24 September, 2021
HomePosts Tagged "Laura Cappelli"

Tragedia del mare sfiorata nella spiaggia di San Nicolò, a Buggerru. Due persone avventuratesi tra le onde, sono state salvate dai bagnini, dall’elisoccorso e dalla motovedetta della Capitaneria.
«Ancora una volta, l’incoscienza, la stupidità ed il menefreghismo mettono a rischio la vita dei bagniniha commentato su Facebook la sindaca, Laura Cappelli. Anche oggi, con 2,5 m d’onda, due incoscienti hanno ben pensato di fare il bagno, in uno dei mari più pericolosi della Sardegna. Solo grazie all’intervento dei bagnini del DidoBeach, Davide e Daniele, si è evitato il peggio.»
«Spero che per il futuro si possa valutare di addebitare l’intervento dell’elisoccorso e della motovedetta della capitaneria a chi, seppur più volte ripreso dai bagnini, pensa di fare il bagno in una piscinaha concluso Laura Cappelli -: l’istinto è stato quello di darvi una sculacciata, come si fa con i bambini, anche se si è trattato di due adulti. Con il mare non si scherza.»

«Da poco meno di una settimana, i pazienti che usufruiscono del centro dialisi di Buggerru sono costretti a recarsi, per poter essere sottoposti a terapia, presso gli ospedali di Iglesias e Carbonia. Ancora una volta emerge l’incapacità organizzativa, che attualmente preferisce far viaggiare per 45 chilometri 6 pazienti, piuttosto che spostare su 6 giorni settimanali 1 infermiere ed 1 medico. La situazione è ormai insostenibile, siamo privati di ogni nostro sacrosanto diritto alla Salute. Stasera scriverò al Prefetto, ma non escludo azioni eclatanti, i miei concittadini sono già particolarmente svantaggiati per posizione geografica, è assurdo che per assecondare i lavoratori che non vogliono spostarsi nel nostro paese, ottantenni gravemente malati, debbano rischiare la vita.»

La denuncia arriva dalla sindaca, Laura Cappelli, che conclude affermando: «Qualcuno dovrà rispondere di questo».

Giampaolo Cirronis

E’ iniziato il percorso finalizzato alla costituzione del Distretto Rurale promosso dall’Unione dei Comuni Metalla e il Mare. L’idea di costituire il Distretto Rurale scaturisce dalla volontà dei soggetti promotori di individuare nuovi strumenti e nuove opportunità di sviluppo basate su approcci condivisi e partecipati. Secondo Laura Cappelli, presidente dell’Unione di comuni e sindaco di Buggerru «attraverso il nuovo modello di partenariato pubblico e privato si intende individuare soluzioni innovative finalizzate a migliorare la produttività e la redditività del comparto agricolo, ad accrescere la collaborazione fra gli attori territoriali, a tutelare e valorizzare il vasto patrimonio ambientale, storico e culturale, così da contribuire concretamente al superamento delle problematiche della disoccupazione e dello spopolamento dei nostri paesi».

Per Mauro Usai, sindaco di Iglesias «occorre definire nuove strategie di cooperazione e integrazione fra comunità della costa e delle zone interne, tra paesi della ruralità più autentica e la vicina città, Il Distretto Rurale rappresenta per tutti noi una concreta opportunità di sviluppo economico e sociale ed una importante occasione, in particolare per le giovani generazioni, per rivalutare l’agricoltura e le attività connesse secondo una logica di stabilità economica, benessere alimentare e cura del territorio».

Secondo l’assessore dell’Agricoltura del comune di Fluminimaggiore Gianni Gaviano, «rinnovare l’interesse verso l’agricoltura può rappresentare una importante occasione per rinvertire i fenomeni sociali dovuti all’abbandono delle aree rurali, superare la marginalità e lontananza dei nostri paesi ed accrescere la qualità della vita della nostra gente».

«Aderiremo con interesse e assicureremo il nostro sostegno all’iniziativaha sottolineato il sindaco di Domusnovas Massimiliano Ventura -. Per la nostra amministrazione creare opportunità di sviluppo e valorizzare le risorse endogene rappresenta una priorità insieme al sostegno al settore produttivo profondamente provato dal prolungarsi dell’emergenza sanitaria. Occorre infondere entusiasmo e sostenere in ogni forma la ripresa economica anche attraverso azioni innovative e di immediata efficacia.»

