17 January, 2022
HomePosts Tagged "Emanuele Cani" (Page 3)

[bing_translator]

E’ durissima la critica rivolta alla Giunta regionale dal segretario regionale del Partito democratico, Emanuele Cani, sull’attuazione del Piano anti Covid-19.

«Prima c’è stata la questione dei dati, poi i tamponi e ora i ritardi nelle vaccinazioni. Ancora una volta dobbiamo constatare la totale inefficienza della Regione davanti all’emergenza sanitaria provocata dal Covid-19. In questo periodo abbiamo sentito solamente proclami, promesse con cui si ventilavano chissà quali soluzioni. Ad oggi, invece, non possiamo che constatare situazioni di disagio in più parti dell’isola. La campagna di vaccinazione è ancora congelata o viaggia a rilento.»

«Più che di riflettori e vetrine è necessario procedere con atti concretiha aggiunto Emanuele Cani -. Si facciano le vaccinazioni, il tracciamento dei contagiati sia reso noto ai sindaci e, allo stesso tempo, siano rese note tutte le fasi che riguardano i contagi. Ancora oggi , continuano ad arrivare segnalazioni di un sistema che va a rotoli, con tempi lunghissimi che non fanno altro che favorire i contagi. La Regione si adoperi concretamente per affrontare l’emergenza. Meno proclami e flash ma atti concreti. Le strutture sanitarie devono essere rese funzionanti e funzionali e si deve intervenire nei territori per fornire il supporto necessario a tutte quelle persone che ne hanno bisogno. Perché c’è l’emergenza Covid-19 ma, è necessario ricordarlo a chi amministra, ci sono anche le altre patologie che proprio a causa della pandemia e di un sistema sanitario che non riesce più a funzionare non vengono più seguite e monitorate.»

«Chi governa – ha concluso il segretario regionale del Partito democraticosi assuma le proprie responsabilità. E intervenga con atti concreti per garantire le cure necessarie ai sardi.»

Emanuele Cani, segretario regionale del Partito democratico, ricorda Roberto Frongia, assessore regionale ed esponente politico di alto profilo del Sulcis Iglesiente e dell’intera Sardegna.

«Nella sua attività, seppur su posizioni differenti e opposte rispetto a quelle del Partito democratico, è sempre emersa l’umanità e la sensibilità per il territorio in cui viveva e per l’intera Sardegna. Non è mai mancato nel suo operare, il rispetto per gli “avversari”. Una perdita importante. La nostra vicinanza ed il cordoglio ai familiari. »

«Le risorse previste dal Recovery fund sono un’occasione che la Sardegna non può perdere. Per questo motivo il Partito democratico sostiene l’iniziativa promossa dal  suo consigliere regionale Cesare Moriconi, primo firmatario della mozione che impegna il presidente della Regione Christian Solinas “ad assumere con urgenza le iniziative utili alla costruzione di un grande progetto di rinascita che parta da una vera consultazione con le parti sociali ed economiche, le Autonomie locali ed i rappresentanti sardi in Parlamento”.»

Lo scrive, in una nota, Emanuele Cani, segretario regionale del Partito democratico.

«In un momento difficile e delicato come quello che si sta vivendo non servono fughe in avanti come quella del presidente della Regione ma condivisione e coerenza con linee guida. Per questo motivo riteniamo sia doverosa la convocazione di quelli che sono stati ribattezzati “stati generali della Sardegna” per discutere di indirizzi, criteri, strategie da adottare per l’adozione delle proposte progettuali.»

[bing_translator]

«Esprimo anche a nome del Partito Democratico cordoglio e vicinanza alla famiglia del lavoratore di Iglesias che ha perso la vita in un incidente mentre svolgeva il suo lavoro. Non ci si può esimere dal fare una riflessione sull’importanza e osservanza della sicurezza negli ambienti di lavoro, partendo da una sempre più accurata formazione e prevenzione.» Lo ha scritto, in una breve nota, Emanuele Cani, segretario regionale del Partito democratico.

