17 April, 2021
HomePosts Tagged "Edoardo Casalone"

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna alle 20.30 ospita al PalaSerraadimigni i polacchi del Twarde Perniki, per Game 11 di Basketball Champions League. Connuna vittoria la squadra di Gianmarco Pozzecco sarebbe matematicamente qualificata per la fase successiva della manifestazione continentale.

La vigilia. «Affrontiamo la compagine polacca di Torun e, nonostante sia l’ultima in classifica nel girone, sappiamo che non sarà una partita facile – ha sottolineato alla vigilia l’assistant coach Edoardo Casalone -. All’andata è stata una partita intensa, combattuta e ad alto ritmo, poche volte mi è capitato di vedere la squadra con il miglior attacco, 92 punti di media realizzati per gara, all’ultimo posto in classifica: c’è però da dire che sono anche la squadra che subisce più punti. Fatta questa premessa noi dovremo giocare con la massima attenzione perché la loro propensione in attacco, così come gli uno contro uno e i rimbalzi offensivi, già all’andata ci hanno messo in difficoltà.»

Twarde Pierniki Torun. Tra i polacchi spiccano il regista ex Trieste, Reggio Emilia e Torino Chris Wright, al terzo posto alla voce efficiency di BCL con 20.8 di media a partita e terzo per punti con 19,7, insieme alla guardia tiratrice Keith Hornsby, classe 1992 che viaggia a una media si 18.4 punti, 3.7 assist e 16.2 efficiency. A loro si uniscono l’ala polacca Aaron Cel (11.1 punti e 5.8 rimbalzi), ed il centro nigeriano Alade Aminu (12.5 punti, 6.8 rimbalzi), ex Brindisi. Attenzione anche a Kyle Weaver, già visto in Italia in Legadue a Napoli e Roseto (10 punti, 3 rimbalzi e 2.9 assist di media), e ai giocatori nazionali che possono dare fisicità e sostanza alla formazione del Polski Cukier come il lungo Damian Kulig, utilizzato in maniera discontinua in coppa nonostante il lungo curriculum europeo.

Curiosità. La Dinamo ha vinto sei delle ultime sette partite giocate in casa in Champions League, con l’unica sconfitta rimediata di un solo punto contro Baxi Manresa (73-74); gli isolani hanno segnato più di 90 punti in dieci partite, attualmente il numero più alto tra le squadre della competizione. Torun ha concesso più di 95 punti in sette delle ultime otto partite disputata in coppa ed ha segnato una media-tra le più alte della competizione: 92.2 punti a partita.

Michele Vitali. Fonte: www.dinamobasket.com .

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna scende in campo alle 20.30 a Treviso, contro la De Longhi, nel posticipo della 15ª giornata della regular season. Dyshawn Pierre e compagni inseguono la sesta vittoria consecutiva, per riportarsi a due sole lunghezze dalla capolista Virtus Segafredo Bologna che ha travolto la Fortitudo nel derby, solitaria in seconda posizione, davanti all’Olimpia Milano. La squadra trevigiana, allenata da Max Menetti, ha in David Logan, indimenticato ex protagonista della stagione del “triplete”, e vuole vincere, per raggiungere a quota 14 Cantù, Varese, Venezia e Roma, e continuare a sperare nella qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia.

«Affrontiamo una squadra che ha riposato l’ultimo turno e ha avuto modo di recuperare acciaccati e infortunati quindi troveremo un gruppo rigenerato. Treviso è una squadra che sta facendo bene, come dimostra la sua posizione in classifica, soprattutto in casa dove, a parte la prima partita con Milano giocata punto a punto, ed esprime la migliore pallacanestro grazie al fattore campo – ha sottolineato l’assistant coach Edoardo Casalone alla vigilia del match -. Per quanto ci riguarda dobbiamo proseguire nella direzione delle ultime partite, conservando il nostro dna quindi il nostro gioco dentro l’area e riuscire a correre il campo in attacco ed essere solidi in difesa come lo siamo stati nelle ultime sfide. Sicuramente dovremo limitare i loro due migliori terminali offensivi: il gioco dentro l’area di Fotu e quello sul perimetro di Logan, ponendo comunque grande attenzione su tutte le altre pedine di un roster molto competitivo.»

