6 July, 2022
HomePosts Tagged "<M;"

La Giunta regionale ha dato il via libera all’impiego dei Medici di base per le vaccinazioni anti-Covid. A tal fine, ha recepito, con una delibera proposta dall’assessore della Sanità, l’accordo integrativo regionale sottoscritto con i medici di medicina generale, che declina sul nostro territorio quanto previsto a questo scopo dal Protocollo d’intesa siglato tra il Governo, le Regioni e le organizzazioni sindacali.

Nella campagna di vaccinazione in corso – così come indicato nel documento – i medici potranno somministrare le dosi nei centri di vaccinazione individuati dall’Ats, nelle strutture messe a disposizione dai Comuni, dalla Protezione civile o da altri enti, e nei propri studi, dove possibile. I medici di famiglia potranno, inoltre vaccinare i propri assistiti a domicilio.

Secondo l’accordo i medici di medicina generale riceveranno una remunerazione di 6,16 euro a somministrazione (così come previsto dall’accordo nazionale) che andrà a sommarsi a un contributo di 3,34 euro previsto per le sole prime dosi.

«Stiamo rafforzando la nostra capacità di vaccinazione. In particolare la presenza capillare dei medici di famiglia sul territorio consentirà, grazie alle somministrazioni a domicilio, di immunizzare tutti quei soggetti impossibilitati a raggiungere i centri di vaccinazione. Un segnale di forte attenzione alle categorie più deboli», ha detto il presidente della Regione, Christian Solinas.  

«Bene l’accordo con i medici di base. In generale abbiamo già impresso un’accelerazione alla campagna dichiara l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu e continueremo su questa linea, mantenendo le scorte necessarie a garantire le seconde inoculazioni. Purtroppo, continuano a pesare le incertezze sulla distribuzione dei vaccini, ma Il nostro sistema sanitario ha già dimostrato di poter rispondere adeguatamente qualora ricevessimo più dosi.»

[bing_translator]

Donatella Spano 6

La Giunta regionale ha stanziato importanti risorse per le bonifiche dall’amianto.

«Vogliamo rendere sicure le scuole e i luoghi di lavoro, proteggere la salute dei cittadini e bonificare il nostro ambiente liberando la Sardegna dall’amianto. Contrastare quest’emergenza è una delle principali strategie della Giunta regionale: abbiamo adottato il Piano regionale nei tempi promessi e previsto importanti risorse nel nuovo bilancio per l’avvio dei primi interventi urgenti, a partire dai 1,2 milioni di euro per il 2016. Ci sono inoltre 9,4 milioni per il 2017 e altrettanti per il 2018, altri 600mila euro l’anno dedicati alla bonifica delle condotte idriche nello stesso biennio e inoltre abbiamo richiesto 15 milioni di euro nel Patto per il Sud.»
Lo ha detto l’assessore della Difesa dell’ambiente Donatella Spano, ieri a Solarussa, in occasione del convegno incentrato sul Piano regionale per l’amianto, organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con quella regionale e con l’associazione ex esposti amianto, presieduta da Giampaolo Lilliu.
L’incontro, moderato dal consigliere regionale Mario Tendas, che ha visto l’intervento anche del presidente della Quarta commissione del Consiglio regionale (Governo del territorio, ambiente, infrastrutture, mobilità) Antonio Solinas, costituisce la prima uscita pubblica dopo l’approvazione del “Piano regionale di protezione, decontaminazione, smaltimento e bonifica dall’Amianto” (PRA). In occasione del convegno l’Associazione regionale ex esposti amianto ha presentato il progetto di censimento degli edifici contenenti il minerale pericoloso nel comune di Solarussa.
«Proseguiremo nella tabella di marcia con grande oculatezza nell’uso efficiente delle risorse per evitare le problematiche registrate in passato nella spendita dei finanziamenti», ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo Pigliaru, che ha sottolineato l’importanza del lavoro intrapreso con grande ascolto del territori e in sinergia con il presidente della Commissione ambiente in Consiglio regionale e lo stesso Parlamento sardo.
L’assessore Spano, che ha citato anche gli ulteriori interventi funzionali in programma legati al progetto Iscol@ e all’efficientamento energetico, ha evidenziato la portata nazionale dell’emergenza e le due tipologie di incentivi per le bonifiche d’amianto previste dal Collegato ambientale approvato lo scorso dicembre. «Un altro strumento a disposizione – ha concluso – che ci aiuterà a combattere una piaga che ha ferito pure la nostra comunità».

Maria Grazia Piras A copia

L’assessore regionale dell’Industria, Maria Grazia Piras, ha commentato il provvedimento della Corte Costituzionale pubblicato oggi che impedisce il passaggio del personale a tempo indeterminato di Igea nell’Agenzia Arbam.

«La sentenza della Consulta che, cassando l’articolo 13, comma 3, della legge regionale sull’istituzione dell’Arbam non ci sorprende – ha detto l’assessore dell’Industria -. Già la Giunta, nelle diverse delibere approvate nei mesi scorsi per affrontare i problemi di Igea, aveva tenuto conto della censura espressa dal Governo su alcune parti della legge, e oggi confermate dalla Corte Costituzionale. A questo punto – ha concluso l’assessore Piras – occorrerà procedere quanto prima all’abrogazione della legge istituiva dell’Arbam».