9 December, 2022
HomePosts Tagged "Salvatore Castronovo"

[bing_translator]

Un goal del giovane Daniele Cannas, realizzato con un preciso colpo di testa a metà del secondo tempo, ha fissato il risultato di 1 a 0 nella seconda amichevole precampionato disputata ieri pomeriggio dal nuovo Carbonia di Marco Mariotti, allo stadio Comunale “Carlo Zoboli”, contro il Guspini di Giampaolo Murru. Rispetto alla prima uscita di 48 ore prima con il Sant’Elena, che aveva visto il Carbonia imporsi per 7 a 0, il Guspini ha mostrato buone potenzialità per una squadra di Eccellenza regionale e, nel primo tempo, ha avuto anche una ghiotta opportunità per sbloccare per primo il risultato, con un calcio di rigore che il bomber Mattia Caddeo non ha sfruttato, cogliendo un palo.

Marco Mariotti anche ieri ha alternato i calciatori a disposizione (come ha fatto anche Giampaolo Murru per il Guspini), per le prime verifiche del duro lavoro svolto fin qui, anche con due sedute giornaliere. Come era avvenuto già con il Sant’Elena, le buone indicazioni non sono mancate.

La presenza di circa 200 spettatori sulla tribuna del “Carlo Zoboli”, in un caldissimo pomeriggio di fine agosto (il direttore di gara, Salvatore Castronovo, ha dato il fischio d’inizio alle 17.00), conferma il grande interesse intorno al nuovo Carbonia, a tre settimane dall’inizio della nuova stagione con la Coppa Italia (in programma il 20 settembre) e a poco meno di un mese dal via del campionato (27 settembre).

                                                  

[bing_translator]

Le vecchie glorie del Carbonia hanno vinto il Memorial “Toto Cesaracciu”, superando le vecchie glorie del Guspini con il punteggio di 3 a 2. E’ passato per primo in vantaggio il Guspini, raggiunto e superato con tre goal dal Carbonia, prima del goal del definitivo 3 a 2. Per il Carbonia hanno segnato Salvatore Castronovo, Floriano Congiu ed Alessandeo Leone; per il Guspini Franco ed Annibale Ibba.

Carbonia e Guspini sono due delle squadre allenate in carriera da Toto Cesaracciu (con il Carbonia ha conquistato la promozione in serie D nella stagione 1977/78) che nel Carbonia ha anche giocato (111 presenze e 3 goal). Erano presenti anche alcuni giocatori del Quartu (Andrea Pinna, Mario Mureddu, Antonello Gariazzo), altra formazione allenata da Toto Cesaracciu.

La giornata-ricordo di Toto Cesaracciu è proseguita al Ristorante Tanit, a pranzo, al termine del quale sono state consegnate alcune targhe alle due squadre, alla famiglia di Toto Cesaracciu (presenti la moglie e due dei tre figli), a Luciano Serena (calciatore della mitica Carbosarda). Elvio Verniani, presidente del Carbonia promosso in C2 nella stagione 1981/82, ha donato quattro copie del libro “Dalla Carbosarda alla Pol. Carbonia…Io c’ero” a due giocatori del Quartu dei primi anni ’80, Mario Mureddu ed Antonello Gariazzo (che Elvio Verniani, se avesse potuto, avrebbe voluto nel “suo Carbonia”), all’ex Franco Giordano e all’ex presidente del Guspini Agus.

                                      

[bing_translator]

Un goal realizzato da Salvatore Castronovo nel secondo tempo, ha deciso la partita tra le vecchie glorie del Carbonia e della Tharros, disputata sul campo del Centro sportivo “Toto Cesaracciu” in località Miniera di Serbariu, a favore della squadra biancoblu. La partita rientra nel programma di iniziative organizzate dalle squadre di vecchie glorie delle più blasonate squadre del calcio sardo, avviato ormai da diversi anni tra Carbonia, Monteponi, Quartu Sant’Elena, Tharros, Nuorese, Torres ed altre ancora…

L’occasione, anche ieri, è stata accolta con grande entusiasmo da alcune decine di ex calciatori degli anni ’70, ’80 e ’90, che si sono affrontati sulla distanza di due tempi di 20 minuti ciascuno e, soprattutto, si sono divertiti, sia durante la partita, sia nella fase successiva, dedicata come sempre ad un pranzo, organizzato come sempre impeccabilmente dal gruppo sportivo di Medadeddu.