Fonte: www.dinamobasket.com .

 

[bing_translator]

La Dinamo supera la Germani 76 a 70 (primo tempo 39 a 42) e ritorna al secondo posto in classifica, alle spalle della Virtus Bologna. Una partita per tre quarti equilibrata, è stata decisa da un clamoroso parziale della Dinamo tra la fine del secondo quarto ed il terzo quarto: 22 a 0, 17 a 0 nei primi 6’14” del terzo quarto.

Dopo un primo quarto in perfetto equilibrio (5 a 15 al 10′), il secondo quarto ha visto la Germani degli ex Vincenzo Esposito, Brian Sacchetti, effettuare il primo strappo e portarsi avanti di 9 punti al 16′: 34 a 25. E’ stato Dwayne Evans (16 punti nei primi 20′) a riportare sotto la Dinamo, coadiuvato da Miro Bilan, sempre più centrale nel gioco della Dinamo, e all’intervallo lungo la Germani ci è andata avanti di “soli” 3 punti: 39 a 42.

L’avvio del terzo quarto è stato gelato per la Germani che non è andata a segno per oltre 6 minuti, nel corso dei quali la Dinamo ne realizzato 17 punti: 56 a 42!

La Germani ha avuto un sussulto d’orgoglio, ha realizzato i primi punti del parziale con David Moss ma Marco Spissu ha continuato ad andare a segno (alla fine 16 punti per il play sassarese), la squadra lombarda ha rosicchiato ancora qualche punto ed ha chiuso il terzo quarto sul 64 a 57. Partita ancora aperta.

L’ultimo quarto è scivolato via ancora sul filo dell’equilibrio, con la Dinamo abile a gestire il vantaggio acquisito che, fino alla fine, non è stato praticamente mai più in discussione, fino al definitivo 76 a 70 che con la settima vittoria nelle dieci partite disputate, alla pari con Happy Casa Brindisi ed Armani Milano (la squadra di Ettore Messina ha disputato una partita in più).

«Per prima cosa vi tranquillizzo sulle condizioni di Gianmarco Pozzecco che oggi non è riuscito ad essere della partita a causa di un virus – ha detto a fine partita Edoardo Casalone -. Copierei un po’ le sue conferenze perché a maggior ragione oggi i ragazzi sono stati strepitosi, a volte quando manca il capo allenatore si ha o poca tensione o si tende a strafare invece tutti hanno fatto una partita pazzesca. Nei momenti in cui non siamo riusciti ad esprimere la nostra pallacanestro è stato merito di Brescia che ci ha messo in difficoltà togliendoci punti di riferimento, complimenti ai nostri avversari. Noi siamo riusciti nonostante la mancanza di ritmo a rimanere in partita sul finire del secondo quarto e penso sia significativo il dato di 96 a 73 nella valutazione finale anche se il punteggio finale dice 76-70.»

Dinamo Banco di Sardegna – Germani Basket Brescia 76 a 70

Parziali: 15 a 15, 24 a 27, 22 a 12, 15 a 16
Progressivi: 15 a 15, 39 a 42, 61a 54, 76 a 70

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 16, Mclean 1, Bilan 12, Bucarelli, Devecchi, Evans 20, Magro n.e., Pierre 3, Gentile 5, Vitali 9, Jerrells 10. All. Edoardo Casalone.

Germani Basket Brescia: Zerini 6, Warner 10, Abass 11, Cain 8, Vitali 6, Laquintana 6, Lansdowne 2, Dalcò n.e., Guariglia, Moss 13, Sacchetti 8. All. Vincenzo Esposito.

