19 August, 2022
HomePosts Tagged "Giuseppe Bonito"

Locandina-Pellicole in blu

Il Centro Servizi Culturali di Carbonia Iglesias ha scelto di aderire alla “Giornata mondiale per la consapevolezza dell’autismo” organizzando, in collaborazione con Associazione Autismo Carbonia Onlus, la rassegna “Pellicole in Blu – cinema e autismo” quattro appuntamenti cinematografici, due pubblici (giovedì 9 e giovedì 16 aprile) e due rivolti agli studenti di altrettanti Istituti Superiori del territorio.

Le proiezioni saranno precedute da una presentazione e seguiti da un dibattito a cura di esperti che quotidianamente operano nell’ambito dell’autismo (genitori, insegnanti di sostegno, studiosi ed educatori).

Questo il programma degli appuntamenti pubblici:

  • Giovedì 09 aprile, ore 20:30 proiezione del film “The special need”, commedia di Carlo Zoratti del 2013 Enea ha trent’anni, un lavoro e un problema. Anzi: più che un problema, una necessità. Una necessità speciale: fare (finalmente) l’amore. Enea ha anche due amici, Carlo e Alex, fermamente decisi ad aiutarlo. A prenderlo sottobraccio con allegra dolcezza. Se non è facile realizzare i propri sogni, non è certamente facile realizzare quelli degli altri. E il sogno di Enea, impigliato nella rete dell’autismo, richiede una manutenzione delicatissima. Basteranno un piccolo viaggio e una grande complicità tutta maschile per creare le giuste condizioni? Documentario on the road, ma prima ancora potente indagine sentimentale, The Special Need racconta la normalità della diversità senza mai salire in cattedra e senza mai perdere di vista la leggerezza della narrazione. Una leggerezza densa, a tratti poetica, dentro cui ognuno può riconoscere gli entusiasmi, i dubbi e le fragilità della vita quotidiana.
  • Giovedì 16 aprile, ore 20:30 proiezione del film “Pulce non c’è”, drammatico di Giuseppe Bonito del 2012 Giovanna Camurati è una ragazzina di tredici anni come tante altre, con l’avventura della crescita da affrontare e una timidezza che la spinge a scrutare il mondo da un’angolazione privilegiata, senza esserne travolta e senza essere vista. Giovanna ha una mamma e un papà come tanti altri, che, tra alti e bassi, tengono le redini di una famiglia un po’ speciale. Perché al centro di questa famiglia c’è la piccola Pulce, per gli altri Margherita, la sorellina di Giovanna. Pulce ha otto anni, va pazza per il tamarindo, la musica di Bach e il tango. Pulce non parla, perché è autistica, ma questo non significa che non sappia comunicare. Un giorno, però, la mamma va a prenderla a scuola e scopre che Pulce non c’è. È stata portata in una comunità: il padre è sospettato di avere abusato di lei. Una storia vera, tratta dal libro scritto dalla Giovanna in carne e ossa, l’esordiente Gaia Rayneri, che ha collaborato alla stesura della sceneggiatura.

Le proiezioni avranno entrambe luogo nella Sala Conferenze AUSI – Grande Miniera di Serbariu a Carbonia (Fianco Archivio di Storia Locale, ingresso dalla rotonda di via Giovanni Maria Lai.