29 January, 2023
HomePosts Tagged "Daniele Pettinau"

[bing_translator]

Tutti conosciamo Sant’Efisio, la sua fama lo precede, come Santo patrono amato in tutta la Sardegna. E tutti sappiamo che grazie al suo aiuto la città di Cagliari si salvò da una furiosa epidemia di peste! Quello che non sappiamo però è il “come”.

Lo scopriremo esattamente il giorno dopo il termine delle celebrazioni della festività in suo onore, il 5 maggio alle ore 18.30 nella sala delle mura de Il Ghetto (in via Santa Croce 18 a Cagliari) con lo spettacolo di burattini “Efisio e la peste” prodotto da Anam e Batisfera Teatro che vedrà in scena, all’interno della baracca dei burattini, l’attore Daniele Pettinau. Lo spettacolo di 50 minuti sarà dedicato ai bambini ma sarà comunque un’esperienza di riscoperta del mito anche per gli adulti.

Per la rassegna “Teatro in Castello e Marina” vedremo inoltre in scena il 26 maggio (alle 18.30 e alle 20.30) gli “Artisti Fuori Posto” al Teatro Sant’Eulalia con lo spettacolo grottesco “Tipping point”.

[bing_translator]

Prosegue senza sosta la stagione teatrale “Bacu Abis Teatro 2019”, realizzata dalla compagnia “La Cernita Teatro”, per la direzione artistica di Monica Porcedda. 

Domenica 24 marzo le attività inizieranno dal mattino.  Dalle ore 10.30 alle ore 17.30, nel foyer del teatro di Bacu Abis, sarà allestita  “SpaziCreativi – Omaggio a Marco Nateri 37 anni di carriera”; una installazione di costumi, disegni, foto, progetti del costumista e scenografo Marco Nateri. 

Alle ore 15.45  sarà la volta di SpazioLab, con le “Scatole magiche”: Laboratorio di costruzione di piccoli teatrini diretto da Marco Nateri. Alle 17.30 si proseguirà con la BioMerenda.

Alle ore 18.00, sarà la volta di “Efisio e la peste”, portato in scena da Anam Teatro & Batisfera Teatro, di e con Daniele Pettinau.

Ideato ed interpretato da Daniele Pettinau per la regia di Angelo Trofa, “Efisio e la peste”, conduce i piccoli spettatori in un viaggio indietro nel tempo a conoscere Sant’Efisio, il Santo Patrono della Sardegna. Tutti sanno che grazie al suo intervento miracoloso i sardi si salvarono dalla peste, ma nessuno sa, “come”, questo avvenne. Lo spettacolo svelerà proprio questo “come”, in 50 minuti di avvenimenti davvero sorprendenti.

Ingresso al programma giornaliero: € 5,00  (#Spaziolab + #spettacolo)

Ridotto: € 4,00 soci FAI – Fondo Ambiente Italiano, Associazione di Bacu Abis, Associazione E.M.Scarzella.

a

[bing_translator]

Dopo il grande successo di “Zanna Bianca Della natura selvaggia” con Luigi D’Elia, della compagnia IntiTales, continuano gli spettacoli della stagione teatrale di “Bacu Abis Teatro 2019”, realizzata dalla compagnia “La Cernita Teatro”, per la direzione artistica di Monica Porcedda. 

Il 16 febbraio alle ore 21.00 #ReinasLIVES_immagina” presentazione dell’ EP con Stefano Cherchi (voce), Simone Podda (piano), Gianni Pinna (batteria) e Massimiliano Saiu (basso).

 Ingresso ad offerta.

I Reinas nascono nell’inverno del 2017 in un giardino notturno. La sperimentazione ci indica il sentiero delle immagini che si manifestano e che ci portano a scoprire da subito la nostra identità musicale.  Liberi nelle notti d’inverno, abbiamo realizzato il nostro primo Ep.”IMMAGINA”. Un lavoro che vi porterà nei labirinti della vostra immaginazione dove sarà possibile rispecchiarsi nel proprio vissuto.

Evento organizzato in parternariato con il Coordinamento Associazioni di Bacu Abis.

Il 17 febbraio, alle ore 15.45,  #LaCernitaSpazioLab_ Reciclanimare Costruzione di burattini diretto da Daniele Pettinau (rivolto a bambini e adolescenti).

