23 February, 2024
HomePosts Tagged "Andrea Usai"

Oggi, sabato 4 novembre 2023, è stata una giornata densa di emozioni, valori e significati, snodatasi tra la città di Carbonia e il capoluogo della Sardegna, Cagliari, ove sono stati commemorati i caduti di tutte le guerre ed è stata celebrata la giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate. A Cagliari, il sindaco di Carbonia Pietro Morittu ha partecipato alla manifestazione che ha visto la Sardegna alla ribalta nazionale delle cronache per la presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal ministro della Difesa Guido Crosetto e dalle più alte cariche politiche e militari, tra cui il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone. Una cerimonia emozionante con la sfilata delle Forze Armate, gli inni musicali e la parata delle frecce tricolori. Un’occasione per rendere onore e merito alle Forze armate che, con grande spirito di sacrificio e abnegazione, profondono quotidianamente il loro impegno, mettendo spesso a repentaglio la propria vita per garantire la sicurezza, l’incolumità delle persone e per affermare il valore della Pace.
Nella città di Carbonia, il vicesindaco Michele Stivaletta, accompagnato dal presidente del Consiglio Federico Fantinel e dal Comandante della Polizia locale Andrea Usai – ha reso omaggio, insieme ai partecipanti alla celebrazione odierna, a tutti quegli italiani, uomini e donne, che si sono immolati, perdendo la vita per la Patria, per la libertà, con l’obiettivo di costruire un futuro di pace duratura. Un futuro di pace che purtroppo, stando anche alle cronache attuali, è ancora lontano da raggiungere, basti pensare alla recrudescenza della guerra israelo-palestinese e del conflitto russo-ucraino, di cui ogni giorno leggiamo il triste bollettino dei caduti, tra cui tanti civili, donne e bambini.
In piazza Rinascita, ai piedi della lapide ai Caduti di Serbariu e ai piedi del Monumento ai caduti di piazza Chiesa a Bacu Abis, è stata deposta una corona d’alloro per ricordare i caduti di tutte le guerre e coloro che hanno indossato con orgoglio e coraggio le divise delle Forze Armate.

Questa mattina, presso la sala polifunzionale di piazza Roma, è stata presentata la relazione finale del progetto “Sicuri in strada” 2022-2023, terminato nello scorso mese di maggio, dopo tre mesi di lezioni intense e partecipate. “Sicuri in strada” ha visto il Comune di Carbonia – segnatamente il Comando di Polizia locale, l’assessorato della Pubblica Istruzione – e l’Auser Carbonia-Csv Sardegna in prima linea per diffondere l’educazione stradale tra gli studenti delle classi quinte delle scuole primarie, ritrovatisi tutti insieme nella mattinata del 19 maggio, in piazza Roma, per la giornata finale di un’attività educativa e formativa finalizzata a far sì che i bambini e le bambine  siano, fin da piccoli, portatori di buone pratiche di sicurezza stradale.
“Il progetto Sicuri in strada” è stato un successo, concretizzatosi nell’erogazione agli alunni di specifiche lezioni frontali con numerosi esempi pratici realizzati in collaborazione con gli agenti della Polizia locale. Durante le lezioni è stato trattato il tema della segnaletica stradale, che ha registrato la partecipazione attiva e il pieno coinvolgimento degli studenti.
Al fine di rendere impresso nella memoria dei partecipanti e degli organizzatori il lavoro svolto nei tre mesi di lezione, l’Auser Carbonia, presieduta da Rosy Orecchioni, ha illustrato la relazione finale del progetto “Sicuri in strada” insieme al sindaco Pietro Morittu, all’assessora della Pubblica Istruzione Antonietta Melas e al comandante della Polizia locale Andrea Usai. All’incontro erano presenti anche il responsabile del progetto, Andrea Piras, e la squadra in turno dell’Auser Carbonia.
Il sindaco Pietro Morittu, l’assessora alla Pubblica Istruzione Antonietta Melas e il Comandante della Polizia locale Andrea Usai hanno ringraziato l’AUSER Carbonia per l’impegno profuso in un’iniziativa che ormai rappresenta un format apprezzato e collaudato, unitamente a tutti gli studenti e agli agenti della Polizia locale che hanno contribuito all’ottima riuscita del progetto.
Nell’occasione è stato presentato anche il progetto “Pedatric Safety”, che inizierà il prossimo 16 ottobre e fornirà ai nostri giovani preziose informazioni sul Soccorso 118, sulla sicurezza individuale e sulla legalità per l’anno scolastico 2023-2024.
 

