14 April, 2021
HomePosts Tagged "Barbara Argiolas" (Page 19)

[bing_translator]

L’Associazione Regionale Guide Turistiche Sardegna ha promosso il convegno “La professione di guida turistica in Sardegna” – Normativa europea e tutela professionale: quali prospettive per il futuro, che si terrà venerdì 20 novembre 2015, dalle ore 10.00, presso la sala Conferenze Planetario Unione Sarda – Piazza Unione Sarda a Cagliari.

E’ prevista la partecipazione dell’on. Vinicio Peluffo, membro della commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati, dell’assessore regionale del Turismo, Francesco Morandi; Chiara Contu e Michela Mura dell’Argts; Barbara Argiolas, assessore del Turismo del comune di Cagliari; Carla Medau, sindaco di Pula e Gianluca Dessì, sindaco di Villasimius.

I lavori saranno moderati da Piero Comandini,consigliere regionale e componente della commissione turismo, tema: l’importanza della di guida turistica, abilitata all’esercizio della professione, quale strumento per garantire la promozione e la crescita del settore, si parlerà della normativa europea, e delle prospettive per il futuro.

L’evento rappresenta, inoltre, un’importante occasione di confronto tra operatori, istituzioni e organismi interessati, per capire quali strategie attuare, con una metodologia comune, per migliorare la già alta professionalità delle guide turistiche che contribuiscono alla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale e alla promozione del turismo in Sardegna nel rispetto della cultura dei territori.

Tuerredda 10 copia

 

[bing_translator]

Un pubblico affascinato dalla tante suggestioni della Festa di Sant’Efisio ha seguito stasera, all’Unesco di Parigi, “Il pellegrinaggio come fenomeno sociale. Il caso della Festa di Sant’Efisio: una tradizione, un popolo, una cultura”, primo convegno internazionale dedicato al Martire guerriero, la cui festa e il rito di scioglimento del voto sono candidati a divenire patrimonio mondiale dell’umanità.

L’occasione è stata offerta da “Cagliari, la Sardaigne un ile de lé Méditerranée”, la manifestazione organizzata dall’associazione Sardegna in Musica con il sostegno e il contributo del comune di Cagliari.

Nel tempio mondiale della cultura, le origini della festa, insieme ai diversi momenti che la scandiscono, sono stati ripercorsi dall’assessore al Turismo del Comune di Cagliari, Barbara Argiolas, e da eminenti studiosi internazionali (Barbara Terenzi, antropologa delle religioni all’università La Sapienza di Roma, Joëlle Rostkowski, docente nella Ecole des hautes etudes en sciences sociales e direttrice della prestigiosa Galerie Orenda, ed Emmanuelle Bruyère- Buvat, docente alla Sorbona) che hanno sottolineato, oltre alla dimensione fortemente spirituale della solennità, anche i punti di contatto con pellegrinaggi come il Cammino di Santiago di Compostela, in Spagna, o altre feste religiose celebrate nel sud Italia, come quella di San Michele Arcangelo Gargano, in Puglia.

«Il rito di scioglimento del voto di Sant’Efisio e il cammino religioso che da 360 anni attraversa  mare, lagune, siti archeologici, comunità con i loro saperi e il loro saper fare, rappresenta la sintesi più alta del nostro patrimonio materiale e immateriale – ha detto nel suo intervento Barbara Argiolas -. Siamo convinti che solo attivando politiche culturali e turistiche in grado di valorizzare l’identità e l’autenticità del territorio sia possibile creare un modello di sviluppo secondo i criteri della sostenibilità.»

Il convegno è stato solo il primo atto della serata di gala che l’Accademia internazionale di  musica di Cagliari (nata dall’associazione Sardegna in Musica, e partner Unesco) organizza nella sede dell’Organizzazione mondiale per la cultura e l’educazione ormai da quindici anni, per promuovere la Sardegna e i giovani talenti isolani che ogni estate partecipano alle sue masterclass di alto perfezionamento musicale. Pochi minuti fa, dopo la proiezione del video promozionale della città capoluogo della Sardegna, “Cagliari, the life you want”, l’importante appuntamento ha preso il via con il discorso di apertura del direttore artistico dell’Accademia, Cristian Marcia: «Sono fiero di questo progetto con cui contribuiamo alla formazione musicale di tanti giovani – ha detto -. Con l’Accademia internazionale di musica le vie di Cagliari e quelle di Parigi si incontrano con le vie della musica che è un elemento per fare e trasmettere cultura».