Ore 17.30 – #BioMerenda_ in compagnia dei burattini di Agostino.

Ore 18.00   #TeatroTages_Il Filarmonico di e con Agostino Cacciabue.

Ore 19.00 – #Reciclanimare  #SpaziCreativi esposizione dei lavori realizzati dai partecipanti.

Il Filarmonico è uno spettacolo di marionette a filo che narra di frammenti di vita, storie minime. Pochi minuti per raccontare emozioni e passioni. Immagini rapide quanto un’occhiata che si lancia oltre una porta socchiusa, al di là delle vedute di tutti i giorni, alla ricerca di gesti, musiche e personaggi che sappiano ancora sorprenderci. “Il fil’armonico” ha vinto il 2° Premio al Festival Internazionale “Puppet Theatres and Other Forms of Scenic Animation” 2006. 

Ingresso al programma giornaliero € 5  (#Spaziolab + #spettacolo)

Ridotto € 4 soci FAI – Fondo Ambiente Italiano, Associazione di Bacu Abis, Associazione E.M. Scarzella.

«Le due giornate abbracciano in pieno lo spirito della stagione che vuole coinvolgere bambini e adulti, aiutandoli a vivere il teatro come un luogo non per poche e raffinate persone ma come un punto d’incontro per tutte e tutti, dove ognuno si sente accolto e accompagnato nei diversi percorsi creativi di volta in volta proposti.» 

[bing_translator]

Continuano senza soluzione di continuità le iniziative programmate dall’Amministrazione Comunale per festeggiare l’80° compleanno della città di Carbonia.

Domani, domenica 9 dicembre, a partire dalle ore 17.30, nel Teatro di Bacu Abis suonerà la musica della nostra banda cittadina Vincenzo Bellini, accompagnata dal mimo Giovanni Free e da un bellissimo spettacolo magistralmente organizzato dalle compagnie La Cernita e Fueddu e Gestu.

Ecco il programma completo della serata:

Ore 17.30 #intrecci_musica&teatro
con la Banda Musicale Vincenzo Bellini di Carbonia ed il Mimo Giovanni Free;
Ore 18.00 “Cammina… cammina… Lucertolina”
Da una fiaba di Maria Lai e Giuseppina Cuccu
Compagnia Fueddu e gestu

[bing_translator]

Sabato 17 febbraio, è in programma il 4° appuntamento della rassegna “Bacu Abis Teatro”giunta alla sua seconda edizione e organizzata dalla Compagnia “La Cernita Teatro”.

Programma.

Ore 16.00: CIRCO PICASSO, arte e movimento scoprendo il cubismo, LAB. diretto da Marco Nateri

ore 16.00: STORIE DI FABER, LAB. per giovani e adulti diretto da Daniele Pettinau

ore 17.30: Merenda

ore 18:00 MANOVELLA CIRCUS,  Compagnia Teatro Tages

Spettacolo di marionette e burattini con musica suonata dal vivo con l’organetto di Barberia

Di e con Agostino Cacciabue e Rita Xaxa

[bing_translator]

Giovedì 15, venerdì 16 e sabato 17 febbraio, alle 21.00, al Teatro delle Saline di Cagliari, per la regia di Elio Turno Arthemalle va in scena “Egregio sig. Assessore”. Lo spettacolo è prodotto dalla Compagnia Akròama – Teatro impossibile ed è in cartellone per la “Stagione del teatro contemporaneo”.

«Uno spettacolo curioso e divertente, che mostra con sfacciataggine come si possa pensare, a tavolino, un prodotto commerciale: incrociando generi, inventando questioni stilistiche per far cassa, liberandosi insomma da qualsiasi scrupolo artistico.» 

Ironico e dissacrante, “Egregio sig. Assessore” coglie e annoda vari flash dei tempi attuali. Nel nostro caso, a cercar fortuna è il Proponente, uno dei tanti postulanti che si accalcano nei corridoi degli assessorati alla cultura, sport, turismo, spettacolo, pubblica istruzione etc., etc. Il Proponente invita l’assessore ad assistere, in forma riservata, all’anteprima di uno spettacolo teatrale che ha tutti i numeri per diventare un prodotto di successo.

