17 January, 2022
HomePosts Tagged "Angelo Mocci"

[bing_translator]

Il mondo dello sport sardo rinnova il proprio impegno nella lotta contro l’HHT. Dopo aver ricevuto l’appoggio dei giganti della Dinamo Sassari, la sezione sarda dell’HHT Onlus ha potuto godere del sostegno anche di altri “colossi” dello sport: quelli della Polisportiva Sarroch, squadra che milita nel campionato di Serie B1 Maschile di Volley.

Capitanata dal coach Angelo Mocci e dal team manager Leila Lai, una delegazione della squadra, composta dai giocatori Gabriele Pisu, Fabrizio Grugnetti, Marco e Riccardo Romoli, si è recata presso la sede dell’Avis Provinciale di Cagliari per effettuare una donazione di sangue, aderendo così alla campagna denominata #myHHTvalentine. Un gesto di reale sensibilizzazione, tanto è vero che i quattro atleti della formazione gialloblù hanno poi deciso di diventare a tutti gli effetti dei donatori.

«Ancora una volta il mondo dello sport si è mostrato sensibile nei confronti della nostra causa – spiega Giorgia Grussu, coordinatrice regionale di HHT Onlus, che nei giorni precedenti aveva ricevuto identico supporto dalle atlete del Volley Portoscuso – in Sardegna si vive una situazione particolare: la generosità delle persone non manca, ma la richiesta di sacche è molto elevata, e per questo motivo c’è sempre bisogno di nuovi donatori. I ragazzi della Polisportiva Sarroch si sono dimostrati dei campioni anche fuori dal campo, esprimendo la volontà di iscriversi all’Avis per dare concretamente una mano a chi ha bisogno.»

«Quando ho ricevuto la proposta di Giorgia Grussu non ho esitato un istante ad accettarla – dice Angelo Mocci, coach della Polisportiva Sarroch – lo sport può essere importante per smuovere le coscienze e far aprire gli occhi su una malattia di cui si sa ancora troppo poco. Aiutare il prossimo, anche soltanto con un piccolo gesto, trasmette un’enorme soddisfazione.»

Oltre al grande lavoro di sensibilizzazione, l’HHT Onlus Sardegna è impegnata attivamente nell’organizzazione del CAMP, ovvero la conferenza annuale medici pazienti, che sarà utile per fare il punto su ciò che è stato fatto e ciò che ancora si può fare per combattere l’HHT. L’appuntamento, ormai prossimo, è fissato per i prossimi 26 e 27 aprile a Portoscuso. Nel corso della due giorni ci sarà spazio anche per la formazione, con un ECM rivolto ai professionisti della salute.

HHT è l’acronimo internazionale di Teleangiectasia Emorragica Ereditaria, una malattia genetica rara che causa malformazioni vascolari. E’ conosciuta anche come Sindrome di Rendu-Osler-Weber. Il sintomo principale è l’epistassi, ovvero il sanguinamento dal naso.

L’HHT si presenta in 1 persona su 5.000 senza distinzione di sesso o gruppo etnico. La probabilità di contrarre la malattia è all’incirca del 50%. Su 200 membri di una famiglia in cui è presente l’HHT, dunque, 100 presenteranno la malattia.

Nel 2004 un gruppo di pazienti provenienti da diverse regioni d’Italia ha dato vita alla HHT Onlus, che si fa portavoce delle esigenze di tutte le persone coinvolte direttamente o indirettamente dalle conseguenze dell’HHT: i Pazienti, i loro Familiari ed i Medici impegnati nel trattamento e la diagnosi della patologia. HHT Onlus si adopera per abbattere i tempi di diagnosi, fornire dei servizi di assistenza in ogni Regione, vincere la solitudine di chi è affetto dalla sindrome di Rendu-Osler.

