestiscano il servizio idrico, nel corso di un’audizione nella Quarta commissione, presieduta da Antonio Solinas (Pd). Le motivazioni, secondo l’amministratore unico, Alessandro Ramazzotti, e il direttore generale Sandro Murtas, sono da ricercare nelle disposizioni di legge, nella tendenza del legislatore ad andare verso la possibilità di sollevare i Comuni dalle quote azionarie della società partecipate con l’inserimento di azionisti privati, e infine nella convinzione che questi Comuni non siano in grado di sostenere i costi. I vertici della spa hanno comunque sottolineato di avere espresso un parere ma che sarà compito del nuovo Cda dell’Ente di governo dell’Ambito in Sardegna, istituito con legge approvata dal Consiglio regionale il 2 febbraio scorso, dirimere la questione controversa.

Per quanto attiene alle tariffe, Murtas ha spiegato che il problema è legato al fatto che la Sardegna non ha quasi niente acqua potabile e quindi potabilizza oltre l’80%, con i relativi costi, contro il 7% del Trentino Alto Adige. Oltre a questo il problema è legato alle strumentazioni che richiederebbero importanti investimenti. Se questo avvenisse certamente si potrebbe ridurre la tariffa. Ci sono impianti obsoleti che costano anche tre volte tanto gli impianti di altre province.

Il presidente della Commissione, Solinas, ha chiesto se fosse possibile distribuire sul lungo periodo i conguagli di 150 euro, vista la già grave situazione in cui versano le famiglie sarde. I vertici dell’azienda si sono resi disponibili a farlo se potrà essere utilizzata anche da Abbanoa la “cassa conguagli” come avviene per il settore elettrico.

La Commissione ha preso in carico la proposta di legge popolare sulla gestione autonoma del sistema integrato idrico dei Comuni interessati che già ne esercitano la gestione. Il testo è stato sottoscritto  dai sindaci di Domusnovas, Fluminimaggiore, Paulilatino, Nuxis, Olzai, Bonarcado, Burgos, Anela, Bottida, Bultei, Esporlatu, Sinnai, Teulada, Modolo e Santulussurgiu.

«La Commissione sta proseguendo il lavoro iniziato con l’audizione dei sindaci – ha affermato il presidente della Commissione Solinas – come da accordi, e sta sentendo tutti gli attori della gestione del sistema idrico integrato. Appena il percorso sarà concluso, la Commissione si esprimerà con un proprio parere.»

Ignazio Locci 3 copia

Lettera aperta all’Amministratore unico di Abbanoa dr. Alessandro Ramazzotti.

Innanzitutto, vorrei sottolineare che prendo atto dei programmi di salvataggio e consolidamento della società di gestione del sistema idrico isolano di cui il dr. Ramazzotti è amministratore unico.

Ricoprire l’incarico di amministratore di Abbanoa è un compito certamente non facile che tuttavia non può limitarsi alla sola attività di gestione dei conti, che il Dottore vanta di avere sistemato e rimesso in ordine. Quello che i cittadini hanno a cuore, infatti, non sono i conti in ordine, bensì un servizio funzionale ed efficiente basato su un rapporto gestore-utente corretto e affidato a personale capace e cortese.

Sono molteplici gli obiettivi da raggiungere per garantire agli utenti un servizio accettabile e far sì che Abbanoa non venga percepita come un “mostro” a cui non consegnare i propri soldi.

In Sardegna c’è infatti bisogno di servizi territoriali degni di essere chiamati tali, di uffici puliti ed accoglienti, di risposte agli utenti corrette e certe. Ma al di là dei conti che l’amministratore unico afferma essere in ordine, per ora abbiamo assistito all’inarrestabile chiusura di uffici periferici, a costanti slacci delle utenze, a fatturazioni irregolari responsabili di cifre esorbitanti nelle bollette. E l’insieme di questi fattori concorre a delineare il quadro di un ente dalla struttura confusa e smisurata, incapace di essere vicino agli utenti e alle loro esigenze e colpevole della gestione di un servizio inefficiente e costoso (complice il prezzo fissato dall’Ato).