Nel suo contributo, il sindaco di Musei, Sasha Sais ha detto che il nucleo iniziale del Comitato Promotore svolgerà da subito una costante ed intensa attività di coinvolgimento delle associazioni di Categoria, datoriali, sindacali del mondo sociale e della cultura, delle imprese e dei giovani con il fine di arrivare alla definizione di un Comitato Promotore che si identifichi con il partenariato più ampio e per la presenza di tutti i portatori di interesse.

Ha concluso l’assessore dell’Agricoltura del comune di Iglesias Francesco Melis. «La vasta rete di soggetti pubblici e privati ha detto -, opererà in una logica di compartecipazione, apporterà esperienze, proposte, idee e progetti che saranno condivise ed andranno ad alimentare la definizione del programma e delle strategie che, riassunte nel Piano di Distretto orienteranno, in forma partecipata, le azioni del nuovo organismo».

Per conoscere il calendario degli incontri, ottenere maggiori informazioni ed aderire al progetto si può visitare il sito https://costituendodistrettometallaeilmare.weebly.com

La problematica del dragaggio dei porti in area SIN è stata esaminata ieri nel corso di un incontro svoltosi a Roma, presso il ministero della Transizione ecologica, l’incontro tra l’amministrazione comunale di Buggerru, il sottosegretario Vannia Gava, il deputato Eugenio Zoffili ed il consigliere regionale Michele Ennas.

Grazie alla professionalità e disponibilità del sottosegretario di Stato Vannia Gava, è stato possibile approfondire ulteriormente l’annosa problematica del dragaggio del porto che potrà finalmente trovare una soluzione con l’approvazione alla Camera dei deputati di un emendamento della Lega al decreto semplificazioni. Di vitale importanza risulta ora il voto favorevole da parte di tutti i partiti in modo trasversale.

«Sono estremamente soddisfatta per il risultato raggiunto, in tanti anni di viaggi a Roma, mai come oggi ho avuto la sensazione che gli Enti sovraordinati fossero così sensibili al tema che attanaglia da vent’anni la nostra comunitàdice Laura Cappelli, sindaca del comune di Buggerru -. La risoluzione della problematica per il porto di Buggerru, comporterebbe la risoluzione anche per porti industriali di importanza numerica nettamente superiore e dislocati in tutta Italia.»

 

È online da oggi, il portale turistico del comune di BuggerruIl sito è stato oggetto di un’intera stagione di studio e ricerche, con l’inserimento della storia del paese, il patrimonio storico e minerario presente, le attività turistiche e commerciali. 

Sul sito è inoltre presente una sezione interamente dedicata alla Galleria Henry, con la possibilità di prenotazione online a decorrere dalla visita del prossimo 18 giugno.

È stato un lavoro lungo ed impegnativo, che ha coinvolto oltre la struttura comunale, anche tutte le imprese del territorio.

Il sito sarà in continua evoluzione, anche attraverso le segnalazioni dei fruitori e degli esercenti le attività.

“Sono profondamente soddisfatta del risultato raggiunto ha commentato la sindaca, Laura Cappelli -, anche Buggerru, si appresta ad emergere al pari di altre località sino ad ora più note.”

 

Si sono conclusi oggi i lavori di riqualificazione di un altro angolo del centro abitato di Buggerru. L’area, soggetta ad incuria da diversi anni, e rigorosamente vista mare, è stata convertita in skate park, con il posizionamento di alcune rampe e l’abbellimento delle pareti, attraverso la realizzazione di un murales a cura di una giovane artista locale, Delia Caravana.

Anche in questo caso, dichiara il consigliere comunale Daniela Murtas, abbiamo lavorato in sinergia dimostrando ancora una volta che “insieme si può fare”.