[bing_translator]

La Dinamo torna in campo in campionato, questa sera, al PalaSerradimigni (inizio ore 18.00), contro la Germani Brescia, per l’undicesima giornata del girone d’andata. L’occasione è propizia per tornare al secondo posto in classifica, dopo lo stop subito nella trasferta di Milano, perché con i due punti la Dinamo aggancerebbe l’Happy Casa Brindisi che ha perso nell’anticipo disputato ieri sera sul campo della Dolomiti Energia Trentino, con il punteggio di 78 a 67.

L’avversario odierno non va certamente sottovalutato, considerato che in classifica affianca la Fortitudo Bologna, l’Armani Milano e la stessa Dinamo, con 12 punti al terzo posto, anche se, come Fortitudo e Srmani, ha disputato una partita in più rispetto alla Dinamo, non avendo ancora riposato.

«Brescia ha i nostri stessi punti in classifica, con una partita in più disputata e lo stesso numero di vittorie a dimostrazione dell’ottima squadra che sono, questo non solo in base alla classifica ma guardando come giocano in campionato e coppa – ha detto alla vigilia l’assistant coach Edoardo Casalone -. Merito dello staff e colgo l’occasione per salutare Enzo Esposito che lo scorso anno è stato con noi fino a metà stagione e per fare gli auguri a Giacomo Baioni per la nascita del secondo figlio. Arriviamo da una settimana particolare sia noi sia loro: siamo due squadre che son state costruite per giocare il doppio impegno settimanale ed entrambe questa settimana abbiamo risposato per la sosta di BCL ed Eurocup. Con un roster lungo avere tutta la settimana per poter lavorare è positivo, ti consente di mettere dentro qualcosa nei meccanismi offensivi e difensivi, ma può essere un’arma a doppio taglio. Noi ci siamo allenati bene – ha concluso Edoardo Casalone -, dopo aver fatto un giorno in più di stop per recuperare energie.»

[bing_translator]

Prima uscita stagionale ufficiale per la Dinamo Banco di Sardegna 2019-20, i ragazzi di coach Pozzecco, da ieri al Geovillage Sport & Wellness Resort di Olbia per la seconda parte di ritiro, hanno incontrato in esclusiva questa mattina i giornalisti di carta stampata e televisioni per il tradizionale “Welcome Day” nel dehors a bordo piscina. Unico assente Stefano Gentile, rimasto in hotel per una sindrome influenzale.

Coach Gianmarco Pozzecco ha aperto le danze ed ha fatto gli onori di casa: «L’anno scorso abbiamo provato insieme allo staff ad andare in una certa direzione, cercando di dare più spazio ai giocatori che stavano meno in campo. Questi giocatori erano prevalentemente italiani, quest’anno abbiamo proseguito semplicemente il lavoro iniziato».

A coadiuvare il lavoro del coach i due assistenti Edoardo Casalone e Giorgio Gerosa che hanno raccontato un po’ il dietro le quinte della costruzione della nuova squadra: «Quando si prendono i giocatori la prima cosa da fare è conoscerli di persona, il nostro obiettivo era quello di trovare giocatori esperti che potessero essere funzionali alla nostra idea di gioco». Hanno proseguito sottolineando come sia importante iniziare la preparazione precampionato con il gruppo al completo sin da subito: «Ci darà il vantaggio di far integrare tutti i nuovi nei sistemi e nel nostro modo di giocare».

Jack Devecchi, alla quattordicesima stagione biancoblu, è stato il primo tra i giocatori a parlare: «Ripartire con una base solida è fondamentale, sarà un aiuto in più ripartire con un roster compatto e più italiano. Sono contento di questa scelta societaria perché son dell’idea che aiuti a fare gruppo più in fretta, soprattutto quando si gioca due volte a settimana e inevitabilmente ci si allena di meno. Proveremo a ripeterci su tutti i fronti provando a far meglio della passata stagione».

