9 August, 2022
HomePosts Tagged "Giulio Caccini"

[bing_translator]

Sabato 28 luglio proseguono gli appuntamenti del festival Echi lontani inseriti nel cartellone di Cagliari Paesaggio. Alle 21.00, nella Chiesa di Santa Maria del Monte, è la volta di un omaggio al compositore, arpista e cantore Giulio Caccini, nel 400esimo anniversario della morte.

Per l’occasione arriva in città il soprano Maurizia Barazzoni, una delle prime cantanti italiane a occuparsi dell’interpretazione ‘storicamente informata’ della musica vocale rinascimentale e barocca. La accompagnerà il liutista Sandro Volta, lungo un concerto dal titolo “Dalla porta d’Oriente”.

Il programma della serata sarà incentrato su arie e madrigali del Caccini che nella sua prefazione per i lettori del suo “Le nuove musiche”, datato 1601, scriveva: «Se gli studi della musica fatti da me intorno alla nobile maniera di cantare dal famoso Scipione del Palla mio maestro appresa, et altre mie composizioni di più madrigali, et arie, composti da me in diversi tempi io non ho sino ad hora manifestati, ciò è addivenuto dal non istimare io: parendo à me che assai di onore ricevessero dette mie musiche, e molto più del merito loro veggendole continovamente esercitate, da i più famosi cantori, e cantatrici d’Italia, et altri nobili, amatori di questa professione. Ma ora veggendo andare attorno molto di esse lacere, e guaste, … Sono stato necessitato, et anco mosso da amici di far istampare dette mie musiche; et in questa prima impressione con questo discorso à i Lettori mostrare le cagioni, che m’indussero à simil modo di canto per una voce sola, ……»

[bing_translator]

 

Martedì 24 aprile, a Cagliari, gli appuntamenti con il festival Echi lontani ritornano con una serata interamente dedicata al flauto.

Alle 21.00, nella Chiesa monumentale di Santa Chiara, arriva Stefano Bet, tra i più innovativi flautisti italiani della sua generazione, per un concerto intitolato D”el sonar con ogni sorte de flauti, arie, balli e variazioni in Friuli, a Venezia, e nell’Europa tra Rinascimento e Barocco”.

Per l’occasione il musicista friuliano proporrà un programma eclettico e articolato che permetterà al pubblico di gettare uno sguardo attento alla musica strumentale del periodo compreso tra il Rinascimento e il primo Barocco.

Saranno proposti brani di autori come Silvestro Ganassi dal Fontego (tra i primi a dare alle stampe metodi per l’apprendimento degli strumenti musicali), Girolamo Dalla Casa, Giovanni Bassano (figura chiave nello sviluppo del gruppo strumentale della Basilica di San Marco a Venezia),  (musicista fiammingo che, trasferitosi in Italia influì sullo sviluppo della musica tardo rinascimentale), sino a Marc’Antonio de Pordenon, Salomone Rossi, John Dowland, Thomas Morley, trad. Sefardi, Giulio Caccini, Alessandro Orologio, Jakob van Eyck.

L’appuntamento di martedì inaugura la sezione “Feste musicali per Sant’Efisio” del festival.

Ensemble L'Artificio

Sabato 26 aprile, alle 21.00, la chiesa monumentale di Santa Chiara – Piazza Yenne-Salita Santa Chiara – per la diciottesima edizione delle Feste Musicali per Sant’Efisio, ospita il concerto “Lo specchio di Narciso La rappresentazione degli Affetti nella musica italiana della prima metà del ‘600”. Musiche di Claudio Monteverdi, Tarquinio Merula, Johannes H. Kapsberger, Stefano Landi, Benedetto Ferrari, Giovanni Felice Sances, Andrea Falconieri, Raffaello Rontani, Giovanni Pietro Berti, Giulio Caccini. In scena l’ensemble L’Artificio. La serata rientra nella rassegna di Echi lontani – Musiche d’epoca in luoghi storici. La ventesima edizione – patrocinata dagli assessorati regionali, provinciali e comunali alla Cultura e al Turismo e dalla Fondazione Banco di Sardegna – si dispiega dal 21 marzo al 21 giugno.

L’evento va in diretta streaming live dalla piattaforma culturale americana U-Sophia, raggiungibile anche dal sito www.echilontani.net. Il Festival fa parte del REMA (Rete Europea Festival Musica Antica).

Sant’Efisio: religione, musica e turismo. Le Feste musicali per il santo guerriero costituiscono un momento cult per la città. Fede, tradizioni, patrimonio di conoscenze e saperi, l’appuntamento calamita turisti e visitatori da mezzo mondo. La rassegna Echi lontani cura da sempre con particolare attenzione i luoghi e le musiche che promuovono oltre Tirreno la musica antica e Cagliari.

L’ensemble. Antonella Tatulli (canto), Elisabetta Di Filippo (salterio, percussioni), Olga Ercoli (arpa a tre ordini), Gianfranco Russo (chitarra alla spagnola, violino barocco, direzione) compongono l’ensemble L’Artificio. Diretto da Gianfranco Russo, è una compagine di recente formazione composto da musicisti che vantano collaborazioni con i più grandi interpreti di Musica Antica e incidono per EMI, Virgin, Deutsche Harmonia Mundi, Deutsche Grammophon, Sony, Symphonia, Stradivarius, Tactus, Bongiovanni, Brilliant, K617, Passacaille, Pan Classic, III Millennio, Musicaimmagine records, etc.. L’ensemble nasce dal desiderio dei musicisti, che già collaboravano tra loro in altri ensembles, di approfondire il repertorio del primo barocco italiano per Voce e Basso Continuo.