 

                                         

 

IMG_1243 IMG_1266 IMG_1282 IMG_1335 IMG_1339 IMG_1347 IMG_1350 IMG_1353 IMG_1371 IMG_1361 IMG_1380 IMG_1388 IMG_1401 IMG_1403 IMG_1404 IMG_1408 IMG_1415 IMG_1426 IMG_1429 IMG_1441 IMG_1442 IMG_1447 IMG_6768 IMG_6819 IMG_6859 IMG_6862 IMG_6898

Si sono ritrovati sul manto erboso dello stadio Comunale Carlo Zoboli per ricordare un amico scomparso prematuramente, Antonello Tuveri. Le vecchie glorie di Carbonia e Torres hanno ricordato le imprese calcistiche vissute negli ultimi 40 anni, in una partita disputata nella tarda mattinata, decisa da un goal di Salvatore Castronovo nel secondo tempo, e poi hanno festeggiato davanti ad una tavola imbandita. Il passo sul campo non è più quello di un tempo, in molti casi i capelli sono più radi o non ci sono più, ma l’entusiasmo è lo stesso e in qualche caso la classe è rimasta assolutamente intatta. Floriano Congiu, Gianmario Coghene, Roberto Ennas, Tonio Trudu, Marco Sanna, Marco Dasara, Carlko Pusceddu, Giuseppe Mura, Giorgio Melis, Antonio Mura, Sandro Zaccolo, Sergio Dossena, Mondo Mameli, Carlo Tronci, arbitro Paolo Pinna… Quanti ricordi!

Al termine della partita, il figlio di Antonello Tuveri, Giuseppe, ha consegnato la Coppa al capitano del Carbonia, Antonio Mura.

Giuseppe Tuveri e Antonio Mura

Giuseppe Tuveri (figlio di Antonello) premia Antonio Mura

 

Paolo Pinna.

L’arbitro Paolo Pinna.

 

Mista Carbonia-Torres

Le vecchie glorie di Carbonia e Torres.

 

Carbonia

Le vecchie glorie del Carbonia.

Torres

Le vecchie glorie della Torres.

Trudu-Mura

I capitani Tonio Trudu e Antonio Mura.

Il goal di Salvatore Castronovo

Il goal partita di Salvatore Castronovo.

Festa finale

Foto di gruppo a fine partita.

 

Si sono ritrovati sul manto erboso dello stadio Comunale Carlo Zoboli per ricordare un amico scomparso prematuramente, Antonello Tuveri. Le vecchie glorie di Carbonia e Torres hanno ricordato le imprese calcistiche vissute negli ultimi 40 anni, in una partita disputata nella tarda mattinata, decisa da un goal di Salvatore Castronovo nel secondo tempo, e poi hanno festeggiato davanti ad una tavola imbandita. Il passo sul campo non è più quello di un tempo, in molti casi i capelli sono più radi o non ci sono più, ma l’entusiasmo è lo stesso e in qualche caso la classe è rimasta assolutamente intatta. Floriano Congiu, Gianmario Coghene, Roberto Ennas, Tonio Trudu, Marco Sanna, Marco Dasara, Carlko Pusceddu, Giuseppe Mura, Giorgio Melis, Antonio Mura, Sandro Zaccolo, Sergio Dossena, Mondo Mameli, Carlo Tronci, arbitro Paolo Pinna… Quanti ricordi!

Al termine della partita, il figlio di Antonello Tuveri, Giuseppe, ha consegnato la Coppa al capitano del Carbonia, Antonio Mura.