27 October, 2021
HomePosts Tagged "Francesco Trento"

[bing_translator]

Nuovo appuntamento per “Le domeniche alle 5” alla Biblioteca comunale di Sennori: il 2 febbraio, alle 17.00, protagonista della rassegna sarà lo scrittore e regista romano Francesco Trento, che presenterà il suo libro “Crazy for football”. Il volume, realizzato insieme a Volfango De Biasi (edito per Longanesi), racconta la storia dell’omonimo documentario vincitore del David di Donatello 2017.

“Crazy for football” è l’avventura di un gruppo di sportivi fuori dall’ordinario, selezionati per formare la Nazionale italiana dei pazienti psichiatrici, chiamata a giocare i campionati mondiali della “categoria” nel lontano Giappone.

E se è vero che il calcio fa impazzire milioni di tifosi in tutto il mondo, in questo caso forse è stato in grado di aiutare a rinsavire, a responsabilizzare, a rimettere in gioco persone troppo spesso collocate ai margini della società perché affette da disturbi come schizofrenia, psicosi e depressione.

Come di consueto, a fare da corollario all’iniziativa sarà la promozione del territorio. Nel corso della serata, dal titolo “In- Pasto In – Scena”, lo chef Antonio Murgia del ristorante “Il Girasole”, in omaggio ai contenuti del libro realizzerà uno speciale show-cooking dal vivo.

Antonio Murgia è un vero artista dei fornelli, lo scorso anno ha ricevuto un importante riconoscimento dall’Accademia italiana della cucina, ed è poi entrato a far parte del suo prestigioso circuito. A proporre le eccellenze vinicole stavolta sarà la cantina “Sorres”, con i suoi migliori bianchi e rossi, mentre l’azienda Zaffera proporrà le tisane e altri prodotti biologici a chilometro zero.

L’iniziativa è organizzata dall’Amministrazione comunale di Sennori in collaborazione con la Comes e l’Associazione Danza Estemporada, che accompagnerà tutta la kermesse sotto la direzione artistica di Livia Lepri. L’ingresso è gratuito.

Francesco Trento dialogherà con il giornalista Salvatore Taras per poi rispondere alle domande del pubblico. Oltre a “Crazy for football”, tra le sue opere sono da ricordare il libroVenti sigarette a Nassirya”, pubblicato per Einaudi Stile Libero nel 2005 con Aureliano Amadei, mentre il video omologo ha vinto la sezione Controcampo del 67° Festival di Venezia, aggiudicandosi i premi per miglior film e miglior attore.

Assieme a Franco Fracassi è stato autore e regista di “Zero – Inchiesta sull’11 settembre” presentato alla Festa del cinema di Roma del 2007 e proiettato al Parlamento Europeo. È stato visto da più di 40 milioni di spettatori in tutto il mondo. Trento ha scritto documentari anche insieme a Guido Chiesa (Stessa spiaggia stesso mare, 2006) e a Giulietto Chiesa.

Dottore di ricerca in storia dell’Italia, insegna sceneggiatura cinematografica a Officine Mattòli, allo Ied, all’Università di Roma la Sapienza e da alcuni anni dirige il corso di sceneggiatura di Filmaker’s Magazine.

Negli ultimi anni ha scritto sceneggiature per varie produzioni cinematografiche italiane e collaborato con quotidiani e riviste come GQ, Slowfood, D di Repubblica. Nei suoi trascorsi calcistici può vantare esperienze come allenatore nel settore giovanile della Lazio calcio a 5.

[bing_translator]

Il libro come punto di riferimento di ogni serata per ampliare lo sguardo alle varie forme d’arte collegate alla letteratura, dischiudere gli spazi della Biblioteca comunale verso una fruizione innovativa e promuovere le eccellenze vinicole e biologiche del territorio. A partire dal 19 gennaio ritorna in seconda edizione a Sennori la rassegna “Le domeniche alle 5”, con tre appuntamenti organizzati dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la Comes e la Compagnia Danza Estemporada, che accompagnerà tutte le iniziative sotto la direzione artistica di Livia Lepri.