Madrina della serata è l’attrice cagliaritana Caterina Murino.

Tra il pubblico, che ha fatto registrare il tutto esaurito, spiccano numerose personalità del mondo della cultura, del giornalismo internazionale e dello spettacolo, come l’attrice Claudia Cardinale, ambasciatrice di buona volontà dell’Unesco. Presente  anche l’eurodeputato Renato Soru.

E’ saltato invece l’intervento del presidente della Regione, Francesco Pigliaru, che è dovuto tornare in Sardegna per seguire da vicino le operazioni legate alla gestione dell’allerta meteo.

Durante la serata si esibiranno i virtuosi mondiali della musica classica (molti fanno parte del corpo docente dell’Accademia internazionale di musica di Cagliari), lo stesso Cristian Marcia, apprezzato chitarrista, e i giovani virtuosi sardi che si sono maggiormente distinti nell’ultima edizione dell’Accademia internazionale: il tenore Mauro Secci e i chitarristi Luca Micheletto e Raffaele Putzolu.

Serata di gala 2015Un momento del convegno 2 Un momento del convegno (Olivario's photo)  L'assessore Argiolas apre il convegno (Olivario's photo)

[bing_translator]

Cagliari e la Sardegna protagoniste a Parigi nella sede dell’Unesco, per una serata nel segno della cultura, delle tradizioni e della musica classica. L’Accademia internazionale di musica di Cagliari rinnova l’appuntamento nella sede della più importante istituzione culturale al mondo per l’ottavo anno consecutivo.

In una serata che avrà per titolo “Cagliari, La Sardaigne, une ile de la Méditerranée” (Cagliari, la Sardegna: un’isola del Mediterraneo), le eccellenze culturali dell’isola e del suo capoluogo saranno presentante nella Sala 1 della Maison Unesco (la sala da 1.600 posti che l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, le scienze e la cultura riserva agli eventi di più alta rilevanza), davanti ad autorità e personalità internazionali della cultura e dello spettacolo.

L’evento sarà il momento più importante delle attività per il 2015 dell’Accademia internazionale di musica che, dal 24 agosto al 1° settembre, ha avuto il merito di trasformare Cagliari in una capitale della musica, ospitando in città oltre 200 giovani talenti di tutto il mondo che hanno partecipato ai corsi di alto perfezionamento tenuti nel conservatorio “G. P. Da Palestrina”.

L’edizione 2015 dell’appuntamento parigino, organizzato con il sostegno e il contributo del comune di Cagliari, presenta alcune novità.

Cagliari e il Sud Sardegna sono al centro del primo convegno internazionale intitolato: «Il pellegrinaggio come fenomeno sociale. Il caso della Festa di Sant’Efisio: una tradizione, un popolo, una cultura». Sarà l’occasione per analizzare e ripercorrere le peculiarità culturali, storico e religiose dell’Isola attraverso il Rito di scioglimento del voto e la Festa di Sant’Efisio, candidati al riconoscimento come Patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco, in relazione ad esperienze simili, dai pellegrinaggi dei devoti musulmani alla Mecca, fino all’esperienza del Cammino di Santiago de Compostela. Il convegno vedrà gli interventi dell’assessore al Turismo del comune di Cagliari, Barbara Argiolas, di Barbara Terenzi, antropologa delle religioni all’università La Sapienza di Roma, di Joëlle Rostkowski, docente nella Ecole des hautes etudes en sciences sociales (la più importante scuola di studi etnoantropologici e di scienze sociali in Francia) e direttrice della prestigiosa Galerie Orenda, di Emmanuelle Bruyère- Buvat, docente alla Sorbona.

Andiamo avanti con determinazione per ottenere il riconoscimento Unesco per il Rito di scioglimento del Voto e la Festa di Sant’Efisio – ha commentato l’assessore Argiolasche rappresenta un punto fermo per la valorizzazione delle nostre tradizioni, della nostra identità e della nostra cultura”. “Abbiamo scommesso concretamente in questa candidatura, il cui esito positivo potrà contribuire allo sviluppo economico di tutto un territorio.”

Altra novità, quest’anno l’Accademia potrà fregiarsi per le sue iniziative del patrocinio Unesco: un riconoscimento importante per l’Accademia, già dichiarata, nel 2008, partner Unesco in virtù del prezioso lavoro educativo a favore del perfezionamento musicale dei giovani talenti.

