20 January, 2022
HomePosts Tagged "Bruno Piras"

Il P.C.I. ha presentato stamane una lista per le prossime elezioni Amministrative di Carbonia, collegata alla candidatura a sindaco di Luca Pizzuto.

Candidati dalla carica di consigliere comunale: Ivan Fadda, Elisabetta Argiolas, Ornella Argiolas, Martina Biselli, Irene Crobu, Sonia Floris, Giuseppino Granara, Simonpietro Grecu, Roberto Martinelli, Mauro Inatelli, Patrizia Marongiu, Giovanni Modaffari, Alessia Ollargiu, Antonello Pinna, Bruno Piras, Gian Paolo Pietro Usala, Carlo Zaccheddu.

 

[bing_translator]

Fiocco rossoblù nel reparto di Ginecologia e Ostetricia del Policlinico Duilio Casula. Alle 6.58 di questa mattina è nato Tian, figlio di Nahitan Nández, centrocampista del Cagliari e della nazionale uruguaiana, e di Sarah Mauri Garcia. Il piccolo e la mamma stanno bene. Il bimbo è nato alla 38ª settimana e pesa 2 chili e 720 grammi. A coordinare l’equipe è stato il dottor Bruno Piras coadiuvato dal ginecologo Marco Petrillo, l’ostetrica Marinella Podda, l’anestesista Mariella Lotta e la pediatra Carla Secci. In sala parto anche gli specializzandi Valeria Taccori e Giulia Carboni, gli oss Martina Cadoni e Gloria Piroddi.

[bing_translator]

Si è svolta questa mattina, a Carbonia, l’iniziativa promossa dall’OPI, l’Ordine delle Professioni Infermieristiche del Sulcis Iglesiente, sui temi legati allo stato di estremo degrado in cui versa il sistema sanitario pubblico nel Sulcis Iglesiente e sulla nuova, l’ennesima riforma, proposta dalla Giunta regionale guida da Christian Solinas e prossima all’approdo prima in Commissione poi in Consiglio regionale, per la sua approvazione. «Chi ha paura di una ASL nel Sulcis Iglesiente», «Per una riforma equa del Sistema Sanitario Regionale», recitavamo gli striscioni esposti fuori dalla sala polifunzionale, dove i convenuti si sono trasferiti dalla piazza Roma, sede originaria della manifestazione, per l’inclemenza delle condizioni meteo ma, non lo si può negare, anche per la modesta partecipazione. Il sistema sanitario pubblico non funziona, le emergenze non si contano più, i cittadini lamentano ogni giorno, giustamente, gravissimi disagi, ma inspiegabilmente, tutte le iniziative che invitano alla mobilitazione per rivendicare il rispetto dei diritti, previsti nell’articolo 32 della Costituzione, vengono sottovalutate e disertate.

Tra i presenti, c’erano una dozzina di sindaci, con in testa Paola Massidda, padrona di casa e presidente della conferenza socio-sanitaria dei Comuni del Sulcis Iglesiente, rappresentanti di diverse associazioni, medici, paramedici, cittadini. Una delegazione è arrivata dall’Ogliastra, in rappresentanza del Comitato costituito a difesa dei diritti di quel territorio in materia sanitaria che recentemente ha mobilitato la popolazione, riuscendo a portare in piazza oltre 3.000 persone, un numero considerevole, se si tiene conto che l’Ogliastra conta 23 Comuni per complessivi 57,318 abitanti, contro lo stesso numero di Comuni, 23, del Sulcis Iglesiente, che conta però 136.345 abitanti…

Dopo la relazione introduttiva di Graziano Lebiu, presidente dell’OPI del Sulcis Iglesiente, è intervenuta Paola Massidda e sono poi seguiti quindici interventi: Giorgio Madeddu, presidente dell’associazione Amici della Cita Sulcis; Efisio Aresti, segretario della UIL Funzione pubblica del Sulcis Iglesiente; don Salvatore Benizzi, direttore diocesano della Pastorale Sociale e del Lavoro; Gianluca Lindiri, dializzato di Tratalias; Gianfranco Trullu, sindaco di Perdaxius; Bruno Piras, rappresentante del Comitato dei cittadini dell’Ogliastra; Andrea Deiana, giovane diversamente abile impegnato nell’associazionismo a difesa dei diritti dei cittadini; Giorgio Vidili, segretario regionale di Cittadinanza Attiva; Rita Melis, coordinatrice territoriale della Rete Sarda per la difesa della Sanità pubblica e gratuita; Peppino La Rosa, ex consigliere regionale; Loriana Pitzalis, ex assessore del comune di Carbonia; Manolo Mureddu, giornalista; Paolo Zandara, medico pediatra; e, infine, i consiglieri regionali eletti nel territorio, Michele Ennas (Lega) e Fabio Usai (PSd’Az).