[bing_translator]

Camera penale e Ordine degli avvocati di Nuoro, con l’Ordine dei giornalisti della Sardegna hanno promosso l’evento formativo in corso di svolgimento a Nuoro, nella sede della Camera di Commercio, in Via Papandrea 8, in programma stamane, dalle 10.00 alle 13.00. Il tema è di grande attualità: “L’efficacia preventiva delle misure alternative al carcere”. Si parla di quelle misure alternative alla detenzione che consentono al soggetto che ha subito una condanna definitiva di scontare, in tutto o in parte, la pena detentiva fuori dal carcere. Provvedimenti creati per favorire la funzione rieducativa della pena, come previsto dall’articolo 27 della Costituzione (le pene devono tendere alla rieducazione del condannato) e contribuire ad abbattere la recidiva.

Dopo i saluti di Salvatore Murru, presidente Camera penale di Nuoro, di Angelo Mocci, presidente dell’Ordine degli avvocati di Nuoro e di Francesco Birocchi, presidente dell’Oordine dei giornalisti della Sardegna, interverranno: Paolo Cossu (Presidente Tribunale di Sorveglianza di Cagliari), Giovanna Serra (avvocato), Giusy Fasano (giornalista giudiziarista del Corriere della Sera), ed Annino Mele (beneficiario di misura alternativa e autore del libro Mai). Modera Giuliana Serra (Osservatorio carcere dell’Unione delle camere penali.

I giornalisti partecipanti avranno diritto a cinque crediti formativi.

[bing_translator]

Brillantissimo risultato per la VBA/Olimpia Sant’Antioco alle finali nazionali Under 20, terminate domenica 3 giugno ad Agropoli, in provincia di Salerno. La squadra di Angelo Mocci s’è classificata all’8° posto tra le 20 migliori squadre d’Italia. Si tratta di un risultato forse ancora più importante della salvezza conquistata dalla prima squadra allenata da Tony Bove (con tanti giovanissimi) nel girone F del campionato di serie B, in quanto rappresenta una garanzia per il futuro della pallavolo antiochense.

La squadra laureatasi campione d’Italia è la Lube Banca Civitanova Marche che nella finalissima disputata al PalaDiConcilio di Agropoli, trascinata dall’MVP della manifestazione, Francesco Recine, ha superato il Materdomini Castellana Grotte, davanti a circa 1.000 spettatori, al tie break, con i seguenti parziali: 25 a 17, 23 a 25, 24 a 26, 25 a 23, 15 a 13. Al terzo posto si è classificato il Segrate Volley 1978 che nella finale di consolazione ha avuto la meglio sul Vero Volley Monza con il punteggio di 3 a 1 (23 a 25, 27 a 25, 25 a 22, 25 a 16), al termine di un match molto bello e combattuto.

Classifica Finale

1ª Lube Banca Civitanova;

2ª Materdomini Castellana Grotte;

3ª Segrate Volley 1978;

4ª Vero Volley Monza;

5ª Sigma Volleyball Aversa;

6ª Kione Padova;

7ª Atletico Volley-Gupe CT;

8ª VBA Olimpia Sant’Antioco;

9ª Junior CDP Lves;

10ª S. di P. Anderlini Blu Mo.;

11ª Sant’Anna Tomcar;

12ª Spinnaker Albisola Volley;

13ª Gada Group Volley Pescara;

14ª Snav Folgore Massa;

15ª Edotto Foligno PG;

16ª Lupi Polochem;

17ª Volleyinsieme Raffaele Lamezia Volley;

18ª Olympia;

19ª AS Pallavolo Agnone;

20ª Virtus Potenza.

   

 

[bing_translator]

I giovani atleti della VBA Olimpia Sant’Antioco partecipano alla finale nazionale di volley Under 20 maschile, in programma da giovedì 31 maggio a domenica 3 giugno, ad Agropoli. Alla manifestazione prendono parte 20 squadre, provenienti da ogni parte d’Italia, che si contenderanno il titolo di Campione d’Italia. Sono 360 gli atleti partecipanti e 50 le gare in programma nella quattro giorni sportiva. E ci saranno anche i ragazzi del coach Angelo Mocci che, dopo aver conquistato l’attestato di campioni sardi in una stagione costellata di successi, si giocano il titolo nazionale.