[bing_translator]

«Quanto stiamo vedendo oggi è a dir poco scandaloso. Le cronache parlano esclusivamente di drammi in tutta l’isola, con rete di tracciamento che non riesce a funzionare, l’apertura di reparti dedicati all’emergenza Covid, annunciati per evitare il sovraffollamento degli altri è solamente un annuncio. Vediamo però situazioni drammatiche, come quella che si registra all’ospedale Binaghi dove i pazienti che sono costretti a convivere con la sclerosi multipla o altre malattie autoimmuni stanno perdendo i punti di riferimento.»

A dirlo è il segretario regionale del Partito Democratico, Emanuele Cani, che prosegue: «Non parliamo delle visite specialistiche. Da tempo stiamo sentendo gli annunci della Regione, ultimo quello sul raddoppio dei posti letto. Peccato però che, ad andare vicino agli ospedali, si scopra e si senta il dramma, non solo di chi deve fare visite che sono state rinviate, ma anche di chi lavora che non riesce più a dare risposte ai pazienti. Le famose reti territoriali di cui si è parlato tanto sono rimaste lettera morta. C’è una concentrazione in pochi centri che si sono affollati. E’ necessario che ci sia un’assunzione di responsabilità da parte di chi governa e che si attivi per trovare soluzioni rapide utilizzando risorse e personale. Oggi non c’è più tempo da perdere, si devono dare risposte alle persone che stanno combattendo contro il Covid, si deve lavorare per la prevenzione ma si devono dare risposte rapide e immediate alle altre persone che stanno combattendo con altre patologie. Dopo le parole, i proclami, i comunicati e gli annunci è necessario che si passi alla fase della concretezza».

Antonio Caria

[bing_translator]

Si moltiplicano le attestazioni di solidarietà nei confronti del presidente della Regione Christian Solinas, vittima di minacce di morte.

«Il sindaco di Iglesias Mauro Usai ed il presidente del Consiglio comunale Daniele Reginali, a nome dell’Amministrazione e di tutta la cttà, esprimono solidarietà e vicinanza nei confronti del presidente della Regione Autonoma della Sardegna Christian Solinas per l’atto intimidatorio di cui è stato oggetto nella giornata di oggi.
In questo periodo di grande difficoltà è necessario ribadire con forza che non vi è spazio per simili gesti intimidatori. Le Istituzioni e la società civile devono rispondere in maniera unitaria e reagire fermamente di fronte a chi si pone al di fuori della democrazia e avvelena la vita civile.»

Il segretario regionale del Partito Democratico, Emanuele Cani, esprime «una ferma e dura condanna per la minaccia contro il presidente della Regione Christian Solinas al quale manifestiamo tutta la nostra solidarietà. La violenza non può mai essere tollerata. Confidiamo nelle indagini delle forze dell’ordine impegnate a trovare i responsabili».

«Esprimo a nome mio e della Lega Giovani Sardegna solidarietà e vicinanza al presidente Solinas per le inqualificabili scritte apparse quest’oggi nel pieno centro di Cagliari – scrive in una nota Andrea Piras, consigliere regionale della Lega Salvini Sardegna e coordinatore regionale della Lega Giovani Sardegna –. Indubbia e ferma è la nostra condanna a tali atti di violenza, ed auspichiamo che i colpevoli siano ben presto rintracciati dalle forze dell’ordine e puniti in maniera adeguata. Auspichiamo, inoltre, che le naturali riflessioni che questi vili atti suscitano possano essere estese in ambito educativo, perché le nuove generazioni imparino il rispetto delle istituzioni, il rispetto per le idee altrui, prediligendo il sano e costruttivo dialogo  a manifestazioni di odio fine a se stesso, che oggi, visto anche il particolare momento storico in cui viviamo, fanno male alla società tutta!»
«Piena solidarietà al Governatore della Regione Sardegna Christian Solinas da parte di tutti i consiglieri regionali dei Riformatori Sardi per le minacce subite – scrive in una nota il coordinatore e capogruppo in consiglio regionale Aldo Salaris -. Christian Solinas è un Presidente corretto e capace che si è trovato ad affrontare un’emergenza di proporzioni enormi. Quanto accaduto è da condannare senza giustificazione alcuna e, siamo certi, questo vile gesto troverà la giusta punizione da parte delle forze dell’ordine. Ogni episodio di violenza è da denunciare con forza: con questi gesti non si esce dalla crisi. Il momento è difficile ma con grande senso di responsabilità il governo regionale e tutte le forze politiche si stanno adoperando quotidianamente per tutelare la salute dei sardi e fronteggiare la crisi economica e sociale.»