Una sfida, decisiva, cui garantire quanto prima piena attuazione per la gestione dell’acqua è la fatturazione bimestrale: questa opzione consentirebbe rate più “umane” e sostenibili. E rappresenterebbe un passo decisivo per riavvicinare Abbanoa ai sardi.

Il dr. Ramazzotti proviene da una realtà del nord Italia in cui – viene da pensare – tutto funzionava per il meglio e nessuno si lamentava. Ma qui in Sardegna le cose stanno diversamente e Abbanoa è degna di un paese sottosviluppato.

I sardi hanno diritto a un servizio idrico normale. Diversamente, non si può biasimare chi contesta la società e malvolentieri paga bollette per un servizio considerato tra i peggiori erogati in Sardegna. Semmai, scandalizza chi difende l’indifendibile, essendo peraltro in parte responsabile del disastro.

Auguro, infine, all’amministratore unico, di raggiungere gli obiettivi che interessano i sardi. E non quelli delle cosiddette “cricche”.

Ignazio Locci

Consigliere regionale Forza Italia Sardegna

Morandi - Maninchedda 1 copia
Lo #Sblocca Cantieri di Abbanoa abbatte di 300 giorni – da 900 a 600 – la durata dell’iter burocratico che porta all’apertura di un cantiere, consentendo così di accelerare la realizzazione delle opere con una fortissima ricaduta economica per l’intera isola. Acquedotti, reti idriche e fognarie, depuratori e potabilizzatori: sono 538 gli appalti interessati dal Progetto, con un investimento complessivo di 800 milioni di euro. Le risorse finanziarie sono già a disposizione: provengono da finanziamenti europei “Por”, fondi ministeriali “Cipe” e fondi regionali. Saranno interessati 179 cantieri in corso (306,26 milioni di euro), 51 lavori già appaltati ma da accantierare (204,13 milioni), 37 interventi in fase di progettazione (145,13 milioni) e 272 opere con progettazione da avviare (148,68 milioni di euro).«Ci siamo agganciati alle indicazioni dello Sblocca Italia e siamo rapidamente riusciti ad approvare in Giunta la delibera che semplifica le procedure e abbatte i tempi dei cantieri – spiega l’assessore regionale dei Lavori pubblici, Paolo Maninchedda -. L’analisi di quanto accaduto nei decenni passati ci porta a concepire una soluzione articolata e improntata a una puntuale programmazione, una forte responsabilizzazione di Abbanoa nell’attuazione degli interventi e una decisa responsabilizzazione dei soggetti che devono rilasciare le diverse autorizzazioni». La Regione costituirà un’Unità di Missione per verificare che tutto proceda nei tempi definiti.

Oggi ogni singolo intervento registra tempi lunghissimi di approvazione nei tre livelli di progettazione: preliminare, definitivo ed esecutivo. Sono stati necessari innumerevoli pareri, nulla osta e autorizzazioni da parte da un’infinità di soggetti pubblici: Comuni, Province, Genio civile, Tutela del Paesaggio, Unità tecnica regionale, Distretto idrografico, Soprintendenze, ex Autorità d’Ambito, Consorzi di Bonifica, Anas. Successivamente, anche la più piccola variante in corso d’opera ha l’obbligo di essere sottoposta nuovamente ad approvazione da parte dell’ex Autorità d’Ambito. Sono innumerevoli le difficoltà nell’ottenere decreti di autorizzazione all’accesso in aree private persino per procedere ad attività preliminari di progettazione: rilievi, sondaggi, verifiche archeologiche. Quando si passa dalla progettazione all’appalto, si sommano ritardi nelle verifiche dei requisiti delle imprese partecipanti ai bandi di gara. Arrivati all’aggiudicazione di appalto, sono sempre più frequenti i contenziosi sull’esito delle gare. Un esempio su tutti è il caso dell’impianto di depurazione di “Su Tuvu” a Nuoro: ideato nel ’91, è stato collaudato nel 2012.