Prima della partenza, una rappresentanza delle giovani promesse di Sant’Antioco, accompagnata dall’allenatore Angelo Mocci e dallo staff dirigenziale, ha incontrato il sindaco di Sant’Antioco, Ignazio Locci, il quale ha omaggiato la delegazione biancoblu con 5 chili di sale grosso: «Un po’ di scaramanzia non fa male – ha commentato il sindaco di Sant’Antioco – versare una manciata di sale per terra prima di ogni competizione aiuta a scacciare la sfortuna. Al di là dei riti scaramantici, siamo felici di poter dare il nostro contributo. Per la comunità è motivo di orgoglio sapere che le nostre giovani leve portano avanti una delle tradizioni sportive antiochensi più importanti: il volley ed i colori biancoblu della gloriosa Olimpia, infatti, sono nei cuori di tutti noi. A nome di tutta la città – ha concluso Ignazio Locci -, auguro a questi ragazzi i migliori successi ma, soprattutto, di godersi pienamente questa fantastica festa sportiva».

[bing_translator]

Il GS Olimpia Sant’Antioco ha scritto pagine molto importanti nella storia dello sport sardo, che resteranno per sempre nella memoria di chi le ha vissute da protagonista, sui campi di gioco o nell’ambiente. Gli anni d’oro delle due promozioni nel gotha della pallavolo italiana, prima in A2 sotto la guida tecnica di Carlo Baldini, poi in A1, con il coach brasiliano Radames Lattari, hanno fatto conoscere Sant’Antioco in tutta Italia e non solo (con un notevole riscontro anche nella promozione turistica dell’Isola di Sant’Antioco ed un concreto ritorno in termini economici), perché sono tanti i campioni del volley mondiale che hanno vestito la maglia dell’Olimpia, su tutti lo spagnolo Rafael Pascual, partito da Sant’Antioco ed arrivato ad essere protagonista assoluto nelle massime platee internazionali, sia con le maglie dei vari Club in cui ha militato sia con quella della sua Nazionale, e Luigi Mastrangelo, per alcuni lustri centrale della Nazionale e tra i migliori centrali del mondo. Ma l’Olimpia, prima squadra sarda a raggiungere la serie A1 negli anni d’oro della pallavolo che ha visto la Nazionale di Julio Velasco vincere tutto (eccezion fatta per le Olimpiadi) è stata anche la squadra che ha visto crescere ed affermarsi campioni come Giuseppe Lai, un talento naturale straordinario che, a dispetto della struttura fisica normale per un pallavolista, ha deliziato tutti con le sue qualità tecniche per quasi vent’anni. Ancora oggi, quando si nomina l’Olimpia, automaticamente il pensiero va a Sant’Antioco ma anche alla pallavolo, perché come hanno urlato per tanti anni in tutti i palazzetti i super tifosi del Commandos Lions… «La pallavolo in Sardegna siamo noi!»

L’Amministrazione comunale di Sant’Antioco, nell’ambito della Festa di Sant’Antioco, stamane ha assegnato civiche benemerenze a giocatori, tecnici e dirigenti protagonisti della storica promozione dell’Olimpia Sant’Antioco in A2, maturata al termine dell’indimenticabile campionato di serie B1 1989/90, caratterizzato da un entusiasmante testa a testa con la Sestese Volley e la 4 Torri Ferrara Volley.