Non riportiamo i contenuti degli interventi, perché li abbiamo registrati e ve li proporremo nelle prossime ore, allegate a questo articolo.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220963772671973/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220963849673898/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220963950076408/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964018078108/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964086759825/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964117320589/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964142801226/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964193602496/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964410527919/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964504850277/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964520370665/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964630293413/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964694455017/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964756496568/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964797457592/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220964847178835/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10220965094385015/

                   

 

[bing_translator]

Il dirigente del Commissariato di Polizia di Carbonia, la dottoressa Gabriella Comi, ha tenuto stamane una conferenza stampa negli uffici di via Trieste, sull’operazione che ieri ha portato all’arresto di sette persone, nel quartiere di via Dalmazia, a Carbonia, e al sequestro di circa 100 grammi di sostanze stupefacenti (hashish, cocaina ed eroina), tre piccole pistole cariche e funzionanti, una granata, coltelli, sciabole e vari oggetti di varia natura frutto di furti compiuti negli ultimi mesi in città e nel territorio, e una piccola somma di danaro.

A finire in carcere, a Uta, sono stati Nicola Muntoni, 44 anni; Bruno Piras, 47 anni; Paolo Secci, 60 anni; Giovanni Musu, 45 anni; Mauro Pillittu, 46 anni; Alessio Arceri, 36 anni; Gianluca Pillittu, 42 anni, tutti di Carbonia. L’operazione, coordinata dal Commissariato di Polizia diretto dalla dottoressa Gabriella Comi, è stata portata a termine con la collaborazione degli uomini del Reparto Prevenzione Crimine Sardegna di Abbasanta, della Questura e dell’Unità cinofila di Oristano.

Vediamo l’intervista realizzata con la dottoressa Gabriella Comi.

   

[bing_translator]

Da mercoledì 13 a sabato 16 luglio il centro congressi del T-Hotel, Cagliari – ospita il congresso nazionale “Dalla cura all’aver cura della donna nell’universo tecnologico della ginecologia e ostetricia”. Il “Corso teorico pratico sul ricorso al taglio cesareo, classificazione di Robson e analisi dati” si tiene il 13 luglio dalle 9.00 alle 12.30, nell’aula della direzione sanitaria del Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato, precede i lavori congressuali.

Al corso – teso a fornire presupposti clinici, metodologici e interpretativi della classificazione in 10 gruppi dei tagli cesarei di Robson – prende parte lo specialista chi li ha ideati, Michael Robson. Docente e ricercatore di fama mondiale, il professor Robson – Consultant obstetrician and gynaecologist al National maternity hospital di Dublino, riferimento clinico e scientifico per l’Organizzazione mondiale per la Sanità – tiene una lectio magistralis. Tra i relatori anche Piera Poletti (responsabile Centro ricerca formazione, Padova; docente Master universitari; collaboratrice ministero Salute) e Antonello Antonelli (coordinatore “Qualità dei servizi sanitari”, direzione generale assessorato regionale Sanità). Il corso – max. 50 partecipanti – è dedicato a medici, ostetriche, personale amministrativo e rappresentanti dei media. Le iscrizioni si effettuano su scheda scaricabile da www.kassiopeagroup.com, da inviare per e-mail a barbarapanico@kassiopeagroup.com. I lavori, moderati dagli specialisti Salvatore Dessole e Alessandra Meloni, sono introdotti da Gian Benedetto Melis.

Da giovedì 14 a sabato 16 luglio al T-Hotel si dibatte di “Umanizzazione, scienza e tecnologia: un legame vincente nei diversi scenari della ginecologia e ostetricia” ad “Aver cura e curare il dolore al femminile”, “Dallo screening alla terapia dei tumori ginecologici” fino a “La donna tra tradizione ed innovazione: la veduta dell’antropologo e dell’artista di teatro” sono fra le tematiche del congresso nazionale “Dalla cura all’aver cura della donna nell’universo tecnologico della ginecologia e ostetricia”. I lavori curati dallo staff di Gian Benedetto Melis, ordinario ginecologia e ostetricia ateneo di Cagliari. Tra i temi al centro del congresso “La salute dell’individuo dalla vita intrauterina”, “Il travaglio di parto senza dolore. Che mezzi abbiamo? Quali risultati?”, “L’allattamento al seno: risvolti sulla salute psico-fisica della madre e del bambino”, “L’endometriosi: patologia dai mille volti clinici e personali. Dall’impatto emotivo della diagnosi alla cura e all’aver cura del dolore”, “Patologie benigne e maligne dell’apparato genitale”, “La diagnosi ecografica e radiologica preventiva e di supporto per le cure mediche e chirurgiche”, “Fertilità e Sterilità: dalla Fivet alle tecniche attuali” fino a “La cinquantenne di oggi: quanto la carenza ormonale incide sulla salute e sul dolore della donna. Quali i mezzi per curarla e averne cura”.

Il congresso è presieduto, oltre che dal professor Melis, da Salvatore Dessole (Sassari). I vice presidenti sono Pier Luigi Cherchi (Sassari), Antonio Macciò (Cagliari) e Bruno Piras (Cagliari). La segreteria scientifica è composta da Anna Maria Paoletti (Cagliari) e Giampiero Capobianco (Sassari).

THotel 42 copia