Si parte domenica, chiaramente alle 17.00, accogliendo in Biblioteca il “Concerto” dell’orchestra d’archi del Liceo Classico Musicale e Coreutico Azuni di Sassari, la “Juvenilia Ensemble”, per una prima serata dedicata alla letteratura e alla storia della danza. Le melodie saranno accompagnate dalle coreografie interpretate dalle danzatrici della terza C della sezione Coreutica.

L’Ensemble proporrà un repertorio classico, ormai consolidato, che gli ha permesso di farsi apprezzare in numerose esibizioni, tra le quali la partecipazione alla Stagione lirica 2018-2019. Oltre al proficuo rapporto con l’“Ente Concerti De Carolis”, il gruppo ha al suo attivo collaborazioni con l’Orchestra Verdi di Milano ed il Liceo Musicale di Cremona.

La “Juvenilia” è nata in seno alle attività del Liceo per offrire agli studenti concreta possibilità di apprendimento e maturare esperienza nell’esibizione dal vivo, in particolare grazie al contributo di avveduti maestri quali Alessio Manca, che ne ha assunto la direzione, e Pietro Scalvini, con il quale sono affrontati i capisaldi della letteratura musicale per orchestra d’archi.

C’è quindi molta attesa per l’arrivo di questa formazione, che svolge un’intensa attività concertistica, alternando annualmente i propri componenti nel ruolo di solisti per metterli in condizione di padroneggiare i diversi ruoli.

«A Sennori ho trovato una grande apertura verso la danza e tutte le forme artistiche connesse – ha spiegato Livia Lepri, che ha programmato il calendario in sinergia con il sindaco Nicola Sassu e l’assessora alla Cultura, Elena Cornalis -. Sapere che c’è un piccolo Comune con una grande voglia di investire sulla cultura è davvero gratificante, ma vedere l’entusiasmo del pubblico è il miglior regalo per chi fa il mio mestiere.»

A fare da cornice agli appuntamenti sarà la promozione del territorio. L’azienda Giuseppe Berria curerà l’esposizione dei prodotti con taglieri gourmet. Le cantine Mode, Fara e Sorres, di volta in volta si presenteranno al pubblico proponendo i loro vini migliori. Non mancheranno le produzioni biologiche. La Caffetteria Margot si occuperà dei succhi di frutta bio, l’azienda Zafera proporrà le tisane bio a chilometro zero, mentre il panificatore Daniele Doneddu porterà le sue focacce artigianali.

Il secondo appuntamento della rassegna si terrà il 2 febbraio per accogliere lo scrittore e sceneggiatore Francesco Trento e la presentazione del suo libro “Crazy for Football” (realizzato insieme a Volfango De Biasi per Longanesi), da cui è nato l’omonimo documentario vincitore nel 2017 del David di Donatello. Nel corso della serata lo chef Antonio Murgia creerà dei piatti a tema per il pubblico.

L’ultima serata, il 16 febbraio sarà invece dedicata al fumetto. Tre dj del calibro di Davide Merlini, Skento e Blazen creeranno un Dj set reinterpretando artisticamente la figura dell’ultimo Diabolik,  lo storico personaggio creato nel 1962 dalla penna di Angela Giussani.

[bing_translator]