Il programma.

Il 30 settembre “Cagliari, La Sardaigne, une ile de la Méditerranée” prenderà il via alle 16.00, con il convegno dedicato al pellegrinaggio come fenomeno sociale.

Alle 19.30, come da tradizione, si prosegue con una serata di gala presentata dall’attrice cagliaritana, da tempo residente a Parigi, Caterina Murino. Presenzierà anche l’attrice Claudia Cardinale, ambasciatrice di buona volontà dell’Unesco. Presenti: l’Assessore al Turismo del Comune di Cagliari, Barbara Argiolas, la direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova e il direttore artistico dell’Accademia internazionale di musica di Cagliari, Cristian Marcia.

In apertura dell’appuntamento sarà proiettato il video promozionale della città di Cagliari Cagliari. The life you want.

A seguire, il concerto, che vedrà alcuni prestigiosi nomi della musica classica mondiale come il clarinettista Florent Heau, considerato l’ultimo esponente della grande tradizione francese del clarinetto, Stephanie Marie Degand, violinista ammirata in tutta Europa per le sue esibizioni sia come solista sia nelle formazioni da camera, Vanessa Benelli Mosell, pianista che a soli 27 anni è già una stella di primordine nel panorama mondiale, sino all’apprezzato chitarrista Cristian Marcia, misurarsi sulle musiche di Verdi, Donizetti, Scriabine, Albeniz e Rossini.

Il concerto sarà anche l’occasione per far conoscere i giovani talenti sardi che più si sono distinti nella recente edizione dell’Accademia di Cagliari: si tratta del tenore Mauro Secci e dei chitarristi Luca Micheletto e Raffaele Putzolu.

Storia, cultura, paesaggi e tradizioni musicali per un’intera serata saranno assoluti protagonisti nel tempio mondiale della cultura: «Per i giovani musicisti sardi, che pagano lo scotto dell’insularità, costruirsi una carriera è sempre più difficile – dice il direttore artistico dell’Accademia internazionale di musica di Cagliari, Cristian Marcia -. Aiutarli a dare una svolta alla loro formazione e al loro futuro artistico è di primaria importanza: loro rappresentano il futuro della nostra isola. In quindici anni d’Accademia abbiamo fatto grandi sforzi in questa direzione».

L’Assessore Barbara Argiolas commenta così «L’appuntamento di Parigi rappresenta ormai una scadenza fissa e quest’anno in particolar modo, si inserisce straordinariamente con la strategia turistica posta in essere dall’Amministrazione guidata dal Sindaco Zedda. Siamo stati presenti a luglio in Expo a Casa don Bosco e Cascina Triulza, nel padiglione della società civile e con un fuori Expo ai Chiostri di San Barnaba. Torneremo ad Ottobre a Milano ospiti del Padiglione Kip International patrocinato dalle Nazioni Unite per una settimana di incontri sulle politiche poste in essere dal Comune di Cagliari relative la costruzione di modelli di sviluppo sostenibili. Proseguiremo fino a fine anno in stretta sinergia con la rete delle Camere di Commercio con degli workshop in Europa».

«La musica e la cultura sono occasioni di sviluppo e di dialogo che in un momento di crisi economica e di identità come quello che stiamo vivendo vanno valorizzati – dice Gianluca Marcia -. Con il nostro lavoro creiamo occasioni di confronto tra le nuove generazioni e i grandi talenti delle grandi scuole musicali come quelle di Parigi, Londra, Berlino, New York, Tokyo, Seul o Salisburgo. Il fatto che l’Unesco abbia riconosciuto i nostri sforzi prima dichiarandoci suoi partner, adesso concedendoci il patrocinio, ci riempie d’orgoglio.»

cardinale-700x450 Claudia-Cardinale-e-Cristian-Marcia-2-700x450 Cristian Marcia e Caterina Murino nella passata edizione Cristian-Marcia-e-Caterina-Murino-700x450 CristianMarcia-UNESCO-700x450 Florent Heau

[bing_translator]

