26 October, 2021
HomePosts Tagged "Angelo Deidda"

[bing_translator]

Ancora minacce contro un amministratore pubblico nel Sulcis Iglesiente. Questa volta a finire nel mirino è stato il vicesindaco di Domusnovas, Angelo Deidda (già sindaco per due consiliature), contro il quale, nel corso della notte, sono state indirizzate minacce di morte con scritte sulla strada che porta alla fabbrica di bombe Rwm e in via Zurigo. I carabinieri hanno avviato le indagini per cercare di risalire agli autori.

Il luogo dove sono state scoperte le scritte, sembra lasciare pochi dubbi sulla loro relazione con la posizione favorevole del vice sindaco alla presenza della fabbrica di bombe sul territorio comunale, insediata quando Angelo Deidda era sindaco.

L’attuale sindaco, Massimiliano Ventura, era stato vittima di un altro episodio criminoso, con l’esplosione di una bomba carta sulla sua auto, parcheggiata vicino a pochi metri dalla sua abitazione.

Angelo Deidda questo pomeriggio, nonostante l’accaduto, ha partecipato all’incontro sulla Portovesme srl svoltasi al Consorzio industriale ed il consigliere regionale Gianluigi Rubiu, in apertura del suo intervento, ha sottolineato la gravità dell’accaduto ed ha manifestato ad Angelo Deidda la solidarietà di tutti i presenti.

 

[bing_translator]

https://www.youtube.com/watch?v=QULIWpokcFM&feature=youtu.beLa sala riunioni del Consorzio industriale di Portovesme si è riempita questo pomeriggio, per l’incontro organizzato su iniziativa del sindaco di Portoscuso, Giorgio Alimonda, con il consigliere regionale Cesare Moriconi, primo firmatario della mozione presentata in Consiglio regionale sulla situazione della Portovesme srl e sulla drammatica situazione occupazionale del territorio, i consiglieri firmatari della mozione ed i sindaci del territorio (non tutti i consiglieri regionali e i sindaci interessati hanno potuto partecipare, molti per precedenti impegni). I lavori sono stati aperti dall’intervento del sindaco di Portoscuso che ha ribadito il pieno sostegno della sua amministrazione comunale, appena insediata dopo le elezioni di domenica 11 giugno, alle richieste della Portovesme srl per la realizzazione della nuova discarica a Genna Luas, necessaria ed indispensabile per la prosecuzione della produzione, considerato che quella attuale è ormai prossima all’esaurimento, previsto per il mese di settembre.

E’ poi intervenuto l’on. Cesare Moriconi, che ha spiegato i contenuti e le finalità della mozione, seguito dal collega Gianluigi Rubiu e da alcuni lavoratori, presenti in gran numero ai lavori, da rappresentanti sindacali ed amministratori locali (presenti i sindaci di Narcao Danilo Serra, di Masainas Ivo Melis, di Gonnesa Hansel Christian Cabiddu, il vicesindaco di Domusnovas Angelo Deidda ed il presidente del Consiglio comunale di Iglesias Mauro Usai). Ha partecipato ai lavori anche il deputato del Partito democratico Emanuele Cani.

Durante lo svolgimento dei lavori, abbiamo intervistato i due consiglieri regionali presenti, Cesare Moriconi del Partito democratico e Gianluigi Rubiu dell’Udc.

L’emergenza della Portovesme srl verrà affrontata domani mattina, a Cagliari, in un incontro convocato per le 9.00 dalla presidenza della Giunta regionale.

.                        

 

 

[bing_translator]

Questa mattina i lavoratori del centro Aias di Cortoghiana, in presidio ormai da oltre un mese per rivendicare il pagamento degli stipendi arretrati ed il rispetto dei loro diritti, hanno ricevuto la visita di una delegazione dei sindaci dell’Unione dei Comuni “Metalla e Mare”. Erano presenti i sindaci di Gonnesa, Hansel Christian Cabiddu; Buggerru, Laura Cappelli; Fluminimaggiore, Ferdinando Pellegrini; Narcao, Danilo Serra; Musei, Antonello Cocco; e i vice sindaci di Domusnovas e Villamassargia, Angelo Deidda e Francesco Mameli.

Nel pomeriggio i lavoratori hanno ricevuto, a sorpresa, la benedizione pasquale dal parroco di Cortoghiana, don Andrea Zucca.

I lavoratori attendono sempre che gli impegni assunti dal Consiglio regionale l’11 aprile scorso con l’approvazione di un ordine del giorno per l’adozione di misure urgenti per sbloccare la difficile vertenza, vengano tramutati in fatti concreti.