Il sindaco Ignazio Locci e gli assessori, hanno assegnato le civiche benemerenze ai giocatori Giuseppe e Giampiero Lai, Graziano Longu, Francesco Sabbatino e Giuseppe Puddu; ad Angelo Mocci, componente dello staff tecnico; Antonio Locci, presidente dell’epoca, in rappresentanza dell’intera dirigenza; e, infine, a Salvatore Uccheddu, in rappresentanza della tifoseria “Commando Lions”.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10216309077507503/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10216309283752659/

                                                          

 

[bing_translator]

Sabato mattina, alle 12.00, nell’ambito della Festa di Sant’Antioco, verranno assegnate civiche benemerenze a giocatori, tecnici e dirigenti protagonisti della storica promozione dell’Olimpia Sant’Antioco in A2. Un traguardo prestigioso che ha segnato la storia della pallavolo sarda: l’Olimpia fu, infatti, la prima squadra isolana a far parte dell’élite della pallavolo nazionale. Nella stagione sportiva 1989/90, l’Olimpia militava nel campionato di B1 e proveniva da alcune stagioni disputate al vertice. La promozione in A2 arrivò dopo un testa a testa durato sette mesi con la Sestese Volley e la 4 Torri Ferrara Volley.

In occasione della ricorrenza del Santo Patrono, sabato alle 12.00, presso l’aula consiliare, verranno consegnate le civiche benemerenze “Premio Città di Sant’Antioco” alla società VBA Olimpia Sant’Antioco e agli antiochensi che, a diverso titolo, hanno contribuito alla promozione dell’Olimpia nella serie A2, rendendosi protagonisti di un’impresa epica. Si tratta dei giocatori Giuseppe e Giampiero Lai, Graziano Longu, Francesco Sabbatino e Giuseppe Puddu. Il premio verrà inoltre consegnato ad Angelo Mocci, dello staff tecnico, Antonio Locci, presidente dell’epoca, e Salvatore Uccheddu, in rappresentanza della tifoseria “Commando Lions”.

[bing_translator]

La Vba/Olimpia Sant’Antioco nel campionato di serie B di volley che inizierà il 14 ottobre, ripartirà dai giovani. La compagine lagunare, inserita nella girone F del Centro Italia (con formazioni arde, laziali e campane), è stata presentata domenica sera all’Hotel Maladroxia.

Il “progetto giovani” voluto dalla dirigenza, in parte rinnovata, ha portato in laguna l’allenatore campano Tony Bove che ha allenato anche squadre di A2 e che sarà affiancato da Angelo Mocci, già alla guida della squadra per diverse stagioni. Agli atleti si aggiunge lo staff tecnico,è composto dallo scoutman & videoman Stefano “Caf” Cafini, il direttore sportivo Pierpaolo Lai e la fisioterapista Valentina Bachis.

«Ogni nuova avventura comporta sacrifici che ogni anno superiamo con nuovi stimoli – dice il presidente Rolando Serra -. Quest’anno abbiamo voluto dare la possibilità a dei giovani atleti di crescere con la pallavolo di Sant’Antioco.»

Dei 14 componenti del roster, la metà sono giocatori locali, per lo più giovanissimi: Luca Puggioni, schiacciatore; Riccardo Sabeddu, centrale; Federico Matta, libero; Simone Mocci, libero; Davide Puddu, palleggiatore; Stefano Cussotto e Francesco Granara, entrambi centrali, sono i due veterani, rispettivamente 39 e 36 anni.

I nuovi acquisti sono sette: Fabrizio Andreatta, schiacciatore; Marco Pugliatti, palleggiatore; Valentino Meleddu, centrale; Andrea Hueller, palleggiatore; Edgardo Ceccoli, schiacciatore; Matteo Rossetti e Francesco Pugliatti ambedue opposti. I senior della rosa Cussotto e Granara ed i nuovi arrivi Rossetti e Andretta faranno da chioccia al folto gruppo di giovani: dal libero Federico Matta, 15 anni, allo schiacciatore Francesco Pugliatti, 22 anni, che compongono la squadra.