Cinquina in Riviera del Corallo per lo scrittore e sceneggiatore romano Francesco Trento che prosegue ad Alghero i seminari su “come si scrive una grande storia”. Il ciclo di lezioni arriva così al quinto appuntamento in città, sempre ospite della nuova realtà artistica “Cabussò – Contingenze Culturali”, in via Rossini 15. Il seminario del 21 e 22 aprile è incentrato su come si scrive un soggetto cinematografico ma è utile anche per chi volesse scrivere un progetto di libro per cercare un editore, o un agente, attraverso un testo di poche pagine. Per i corsisti, l’obiettivo è imparare a raccontare per immagini, a suggerire il tono della storia in poche pagine, a mantenere il giusto equilibrio narrativo tra le parti. Durante le due giornate di studio verranno forniti trucchi e consigli di redazione insieme a insegnamenti su come procedere nella stesura creando sempre nuova domande per il lettore/spettatore, anche grazie alla teoria delle otto sequenze. Si imparerà, una volta terminata una prima stesura, a lavorare a ritroso, seminando bene le scene più importanti, tenendo il lettore in uno stato di anticipazione, per fargli desiderare un certo esito o una certa svolta narrativa, allo scopo di amplificare il conflitto nei momenti chiave della storia. Questa lezione, come tutte quelle del ciclo “come si scrive una grande storia”, è autoconclusiva, adatta quindi anche a chi vuole seguire solo la materia in questione. Il seminario dura 16 ore ed è suddiviso in due giornate, dalle ore 10.00 alle 19.30 con pausa pranzo dalle 13.30 alle 15.00. Lo scrittore romano tornerà poi ad Alghero con altre lezioni: il 19 e 20 maggio su “come scrivere (e riscrivere) i dialoghi” e a giugno 16 e 17 su “come scrivere (e riscrivere) una scena”. 

Francesco Trento, scrittore e sceneggiatore, quest’anno ha pubblicato “Crazy for football – storia di una sfida davvero pazzesca” (Longanesi), nel 2014 “La guerra non era finita” (Laterza) e, con Aureliano Amadei, “Venti sigarette a Nassirya” (Einaudi, 2005), di cui ha scritto anche la sceneggiatura per il cinema, “20 sigarette” è stato premiato come miglior film al Festival di Venezia 2010, nella sezione controcampo. È autore di molti documentari, tra cui “Matti per il calcio”, “Stessa spiaggia, stesso mare”, “Crazy for football” (vincitore del David di Donatello 2017), la docufiction “Brothers in Army”. Nella sua lunga carriera di docente ha insegnato per 13 anni sceneggiatura cinematografica, allo IED (Istituto Europeo di Design e cultura), all’Università La Sapienza di Roma, alla scuola di cinema Officine Mattòli, dirigendo anche i corsi di Filmaker’s magazine. Il seminario “come si scrive un soggetto cinematografico” è a numero chiuso, per prenotare e avere informazioni: scrivereunagrandestoriaalghero@gmail.com . 

[bing_translator]

Francesco Trento cala il poker sulla Riviera del Corallo. Lo scrittore romano terrà ad Alghero il suo quarto seminario su “come si scrive una grande storia” ospite di Cabussò – Contingenze Culturali, il nuovo spazio artistico in via Rossini 15. Dopo aver affrontato in questi mesi i temi più importanti della scrittura creativa – dall’Idea alla Storyline, il design del personaggio ed il tema della narrazione – la lezione del 17 e 18 marzo prossimi è incentrata sul “viaggio dell’eroe”, ovvero la struttura mitica alla base di quasi ogni grande narrazione. Questa è forse la lezione clou tra quelle proposte, perché il docente insegnerà come si struttura una storia che sia per un film, per un libro, per una graphic novel, per il pilot di una serie tv. L’obiettivo dei corsisti è imparare come scrivere storie importanti, come trasformare una buona idea in un grande film o un buon libro che riescano a toccare corde universali, parlando al cuore del pubblico, senza accontentarsi di intrattenerlo. Spaziando dalla letteratura al cinema, dalle fiabe al mito, si imparerà come guardare i film scomponendoli nei loro elementi strutturali, riconducendoli alle “tappe” individuate da Joseph Cambpell e poi da Chris Vogler. Tappe che affondano le loro radici nei più antichi miti e rimangono ancora oggi alla base di alcuni dei film di maggior successo, inoltre si analizzerà come evitare gli stereotipi e lavorare in maniera creativa con gli archetipi. I vari seminari del ciclo “come si scrive una grande storia” sono autoconclusivi. Costruiti appositamente per essere seguiti anche da chi vuol imparare solo una delle varie materie proposte di volte in volta. Le lezioni durano 16 ore ognuna suddivise in due giornate, dalle ore 10.00 alle 19.00 con pausa pranzo di un’ora, mentre il corso completo è composto da cinque diversi seminari. I prossimi appuntamenti già calendarizzati sono: il 21 e 22 aprile su “come scrivere (e riscrivere) i dialoghi” e a maggio su “come si scrive un soggetto cinematografico, la teoria delle otto sequenze e imparare a scrivere guardando un film”.