Nello scorso mese di maggio, dopo tre mesi di lezioni intense e partecipate, è terminato il progetto “Sicuri in strada”, che ha visto il comune di Carbonia – segnatamente il Comando di Polizia locale, l’assessorato della Pubblica Istruzione – e l’Auser Carbonia-Csv Sardegna in prima linea per diffondere l’educazione stradale tra gli studenti delle classi quinte delle scuole primarie, ritrovatisi tutti insieme nella mattinata del 19 maggio in piazza Roma per la giornata finale di un’attività educativa e formativa finalizzata a far sì che i bambini e le bambine  siano, fin da piccoli, portatori di buone pratiche di sicurezza stradale.
“Il progetto Sicuri in strada” è stato un successo, concretizzatosi nell’erogazione agli alunni di specifiche lezioni frontali con numerosi esempi pratici realizzati in collaborazione con gli agenti della Polizia locale. Durante le lezioni è stato trattato il tema della segnaletica stradale che ha registrato la partecipazione attiva e il pieno coinvolgimento degli studenti.
Al fine di rendere impresso nella memoria dei partecipanti e degli organizzatori il lavoro svolto nei tre mesi di lezione, l’Auser Carbonia ha predisposto e stampato un opuscolo finale riassuntivo del progetto “Sicuri in strada”. Il testo, corredato da immagini, è stato donato ieri mattina dalla presidente dell’Auser Carbonia Rosy Orecchioni al sindaco Pietro Morittu e al Comandante della Polizia locale Andrea Usai. All’incontro erano presenti anche il responsabile del progetto, Andrea Piras, e la squadra in turno dell’Auser Carbonia.
Il sindaco Pietro Morittu e il Comandante della Polizia locale Andrea Usai hanno ringraziato l’Auser Carbonia per l’impegno profuso in un’iniziativa che ormai rappresenta un format apprezzato e collaudato, unitamente a tutti gli studenti e agli agenti della Polizia locale che hanno contribuito all’ottima riuscita del progetto.

Si è svolto questa mattina un incontro di carattere educativo e formativo destinato agli studenti della scuola media dell’Istituto Comprensivo Don Milani, organizzato dal comune di Carbonia, in particolare dall’assessorato della Pubblica istruzione in collaborazione con l’assessorato con delega alla Protezione Civile, di concerto con il Comando di Polizia locale e le associazioni di Protezione civile.
L’iniziativa, promossa nell’ambito delle attività di sensibilizzazione sui temi del surriscaldamento climatico, si è posta l’obiettivo di diffondere la conoscenza e la cultura della Protezione civile e l’importanza del coordinamento comunale e la gestione delle emergenze. L’attività formativa si è articolata in una lezione teorica e in un’esercitazione all’esterno con simulazione pratica di eventi di rischio.
Di particolare interesse i temi legati alla previsione, alla pianificazione del rischio idrogeologico e all’incendio boschivo nella regione Sardegna.
I 73 studenti coinvolti hanno partecipato attivamente all’iniziativa, alla quale sono intervenuti come relatori il Comandante della Polizia locale e coordinatore del Centro Operativo Comunale Andrea Usai, il presidente dell’OdV Terra Mare Andrea Leoni.
All’incontro ha partecipato l’assessora della Pubblica istruzione Antonietta Melas, che è intervenuta per «incoraggiare gli studenti a cogliere positivamente l’opportunità educativo-formativa e a fare tesoro della ricchezza di nuove conoscenze e nuovi saperi sul tema del ruolo importante svolto dalla protezione civile a favore della comunità».
 

Sta per decollare, a Carbonia, la fase sperimentale del servizio dei parcheggi a pagamento e la modifica della viabilità e della regolamentazione delle soste nella zona centro della città.
Al fine di consentire i lavori relativi alla definizione e tracciatura della segnaletica stradale orizzontale, il comandante della Polizia locale, Andrea Usai, ha emesso un’ordinanza, la n. 31 del 22 maggio 2023, con cui ha disposto da mercoledì 24 maggio fino al termine della messa in opera della segnaletica, nella fascia oraria dalle 7.30 alle 18.00, il divieto di sosta nelle seguenti strade:
•    Via Brigata Sassari nel tratto compreso tra via Gramsci e via Turati, ambo i lati;
•    Via Turati;
•    Piazza Ciusa – area centrale e aree di sosta lato portici;
•    Piazza Ciusa – da via Nuoro a via San Ponziano – ambo i lati;
•    Piazza Rinascita;
•    Via Nuoro (tratto adiacente e opposto Banca San Paolo);
•    Via delle Poste, lato destro;
•    Piazza Matteotti – ambo i lati;
•    Vico Matteotti;
•    Piazza San Ponziano;
•    Via San Ponziano, ambo i lati;
•    Viale Arsia (dal civico 12 al piazzale ex Inam);
•    Via Gramsci (lato destro da Piazza Matteotti a via Oristano);
•    Largo Montuori.