«A Sant’Antioco è la mia prima volta ma non sono nuovo ad esperienze in Sardegna – dice il nuovo allenatore Tony Bove -. Sarà una bellissima avventura che mi darà la possibilità di alvoarre a tempo pieno. L’obiettivo è la salvezza ma giacché sono per natura un “vinciriccio” posso dire che oseremo.» E’ quello che chiedono tifosi e Lyons che non si tireranno indietro neppure quast’anno di incitare la squadra al palasport Giacomo Cabras. La prima giornata del nuovo campionato, il 14 ottobre, vedrà la Vba/Olimpia impegnata in trasferta, a Marcianise, in Campania.

Tito Siddi

[bing_translator]

VBA/Olimpia in campo questo pomeriggio, inizio ore 15.30, al PalaGiacomoCabras di Sant’Antioco, contro la vicecapolista Tipiesse Mokamore di Cisano Bergamasco, per la quart’ultima giornata della “regular season” del girone B del campionato di B1 di volley maschile.

La squadra lombarda può fare affidamento su di un roster di assoluto livello: lo schiacciatore brasiliano Costa è la punta di diamante, coadiuvato dall’ex Augusta Cagliari Burbello, dal centrale Milesi (già visto a Sant’Antioco con la Caloni Agnelli Bergamo) e dall’esperto ricettore Ruggeri. La squadra è guidata dal coach Cristian Zanchi, anche lui ex capo allenatore del Bergamo e con numerose esperienze da assistant coach in serie A1.

Un team costruito per il salto di categoria, che però dopo poche partite ha dovuto fare i conti con il grave infortunio del palleggiatore Sbrolla (indubbiamente uno dei migliori della categoria nel ruolo). La squadra è rimasta però compatta e coesa e si è levata numerose soddisfazioni, riuscendo a poche giornate dal termine ad essere ancora pienamente in corsa per un posto play off.

All’andata l’Olimpia riuscì ad impensierire il Cisano Bergamasco, giocando a viso aperto e sfiorando il tie-break. Fu un 3 a 1 che lasciò l’amaro in bocca ma che deve servire da stimolo a ben figurare sabato. Graziano Longu avrà a disposizione tutta la rosa, con il solo imbarazzo della scelta di chi far scendere in campo.

La VBA Olimpia non è soltanto la serie B. Le giovanili coinvolgono più di 70 giovanissimi del territorio (+ 40% rispetto alla scorsa stagione) e vedono lo staff tecnico impegnato in tantissimi laboratori in collaborazione con tutte le scuole della zona.

Punta di diamante di questo progetto è il gruppo under 18/19, che già lo scorso anno ha conquistato una medaglia di bronzo nelle finali di categoria e che in questa stagione proverà a ripetersi nelle imminenti final four di domenica.

Il gruppo under 19 presenta molti elementi già in pianta stabile nella serie B: il libero titolare Simone Mocci (utilizzato come schiacciatore nelle giovanili), il centrale Meleddu, ormai impiegato in maniera continuativa nella categoria superiore e l’opposto Puggioni che in questa stagione ha avuto la soddisfazione dell’esordio.

A dargli una mano Sabeddu, centrale titolare in prestito al Carloforte (serie C), Puddu e Longu, che spesso vengono aggregati alla prima squadra in caso di necessità. Un progetto che quindi oltre a dare grandi soddisfazioni in termini di risultati sta facendo crescere degli ottimi elementi, che si stanno già togliendo grandi soddisfazioni giocando con ragazzi più esperti di loro. Infine, la guida della squadra è affidata ad Angelo Mocci, tecnico molto esperto con tante esperienze in serie A sia come primo che come secondo allenatore.

Domenica mattina, alle 11.15, la prima semifinale delle Final Four, a Villacidro, con la Silvio Pellico Sassari e, in caso di risultato positivo, nel pomeriggio finale con la vincente tra il Borore e i padroni di casa del Villacidro (veri favoriti per la vittoria finale).