La Regione istituirà Unità di Missione per ridurre i termini assegnati alle strutture dipendenti direttamente o indirettamente dall’Amministrazione regionale. Saranno eliminate le incongruenze tra normative regionali e nazionali modificando le funzioni che impropriamente sono ora assegnate all’ex Autorità d’Ambito. Anche le procedure espropriative saranno razionalizzate affidandole direttamente all’autorità che realizza l’opera.

#Abbanoa si assumerà direttamente la responsabilità di tutta la procedura di programmazione, progettazione, approvazione, appalto, realizzazione e collaudo delle opere pubbliche attinenti il Servizio idrico integrato. Saranno razionalizzate le spese relative agli appalti con le Gestioni per commessa e implementate sensibilmente le dotazioni tecnologiche e il sistema di diffusione delle informazioni grazie alla georeferenziazione delle reti e degli impianti e alla condivisione delle esperienze maturate nel Sistema informativo territoriale.

«Abbiamo raccolto la sfida che ci ha lanciato la Regione – commenta l’amministratore unico di Abbanoa, Alessandro Ramazzotti -. Il Gestore unico è pronto a fare la sua parte con la consapevolezza che la partita si vince facendo gioco di squadra. Con lo “Sblocca Cantieri” Abbanoa mette in campo una grossa opportunità per l’economia dell’Isola. Abbiamo ereditato una situazione disastrosa delle infrastrutture con reti che disperdono più della metà dell’acqua immessa. La Sardegna non può permetterselo: avendo poche fonti d’approvvigionamento alternative, quasi il 90 per cento dell’acqua potabile viene prodotta attingendo da bacini di superficie. E’ un record nazionale.»

 

ll presidente della Regione Francesco Pigliaru, dopo aver appreso della lettera con la quale Alessandro Ramazzotti, amministratore unico di #Abbanoa, chiede all’assessore dei Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, di ridurre il proprio compenso, lancia la proposta di estendere il metodo “merito-stipendio” a tutto il sistema regione, ASL comprese, con un doppio obiettivo: contenere le spese e avviare un ormai irrinunciabile sistema di meritocrazia.
«Apprezzo molto la decisione del dottor Ramazzotti – ha commentato il governatore della Sardegna -: in un momento come questo ridurre e legare il proprio reddito alla qualità dei servizi è un grande segnale morale. Le cose si cambiano così, con l’esempio, le buone pratiche e la riforma della Pubblica Amministrazione. I premi non possono più essere scontati: devono essere ancorati a un merito misurabile. Dobbiamo, per esempio, legare le remunerazioni dei manager Asl alle liste d’attesa; quelli dei manager delle società partecipate ai tempi di erogazioni delle pratiche; quelli della dirigenza della Regione a parametri non autocertificati e sempre ancorati alla soddisfazione dell’utente. Dobbiamo avere bravi manager misurati sull’efficienza dei servizi. La valutazione reale dei risultati è un fattore indispensabile di qualità.»
Alessandro Ramazzotti ha proposto di tagliare il suo compenso da 160mila a 120mila euro, ben più della legge nazionale che prevede per i manager una decurtazione del 15% (in quel caso il taglio sarebbe di 16mila e non di 40mila euro).
«Credo sia importante che i risultati del mio lavoro siano strettamente collegati a una valutazione che gli azionisti, a cominciare dalle Regione che è l’azionista di riferimento, faranno a consuntivo di ogni anno, sulla base di obiettivi condivisi e di una verifica puntuale dei risultati conseguiti – scrive Ramazzotti -. In questo spirito desidero pertanto proporle una riduzione sensibile della parte fissa del mio compenso lasciando ai soci la facoltà di prevedere, in occasione del prossimo bilancio e qualora se ne verifichino le condizioni, il riconoscimento di un premio di risultato.»