Dopo circa due mesi di lezioni intense e partecipate, è terminato il progetto “Sicuri in strada”, che ha visto il comune di Carbonia – segnatamente il Comando di Polizia locale, l’assessorato della Pubblica Istruzione – e l’Auser in prima linea per diffondere l’educazione stradale tra gli studenti delle classi quinte delle scuole primarie, ritrovatisi
tutti insieme stamattina in piazza Roma per la giornata finale di un’attività educativa e formativa finalizzata a far sì che i bambini e le bambine  siano, fin da piccoli, portatori di buone pratiche di sicurezza stradale.
Una giornata finale all’insegna della partecipazione, della musica e del divertimento.
“Il progetto Sicuri in strada” è stato un successo, concretizzatosi nell’erogazione agli alunni di specifiche lezioni frontali con numerosi esempi pratici realizzati in collaborazione con gli agenti della Polizia locale. Durante le lezioni è stato  trattato il tema della segnaletica stradale, che ha registrato la partecipazione attiva e il pieno coinvolgimento degli studenti.
Il sindaco Pietro Morittu, l’assessora della Pubblica Istruzione Antonietta Melas e il Comandante della Polizia locale Andrea Usai hanno ringraziato gli agenti della Polizia locale e l’AUSER Carbonia per l’impegno profuso in un’iniziativa che ormai rappresenta un format apprezzato e collaudato, unitamente a tutti gli studenti che hanno contribuito all’ottima riuscita del progetto.
Un progetto che si poggia sulla ferma convinzione che l’attività di educazione stradale possa contribuire positivamente al processo di apprendimento del rispetto delle regole di convivenza civile dei bambini e più in generale della nostra comunità. L’auspicio è che approfondire il tema della sicurezza stradale nelle scuole possa favorire una maggiore
consapevolezza dell’importanza del rispetto delle norme del Codice della Strada, riducendo nel contempo il fenomeno di comportamenti irrispettosi e pericolosi per sé e per gli altri.
Per consentire la buona riuscita dell’iniziativa odierna, l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione degli scuolabus per il trasporto degli studenti dai plessi scolastici di Bacu Abis, Is Gannaus, Is Meis e Serbariu.

Ampia partecipazione stamane in piazza Roma, a Carbonia, per le celebrazioni del 25 aprile, 78° anniversario della Liberazione dal nazifascismo (1945-2023).
Alla cerimonia, organizzata dall’assessorato agli Affari Generali nella persona di Katia Puddu e dal comandante della Polizia locale Andrea Usai, hanno preso parte tanti nostri concittadini, le autorità civili, militari, religiose, i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’Arma con i labari e il gonfalone della città di Carbonia.
Grande emozione al momento dell’inno nazionale, mirabilmente suonato dalla Banda Vincenzo Bellini di Carbonia. A seguire, la deposizione della corona d’alloro presso la targa dedicata ai caduti della Liberazione d’Italia, da parte del Corpo infermiere volontarie “crocerossine”.
Nel corso della mattinata, si sono tenute le allocuzioni di Riccardo Pietro Cardia (presidente della Sezione ANPI Carbonia), di Mauro Pistis (componente del direttivo regionale FIAP con competenza nel Sulcis Iglesiente).
Per l’Amministrazione comunale sono intervenuti il presidente del Consiglio comunale Federico Fantinel con un toccante e accorato discorso in cui ha messo in luce i valori trasmessi dall’esperienza del 25 aprile, che costituiscono i pilastri alla base della sua educazione familiare e del suo impegno politico-amministrativo, il sindaco Pietro Morittu, che nella sua oratoria ha citato Papa Francesco, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella,  il già presidente della Repubblica nonché partigiano Sandro Pertini, Piero Calamandrei, Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi. Il sindaco ha rilanciato un appello per la pace e per la fine del conflitto russo-ucraino.