[bing_translator]

VBA/Olimpia Sant’Antioco in campo alle 15.00 sul campo del Cus Insubria Volley Varese, per la nona giornata di ritorno della B1 di volley maschile. La squadra di Graziano Longu e Angelo Mocci, dopo il netto successo ottenuto sette giorni fa contro il Volley Segrate, vuole continuare a vincere per valorizzare ancora meglio l’attuale brillante quarto posto in classifica, a quota 43 punti. Il Cus Insubria è avversario di valore, già tranquillo per la salvezza, settimo in classifica alla pari con la Pallavolo Sarroch, con 31 punti.

Le altre squadre sarde sono impegnate rispettivamente la Pallavolo Sarroch in casa con lo Yaka Volley Malnate Varese (ore 15.00), la Pallavolo Olbia a Segrate (domenica, 0re 16.00), la Silvio Pellico Sassari, cenerentola del girone ancora a 0 punti, in casa con la Bocconi Sporteam Milano (ore 15.00).

[bing_translator]

Grande esordio casalingo per la VBA/Olimpia Sant’Antioco nella B1 di volley maschile 2016/2017, impostasi con il netto punteggio di 3 set a 0 sulla matricola Granaio Concorezzo (25-19, 25-22, 25-22).

La squadra di coach Graziano Longu, debuttante in B1, ha dominato la partita dall’inizio alla fine, con una prestazione brillante che fa ben sperare per una stagione che deve riscattare le tante amarezze di quella appena passata, “salvata” dalla formula del campionato che non prevedeva retrocessioni.

La VBA/Olimpia è scesa in campo con un sestetto formato dal palleggiatore Riccardo Muccione e Mirco Dalmonte, Nicola Muccione e Michele Crusca in ricezione, i centrali Michele Deserio e Valeriano Usai e il libero Simone Mocci. Graziano Longu non ha rischiato Luca Genna, non ancora recuperato al 100%.

La VBA/Olimpia è scattata subito avanti ed ha respinto tutti i primi tentativi di reazione della squadra ospite, alla quale non sono bastate l’esperienza di Vecchiato e le ottime prestazioni a muro dei centrali.

Nella VBA/Olimpia hanno brillato Michele Crusca (ottimo in tutti i fondamentali), Mirco Dalmonte (top scorer dell’incontro con 16 punti) e il giovanissimo libero Mocci. Una delle armi vincenti si è rivelata la battuta, con 10 ace, arrivati a segnare il solco decisivo tra le due squadre in tutti e tre i set.

La squadra avrà modo di festaggiare l’esordio vincente fino a domani, quando riprenderà la preparazione in vista della prima trasferta, in programma domenica prossima sul campo della Bocconi Sporteam, battuta solo al tie break sul campo del Cus Insubria Volley Varese (25-22 23-25 23-25 28-26 15-12).

VBA Olimpia Sant’Antioco: Dalmonte 16, Crusca 14, Usai 10, Deserio 6, Muccione Nicola 4), Muccione Riccardo 4, Mocci L, Genna. n.e.: Longu F., Longu A., Granara, Meleddu, Puggioni. Coach: Graziano Longu.

Granaio Concorezzo: Cremona 11, Milani 9, Vecchiato 8, Fumagalli 7, Ravasi 4, Devincenzo 3, Porta (L), Speziale, Costa, Asnaghi, Schmidt, Fracasso, Demaria. Coach: Claudio Gervasoni.

Sugli altri campi, la Meridiana Olbia ha superato lo Yaka Volley Malnate Varese per 3 set a 1 (25-20 20-25 25-15 25-23) e la Pallavolo Sarroch ha espugnato il campo del Volley Segrate al tie-break (15-25 19-25 25-22 25-22 6-15), mentre la Silvio Pellico Sassari è stata travolta sul campo dei Diavoli Rosa Brugherio per 3 a 0 (25-15 25-15 25-14).

VBA:Olimpia 2016-2017