[bing_translator]

Lo scrittore e sceneggiatore Francesco Trento torna ad Alghero per il corso su “come si scrive una grande storia”, ciclo di seminari che tiene regolarmente ad Alghero ospite della nuova realtà artistica “Cabussò – Contingenze Culturali”. Il tema della lezione del 27 e 28 gennaio è il “design del personaggio”. Lo scrittore romano spiegherà come creare grandi personaggi che catturino i lettori sin dalle prime righe di un romanzo e gli spettatori sin dai primi secondi di un film o una serie TV, come presentarli al pubblico in maniera rapida ed efficace, come assortire i personaggi di un ensemble narrativo e, infine, come scrivere storie “character driven” in cui sono i personaggi, e non il plot, a conquistare l’attenzione del pubblico. Mentre durante lo scorso incontro tenutosi nel mese di dicembre e dal titolo “Dall’idea alla Storyline” i corsisti hanno avuto la possibilità di capire come trovare e riconoscere l’idea giusta, come decidere se è più adatta a un libro, a un film, a una graphic novel, o una serie TV, come trasformare questa in una storyline coerente e avvincente, e soprattutto, come sintetizzarla in un pitch breve e incisivo che convinca produttori o editori a investire sulla stessa e sull’autore. Tutti i seminari del corso sono autoconclusivi, quindi adatti a chi vuol affrontare solo la tematica in questione: il personaggio in questo caso. Il corso completo dura cinque seminari ognuno di 16 ore suddivise in due giornate, dalle 10.00 alle 19.00 con pausa pranzo di un’ora. I prossimi appuntamenti già calendarizzati sono: 24 e 25 febbraio “l’anima della storia, l’importanza del tema nella scrittura cinematografica e seriale”, il 17 e 18 marzo “come si scrive un soggetto cinematografico, la teoria delle otto sequenze e imparare a scrivere guardando un film”, il 21 e 22 aprile “come scrivere (e riscrivere) i dialoghi”, inoltre a maggio si recupererà la lezione sul “viaggio dell’eroe”, ovvero come strutturare una storia secondo gli archetipi e la struttura mitica alla base di ogni grande narrazione.
Nella Riviera del Corallo, dunque, si terrà il ciclo completo dei seminari “come scrivere una grande storia” che il docente ha portato nelle più importanti città italiane in cui ha avuto come allievi scrittori del calibro di Leonardo Patrignani, Francesco Gungui e Ilaria Beltramme.
Francesco Trento è uno scrittore e sceneggiatore, quest’anno ha pubblicato “Crazy for football – storia di una sfida davvero pazzesca”, nel 2014 “La guerra non era finita” e, con Aureliano Amadei, “Venti sigarette a Nassirya” (Einaudi, 2005), di cui ha scritto anche la sceneggiatura per il cinema, “20 sigarette” è stato premiato come miglior film al Festival di Venezia 2010, nella sezione controcampo. Non solo, è autore di molti documentari, tra cui “Matti per il calcio”, “Stessa spiaggia, stesso mare”, “Crazy for football” (vincitore del David di Donatello 2017), la docufiction “Brothers in Army” e, con Franco Fracassi, ha scritto e diretto “Zero, inchiesta sull’11 settembre”.
Nella sua lunga carriera di docente ha insegnato per 12 anni sceneggiatura cinematografica, allo IED Istituto Europeo di Design e cultura, all’Università La Sapienza di Roma, alla scuola di cinema Officine Mattòli, dirigendo anche i corsi di Filmaker’s magazine.
Il seminario “Il design del personaggio” è a numero chiuso e sono disponibili ancora pochi posti.