[bing_translator]

«Ancora una volta, in piena emergenza sanitaria, siamo costretti a fare i conti con l’inefficienza della Regione davanti a una situazione molto preoccupante. L’impennata di contagi degli ultimi giorni, i reparti per l’ordinaria amministrazione sanitaria chiusi, gli altri che cominciano a riempirsi, sono un segnale d’allarme. L’assessore regionale farebbe bene a occuparsi dei problemi delle strutture sanitarie, attivando tutte le procedure necessarie per risolvere i problemi che questa emergenza continua a presentare.»
Lo scrive, in una nota, Emanuele Cani, segretario regionale del Partito democratico.
«Non può neppure permettersi di attaccare in maniera gratuita i sindaci che, in questa fase e con grande senso di responsabilità, stanno affrontando una situazione drammatica senza il supporto della Regione. È bene ricordare che è la Regione a doversi adoperare affinché siano garantiti i controlli sanitari, siano effettuati i tamponi e le analisi nei territori e in tempi rapidiconclude Emanuele Cani -. Gli amministratori regionali non sono ignari passanti, hanno un ruolo e devono quindi assumersi le proprie responsabilità a tutela dei cittadini.»

[bing_translator]

«Siamo ormai a poche ore dall’applicazione dell’ultima ordinanza del presidente della Regione ed è panico totale. Non è dato sapere quando verrà emessa l’annunciata “circolare esplicativa “, che vista la situazione poco chiarirà. È necessario che attorno alla questione accessi in Sardegna si fissi un punto fermo e cessi la corsa all’inutile propaganda così come dichiarato dal ministro Boccia che invita la Regione Sardegna al rispetto delle regole e alla condivisione delle strategie per il contenimento della pandemia.»
Lo scrive, in una nota, Emanuele Cani, segretario regionale del Partito democratico.
«Il momento è ancora molto difficile, le istituzioni, in primis la Regione, devono dare regole certe e applicabili e non inventarsi modalità che generano sono caos – conclude Emanuele Cani -. Il presidente Christian Solinas concordi con il Governo nazionale un provvedimento che rispetti la legge e che possa essere applicato.»

[bing_translator]

«Il centrodestra ha brindato per l’approvazione della cosiddetta Riforma sanitaria. Peccato però che a quanto annunciato non corrispondano poi azioni concrete.»
Lo scrive, in una nota, Emanuele Cani, segretario regionale del Partito democratico.
Apprendiamo che si passerà alle otto Asl, un ritorno al passato che però avrà ripercussioni sulla distribuzione delle risorse e quindi dei servizi sanitari nell’ambito territoriale regionaleaggiunge Emanuele Cani -. Ad oggi mancano tutti gli elementi necessari per far diventare l’atto approvato dal Consiglio regionale, riforma. Le liste d’attesa per le visite specialistiche sono lunghe, nelle strutture periferiche i servizi vanno a rilento. Il gioco dello scaricabarile oggi, a un anno e mezzo dall’insediamento del governo regionale di centrodestra, non va più bene. Più che alla propaganda chi governa dovrebbe pensare a risolvere i problemi delle persone e assicurarsi il funzionamento del sistema sanitario. Adesso conclude Emanuele Cani ci aspettiamo di vedere la lottizzazione degli incarichi con le nomine che riguarderanno tutti gli ambiti di questo settore. Non vorremmo che proprio queste nomine distraessero chi governa dal vero obiettivo che è quello del bene comune.»

[bing_translator]

Air Italy e la fabbrica Rwm di Domusnovas sono all’attenzione del Governo e dei ministeri competenti. Lo ha dichiarato il segretario regionale del Partito Democratico, sottolineando come due vertenze caratterizzano l’apertura del mese di settembre in Sardegna.
«È necessarioaggiunge Emanuele Cani rimarcare la necessità di trovare una soluzione a queste due vertenze che per due territori della Sardegna diventano importanti dal punto di vista economico e sociale. L’attenzione sullo stato delle vertenze aperte resta alta, per questo motivo sollecitiamo un forte impegno istituzionale per trovare soluzioni rapide ed efficaci.»
Antonio Caria