[bing_translator]

La richiesta di un incontro urgente con il presidente della Giunta regionale, Francesco Pigliaru, per affrontare le emergenze del sistema sanitario del Sulcis Iglesiente. E’ quanto ha deciso stamane l’assemblea dei sindaci dei comuni della Asl 7 (presenti 12 su 23), riunita nella saletta della Torre Civica di Carbonia, dopo lo strappo clamoroso verificatosi in occasione dell’ultima riunione della conferenza socio.sanitaria, conclusasi con le dimissioni del presidente dell’assemblea dei sindaci, Antonello Pirosu, sindaco di Villaperuccio, e del segretario Marco Antonio Piras, sindaco di Tratalias,

L’incontro odierno ha confermato il clima pesante che si vive nel territorio per i problemi del settore sanitario. Durissimi gli interventi dei sindaci presenti (non è mancata la sottolineatura dell’inadeguata partecipazione dei sindaci, considerato che ben 11 comuni non hanno inviato una loro rappresentanza, vista l’importanza dei temi all’ordine del giorno), ad iniziare da quello di Antonello Pirosu che ha motivato il suo gesto, le dimissioni dalla carica di presidente dell’assemblea, con la mancanza di risposte da parte della Regione e del commissario della Asl 7 alle legittime rivendicazioni avanzate negli ultimi mesi. E’ stata sottolineata, in particolare, la mancata risposta dell’assessore della Sanità Luigi Arru alla richiesta di incontro avanzata dai 23 sindaci e la mancata corrispondenza tra gli impegni assunti e i fatti realizzati da parte del commissario Antonio Onnis.

Nel corso dell’incontro (al quale erano presenti i sindaci di Carbonia – Paola Massidda, Iglesias – Emilio Gariazzo, Fluminimaggiore – Ferdinando Pellegrini, Piscinas – Mariano Cogotti, Musei – Antonello Cocco, San Giovanni Suergiu – Elvira Usai, Buggerru – Laura Cappelli, Narcao – Danilo Serra, Perdaxius – Gianfranco Trullu, Villaperuccio – Antonello Pirosu, e due assessori di Domusnovas e Gonnesa, Angelo Deidda – vicesindaco e Federica Olla) sono emersi i problemi legati alla mobilità passiva, cresciuta ancora negli ultimi mesi, ai ritardi nella sistemazione dei servizi al CTO di Iglesias dopo il trasferimento dall’ospedale Santa Barbara, alla trascuratezza delle piccole strutture periferiche, ai tagli di numerosi servizi ed altro ancora. Nella richiesta di incontro al presidente Pigliaru sono stati evidenziati i 10 punti più critici del sistema sanitario nel territorio, quasi tutti già presenti nel cronoprogramma stilato tempo fa dal commissario Antonio Onnis che i sindaci denunciano in larga parte non ancora realizzato e in qualche caso completamente ignorato.

Assemblea dei sindaci Asl 7 2 copia Assemblea dei sindaci Asl 7 1 copia

[bing_translator]

Sindaci ed amministratori dei 7 comuni del Sulcis Iglesiente interessati alla vertenza Ati-Ifras si sono riuniti questa mattina nella sala riunioni della Torre civica di Carbonia, su sollecitazione del primo cittadino di Carbonia, Paola Massidda, per affrontare i problemi legati alla prosecuzione della collaborazione con i lavoratori ATI-IfrasAll’incontro hanno partecipato anche gli archeologi responsabili dei cantieri archeologici. Dopo un approfondito esame delle problematiche che interessano 250 lavoratori nel Sulcis Iglesiente, 550 nei 101 comuni sardi complessivamente coinvolti nei cantieri archeologici, come nei cantieri verdi ed edili, la riunione si è conclusa con la sottoscrizione di una lettera aperta al presidente della Regione, Francesco Pigliaru, firmata da tutti i presenti, che chiedono di garantire la prosecuzione di questo modello di lavoro virtuoso e produttivo, che ha raggiunto notevoli risultati.

Data l’imminente scadenza della convenzione fra Regione e ATI-Ifras, la preoccupazione concreta dei lavoratori e, conseguentemente, dei loro amministratori, è che questo modello, costruito negli anni, possa subire un periodo di interruzione, che causerebbe seri danni sia al patrimonio archeologico, sia negli altri settori in cui i lavoratori sono stati impiegati con innegabili risultati, come la cura del verde e in generale vari lavori pubblici..