Municipio di Cagliari 890 copia

Cagliari 39 copia

Il 30 settembre nella sede dell’UNESCO, a Parigi, si svolgerà l’edizione numero VIII della serata di galaCagliari, la Sardaigne, une île de la Méditerranée”, organizzata dall’Accademia internazionale di musica di Cagliari con il sostegno e il contributo del comune di Cagliari. I dettagli dell’importante appuntamento saranno illustrati nella conferenza stampa in programma questa mattina, alle 10.30, nella sala ex Giunta del Palazzo Civico di Via Roma. Saranno presenti l’assessore comunale del Turismo, Barbara Argiolas, Cristian e Gianluca Marcia, rispettivamente direttore artistico e direttore organizzativo dell’Accademia internazionale di musica di Cagliari, il presidente della commissione AAPP di Cagliari, Emilio Montado e il presidente Arciconfraternita di Sant’Efisio, Francesco Cacciuto.

[bing_translator] 

Per il quindicesimo anno Cagliari si trasforma in una capitale della musica colta nel Mediterraneo: dal 24 agosto al 1° settembre la città ospita la XVAccademia internazionale di musica di Cagliari, la prestigiosa manifestazione che dà ai giovani talenti provenienti da tutto il mondo la possibilità di perfezionarsi accanto a grandi maestri, star indiscusse del panorama della musica colta di tutto il pianeta.

Come da tradizione, l’Accademia di musica, in collaborazione con il Teatro lirico di Cagliari, coglie questa opportunità per proporre, accanto allo studio, il festival “Le notti Musicali”: tre serate, dal 28 al 31 agosto, in cui al pubblico è offerta l’imperdibile opportunità di assistere ai concerti dei grandi virtuosi mondiali della classica, in città in qualità di docenti.

I dettagli e le novità dell’edizione 2015 dell’Accademia e della kermesse “Le Notti musicali” saranno illustrati lunedì 24 agosto, alle ore 11.00, nell’aula magna del conservatorio “G.P. Da Palestrina”, in piazza Porrino 1, a Cagliari, nella conferenza stampa che precederà la cerimonia d’apertura.

Otre al direttore artistico dell’Accademia internazionale di Cagliari, Cristian Marcia, e al suo presidente, il fratello Gianluca, interverranno: la direttrice del conservatorio Elisabetta Porrà, il presidente del conservatorio, Gianluca Floris, l’assessore regionale della Cultura, Claudia Firino, l’assessore alla cultura del comune di Cagliari, Enrica Puggioni, l’assessore al Turismo del comune di Cagliari, Barbara Argiolas, gli studenti e i docenti.

Conservatorio di Cagliari 35 copia

Anna Tifu copia

Colori, sapori e suoni della Sardegna in mostra a Milano. Da ieri il Cagliaritano e il Sulcis Iglesiente sono i protagonisti delle quattro giornate di promozione turistica al Chiostro di San Barnaba in occasione dell’Expo. L’iniziativa, frutto di un accordo tra Regione e Anci Sardegna, parte con i territori del Sud ma continuerà per far conoscere tutte le zone della Sardegna con appuntamenti in programma sino a ottobre.

Ieri e oggi sono andate in scena Cagliari e la sua provincia con degustazioni, una cena (prevista per stasera) e uno spettacolo musicale. La serata di ieri è stata allietata dalla genialità del maestro Romeo Scaccia che al pianoforte si è esibito in musiche originali ma anche con l’esecuzione di spartiti classici interpretati in chiave jazz e perfino in chiave sarda. Sua è anche la colonna sonora del video promozionale dei territori del sud Sardegna che è stato riprodotto tutta la sera per gli ospiti. Il video ha fatto da cornice anche alla mostra fotografica – sempre accessibile al pubblico – che racconta la nostra terra, accompagnando lo spettatore in una passeggiata virtuale con partenza da Cagliari e arrivo nel Sulcis: dalla bellezza del nostro mare (da Chia a Villasimius), delle città (con scorsi sulla Cagliari più bella), al patrimonio artistico (con una veduta di Nora) e della nostra cultura (con le immagini delle miniere del Sulcis).

Stasera sempre Romeo Scaccia si esibirà nuovamente nei Chiostri di San Barnaba su un repertorio classico insieme alla violinista cagliaritana Anna Tifu e al suo violino d’eccezione (lo Stradivari).