Il fiorentino doc Lorenzo Bucarelli, dopo le due annate da capitano alla Cagliari Dinamo Academy, torna a Sassari in pianta stabile: «Per me è un’enorme possibilità, occasioni del genere vanno colte al volo, farò il massimo per sfruttarla al meglio».

Le chiavi della regia saranno quest’anno affidate a Marco Spissu: «Mi piacciono le responsabilità, dovrò trasformare la pressione in energia e positività, i compagni sono certo che mi daranno una mano».

Tra i confermati della passata stagione Daniele Magro: «Sono rimasto qui perché mi son trovato bene e non c’erano motivi per dover lasciare tutto quello che c’è di bello in quest’Isola».

Dwayne Evans è uno dei volti nuovi del Banco: «Non ho preferenze sul mio ruolo, sono un giocatore versatile, cercherò il modo migliore per essere d’aiuto alla squadra».

Alla terza stagione sassarese Achille Polonara esordisce così: «Voglio subito un altro trofeo, son felice di essere rimasto in Sardegna. Spero che questo buon inizio ci porti a far meglio della passata stagione».

Primo tra gli stranieri a firmare per la nuova stagione il centro croato Miro Bilan che già conosceva coach Pozzecco: «Mi ricordo del coach ai tempi del Cedevita, lui era il nostro assistente e devo ammetterlo, era abbastanza selvaggio come allenatore».

Terzo anno biancoblu anche per Dyshawn Pierre: «Ho deciso di rifirmare con carica e voglia perché qui sto veramente bene».

Aggregato al gruppo per la preparazione Marco Maganza: «Conoscevo già Achille da tempo perché abbiamo giocato insieme anche in Nazionale, sto cercando giorno dopo giorno di apprendere più cose possibili da un giocatore come lui».

Michele Vitali reduce dalla stagione ad Andorra sa qual è la ricetta per recuperare dalle lunghe trasferte: «Riposo, alimentazione, reintegrazione. Sono queste le piccole cose che poi aiutano sul campo».

Atterrato ieri pomeriggio sull’Isola, Curtis Jerrells conosce bene la Dinamo da avversario: «Qui in Sardegna ho sempre trovato un grande ambiente familiare con i tifosi che sostenevano sempre la squadra. Son sempre rimasto impressionato dall’esterno, ora sono contento di farne parte».

In chiusura presentati i tre giovanissimi del settore giovanile aggregati alla prima squadra in questo ritiro 2019: Marco Antonio Re, Christian Martis e Luca Sanna.

[bing_translator]

La presentazione della Dinamo Banco di Sardegna 2018/2019. Fonte www.dinamobasket.com .

Questa sera, nel parco delle Tenute Sella&Mosca, la Dinamo Banco di Sardegna 2018-2019 è stata presentata a sponsor e autorità. Ad accompagnare nella prima uscita ufficiale i ragazzi di coach Vincenzo Esposito, Francesca Rossi, attrice e modella sassarese anche nella passata stagione madrina dell’evento, e Mino Taveri, storico volto del giornalismo sportivo. A fare gli onori di casa Antonio Posadinu, responsabile Relazioni esterne Sella& Mosca, ormai tradizionale location degli eventi biancoblu.

Ad aprire il saluto alle autorità Gianfranco Ganau, Presidente del Consiglio Regionale. In rappresentanza del Comune di Sassari interviene Alba Canu, assessore allo sport. Presente anche il presidente LBA Egidio Bianchi cha ha fatto il suo personale in bocca al lupo al club per l’imminente stagione. Quindi il saluto di Bruno Perra, presidente Fip Sardegna.