La soluzione proposta è la prosecuzione delle attività finora svolte, senza alcun licenziamento o messa in cassa integrazione dei lavoratori, già formati e dotati di grandi competenze e specializzazioni.

Gli amministratori dei 7 comuni interessati hanno chiesto anche un incontro, in tempi brevi, con il presidente Pigliaru per avviare una discussione costruttiva sul futuro di questi lavoratori e dei cantieri in cui sono impiegati.  

Vediamo ora un’intervista realizzata questa mattina, al termine della riunione, con Angelo Deidda, vicesindaco di Domusnovas.

20160921_11404520160921_113859 20160921_113701 20160921_113909 20160921_114012 20160921_12114020160921_113824

[bing_translator]

IMG_0569IMG_0574

A Domusnovas i cinque consiglieri di opposizione chiedono le dimissioni della Giunta Ventura. «A solo un mese dalle elezioni abbiamo appreso dai giornali della condanna per violenze sessuali dell’attuale vicesindaco Deidda – scrivono in una nota Daniela Cocco, Mascia Isangela, Fabrizio Saba, Attilio Stera e Stefano Soru -. Una condanna inflittagli per degli atti di violenza contro una ex dipendente e perpetrati nel periodo in cui il Deidda rivestiva il ruolo istituzionale di sindaco. Noi riteniamo, anche se il giudizio è di primo grado, che tale pronunciamento rappresenti il tradimento del mandato popolare e una macchia gravissima per la nostra comunità. Così come riteniamo altrettanto grave ed ingiustificabile la mancata solidarietà del sindaco Ventura alla vittima delle violenze. Esso infatti, a mezzo stampa, invece di prendere una posizione di difesa della donna offesa, rassicura e garantisce il pieno sostegno e la fiducia al suo vice Deidda».

«Vogliamo ricordare – aggiungono Daniela Cocco, Mascia Isangela, Fabrizio Saba, Attilio Stera e Stefano Soru – che l’attuale governo cittadino rappresenta solo 1/4 degli aventi diritto al voto (non essendo concesso a questo comune il ballottaggio che avrebbe reso sicuramente un risultato diverso più rispettoso della volontà popolare), pertanto è rappresentativo di una minoranza assoluta nel paese, legittimata a governare da un tecnicismo burocratico piuttosto che dalla volontà della maggioranza dei cittadini di Domusnovas, quindi, ogni minimo segno di inadeguatezza, in questa situazione di governo, è per Domusnovas un grave danno amministrativo e di immagine.»

«Tutta l’opposizione unita e la maggioranza assoluta del paese chiedono le immediate dimissioni di tutta la Giunta. Bisogna rimettere il mandato in mano agli elettori che, se avessero saputo della condanna prima del 5 giugno – concludono Daniela Cocco, Mascia Isangela, Fabrizio Saba, Attilio Stera e Stefano Soru -, non avrebbero assolutamente affidato la rappresentanza del Comune alla lista Deidda/Ventura, e non avrebbero di certo dato al Deidda gli oltre 400 voti che hanno consentito alla lista Ventura di vincere le elezioni.»

[bing_translator]

Si è insediato questo pomeriggio il nuovo Consiglio comunale di Domusnovas, eletto lo scorso 5 giugno. Dopo la verifica delle condizioni di eleggibilità dei consiglieri comunali e il giuramento, il nuovo sindaco, Massimiliano Ventura, ha presentato la squadra di cinque assessori con la quale amministrerà il Comune nei prossimi cinque anni (da noi anticipata sabato scorso).

Questa la composizione della Giunta.

Angelo Deidda: vice sindaco e assessore della Sanità, Lavori pubblici e Servizi sociali

Daniela Villasanta: assessore dell’Urbanistica, Beni culturali ed archeologici

Alessio Stera: assessore dell’Agricoltura, Forestazione, Commercio, Caccia ed Artigianato

Ilaria Pisu: assessore dell’Ambiente e Protezione civile

Matteo Moi: assessore della Cultura, Turismo, Pubblica Istruzione, Spettacolo e Politiche Giovanili.

Massimiliano Ventura ha tenuto per sé le deleghe di Sport, Finanze, Bilancio, Nettezza urbana, Industria, le stesse di cui si è occupato nell’ultima consiliatura da vice sindaco ed assessore.

Il Consiglio ha poi eletto i componenti effettivi e i supplenti della commissione elettorale.