Grande soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco, Laura Cappelli, per la quale essere riusciti a dedicare ai giovani skaters il giusto riconoscimento, rappresenta il raggiungimento di un importante obiettivo, ossia quello di ampliare l’attrattiva presente nel comune e creare i presupposti affinché i giovani possano divertirsi, non necessariamente spostandosi dal piccolo centro.

I tamponi effettuati ieri hanno rilevato alcune positività all’interno della scuola dell’infanzia di Buggerru. Ne ha dato comunicazione questa sera, in un post pubblicato su Facebook, la sindaca Laura Cappelli.
«Per questo motivo sto provvedendo a prorogare l’ordinanza di chiusura dell’intero plesso scolastico sino a lunedì 17 (incluso), in modo da consentire ad ATS il tracciamento dei contattiha scritto Laura Cappelli -. Attualmente sono presenti nella nostra comunità, 8 casi di positività, pertanto invito tutti a prestare la massima attenzione. A loro un augurio di pronta guarigione.»
«È un momento delicato, ma con la collaborazione di tutti, questo momento sarà solo un ricordo lontanoha aggiunto la sindaca di Buggerru. Ricordo inoltre, per chi ancora non ne fosse a conoscenza, che il Sindaco NON DISPONE quarantene, ma può esclusivamente chiudere scuole e piazze, a seguito di formali comunicazioni da parte di ATS. Solo ATS è deputata a disporre quarantene ha concluso Laura Cappelli -. Vorrei, infine, ringraziare i bambini e i ragazzi che ieri si sono sottoposti a tampone, dimostrando grande senso civico.»

«Domenica a Buggerru, in municipio e nel corso di un sopralluogo al porto e in mare, ho incontrato, accompagnato dal nostro consigliere regionale Michele Ennas, il sindaco Laura Cappelli ed una delegazione di imprenditori e lavoratori del settore nautico e della pesca guidati da Antonio Tiddia. Il mio impegno: portare la voce di questo splendido comune del Sulcis Iglesiente a Roma, in Parlamento, al ministero dell’Ambiente e al ministero dei Trasporti, che ho già sollecitato a riguardo. Bisogna procedere con urgenza al dragaggio del porto per poter così far tornare nel pieno delle sue funzioni tutta l’area portuale, cuore pulsante di questa straordinaria comunità.»

Lo scrive, in una nota, il deputato Eugenio Zoffili, commissario della Lega in Sardegna.

«Con il porto di fatto chiuso e in queste condizioni, i pescatori non possono lavorare, le imbarcazioni non possono attraccare, questo paese 100% Covid-free ma già provato per le conseguenze economiche del Coronavirus, rischia di morire. E con lui una parte di Sardegna. Viene inoltre compromessa la sicurezza marittima del litorale. Darò me stesso per risolvere questo gravissimo problemaha concluso Eugenio Zoffili -. Lavoro e amore per la propria terra devono vincere le inutili e dannose burocrazie di palazzo che in questo caso non consentono di spostare la sabbia in eccesso del porto per fantomatiche questioni ambientali. Io ci sono.»

Si sta concludendo l’iter di collaudo propedeutico alla restituzione della pineta di Portixeddu in agro di Buggerru. I terreni, per un’estensione di 220 ettari, sono totalmente di proprietà privata ed hanno un elevato pregio naturalistico in quanto ubicati all’interno di un SIC.

L’area, che rappresenta un unicum per le specie arboree presenti, è stata inserita all’interno del piano delle acquisizioni della regione Sardegna con delibera della giunta del 2019.

«L’Amministrazione comunale spiega il sindaco Laura Cappelli -, è fortemente preoccupata in quanto i terreni, una volta abbandonati dal cantiere Forestas attualmente in forze, con circa 20 operai, non avrà più presidio, così come è stato negli ultimi 30-40 anni. La restituzione al privato non ne garantisce le manutenzioni né tantomeno il presidio soprattutto nel periodo estivo, quando il fenomeno degli incendi è sempre in agguato.»

La medesima preoccupazione è stata manifestata dagli operai Forestas che attualmente si occupano dell’area.

«La soluzione migliore conclude Laura Cappelli sarebbe l’acquisto da parte della regione in modo che possa essere garantita la tutela di un’area così importante dal punto di vista naturalistico e patrimonio del territorio.»