«…Egregio sig. Assessore, nessuno le offrirà altrettanto sangue, altrettanti delitti, altrettante mutilazioni, insomma altrettanti morti di quanto farò io.» Tanto per cominciare, dunque, si tratta di una trama piena di effettacci. C’è il sesso, c’è il mistero, c’è l’uso pletorico di aggettivi e avverbi a tinte forti, ci sono i personaggi, caratterizzati con gusto televisivo e filodrammatico … e c’è la fiction. Non manca proprio nulla… Naturalmente non sarò solo, c’è la compagnia…» Ed è questo il punto di forza del Proponente: la cosiddetta magia del teatro, ossia una serie di guitterie di un gruppo di impiegati della scena, messi insieme e contestualizzati all’interno di un arredamento di oggetti e luci più o meno credibile. La storia è talmente inverosimile da non poter essere sintetizzata, ed è lo strumento di cui si avvale il Proponente per sfogare il suo insopportabile narcisismo di artista.

Il testo e la regia di “Egregio sig. Assessore” sono di Elio Turno Arthemalle. Con Eleonora Giua, Valentina Fadda, Emanuela Lai, Daniele Pettinau, Angelo Trofa, Elio Turno Arthemalle. Costumi Salvatore Aresu, scene Sabrina Cuccu, direzione tecnica Lele Dentoni, foto Sabina Murru.

 

[bing_translator]

Il terzo speciale appuntamento della 2ª edizione di Bacu Abis Teatro 2018 prevede alcune variazioni di programma legate ai festeggiamenti per il Carnevale.

La rassegna si apre come di consueto alle ore 16.00, con il Circo Picasso laboratorio diretto da Marco Nateri, ovvero arte e movimento scoprendo il cubismo, rivolto a tutte le fasce d’età.

Marco Nateri, regista, scenografo e costumista con esperienza trentennale nel teatro, propone un percorso che porterà a scoprire il cubismo e l’arte suggestiva di Pablo Picasso. In chiusura un esito finale che si terrà il 24 febbraio e vedrà in scena una ventina tra bambini e genitori impegnati nella realizzazione di maschere e scenografie con materiali di riciclo.

A seguire, con inizio alle ore 18.00, lo spettacolo Vanaglorie marittime dello Capitan Coccodrillo et Furberie di Cuccurucù con Riccardo Carrusci e Daniele Pettinau, per la regia di Daniele Pettinau, della compagnia Anam Teatro di Cagliari.

L’autore e regista Daniele Pettinau porta in scena uno spettacolo di Commedia dell’arte, un viaggio ai confini del tempo e del teatro all’improvviso, quando dei carri sgangherati e malconci giravano per tutta Europa, di corte in corte portando l’arte italiana della commedia nei teatri di palazzo e nelle piazze delle città.

Le maschere italiane saranno le vere protagoniste di questa serata che si concluderà con una festa, dopo lo spettacolo, grazie a La Zippolata, organizzata dalle associazione pensionati Bacu Abis, Comitato Santa Barbara ed il panificio Su forru de su pani di Massimo e Angelica. 

Il progetto è connesso a “Gita a Teatro” III edizione (anno scolastico 2017/2018) rassegna di teatro per le scuole dell’infanzia e del primo ciclo.

[bing_translator]

Sabato 27 gennaio alle ore 18.00 debutta al Teatro di Bacu Abis Scintilla ha perso il gruppo”, nuova produzione de La Cernita Teatro.

“Scintilla ha perso il gruppo”, spettacolo rivolto prima di tutto ad un pubblico di bambini e ragazzi, è una riflessione sulla paura del diverso che ci invita a cambiare punto di vista e vedere le cose da un’altra prospettiva. Non casualmente è stato deciso di debuttare il 27 gennaio, la “Giornata della memoria”.

Lo spettacolo è inserito nel ricco cartellone della rassegna di Teatro Ragazzi per bambini e famiglieBacu Abis Teatro 2018″, giunta quest’anno alla seconda edizione.

Iniziata lo scorso sabato 13 gennaio, la rassegna prevede fino al prossimo 24 febbraio un fitto programma di spettacoli, laboratori, eventi, incontri con gli artisti e gli autori. 

Con la stessa formula della precedente edizione, la compagnia La Cernita Teatro propone infatti ogni due sabati un pomeriggio teatrale che include la partecipazione ad un laboratorio, una merenda e la visione di uno spettacolo. A completamento del progetto saranno poi organizzati degli eventi collaterali: perfomance lungo le vie del paese, laboratori rivolti alle scuole e agli adulti.