L’elezione del nuovo sindaco, avvenuta il 6 giugno, l’insediamento odierno del Consiglio e della Giunta, pongono fine definitivamente ad un periodo di commissariamento regionale, durato sette mesi, seguito alle dimissioni di nove consiglieri ed allo scioglimento anticipato del Consiglio comunale nella parte conclusiva della precedente consiliatura.

 

Al termine della seduta, abbiamo intervistato il sindaco, Massimiliano Ventura.

IMG_0569

IMG_0195 IMG_0196 IMG_0197 IMG_0198 IMG_0199 IMG_0200 IMG_0203 IMG_0204 IMG_0205 IMG_0209 IMG_0210 IMG_0211 IMG_0212 IMG_0213 IMG_0214 IMG_0215 IMG_0218 IMG_0219 IMG_0220 IMG_0222 IMG_0231 IMG_0232 IMG_0233 IMG_0234 IMG_0240 IMG_0243 IMG_0246 IMG_0259 IMG_0264 IMG_0278 IMG_0282 IMG_0285 IMG_0540 IMG_0541 IMG_0542 IMG_0546 IMG_0552 IMG_0553 IMG_0554 IMG_0555 Attilio SteraIMG_0557 IMG_0560 IMG_0562 IMG_0565 IMG_0567 IMG_0569 IMG_0574 IMG_0580 IMG_0582

 

[bing_translator]

Municipio Domusnovas 3 copia

Mercoledì 22 giugno, nella riunione di insediamento del nuovo Consiglio comunale, convocata alle 16.30 in 1ª e per venerdì 24 giugno, alle 16.30, in 2ª convocazione, dopo la verifica delle condizioni di eleggibilità dei consiglieri comunali e il giuramento, il sindaco Massimiliano Ventura presenterà la squadra di cinque assessori con la quale amministrerà il Comune nei prossimi cinque anni.

Questa la composizione della Giunta.

Angelo Deidda: vice sindaco e assessore della Sanità, Lavori pubblici e Servizi sociali

Daniela Villasanta: assessore dell’Urbanistica, Beni culturali ed archeologici

Alessio Stera: assessore dell’Agricoltura, Forestazione, Commercio, Caccia ed Artigianato

Ilaria Pisu: assessore dell’Ambiente e Protezione civile

Matteo Moi: assessore della Cultura, Turismo, Pubblica Istruzione, Spettacolo e Politiche Giovanili.

Massimiliano Ventura ha tenuto le deleghe di Sport, Finanze, Bilancio, Nettezza urbana, Industria, le stesse di cui si è occupato nell’ultima consiliatura da vice sindaco ed assessore.

Massimiliano Ventura, candidato della lista civica “Domusnovas 2016” è stato eletto sindaco con 1.379 voti, il 32,77%; alle sue spalle, nell’ordine: Fabrizio Saba, candidato della lista civica “ProDomusnovas per cambiare”, con 1.113 voti, il 24,07% dei voti; Stefano Soru, candidato della lista civica “Aria Nuova”, 984 voti, il 23,38%; e, infine, Attilio Stera, candidato della lista civica “Utile per una Domusnovas migliore“, con 831 voti, il 19,75%.

Il nuovo Consiglio comunale è composto da 11 consiglieri di maggioranza della lista civica“Domusnovas 2016” e 5 di una minoranza distribuiti in 3 liste: 2 consiglieri della lista civica“ProDomusnovas per cambiare”, 2 della lista civica “Aria Nuova” e 1 della lista civica “Utile per una Domusnovas migliore”.

Di seguito gli eletti con relative preferenze.

Lista “Il Comune che vorrei” : Angelo Deidda 471, Alessio Stera 202, Matteo Moi 212, Daniela Villasanta 200, Ilaria Pisu 185, Martina Melis 138, Ilenia Congiu 128, Rossano Catzeddu 87, Attilio Usai 59, Natascia Tamara Porcu 47, Erizio Pranteddu 41.

Lista “ProDomusnovas”: Fabrizio Saba (candidato sindaco non eletto), Isangela Mascia 230.

Lista “Aria nuova”: Stefano Soru (candidato sindaco non eletto), Daniela Cocco 225.

Lista “Utile, per una Domusnovas migliore”: Attilio Stera (candidato sindaco non eletto).