Sul palco sulle rive del laghetto delle Tenute Sella&Mosca, gli sponsor che hanno sposato il progetto Dinamo abbracciando una vera e propria filosofia. A partire dal main sponsor Banco di Sardegna, legato alla Dinamo da un matrimonio che dura da oltre 25 anni. E i gold sponsor: Reale Mutua, AirItaly, Tirrenia, Tiscali, Ep Produzione; lo sponsor tecnico Eye Sport ed il partner Numera. Presenti in platea anche tutte le piccole e medie realtà che accompagnano la Dinamo in questo cammino, nel segno dell’eccellenza e dell’ambizione.

È il momento di presentare la squadra che sarà protagonista in questa intensa stagione tra campionato LBA e Fiba Europe Cup. Sul palco viene chiamato l’amministratore delegato Renato Nicolai: «Ho sempre ammirato tanto questa società dall’esterno e oggi sono sinceramente orgoglioso di farne parte. Vesto un ruolo in parte nuovo: quando mi ha chiamato il presidente Stefano Sardara mi ha chiesto di fare l’allenatore della squadra – non quella che va sul parquet – composta da tutti coloro che lavorano dietro le quinte. Sono orgoglioso di essere l’allenatore di questa squadra e sono pronto a rimboccarmi le maniche perché la società cresca sempre di più. Sassari è visto come un esempio nel panorama cestistico non solo per i risultati sportivi del recente passato ma soprattutto per l’organizzazione societaria: questo è quello in cui voglio dare il mio massimo contributo e mettere in campo la mia esperienza»

New entry anche il team manager Luca Rossini, arrivato a Sassari dopo l’esperienza come alla Cagliari Dinamo Academy. Spazio dunque allo staff tecnico: primo a salire sul palco accolto da un grande applauso è coach Vincenzo Esposito al debutto sulla panchina sassarese in questa stagione di tante sfide. Insieme a lui gli assistant coach Edoardo Casalone e Giorgio Gerosa, il preparatore fisico Matteo Boccolini. Spazio dunque ai giocatori con l’ingresso del capitano Jack Devecchi, Ousmane Diop, Terran Petteway e Daniele Magro. Spazio, dunque, al giovane talento Marco Antonio Re prodotto del settore giovanile biancoblu e aggregato per la prima volta in prima squadra. È quindi il turno di Achille Polonara, Scott Bamforth, Marco Spissu, Jaime Smith, Jack Cooley, Rashawn Thomas e Stefano Gentile. Unico assente giustificato l’ala statunitense Dyshawn Pierre, impegnato con la nazionale canadese.

In chiusura il saluto del presidente Stefano Sardara: «Ringrazio come sempre di cuore gli sponsor, le istituzioni, i tifosi e tutti coloro che lavorano senza sosta dietro le quinte. Gli sponsor sono davvero qualcosa di più, queste realtà condividono il percorso con noi dando il massimo, in un cammino continuo di incontro e scambio molto proficuo, che permette a tutti di uscire dalla comfort zone e migliorarsi. Oggi Dinamo è il frutto del connubio tra una società sportiva e un’azienda, ed è un sistema che funziona grazie a un progetto di valori e pratiche comuni».

Sul nuovo gruppo: «Sono rimasto colpito dall’approccio di Enzo con i suoi giocatori – ha spiegato il numero uno biancoblu – è un papà in tutte le sue accezioni positive e negative, e non è vero che il Diablo non c’è più: ho visto la sua tempra durante le partite. Credo che questo sarà l’imprinting di questo gruppo e ne sono felice».

 

[bing_translator]

La nuova Dinamo Banco di Sardegna 2018/2019. Fonte: http://www.dinamobasket.com/

Ecco la nuova Dinamo Banco di Sardegna 2018/2019. Questa mattina, al GeoVillage Sport&Convention Resort di Olbia, sede per il settimo anno consecutivo del ritiro biancoblu, la squadra è stata presentata ai media. Nello spazio allestito a bordo piscina i giornalisti di televisione, carta stampata, agenzie e testate on line hanno conosciuto i giganti e lo staff tecnico che da mercoledì è al lavoro per preparare al meglio l’intensa stagione di sfide nazionali e continentali dell’agenda biancoblu.