L’Expo è incentrato sulla promozione enogastronomica e non potevano quindi mancare i vini e la cucina della Sardegna. A preparare i piatti è stato lo chef Matteo Barbarassa che non è nato nell’Isola ma che ha scelto l’Isola come terra di adozione e si è specializzato nella preparazione dei prodotti made in Sardinia. «Sia nelle degustazioni che nelle cene calde di queste giornate promozionali cerchiamo di unire tutte le componenti della Sardegna – racconta – i sapori del mare con quelli della terra». Presenti tutti i prodotti tipici, grazie al supporto dato da Coldiretti, dal Pecorino Dop agli altri formaggi, dai salumi allo zafferano sino alla bottarga e alla fregola. Piatti semplici ma con sapori raffinati come l’accostamento tra la ricotta di capra e le cozze, la bottarga o le polpette di tonno rosso.

Un evento a tutto tondo, quindi, che proseguirà anche oltre la manifestazione. «Abbiamo scelto di dare un’idea della Sardegna che è tradizione ma anche un’immagine contemporanea e innovativa», spiega Barbara Argiolas, assessore delle Politiche per lo sviluppo economico e turistico del Comune di Cagliari, capofila della manifestazione insieme a Iglesias. «Il nostro impegno promozionale proseguirà in Expo anche nei giorni successivi ai quattro giorni dei Chiostri di San Barnaba». Primo argomento fra tutti, si discuterà del protocollo sulla salvaguardia di Sant’Efisio.

Appuntamenti. La manifestazione ai Chiostri di San Barbara proseguirà a Milano sino al 26 luglio 2015, dalle ore 19.00 alle 23.00 presso i CHIOSTRI SAN BARNABA. Il protagonista domani e dopo sarà il Sulcis-Iglesiente.

Sant'Efisio 1
Il cammino religioso di Sant’Efisio, festa unica nel Mediterraneo, attraversa un’area di grande valenza ambientale e paesaggistica e unisce simbolicamente l’isola tra spiritualità e tradizione. Quattro giorni di pellegrinaggio a piedi, nel segno della devozione del Santo martire, per un totale di quasi cento chilometri tra andata, ritorno e deviazioni, lungo un percorso che coinvolge il territorio e i centri abitati di cinque comuni tra Cagliari e Nora. Regione, amministrazioni locali, con i sindaci, la Curia, alla presenza dell’arcivescovo di Cagliari Arrigo Miglio, e Soprintendenza, hanno presentato oggi nel corso di una conferenza stampa il sistema per la completa valorizzazione di una delle celebrazioni più caratterizzanti dell’identità e della tradizione della Sardegna.
La Regione, con decreto del 5 febbraio scorso, ha riconosciuto la valenza culturale-turistica e spirituale del percorso con l’iscrizione nel registro dei cammini di Sardegna. Questa iniziativa ha segnato una tappa decisiva nelle azioni di salvaguardia dell’evento e per la sua promozione, iniziata già a marzo 2014 con la firma del protocollo d’intesa per la realizzazione di misure di salvaguardia del “Rito dello scioglimento del voto e della festa di Sant’Efisio”, siglato dai comuni di Cagliari, Pula, Villa San Pietro, Capoterra e Sarroch, dalla Curia arcivescovile Diocesi di Cagliari, dalla Direzione regionale per Beni culturali, dalla Soprintendenza per i Beni architettonici per le province di Cagliari e Oristano.
«Il patrimonio culturale-religioso di valore inestimabile dell’isola, nel quale si annovera a pieno titolo la Festa di Sant’Efisio – ha detto l’assessore del Turismo, artigianato e commercio, Francesco Morandi – custodito grazie all’attività della Chiesa e delle comunità locali, rappresenta, salvaguardandone la valenza spirituale, anche uno strumento capace di produrre beni e servizi. Per questo – ha aggiunto Morandi – l’attività di strutturazione e di promozione del turismo religioso non sarà soltanto limitata al settore ma anche indirizzata a uno sviluppo complessivo delle aree interne, secondo una vocazione particolarmente radicata in questi territori, attrattori di fedeli e appassionati di cultura religiosa. La Regione – ha concluso l’assessore Morandi – sosterrà con forza la candidatura per l’iscrizione della festa di Sant’Efisio nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità Unesco».
«Dopo anni di intenso lavoro, la formalizzazione del Cammino di Sant’Efisio, rappresenta un altro tassello fondamentale nel percorso di tutela e trasmissione del rito di scioglimento del voto e della festa di Sant’Efisio – ha sottolineato l’assessore del Turismo del comune di Cagliari, Barbara Argiolas -. Dopo la sigla del Protocollo di salvaguardia tra i cinque comuni, la Curia, il Mibact e la Soprintendenza, e la candidatura all’Unesco dello scorso anno, la scommessa che ci apprestiamo a vincere è quella di rendere fruibile il percorso per i pellegrini da Cagliari fino a Nora lungo tutto l’arco dell’anno. Ottenere il riconoscimento dell’Unesco fin dal 2015 avrebbe un’importanza strategica per tutta la comunità sarda, poiché la forza che emerge da questo lavoro è quella di un territorio unito che ha saputo coniugare attorno al rito tutto il sistema di valori, di eccellenza, di autenticità e qualità proprio della nostra isola».
Alla presentazione ha partecipato anche l’arcivescovo di Cagliari, monsignor Arrigo Miglio: «I cammini religiosi hanno grandi principi ispiratori comuni. In essi la dimensione spirituale convive con le altre dimensioni, come quella culturale e turistica, e una dimensione illumina l’altra. Ritengo quindi molto importanti le iniziative di valorizzazione degli itinerari da parte della Regione e dei Comuni, soprattutto quando si parla di Sant’Efisio, un personaggio storico che ha pagato la sua fede con il sangue e la vita».
La Regione punterà sul Cammino di Sant’Efisio, favorendo diverse azioni come la realizzazione di segnaletica e attrezzature, la messa in sicurezza dei percorsi anche per diversamente abili o la creazione di mappe e supporti informatici cartografici. Sarà necessaria una stretta sinergia fra tutte le amministrazioni locali nell’ambito di un piano teso alla creazione, con la regia regionale, di un’offerta unica e strutturata, capace di attrarre “nicchie” di possibili fruitori nei mercati interessati e che possa diventare competitiva in un segmento turistico che coinvolge 300 milioni di persone nel mondo e di movimentare in Italia ogni anno, circa cinque milioni e mezzo di pellegrini.