 

Il sindaco Pietro Morittu e l’intera Amministrazione comunale di Carbonia invitano la cittadinanza, le autorità politiche, civili, militari e
religiose a partecipare alle celebrazioni del 25 Aprile, il 78° anniversario della Liberazione dal nazifascismo (1945-2023).
Per festeggiare questa importante ricorrenza, martedì 25 Aprile, alle ore 10.30, in piazza Roma, il sindaco Pietro Morittu deporrà una corona d’alloro presso la targa dedicata ai caduti della Liberazione dell’Italia.
L’evento è stato organizzato dall’assessorato agli Affari generali nella persona di Katia Puddu e dal Comandante della Polizia locale Andrea Usai, in collaborazione con tutte le associazioni degli ex combattenti.
«Il 25 Aprile renderemo il giusto omaggio a tutti gli uomini e le donne che hanno sacrificato la propria vita per la conquista di diritti e valori di cui oggi possiamo beneficiare tutti noi. Valori democratici che tuttavia non possiamo considerare scontati o dati per acquisiti, ma che vanno salvaguardati, protetti, difesi, preservati e trasmessi ogni giorno, coinvolgendo le giovani generazioni e le scuole», ha dichiarato il sindaco Pietro Morittu.
Di seguito pubblichiamo il calendario dettagliato delle iniziative in programma per la giornata di domani.

Ha preso il via, nell’ambito dei progetti utili alla collettività (P.U.C), l’attività di vigilanza nelle scuole ad opera di 14 cittadini beneficiari del reddito di cittadinanza (seconda tranche).
«Un progetto importante che consente ai percettori di questo beneficio economico di aderire a un percorso di accompagnamento al mondo del lavoro e all’inclusione sociale con attività al servizio della nostra comunità, tra cui il supporto alla Polizia locale per il controllo dell’entrata e dell’uscita dalle scuole cittadine da parte dei nostri studenti», ha detto il sindaco Pietro Morittu.
Le linee di indirizzo per l’attuazione dei progetti utili alla collettività (P.U.C.) sono state definite con deliberazione della Giunta comunale n. 11 dell’11 febbraio 2022.
I progetti sono stati condivisi tra il settore dei Servizi sociali, per la parte sociale e della rendicontazione, e la Polizia Locale per quanto concerne la parte operativa e di controllo delle attività.
«Attività che ha detto il comandante della Polizia locale Andrea Usaisi concentrano nella vigilanza all’ingresso e all’uscita a supporto degli studenti delle seguenti scuole primarie: Is Meis; Is Gannaus; Cortoghiana; Istituto Ciusa; Via Roma; Via Santa Caterina; Via Mazzini.»
«Il progetto è importante sia come ausilio per gli studenti frequentanti gli istituti cittadini che per i percettori del secondo turno del reddito di cittadinanza, che possono in tal modo porsi attivamente al servizio della collettività con attività utili a beneficio della nostra comunità», ha aggiunto l’assessore dei Servizi sociali Roberto Gibillini.

Un bellissimo angolo di realtà allestito nel cortile della Scuola dell’Infanzia di Barbusi-Istituto Don Milani, dove è stato montato un gazebo e il prato verde per consentire ai bambini di giocare, stare insieme e divertirsi all’aperto, in concomitanza con la stagione primaverile appena cominciata.
«L’Amministrazione comunale si congratula con la dirigente scolastica, le maestre, i genitori, l’ODV Athena, gli assessori comunali competenti
Antonietta Melas, Piero Porcu, il comandante della Polizia locale Andrea Usai e in generale con tutti coloro che, con la loro fattiva collaborazione, hanno contribuito a rendere sempre più confortevoli, curati e fruibili gli spazi aperti per il gioco e lo svago dei nostri
piccoli», ha commentato il sindaco Pietro Morittu.
Soddisfazione è stata espressa dall’assessora della Pubblica istruzione Antonietta Melas, che ha sottolineato che «l’iniziativa promossa e realizzata dalla scuola dell’Infanzia di Barbusi, unitamente alle altre pregevoli attività similari organizzate dagli altri istituti scolastici cittadini, dimostra ancora una volta quanto il personale abbia particolarmente a cuore la crescita, l’educazione l’istruzione dei bambini. Percorsi e risultati importanti per la nostra comunità e dei quali  l’Amministrazione comunale è orgogliosa».
Da oggi i bambini potranno giocare all’aperto in grande libertà, divertirsi e prendersi cura anche delle numerose piantine coltivate, dall’arancio al limone, dal basilico al prezzemolo ed altre spezie.