Ad aprire la presentazione è coach Vincenzo Esposito, che il 1°settembre esordirà sulla panchina biancoblu nel primo impegno della preseason dei giganti con il Torneo AirItaly: «Siamo molto contenti e le impressioni iniziali sono molto positive – ha esordito El Diablo -. Abbiamo iniziato a lavorare da un paio di giorni e sono molto soddisfatto sia della disponibilità dei ragazzi sia della struttura in cui ci stiamo preparando, dove abbiamo trovato grande serietà, organizzazione e professionalità che ci permettono di lavorare al meglio». Non è scaramantico coach Esposito che ha chiuso con ironia: «Abbiamo uno staff tecnico e medico di prima fascia, adesso resta da fare la cosa più semplice: vincere lo scudetto».

Sono stati presentati alla stampa i due assistant che affiancheranno coach Esposito quest’anno: Edoardo Casalone, proveniente dall’esperienza a Tortona, e Giorgio Gerosa, negli ultimi due anni responsabile tecnico del settore giovanile del Banco. I giocatori si sono presentati uno ad uno, introdotti da una breve scheda con carriera, e peculiarità tecnico tattiche. I giganti hanno condiviso con la platea impressioni, obiettivi, entusiasmo e aspettative sulla nuova stagione. Grande entusiasmo per la prima uscita ufficiale in maglia Dinamo dei nuovi arrivati: Jaime Smith, Stefano Gentile, Terran Petteway, Daniele Magro, Rashawn Thomas, Ousmane Diop e Jack Cooley. A fare da padrone di casa il capitano Jack Devecchi, alla stagione numero 13 in maglia Dinamo, e perfettamente a loro agio Marco Spissu, sassarese doc rientrato in Sardegna lo scorso anno dopo essersi fatto le ossa in A2, Scott Bamforth e Achille Polonara, entrambi al secondo anno nelle file biancoblu. Debutto davanti alla stampa per il giovanissimo Marco Antonio Re, talento classe 2000 prodotto delle giovanili biancoblu, aggregato alla prima squadra.

[bing_translator]

Edoardo Casalone. Fonte: www.dinamobasket.com

La Dinamo Banco di Sardegna ha concluso l’accordo per l’arrivo in casa biancoblu dell’assistant Edoardo Casalone. Dopo quattro stagioni in Legadue a Tortona, come assistente prima dell’ex biancoblu Demis Cavina e poi di Lorenzo Pansa (con cui la scorsa stagione ha vinto la Coppa Italia), arriva a Sassari nello staff di coach Esposito.

Classe 1989, nato a Valenza ma cresciuto a Casale Monferrato, ha iniziato da giovanissimo la carriera da tecnico: prima dell’esperienza in Legadue ha lavorato un anno alla Don Bosco Livorno (serie D), e 7 anni alla guida del settore giovanile della Junior Casale, con collaborazioni in prima squadra. Lo scorso anno è stato convocato dal Settore Squadre Nazionali Giovanili, agli ordini di coach Capobianco, in occasione del raduno della Nazionale Under18 a Cisternino.

«Sarà un onore lavorare con Sassari – afferma il nuovo assistant biancoblu – entrare nello staff di una società così è il sogno di tutti quelli che intraprendono una carriera da allenatore. E’ davvero uno step importante, dopo anni a Tortona con ottimi tecnici, la chiamata di Vincenzo Esposito e Federico Pasquini mi ha riempito di orgoglio e so che avrò ancora tanta strada da fare. Non vedo l’ora di cominciare a lavorare in questa società organizzata ed ambiziosa – conclude Edoardo Casalone – che negli ultimi anni è arrivata a livelli straordinari, con successi di cui tutti noi abbiamo ancora le immagini negli occhi.»