La sala stampa della federazione gioco calcio di Cagliari, ha ospitato la conferenza stampa di presentazione dell’elenco telefonico ElencoSi 2014/2015 di Cagliari e provincia.

Un appuntamento particolarmente sentito che ha visto la presenza, oltre al presidente di PagineSi spa Sauro Pellerucci; Barbara Argiolas, assessore allo sviluppo economico e turistico del comune di Cagliari; di Francesco Marroccu direttore sportivo del Cagliari calcio; di Marco Ferri presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Cagliari e provincia, di Ferdinando Secchi e Giovanni Dore, consiglieri comunali che si sono fatti promotori dell’iniziativa volta a dedicare una via ai #Campioni d’Italia.

La copertina dell’elenco di Cagliari 2014/2015, infatti, è dedicata alla squadra del Cagliari che vinse lo scudetto nel campionato 1969/1970.

A testimoniare quel momento, particolarmente sentito, cinque calciatori che all’epoca facevano parte della rosa della squadra: Giuseppe Tomasini, Cesare Poli, Adriano Reginato, Ricciotti Greatti e Luigi Piras.

E Giuseppe Tomasini, nel ringraziare PagineSi spa, ed il presidente Sauro Pellerucci, nonché il coordinatore di Cagliari, Renzo Masala, per questa scelta, ha detto a nome degli altri calciatori presenti «di essere fieri ed orgogliosi perché è stata una squadra che rappresentava la Sardegna, la sua storia, la sua cultura e la sua riscossa».

Anche Francesco Marroccu, in qualità di direttore sportivo del Cagliari Calcio, si è unito ai ringraziamenti sia a #PagineSi spa per questa scelta, sottolineando come quei calciatori abbiano fatto la storia del Cagliari e del calcio Italiano.

Da sinistra Cesare Poli, Luigi Piras, Ricciotti Greatti, Giuseppe Tomasini e Adriano Reginato.

Da sinistra Cesare Poli, Luigi Piras, Ricciotti Greatti, Giuseppe Tomasini e Adriano Reginato.

La conferenza stampa.

La conferenza stampa.

 

Francesco Marroccu e Sauro Pellerucci.

Francesco Marroccu e Sauro Pellerucci.

 

L'elenco telefonico Cagliari e provincia 2014/2015 autografato dai campioni d'Italia 1969/1970.

L’elenco telefonico Cagliari e provincia 2014/2015 autografato dai campioni d’Italia 1969/1970.