[bing_translator]

Municipio Domusnovas 3 copia

Il nuovo Consiglio comunale, eletto il 5 giugno, è stato convocato dal sindaco, Massimiliano Ventura, per mercoledì 22 giugno, alle 16.30 in 1ª e per venerdì 24 giugno, alle 16.30, in 2ª convocazione. All’ordine del giorno figurano cinque punti: l’esame delle condizioni di eleggibilità dei consiglieri comunali; il giuramento del sindaco; la comunicazione da parte del sindaco della nomina degli assessori; l’elezione della commissione elettorale comunale; e, infine, la perimetrazione delle aree relative ad interventi di aumento della manutenzione e valorizzazione del patrimonio boschivo in prossimità di aree interessate da forme gravi di deindustrializzazione, da cave dimesse, da impianti di incenerimento da rifiuti solidi urbani o di produzione di energia da fonte fossile, annualità 2015.

Massimiliano Ventura, candidato della lista civica “Domusnovas 2016” è stato eletto sindaco con 1.379 voti, il 32,77%; alle sue spalle, nell’ordine: Fabrizio Saba, candidato della lista civica “ProDomusnovas per cambiare”, con 1.113 voti, il 24,07% dei voti; Stefano Soru, candidato della lista civica “Aria Nuova”, 984 voti, il 23,38%; e, infine, Attilio Stera, candidato della lista civica “Utile per una Domusnovas migliore“, con 831 voti, il 19,75%.

Il nuovo Consiglio comunale sarà composto da 11 consiglieri di maggioranza della lista civica“Domusnovas 2016” e 5 di una minoranza distribuiti in tre liste: 2 consiglieri della lista civica“ProDomusnovas per cambiare”, 2 della lista civica “Aria Nuova” e 1 della lista civica “Utile per una Domusnovas migliore”.

Di seguito gli eletti con relative preferenze.

Lista “Il Comune che vorrei” : Angelo Deidda 471, Alessio Stera 202, Matteo Moi 212, Daniela Villasanta 200, Ilaria Ottavia Pisu 185, Martina Melis 138, Ilenia Congiu 128, Rossano Catzeddu 87, Attilio Usai 59, Natascia Tamara Porcu 47, Erizio Pranteddu 41.

Lista “ProDomusnovas”: Fabrizio Saba (candidato sindaco non eletto), Isangela Mascia 230.

Lista “Aria nuova”: Stefano Soru (candidato sindaco non eletto), Daniela Cocco 225.

Lista “Utile, per una Domusnovas migliore”: Attilio Stera (candidato sindaco non eletto).

 

[bing_translator]

Municipio Domusnovas 3 copia

Massimiliano Ventura, candidato della lista civica “Domusnovas 2016”  è il nuovo sindaco di Domusnovas. La lista, guidata dall’ex sindaco Angelo Deidda, ha ottenuto 1.379 voti, il 32,77% dei voti; alle sue spalle, nell’ordine: Fabrizio Saba, candidato della lista civica “ProDomusnovas per cambiare”, con 1.113 voti, il 24,07% dei voti; Stefano Soru, candidato della lista civica “Aria Nuova”, 984 voti, il 23,38%; e, infine, Attilio Stera, candidato della lista civica “Utile per una Domusnovas migliore“, attestatasi a 831 voti, il 19,75% dei voti.

Il nuovo Consiglio comunale sarà composto da 11 consiglieri di maggioranza della lista civica “Domusnovas 2016” e 5 di minoranza, distribuiti in tre liste: 2 consiglieri della lista civica “ProDomusnovas per cambiare”, 2 della lista civica “Aria Nuova” e 1 della lista civica “Utile per una Domusnovas migliore”.

Di seguito gli eletti con relative preferenze.

Lista “Il Comune che vorrei” – Candidato a sindaco Massimiliano Ventura (eletto sindaco)

1) Angelo Deidda 471 
2) Alessio Stera 202
3) Matteo Moi 212
4) Daniela Villasanta 200
5) Ilaria Ottavia Pisu 185
6) Martina Melis 138
7) Ilenia Congiu 128
8) Rossano Catzeddu 87
9) Attilio Usai 59
10) Natascia Tamara Porcu 47
11) Erizio Pranteddu 41

Lista “ProDomusnovas” – Candidato a sindaco Fabrizio Saba

1) Fabrizio Saba
2) Isangela Mascia 230 

Lista “Aria nuova” – Candidato a sindaco Stefano Soru

1) Stefano Soru
2) Daniela Cocco 225

Lista “Utile, per una Domusnovas migliore” – Candidato a sindaco Attilio Stera

1) Attilio Stera

A Domusnovas hanno votato 4.314 dei 5,729 elettori aventi diritto, il 75,30%.