Il progetto è connesso a “Gita a Teatro” III edizione (anno scolastico 2017/2018) rassegna di teatro per le scuole dell’infanzia e del primo ciclo.

Sabato 27 febbraio si inizia alle 16.00, nel Teatro di Bacu Abis in piazza Santa Barbara, con Il Circo Picasso”, laboratorio diretto da Marco Nateri, regista, scenografo e costumista con esperienza trentennale nel teatro.

Rivolto a tutte le fasce d’età per un massimo di 50 partecipanti, Il Circo Picasso prevede un percorso articolato in quattro incontri tra arte e movimento alla riscoperta del cubismo e in particolare dell’arte di Pablo Picasso. Il laboratorio si chiuderà con un esito finale.

A seguire quindi, alle 18.00, lo spettacoloScintilla ha perso il gruppo”, ultima produzione di La Cernita Teatro. Liberamente tratta da Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach, la pièce di Monica Porcedda e Daniele Pettinau, con Monica Porcedda, si avvale delle scene di Luminita Loredana Surduc e Luciano Sulas, mentre il disegno luci è di Giampiero Guttuso e la regia di Daniele Pettinau.

Alle 10.00 in replica per le scuole. 

[bing_translator]

Domenica 9 dicembre, alle ore 16.00, presso Il Circolo di Bacu Abis sarà presentata al pubblico la seconda edizione di Bacu Abis Teatro, la rassegna di Teatro Ragazzi dedicata a grandi e piccini. Saranno presenti l’assessore della Cultura del comune di Carbonia, Sabrina Sabiu, Valeria Poggi, responsabile di Carbonia Futura e l’artista Daniela Pettinau. Introdurrà Monica Porcedda, della Compagnia Teatrale La Cernita.

A partire dal 13 gennaio fino al 24 febbraio, il Cineteatro di Bacu Abis ospiterà spettacoli, incontri, laboratori e workshop aperti a tutti i ragazzi delle scuole primarie e secondarie del Sulcis e alle loro famiglie: guidati di volta in volta da artisti e compagnie da sempre impegnate nel Teatro Sociale, per circa due mesi, la cittadina sulcitana si animerà all’insegna del teatro sperimentale.

Organizzata dalla Compagnia Teatrale La Cernita con il sostegno dell’assessorato regionale della Pubblica Istruzione, Sport e Spettacolo, del comune di Carbonia e con il supporto di Conad, dell’associazione culturale Bacu Abis e Sulcis Iglesiente e il Circolo, la seconda edizione di Bacu Abis Teatro vede la partecipazione delle migliori compagnie regionali e nazionali da sempre impegnate nella didattica teatrale. Si riconferma la presenza di Marco Nateri con il laboratorio “Il Circo Picasso, arte e movimento scoprendo il cubismo” e di Daniele Pettinau con il workshop Storie di Faber dedicato ai ragazzi della scuola secondaria di Bacu Abis e agli ospiti della comunità alloggio “Carbonia Futura”. Non mancheranno gli spettacoli e i momenti conviviali per tutti i partecipanti.

 

[bing_translator]

È dedicato ad un simbolo della lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile lo spettacolo in programma sabato (29 aprile) a Monserrato al Grande Teatro dei Piccoli, la stagione per famiglie targata Is Mascareddas alla sua quattordicesima edizione al MoMoTI. Alle 18.00, nel teatro di via 31 marzo 1943, Monica Porcedda e Daniele Pettinau, della compagnia La Cernita di Carbonia, vestono i panni di due clown con una missione: raccontare ai bambini la storia di Iqbal Masih, bambino operaio e sindacalista pakistano, che nella sua breve vita è riuscito a far a liberare dalla schiavitù tremila bambini delle fabbriche di tappeti gestite dalla mafia locale.

«Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro – ha detto Iqbal, assassinato a soli 12 anni il 16 aprile del 1995 -. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite.»

Dentro questa frase, semplice ed inequivocabile, è racchiuso il senso di una storia straordinaria, di una favola che insegna ai bambini quanto il coraggio sia più forte della violenza.

Ingresso allo spettacolo a 5 euro. La recita serale è anticipata venerdì (28 aprile) da un matinèe per le scuole con ingresso a 4 euro. Sono previsti sconti per famiglie e gruppi.